Autore Topic: la dipendenza emotiva - il quasi femminicidio  (Letto 73 volte)

Offline COSMOS1

  • Amministratore
  • Storico
  • ******
  • Post: 7472
  • Sesso: Maschio
  • Cosimo Tomaselli - Venezia
la dipendenza emotiva - il quasi femminicidio
« il: Febbraio 17, 2020, 16:16:18 pm »
nella lista dei femminicidi delle paucineuroniche di femminicidioitalia.info, le categorie che si avvicinano di più al femminicidio (anche se a rigore non possono essere classificati femminicidi, cioè soppressione di un essere umano di sesso femminile per la misogninia insita nella cultura patriarcale - maschilista ) sono due:
  • i delinquenti comuni, spacciatori, ladri, pluriomicidi, mafiosi, etc etc. Ora, questi soggetti che non hanno evidentemente introietttato il principio di autorità, dimostrano semmai l'esatto contrario: la mancanza della figura paterna, del patriarcato nel contesto in cui sono cresciuti. Se non c'è una autorità, una legge, la mia legge è il mio capriccio. Sia per quel che riguarda i beni altrui (furto) che il principio di piacere (droghe) che le altre persone (violenza, omicidi) che il sesso (...)
  • i soggetti con sindrome di abbandono. Nel bambino il terrore più grande è quello di essere abbandonato dalla madre. Queste situazioni si concludono con il suicidio dell'omicida: quando ha fatto tutto quello che poteva per evitare l'abbandono, minacce, violenza, omicidio, a quel punto deve ammettere di essere stato davvero e definitivamente abbandonato. Anche qui dobbiamo indagare il ruolo del padre. Un bambino che non si è emancipato dalla madre è un bambino che non ha avuto un rapporto sano con il padre
Dio cè
MA NON SEI TU
Rilassati