Autore Topic: La Commissione Europea chiede il rilancio del pass vaccinale  (Letto 179 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18439
  • Sesso: Maschio
La Commissione Europea chiede il rilancio del pass vaccinale
« il: Novembre 21, 2022, 00:01:57 am »
La Commissione europea, e la sua Presidente Ursula von der Leyen, non si sottraggono più a nessun colpo di forza, a riprova l’Unione è diventata una potenza totalitaria e calpesta a il principio fondamentale della separazione dei poteri proprio della democrazia liberale. Questo organismo, divenuto profondamente autoritario, ordina agli Stati membri di rilanciare le loro strategie sui vaccini e di combattere la disinformazione sul vaccino. Il che non significa altro che il ritorno del pass vaccinale quest’inverno: pura follia.



Il documento che pubblichiamo sopra è una comunicazione della Commissione Europea al Consiglio Europeo e al Parlamento Europeo. La commissione ENVI di questo Parlamento, responsabile per le questioni sanitarie, dovrebbe esaminarlo questa settimana.

I passi salienti:

“La Commissione invita gli Stati membri a continuare a coordinare gli sforzi di preparazione in tutta l’UE, in vista della prossima ondata e di implementare ulteriormente i programmi di vaccinazione. In particolare, la Commissione invita gli Stati membri a:

perseguire le strategie nazionali di vaccinazione contro il COVID-19 utilizzando i vaccini attualmente disponibili per ridurre i ricoveri, le malattie gravi e i decessi;
colmare le lacune nella copertura vaccinale, migliorando l’assorbimento del vaccino durante la serie primaria e la prima dose di richiamo nelle persone idonee, compresi i bambini e gli adolescenti idonei;
Mantenere sufficienti capacità di vaccinazione, sia riattivando i centri di vaccinazione sia utilizzando altre risorse, come i medici di medicina generale;
dare priorità alla somministrazione di una dose di richiamo aggiuntiva (seconda o successiva) a gruppi specifici di popolazione: persone di età pari o superiore a 60 anni e individui di qualsiasi età a rischio di malattia grave;
garantire che i residenti delle strutture di assistenza a lungo termine ricevano le dosi di richiamo raccomandate;
combinare, ove possibile, campagne di vaccinazione contro il COVID-19 e l’influenza, rivolgendosi in particolare ai gruppi vulnerabili e alle fasce d’età rilevanti.
La Commissione sottolinea che gli Stati membri devono attuare e, ove possibile, coordinare iniziative e strategie di comunicazione efficaci al fine di promuovere l’assunzione di dosi aggiuntive di vaccino e il completamento della serie primaria da parte di coloro che non l’hanno ancora fatto, e di aumentare fiducia nel vaccino, affrontando al contempo la dimensione politica dell’esitazione sul vaccino e le campagne di disinformazione legate a narrazioni anti-occidentali e anti-UE [e anti-rivoluzionarie].

Sfide particolari includono i canali in cui circola la disinformazione in relazione ad altre crisi, inclusa l’aggressione militare russa contro l’Ucraina”.

Fin qui il testo

Gli annunci sono inequivocabili. In particolare, la Commissione

Esige la censura – chiusura, repressione – contro i media alternativi, con il pretesto che fanno “disinformazione legata a narrazioni anti-occidentali e anti-UE”: insomma sono complici di Putin

chiede di “riempire le lacune nella copertura vaccinale, migliorando l’assorbimento del vaccino durante il ciclo vaccinale primario e la prima dose di richiamo”… era proprio questo lo scopo del pass vaccinale.

Capiamo qui che la Commissione scalpita di impazienza all’idea di riportarla in vigore.

Da notare anche la priorità nella censura che la Commissione chiede di concedere ai media che criticano il vaccino e la strategia europea in Ucraina.

Verso un nuovo trattato liberticida

Peggio: la Commissione cita questo punto:

“L’UE è inoltre determinata a svolgere un ruolo guida nei negoziati per un nuovo accordo internazionale giuridicamente vincolante sulla prevenzione, la preparazione e la risposta alle pandemie e modifiche mirate per rafforzare i regolamenti sanitari internazionali”.

Si tratta del trattato di cui abbiamo trattato qui, mostrando che già a Novembre la UE imporrà questo perfezionamento del totalitarismo vaccinale; :

Von der Leyen: «A novembre strategia UE sulla Salute globale»

https://www.maurizioblondet.it/von-der-leyen-a-novembre-strategia-ue-sulla-salute-globale/

Il pass vaccinale deve tornare, ha deciso la UE. Cosa deciderà il governo Meloni?

La foto di Ursula e di Bourla (Pfizer) è stata presa, come si vedee, in una riunione dell’Atlantic Council,

“think tank americano con sede a Washington, D.C. il cui scopo è “Promuovere la leadeship americana e promuovere accordi internazionali basati sul ruolo centrale della comunità atlantica nell’affrontare le sfide del XXI secolo” Wikipedia.

Anche Mario Draghi è stato premmiato dall’Atlantic Council in quanto serve perfetto della “leadershoi americana”

https://www.rainews.it/articoli/2022/05/draghi-riceve-il-premio-dellatlantic-council-questa–lora-delleuropa-e-dobbiamo-coglierla-236621c5-57f6-4353-8a63-9495c970bc2a.html

https://www.maurizioblondet.it/la-commissione-europea-chiede-il-rilancio-del-pass-vaccinale/
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.