Autore Topic: La questione matriarcale  (Letto 808 volte)

Offline Faust

  • Affezionato
  • **
  • Post: 264
  • Sesso: Maschio
  • Studere, studere, post mortem quid valere
La questione matriarcale
« il: Settembre 29, 2016, 19:12:26 pm »
Mi pare che questo tema non sia ancora stato adeguatamente affrontato all'interno della QM.
Il matriarcato non è mai esistito, lo sappiamo, ma che dire della "cultura" matriarcale? Il tema è vicino ad un classico della QM, ossia quello della Cavalleria e del culto della femminilità... Ma perché non viene toccato approfonditamente il tema della madre e, quindi, di una cultura matriarcale molto ben radicata? Non è forse il bambino, il potenziale adulto, colui che risente in negativo del femminismo? Non dovrebbe essere il bambino stesso, nonostante ancora giovane e quindi poco virile, a ribellarsi contro il femminismo? Perché l'adulto dovrebbe opporsi al femminismo quando in realtà è proprio il bambino la vittima principale? Non è forse questo il compito del Padre? Liberare il bambino dalla Madre?
Confrontando globalmente uomo e donna, si può dire che la donna non avrebbe il genio dell'ornamento, se non avesse l'istinto del ruolo secondario.

- Friedrich Nietzsche