Autore Topic: L’Italia è a Pezzi. Priorità di Boldrini e Letta: Inginocchiarsi e Zan!  (Letto 277 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 17953
  • Sesso: Maschio
Paolo Deotto ieri sera ci ha mandato queste poche righe che testimoniano sentimenti non solo condivisibili, ma certamente condivisi da molti di quelli che non hanno rinunciato a usare il buon senso. Ieri sera eravamo troppo stanchi per pubblicarle; ve le offriamo oggi, riservandoci di tornare con più spazio e attenzione sulla straordinaria vicenda legale che ha per vittima Paolo Deotto. Sul resto, che dire? Ha perfettamente ragione. Siamo in mano a della gente…ma, ancora una volta, prima che partano i festival di omaggi e ringraziamento verso un certo signore, non possiamo non dire che una delle responsabilità principali è di chi – il peggior Presidente della storia repubblicana – ha esautorato con pretesti risibili i cittadini, cioè quelli che gli pagano vitto alloggio e stipendio, dal poter esprimersi nel voto, compiendo una sorte di piccolo golpe bianco ai danni della democrazia. E naturalmente la gente della sua fazione, imbaldanzita e tracotante, ne approfitta per maramaldeggiare sul buon senso e la ragione. L’unica cosa che ci consola è che è sempre più buio, prima dell’alba…Coraggio, Paolo!

§§§
 

Caro Marco,

io sto pensando seriamente di ritirarmi a vita privata, anzi privatissima, in qualche isoletta sperduta, tipo quelle che si vedono nelle vignette, minuscole e con una palma nel mezzo.

Sono anni che faccio polemiche, soprattutto politiche e forse qualche volta ho scritto anche delle cose sensate, tant’è vero che sono stato più volte bersagliato di insulti vari dai “progressisti” e dalla “galassia LGBTXYZ” e sono anche indagato per il reato di diffamazione ai danni di due signore – ovviamente progressiste – che nel 2016 organizzarono a Treviso uno dei soliti festival di indottrinamento sessuale per giovani, sul quale pubblicai un paio di articoli non proprio elogiativi.


Ma voglio ritirarmi sull’isoletta, perché ormai mi pare inutile continuare la guerra. Si può combattere contro gli avversari politici, anche contro i più biechi delinquenti, ma combattere contro i cretini è estenuante. Non si viene a capo di nulla, anche perché i cretini hanno un’energia indistruttibile e, finita una cretinata, sono già pronti a inventarne un’altra.

Mio caro amico, l’Italia è a pezzi, e non solo l’Italia; e si dovrebbe pensare e sperare che i nostri “politici” passino ore e ore in serie riflessioni, studi, ricerche per trovare il modo di risollevare il nostro disgraziato Paese. Tra l’altro, hanno degli stipendi che potrebbero giustificare qualche pretesa da parte dei loro datori di lavoro, ossia i cittadini.

L’Italia è a tocchi e poco fa cosa leggo? Che la signora Boldrini Laura ha una somma preoccupazione: illuminare il Parlamento con le luci arcobaleno, perché, come tutti sanno, gli omosessuali in Italia sono perseguitati, sbudellati, emarginati, sciolti nell’acido. Eccetera.

Abbiamo omosessuali dappertutto, nei programmi televisivi, in politica, nello spettacolo, nei giornali? Ma che c’entra? La Boldrini Laura è preoccupata perché si fa troppo poco per combattere l’omofobia (che non ho ancora capito bene cosa sarebbe).

E cos’altro leggo? Che il signor Letta Enrico, sì, quel tale che avrebbe fatto tanto bene restandosene a Parigi, è preoccupato perché i nostri calciatori azzurri non si sono inchinati o si sono inchinati solo in parte, mentre è giusto, doveroso, bello e soprattutto indispensabile per il progresso del Paese inginocchiarsi in segno di omaggio a quel movimento che, se non sbaglio, in America ha dato il meglio di sé devastando un po’ di città, incendiando, saccheggiando eccetera
.

Caro Marco, ma cosa possiamo opporre a questi discorsi? Ormai siamo talmente al di là di ogni logica e di ogni parvenza di ragionamento, seppur elementare e primitivo, che si potrebbe opporre solo l’offerta di una buona psicoterapia, che però sembra che ormai sia riservata a chi non vuole mettersi la mascherina di ordinanza o a chi non vuole fare la parte del topolino da laboratorio facendosi inoculare una roba che ci dicono sia vaccino.

Siamo sconfitti, emarginati. Ritiriamoci a vita privata su isolette sperdute. Magari avremo poi la soddisfazione – e non ci vorrà molto tempo – di dover tornare in fretta a casa, perché la nostra povera Italia, in mano a soggetti di questo livello intellettuale, sarà ridotta in macerie.

Tu che ne dici?


https://www.marcotosatti.com/2021/06/26/deotto-litalia-e-a-pezzi-priorita-di-boldrini-e-letta-inginocchiarsi-e-zan/?unapproved=159346&moderation-hash=a4c236ec99315f4121530536bdaca28c#comment-159346
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.