Autore Topic: Comunisti no, femministe si  (Letto 137 volte)

Offline bhishma

  • Veterano
  • ***
  • Post: 2691
    • maschileindividuale -  QM da Sinistra
Comunisti no, femministe si
« il: Gennaio 13, 2023, 20:34:20 pm »
https://maschileindividuale.wordpress.com/2023/01/13/comunisti-no-femministe-si/

A proposito di Unione Popolare, leggendo il programma per la regione Lombardia noto l’inizio:

“UNIONE POPOLARE è un progetto politico pacifista, femminista, antiliberista ambientalista fuori dal consociativismo di centro destra e centro sinistra “

Ovvero una forza costituita da vari partiti i cui maggiori sono Rifondazione Comunista e Potere al Popolo non sente il bisogno di chiamarsi comunista o socialista anzi sembra nasconderlo (calcolo di marketing?) ma sente il bisogno di ribadire che è FEMMINISTA.

Mi si dirà che essendo formata da partiti dichiaratamente comunisti come rifondazione comunista non ne sente l’esigenza.

Sarà ma io penso invece che abbiano proprio voluto nasconderlo. Intimiditi. Invece non abbiano provato nessun timore a sfoderare la definizione femminista (e ambientalista).

Io ho riposto le mie brame nel nulla.
(Stirner , L'Unico e la sua proprietà)
http://maschileindividuale.wordpress.com/

Online Paol

  • Affezionato
  • **
  • Post: 229
Re:Comunisti no, femministe si
« Risposta #1 il: Gennaio 14, 2023, 17:22:39 pm »
https://maschileindividuale.wordpress.com/2023/01/13/comunisti-no-femministe-si/

A proposito di Unione Popolare, leggendo il programma per la regione Lombardia noto l’inizio:

“UNIONE POPOLARE è un progetto politico pacifista, femminista, antiliberista ambientalista fuori dal consociativismo di centro destra e centro sinistra “

Ovvero una forza costituita da vari partiti i cui maggiori sono Rifondazione Comunista e Potere al Popolo non sente il bisogno di chiamarsi comunista o socialista anzi sembra nasconderlo (calcolo di marketing?) ma sente il bisogno di ribadire che è FEMMINISTA.

Mi si dirà che essendo formata da partiti dichiaratamente comunisti come rifondazione comunista non ne sente l’esigenza.

Sarà ma io penso invece che abbiano proprio voluto nasconderlo. Intimiditi. Invece non abbiano provato nessun timore a sfoderare la definizione femminista (e ambientalista).


Sospetto che, sotto l'incalzare della propaganda mediatica e orchestrata dai poteri variamente costituiti ed occulti vogliano prendere le distanze dal Partito Comunista  (di Marco Rizzo) e più in generale dall' Urss (che il termine comunista o anche socialista evoca) , ormai percepita come tutt'uno con la Russia e la sua opposizione al Nuovo Ordine Mondiale(Che in realtà tanto nuovo non è). Il femminismo, poi, con la sua mutevolezza semantica, a volte viene chiamato in causa per la lotta contro le discriminazioni reali o presunte, ma anche ideologia suprematista femminile fino all'estremismo più sgradevole, è una sorta di spezia che torna sempre buona , in pratica, fa guadagnare sostegni ma difficilmente ne fa perdere.
L'ottimo è nemico del bene....ma non c'è limite al peggio

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18407
  • Sesso: Maschio
Re:Comunisti no, femministe si
« Risposta #2 il: Gennaio 15, 2023, 01:55:57 am »
Citazione
difficilmente ne fa perdere
Infatti l'astensionismo è alle stelle e le femministe devono ricorrere ai cani-poliziotto informatici per censurare quel che si dice su di loro in rete
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.