Autore Topic: Maschile Plurale  (Letto 28712 volte)

Offline jorek

  • Veterano
  • ***
  • Post: 1648
  • Sesso: Maschio
Re:Maschile Plurale
« Risposta #15 il: Agosto 14, 2011, 21:36:39 pm »
secondo me ci dovresti andare....

Online Red-

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 2704
  • Sesso: Maschio
    • Primo Forum italiano sulla Questione Maschile
Re:Maschile Plurale
« Risposta #16 il: Agosto 14, 2011, 21:58:27 pm »
c'è un'aquila che chiede a quelli di Maschile Plurale un contatto:


le ho scritto:

Davvero è proprio un'aquila: per parlare con un maschio, contatta una femminista coi pantaloni. :D
Siamo ben messi.
"La realtà risulta spesso più stupefacente della fantasia. A patto di volerla vedere."

Offline bhishma

  • Veterano
  • ***
  • Post: 2314
    • maschileindividuale -  QM da Sinistra
Re:Maschile Plurale
« Risposta #17 il: Agosto 15, 2011, 10:35:46 am »
L'assessora mi ha risposto:

Locandina

sarebbe da risponderle sul duro! che ne dite?
ci mancherebbe altro che adesso "partecipiamo" ad una manifestazione! Se ritengono che noi abbiamo qualcosa da dire, che ci invitino ufficialmente e ci diano un posto di rilievo
altrimenti...


hai 3 possibilità:

1) chiedi l'invito ufficiale da presentare alla tua associazione (e quindi anche diritto di parola).
se non ti costa nulla in termini di moneta,tempo, energia      vacci
afferra il microfono ,  dici la tua (nostra)   , beccati i fischi.   

2) fa qualche fotocopia  con un paio di dati e frasi ad effetto ,  link dei siti QM       da distribuire ai manifestanti(giovani maschi, i vecchi lasciali perdere) piazzandoti poco distante ed andando prima della manifestazione .   (loro sono autirizzati a manifestare, non puoi intralciare) 


3) rispondile duramente , senza insultarla.
Io ho riposto le mie brame nel nulla.
(Stirner , L'Unico e la sua proprietà)
http://maschileindividuale.wordpress.com/

Offline ilmarmocchio

  • WikiQM
  • Pietra miliare della QM
  • ***
  • Post: 10666
  • Sesso: Maschio
Re:Maschile Plurale
« Risposta #18 il: Agosto 15, 2011, 11:22:23 am »
L'assessora mi ha risposto:

Locandina

sarebbe da risponderle sul duro! che ne dite?
ci mancherebbe altro che adesso "partecipiamo" ad una manifestazione! Se ritengono che noi abbiamo qualcosa da dire, che ci invitino ufficialmente e ci diano un posto di rilievo
altrimenti...

siamo tutti contro la violenza.
Bisogna però vedere se la nostra Assessora non intende la violenza a senso unico.
Comunque , se vuole conoscerci, le basta il link.

Offline COSMOS1

  • Amministratore
  • Storico
  • ******
  • Post: 7311
  • Sesso: Maschio
  • Cosimo Tomaselli - Venezia
Re:Maschile Plurale
« Risposta #19 il: Agosto 15, 2011, 23:16:32 pm »
bah, io di andare a Milano non ho molta voglia
in ogni caso è chiaro che ci deve essere invito ufficiale, rimborso spese, tempo di intervento predefinito e congentato ...
Dio cè
MA NON SEI TU
Rilassati

Offline krool

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 1324
  • Sesso: Maschio
Re:Maschile Plurale
« Risposta #20 il: Agosto 15, 2011, 23:36:03 pm »
Certo che se un giorno partecipassimo tutti insieme ad una di queste pagliacciate femministe ci sarebbe da divertirsi...  ^_^

Offline COSMOS1

  • Amministratore
  • Storico
  • ******
  • Post: 7311
  • Sesso: Maschio
  • Cosimo Tomaselli - Venezia
Re:Maschile Plurale
« Risposta #21 il: Agosto 15, 2011, 23:46:44 pm »
siamo troppo dispersi, ad es.io sono di venezia, tu?
Dio cè
MA NON SEI TU
Rilassati

Offline krool

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 1324
  • Sesso: Maschio
Re:Maschile Plurale
« Risposta #22 il: Agosto 16, 2011, 00:30:55 am »
Figuriamoci. Umbria.

Offline COSMOS1

  • Amministratore
  • Storico
  • ******
  • Post: 7311
  • Sesso: Maschio
  • Cosimo Tomaselli - Venezia
Re:Maschile Plurale
« Risposta #23 il: Agosto 16, 2011, 10:05:17 am »
questa è l'assessora
volete farci due chiacchiere?  :cool:

Dio cè
MA NON SEI TU
Rilassati

Alberto86

  • Visitatore
Re:Maschile Plurale
« Risposta #24 il: Agosto 17, 2011, 00:36:19 am »
Una volta mi capitò di vedere l'intevento di uno di questi idioti che se non ricordo male dava la colpa del "fermento" femminile al sesso maschile che "non capiva le esigenze del genere femminle"...

Io andrei a Milano solo per prenderli a legnate  :mad:

Comunque Cosmo hai ragione: siamo troppo dispersi come posizione geografica  :unsure: 
« Ultima modifica: Maggio 24, 2013, 10:42:11 am da Alberto »

Offline Nemo90

  • Affezionato
  • **
  • Post: 243
  • Sesso: Maschio
Re:Maschile Plurale
« Risposta #25 il: Agosto 17, 2011, 01:43:11 am »
Ennò, nel mio terronissimo comune pugliese neanche ce l'abbiamo l'Assessorato alle Pari Opportunità! Cioè, siamo mutilati di questo grande servizio alla cittadinanza!  :muro: :muro: :unknown:

Cmq la signora a quanto leggo su FB è medico chirurgo d'urgenza al San Carlo Borromeo di Milano, quindi... chapeu, i chirurghi donna sono pochissimi, dev'essere una tosta.

Il probblema è intrinseco nella tagline della manifestazione: "Le battaglie che affrontiamo tutti i giorni perché siamo donne" cioè si dà per scontato che essere donna è fonte di battaglie, sofferenze, discriminazioni, legnate e via dicendo; anche se indubbiamente ci sono alcune peculiarità fisiche dell'essere donna che provocano disagi più o meno gravi (molestie, stupri, violenze, difficoltà nel trovar lavoro a causa dei ruoli di genere), non sarei così estremista nel dire che c'è tutta questa gran sofferenza quotidiana. O che sia una cosa unilaterale: non è che noialtri uomini ce la passiamo divinamente, anzi.

Lo diceva già Benedetto Croce che anche i maschi hanno i loro problemi particolari, ma non per questo hanno inventato il maschilismo (ai tempi di Croce il termine non aveva ancora assunto un significato negativo).

Che nella vita ci siano tribolazioni e difficoltà, è implicito e inevitabile: c'è chi soccomberà e c'è chi le supererà. L'utopia femminista secondo la quale un mondo al femminile ("a woman's world") sia idilliaco è, appunto, un'utopia così come il sogno marxista di un mondo comunista in cui tutti sono felici e contenti. (Notate le somiglianze fra le due ideologie, ora e in futuro)
 
Il nostro compito - e quello della Repubblica (v. articolo 3, comma 2 Cost.) - è di rimuovere gli ostacoli all'eguaglianza alla partenza, e non al traguardo o nel mentre del tragitto.
Mi spiego: dev'essere garantita a tutti i cittadini la possibilità - e non il diritto - di realizzarsi come più si vuole o si riesce. Nel senso, non c'è nessun diritto a primeggiare, ma c'è il diritto di poter tentare di primeggiare ad armi pari. Non so se mi spiego.

Esempio canonico: il mondo lavorativo.
Prendiamo due impiegati: Mario e Maria, di uguali competenze.
Mario lavora a tempo indeterminato, fa straordinari e festivi, lavora come un bue, accetta qualsiasi orario, è disponibile ad essere trasferito, studia e si prepara, fa corsi e concorsi, torna a casa sfatto dalla fatica e ancora deve dimostrare di essere un marito moderno: aiuta, dà una carezza ai figli, litiga con il grande perché ha preso 5, promette di portarli al fiume.
Maria lavora part-time, è già molto se fa le sue 15 ore settimanali, lavora poco e saltuariamente, chiede "orari flessibili" (leggiadra locuzione politicamente corretta per dire: decide lei quando vuole lavorare e quando invece non le va), non può farsi trasferire perché ha i figli, non può studiare per la stessa ragione, torna a casa e deve badare ai piccoli, aiutarli a fare i compiti.

Tu sei il capufficio di Mario e Maria.
Devi decidere tre cose.
1) Chi pagare di più e perché.
2) A chi affidare i compiti più delicati, cioè quelli più redditizi e prestigiosi.
3) Chi promuovere "ai piani alti", in base all'esperienza e all'affidabilità.

Le risposte mi paiono ovvie.

Garantire la possibilità di andare part-time è giusto e corretto, così come quella di chiedere "orari flessibili", naturalmente.
Non è invece giusto sostenere che Maria debba avere dei privilegi in più, in quanto donna, che le permettano di competere con Mario, visto che svolge meno lavoro. Insomma, se fai il part-time (cavallo di battaglia del femminismo odierno), mi pare ovvio che firmi da te la condanna a non fare carriera. Non si può chiedere la... ahem.... come si chiamava? era uno di quei termini tipo "termovalorizzatore"... ah sì: non si può chiedere la flexicurity e il successo allo stesso tempo, insieme: o lavori poco e ti dedichi alla tua vita personale e familiare, o lavori un botto e fai finta di abitare sul luogo di lavoro. Chiedere entrambi ope legis è assurdo e ingiusto. Si devono aumentare gli asili cosicché le donne lavoratrici possano lasciare i figli al sicuro per inseguire la loro carriera, ma non ci si deve lamentare né gridare al maschilismo imperante se, magari, qualche (o molte) donna preferirà fare meno strada ma rimanere accanto ai pargoli. O predisporre quote e agevolazioni per aggirare ciò.

Lottare affinché Maria possa farsi il mazzo quadro è cosa buona e giusta.
Lottare affinché Maria possa passare avanti a quelli che il mazzo quadro se lo fanno per davvero, invece, non è affatto giusto.

Sono queste le riflessioni da fare prima di parlare di "battaglie" quotidiane nel mondo del lavoro o nel mondo della famiglia.
« Ultima modifica: Agosto 17, 2011, 01:55:08 am da Nemo90 »

Offline Animus

  • Veterano
  • ***
  • Post: 4409
  • Sesso: Maschio
    • uomini3000
Re:Maschile Plurale
« Risposta #26 il: Agosto 17, 2011, 04:22:22 am »
questa è l'assessora
volete farci due chiacchiere?  :cool:



Io sono di Milano, ma ora sono un po' fuori mano.
Quando sarebbe?
Ti sentirai più forte, un uomo vero, oh si , parlando della casa da comprare, eggià, e lei ti premierà, offrendosi con slancio.  L'avrai, l'avrai, con slancio e con amore … (Renato Zero)

Ha crocifissi falci in pugno e bla bla bla fratelli (Roberto Vecchioni)

Offline tuxedo

  • Affezionato
  • **
  • Post: 211
  • Sesso: Maschio
Re:Maschile Plurale
« Risposta #27 il: Agosto 17, 2011, 10:14:44 am »

Tu sei il capufficio di Mario e Maria.
Devi decidere tre cose.
1) Chi pagare di più e perché.
2) A chi affidare i compiti più delicati, cioè quelli più redditizi e prestigiosi.
3) Chi promuovere "ai piani alti", in base all'esperienza e all'affidabilità.

Le risposte mi paiono ovvie.



tu sei il giudice che decide la separazione fra Mario e Maria
Devi decidere 3 cose

1) Chi mantiene chi e perche'
2) A chi affidare i figli
3) Chi lasciare nella casa familiare, in base all'affidabilita` ed esperienza

le risposte mi paiono ovvie

Meditazione: finche' non si esce dallo stereotipo il cerchio si chiude in una direzione sola.
Nil admirari

Online Massimo

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4986
Re:Maschile Plurale
« Risposta #28 il: Agosto 17, 2011, 10:27:02 am »
Io sono di Milano, ma ora sono un po' fuori mano.
Quando sarebbe?

Questa foto è l'ennesima dimostrazione della validità dell'assioma di Indro Montanelli: le anime
"belle" sono spesso di una bruttezza fisica impressionante.

Online Red-

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 2704
  • Sesso: Maschio
    • Primo Forum italiano sulla Questione Maschile
Re:Maschile Plurale
« Risposta #29 il: Agosto 17, 2011, 13:55:29 pm »
A mio personalissimo parere, tentare di svilire la figura dell'assessora basandosi sul suo aspetto fisico (tra l'altro mi pare non più giovanissima) è cosa poco furba, poco intelligente e pure di dubbio gusto.
Tra le altre cose, l'assessora non ci ha dato addosso, ci ha comunicato che se vogliamo possiamo far sentire la nostra voce.
Se non la facciamo sentire non è che colpa nostra (mi ci metto anch'io nel mucchio) e non è colpa sua.
Io sono per non dare colpe a chi non ne ha: chi grida al lupo al lupo... poi quando il lupo c'è davvero non si viene più creduti.

Se non vogliamo partecipare non partecipiamo, e facciamo sapere all'assessora (o assessoressa, assessoressiata o come si dice), perchè non riusciamo o non vogliamo farlo, senza troppi giri di parole.
"La realtà risulta spesso più stupefacente della fantasia. A patto di volerla vedere."