Autore Topic: Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?  (Letto 4664 volte)

Offline Rita

  • Veterano
  • ***
  • Post: 2819
  • Sesso: Femmina
Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?
« il: Ottobre 09, 2014, 11:48:06 am »
Dubito che le (inesistenti) lamentazioni, cattoliche o meno, sull'utero in affitto abbiano una qualche influenza sulla marcia a tappe forzate verso la riproduzione artificiale.

qualche anno fa, quando iniziai a frequentare il forum, una delle discussioni più gettonate era il fatto se la Chiesa fosse o meno l'unica voce che si levava per gli uomini. In realtà la voce della Chiesa ieri come allora, era a favore della famiglia, non degli uomini.
Timidamente levava qualche accenno al "padre", e al fatto che sarebbe stato dannoso per famiglia la sua estromissione.

Oggi, che dopo il padre è stata minacciata anche la figura materna, le voci sono molto più forti. Da Adinolfi che si è mosso con i circoli "Voglio la mamma", alla Miriano che si erge in difesa dei bambini strappati alle mamme ma anche delle mamme costrette dalla necessità a privarsi del bambino, passando anche dai vari articoli che vengono pubblicati su "Tempi" e altri giornali di stampo cattolico.

In tutto questo c'è un elemento di diversità che contraddistingue la faccenda. Anche qui le donne non sono quasi mai considerate responsabili di questo stato di cose. Lo è il femminismo, l'omosessualismo etc. ma le donne no  :lol:

Sembrerebbe che la Chiesa la pensi  come Lucia sul fatto che il matrimonio finisce perché l'uomo scappa con un'altra e che fra i due elementi il più egoista e quello da trattenere è l'uomo perché di suo, la donna è "naturalmente" mamma, se non interviene qualche forza esterna a traviarla.



« Ultima modifica: Ottobre 09, 2014, 13:12:06 pm da Vicus »
L'esperienza è un pettine che la vita ti dà dopo che hai perso i capelli

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18249
  • Sesso: Maschio
Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?
« Risposta #1 il: Ottobre 09, 2014, 12:10:11 pm »
qualche anno fa, quando iniziai a frequentare il forum, una delle discussioni più gettonate era il fatto se la Chiesa fosse o meno l'unica voce che si levava per gli uomini. In realtà la voce della Chiesa ieri come allora, era a favore della famiglia, non degli uomini.
Timidamente levava qualche accenno al "padre", e al fatto che sarebbe stato dannoso per famiglia la sua estromissione.

Oggi, che dopo il padre è stata minacciata anche la figura materna, le voci sono molto più forti. Da Adinolfi che si è mosso con i circoli "Voglio la mamma", alla Miriano che si erge in difesa dei bambini strappati alle mamme ma anche delle mamme costrette dalla necessità a privarsi del bambino, passando anche dai vari articoli che vengono pubblicati su "Tempi" e altri giornali di stampo cattolico.

In tutto questo c'è un elemento di diversità che contraddistingue la faccenda. Anche qui le donne non sono quasi mai considerate responsabili di questo stato di cose. Lo è il femminismo, l'omosessualismo etc. ma le donne no  :lol:

Sembrerebbe che la Chiesa la pensi  come Lucia sul fatto che il matrimonio finisce perché l'uomo scappa con un'altra e che fra i due elementi il più egoista e quello da trattenere è l'uomo perché di suo, la donna è "naturalmente" mamma, se non interviene qualche forza esterna a traviarla.
Non mi pare che in ambito cattolico ci sia il cliché dell'uomo che scappa, ma per il resto concordo nella sostanza: per buona parte dell'attuale pastorale (per usare la neo-lingua di legno di certa burocrazia ecclesiastica) l'uomo non esiste.
« Ultima modifica: Ottobre 10, 2014, 13:49:02 pm da Vicus »
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Rita

  • Veterano
  • ***
  • Post: 2819
  • Sesso: Femmina
Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?
« Risposta #2 il: Ottobre 09, 2014, 12:45:11 pm »
Non mi pare che in ambito cattolico ci sia il cliché dell'uomo che scappa, ma per il resto concordo nella sostanza: per l'attuale pastorale (per usare la neo-lingua di legno di certa burocrazia ecclesiastica) l'uomo non esiste.
non intendevo dire che esiste il cliché' dell'uomo refrattario alle responsabilità familiari ma che l'agire dell'entourage cattolico lascia presumere che la pensi così.  p.s. Ho letto pochissimi giorni fa un articolo della Miriano che definiva il ruolo delle donne nella Chiesa come il "vento della Chiesa". Ora, premesso che era molto bello .. Tutto sommato non mi pare molto distante dall'Animus pensiero (mi assumo la responsabilità e il rischio di citarlo😜 ) quando parla di volontà femminile che direziona. In sintesi starebbe sempre a dire la responsabilità dell'azione e del comando e' maschile ma fate quel che interessa noi.
« Ultima modifica: Ottobre 09, 2014, 13:12:22 pm da Vicus »
L'esperienza è un pettine che la vita ti dà dopo che hai perso i capelli

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18249
  • Sesso: Maschio
Re:Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?
« Risposta #3 il: Ottobre 09, 2014, 13:38:03 pm »
Qui tocchi due questioni fondamentali. La prima è la tendenza di certo mondo cattolico ad appiattirsi sulla mentalità corrente, più per non essere visto che per guadagnare consensi.
La seconda è che le donne non comprendono più riferimenti al ruolo femminile, che vedono come esclusione dalla vita civile e tutelaggio maschile (per dirla in femministese).
Ciò è dovuto al fatto che il ruolo femminile non è ammesso dalla società, la donna per essere considerata utile deve imitare alcune caratteristiche secondarie dell'uomo, il cui unico ruolo consentito è quello del "bambino". Quando certi personaggi femminili parlano di uomini maturi in realtà descrivono degli attendenti:

Giorgia Meloni: "l'uomo ideale deve avere un cervello come il mio"
http://www.questionemaschile.org/forum/index.php?topic=11647.msg130602;topicseen#msg130602

Nell'asilo globale per un uomo essere adulto significa stare al guinzaglio della donna.





« Ultima modifica: Ottobre 23, 2016, 01:20:01 am da Vicus »
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline COSMOS1

  • Amministratore
  • Storico
  • ******
  • Post: 7657
  • Sesso: Maschio
  • Cosimo Tomaselli - Venezia
Re:Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?
« Risposta #4 il: Ottobre 09, 2014, 14:20:54 pm »
su questo argomento è chiaro che è demenziale giudicare la Chiesa in base al conflitto mm/ff! La verità sta al contrario che dobbiamo giudicare il conflitto mm/ff in base all'insegnamento della Chiesa. Perciò l'Animus pensiero che fa della QM il metro di misura del reale è schizzato.

Per quel che riguarda perciò il conflitto dei sessi nell'ottica ebraico-cristiana, è evidente la preferenza del Dio di Abramo per gli ultimi. Non mi dilungo in esempi.
In questa ottica, il riconoscimento dell'inferiorità fisico-psichica femminile va di pari passo con la necessità della tutela delle donne.

Il problema della QM però si pone nel momento in cui tra mm e ff non c'è un rapporto di sostegno ed aiuto reciproco ma di competizione. Ovviamente questa competizione è intrinseca nella mentalità moderna (non mi dilungo). La QM si pone proprio come rifiuto della logica della competizione, perchè se noi avessimo accettato lo scontro e l'orizzonte dello scontro, non ci sarebbe alcuna QM: non ci sarebbe alcun disagio nè sofferenza, se le donne vogliono la guerra, ciascun uomo è in grado di combatterla e vincerla. Solo il sapere che c'è una guerra dichiarata, come disse Rino in quella famosa conferenza, ci dà un vantaggio incolmabile. La QM nasce dal fatto che ci sono uomini che non si rassegnano al conflitto.

Perchè non ci rassegniamo al conflitto? Perchè abbiamo i piedi per terra e non ci lasciamo imbrogliare. Semplice.
Gli altri ci cascano, sono la causa del proprio e altrui male. Semplice.
Perciò: il nostro nemico è l'ideologia manichea contemporanea. La Chiesa può essere nostra alleata nel momento in cui ha una filosofia sana, realista e non manichea. Ma se la Chiesa può essere nostra alleata (come di ogni uomo e donna di questa terra) può anche non esserlo. Perchè purtroppo la gerarchia pare affetta da Alzheimer congenito: San Paolo è superato o no? se si, non è un problema per noi uomini, ma lo si dica chiaro. Se è superato per quel che riguarda l'obbedienza della donna all'uomo, è superato anche quando condanna l'adulterio: per quale ragione un uomo dovrebbe farsi problemi ad avere una, due o dieci amanti se una donna non si fa problemi a offenderlo e a mettergli i piedi in testa?
La QM in relazione alla Chiesa credo che stia su questo piano, non a livello di squadra calcistica (da che parte stai?) ma di coerenza interna. Anche la Chiesa è vittima della cultura manichea contemporanea.
Perciò io non mi pongo il problema se la Chiesa stia con la mia squadra (M) o con l'altra (F) ma se è coerente o no. Se è coerente è alleata di mm e ff, altrimenti è sale insipido per tutti!
Dio cè
MA NON SEI TU
Rilassati

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18249
  • Sesso: Maschio
Re:Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?
« Risposta #5 il: Ottobre 09, 2014, 15:18:33 pm »
Citazione
In questa ottica, il riconoscimento dell'inferiorità fisico-psichica femminile va di pari passo con la necessità della tutela delle donne.
Uno dei cavalli di battaglia del femminismo è il tutelaggio maschile, che vedono solo nel comportamento dei mariti.
Le donne hanno rifiutato l'alleanza col marito per passare felicemente ad altre 'tutele' impersonali, dall'azienda al pifferaio mediatico, che foggia l'identità femminile sul consumo (anche di se stessa e del suo aspetto fisico).
« Ultima modifica: Ottobre 10, 2014, 14:04:56 pm da Vicus »
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Number10

  • Affezionato
  • **
  • Post: 1087
  • Sesso: Maschio
Re:Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?
« Risposta #6 il: Novembre 05, 2014, 13:58:11 pm »
Io personalmente leggendo Tempi e siti simili, ho notato che ogni tanto condannano il femminismo solo per difendere i propri valori: aborto, famiglia, etc. Non mi sembra che si preoccupino della condizione maschile. Anzi, spesso fanno i femministi per attaccare i musulmani.

Più che altro sono ossessionati dai gay, addossando a loro la colpa della crisi della famiglia. Se si preoccupassero dei separati, vera causa del crollo della famiglia, così come dei gay, il problema sarebbe già risolto. Non a caso far passare matrimoni gay e altre scemenze simili è un'impresa impossibile, far passare Convenzione di Istanbul e altre leggi misandriche è un gioco da ragazzi. Il lunedì fai la legge, il martedì e il mercoledì è già approvata con 300 si e al massimo 1 astenuto. Non vedo sentinelle, Manif né politici che rischiano la carriera per opporsi al femminismo, esattamente così come si oppongono ai gay.
Ex Andrea

Hitler scopre che le femministe copiano il nazismo:


Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18249
  • Sesso: Maschio
Re:Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?
« Risposta #7 il: Novembre 05, 2014, 14:43:04 pm »
Io personalmente leggendo Tempi e siti simili, ho notato che ogni tanto condannano il femminismo solo per difendere i propri valori: aborto, famiglia, etc. Non mi sembra che si preoccupino della condizione maschile. Anzi, spesso fanno i femministi per attaccare i musulmani.

Più che altro sono ossessionati dai gay, addossando a loro la colpa della crisi della famiglia. Se si preoccupassero dei separati, vera causa del crollo della famiglia, così come dei gay, il problema sarebbe già risolto. Non a caso far passare matrimoni gay e altre scemenze simili è un'impresa impossibile, far passare Convenzione di Istanbul e altre leggi misandriche è un gioco da ragazzi. Il lunedì fai la legge, il martedì e il mercoledì è già approvata con 300 si e al massimo 1 astenuto. Non vedo sentinelle, Manif né politici che rischiano la carriera per opporsi al femminismo, esattamente così come si oppongono ai gay.
E' vero che esistono sacche di femminismo nel mondo cattolico (come di antifemminismo), ma del resto abbiamo già ampiamente parlato, per favore non ricominciamo per l'ennesima volta con la storia dei gay.
Per riassumere:
Non c'è nessuna guerra ai gay da parte di nessuno.
La famiglia è una formazione sociale essenziale e non un'instituzione cattolica. Esiste in tutto il mondo.
Sentinelle e simili sono apolitici, aconfessionali e aggrediti anche fisicamente da associazioni pro gender e LGBT.
La Caritas è in prima linea nell'assistenza ai padri separati. Non basta, ma è molto più di quel che fanno altri, in primis le associazioni LGBT che della condizione maschile se ne infischiano totalmente, visto anche che i rapporti uomo-donna non li riguardano.

Fin qui la mia libera opinione di utente. Da moderatore, sconsiglio polemiche sterili e ripetitive e, visto il linguaggio dei topic di qualche tempo fa, chiedo cortesemente di mantenere la discussione su un tono civile, evitando insulti e provocazioni a persone o categorie di persone.
« Ultima modifica: Novembre 05, 2014, 16:35:03 pm da Vicus »
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Number10

  • Affezionato
  • **
  • Post: 1087
  • Sesso: Maschio
Re:Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?
« Risposta #8 il: Novembre 05, 2014, 15:21:18 pm »
Ma a me dei gay non interessa. Anzi, non condivido i loro deliri su genitore 1 e 2, etc etc. Più che altro mi fa rabbia che perdano tempo coi gay e non facciano nulla per i contrastare il femminismo. Nulla.

Per il resto, ho detto la mia civilmente. E nessuno ha detto che la famiglia è un'istituzione cattolica.
Ex Andrea

Hitler scopre che le femministe copiano il nazismo:


Offline spadaccinonero

  • Affezionato
  • **
  • Post: 106
  • Sesso: Maschio
Re:Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?
« Risposta #9 il: Dicembre 18, 2014, 00:10:35 am »
da (diversamente) ateo quale sono posso dire che il Cristianesimo dà al maschio la dignità che il nazi progressismo di oggi ha di fatto cancellato...

il riformismo del gesuita papa ciccio contribuirà a togliere quel poco di attributi che rimangono all'uomo di oggi
I'm hiding behind crimson curtains, waiting for snow over hell

lelamedispadaccinonero.blogspot.it

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18249
  • Sesso: Maschio
Re:Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?
« Risposta #10 il: Dicembre 18, 2014, 00:21:53 am »
Mi piace guardare il bicchiere mezzo pieno e al recente Sinodo certe "riforme" non sono passate. Inutile dire quali effetti avrebbe la comunione ai divorziati e "l'annullamento facile" dichiarato dal parroco.
Tutti i tentativi di stravolgere credenze e usanze millenarie dall'alto, da parte di certa gerarchia ecclesiastica fino all'Unione Europea, sono destinati a fallire perché si basano sull'idea che si possano cambiare persone e società con metodi burocratici.
« Ultima modifica: Ottobre 23, 2016, 01:13:37 am da Vicus »
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline spadaccinonero

  • Affezionato
  • **
  • Post: 106
  • Sesso: Maschio
Re:Esiste l'uomo per il "mondo cattolico"?
« Risposta #11 il: Dicembre 18, 2014, 00:27:34 am »
Mi piace guardare il bicchiere mezzo pieno e al recente Sinodo certe "riforme" non sono passate. Inutile dire quali effetti avrebbe la comunione ai divorziati e "l'annullamento facile" dichiarato dal parroco.
Tutti i tentativi di stravolgere credenze e usanze millenarie dall'alto, da certa gerarchia ecclesiastica all'Unione Europea, sono destinati a fallire perché si basano sull'idea che si possano cambiare persone e società con metodi burocratici.

concordo

solo con un adeguato lavaggio del cervello pressoché totale queste mode potranno essere completamente digerite dalle masse...
I'm hiding behind crimson curtains, waiting for snow over hell

lelamedispadaccinonero.blogspot.it