Autore Topic: Campagna-shock: italiani siete inquinanti, fate meno figli. Ma non gli immigrati  (Letto 282 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 15300
  • Sesso: Maschio
La Cremona piddina non ha dubbi: per la sinistra ci servono i migranti perché non facciamo figli, mentre noi dovremmo fare meno figli per non inquinare l'ambiente


Cremona, spunta la campagna choc per l'ambiente: "Meno figli"

Meno figli per salvare il clima e il cibo: questa è una delle indicazioni contenute in un volantino promosso pure dal comune di Cremona. La Lega domanda le dimissioni del sindaco

La Cremona democratica non ha dubbi: per tutelare l'ambiente è necessario che l'umanità riduca il numero di figli a carico. Sembra una novità ideologica, ma la "new left" americana propaganda lo stesso messaggio almeno da un paio d'anni.

Alexandria Ocasio Cortez è una delle teoriche della reductio filiale.

L'origine della boutade ecologista è attribuibile alla "Filiera corta solidale in collaborazione con il Comune di Cremona, Cremona solidale, Fondazione Cariplo". Fa specie, perché il volantino che elenca le mosse giuste per evitare la catastrofe ambientale è stato diffuso all'interno di un territorio nazionale diverso dagli altri: il nostro. In Italia, insomma, nessuno avrebbe mai dovuto mettere in discussione la bontà di un progetto familiare. Non ci appartiene per cultura e tradizione. Ma le "istanze ecologiste" non conoscono barriere. E anche il numero dei discendenti familiari può essere rivisto al ribasso se si tratta di garantire un futuro certo al "clima" e al "cibo", che poi sono le due fattispecie centrali del capitolo dell'opuscolo in cui si legge: "Meno figli". L'amministrazione comunale, che è guidata dal Partito Democratico, ha voluto appore il suo sigillo al volantino. L'iniziativa, insomma, è condivisa pure da una parte politica.

Quattro, come ripercorso anche dall'edizione odierna de La Verità, sono le indicazioni che la brochure chiede di tenere a mente se si vuole essere al passo con Greta Thunberg ed i suoi avvertimenti: l'aereo e l'automobile non andrebbero proprio presi, mentre i figli, alla strega della carne rossa, dovrebbero comparire con meno continuità nella vita delle persone. E il "clima" e il "cibo" saranno lì, pronti a ringraziare. L'opuscolo, in merito, è abbastanza chiaro. Però non tutti condividono la ricetta, anzi. Per fare una "spesa responsabile" - viene fatto presente - non è affatto necessario che i figli divengano meno. Anche perché le statistiche demografiche italiane racconterebbero già di un collasso. Federico Fasani, di Forza Italia, è uno di quelli che non la pensa come il sindaco Gianluca Galimberti. L'onorevole della Lega Paolo Grimoldi ha chiesto ai vertici della Fondazione Cariplo di dimettersi. Per il deputato leghista l'iniziativa va "oltre la follia". Anche il sindaco di Cremona, per Grimoldi, dovrebbe fare un passo indietro. Ma l'esponente salviniano si dice certo di come Galimberti non sia disponibile a rinunciare al suo incarico. Polemiche dirette, che seguono una vicenda che per ora rappresenta un unicum del panorama nostrano.

L'ambientalismo e gli ecologismi stanno dettando tempi e temi a tutto il campo progressista. E farne le spese e non la "spesa", a ben guardare, potrebbero essere proprio i figli.

https://www.ilgiornale.it/news/cronache/cremona-spunta-campagna-choc-lambiente-meno-figli-1822431.html
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline santiago

  • Affezionato
  • **
  • Post: 108
é evidente che questo messaggio "meno figli" è rivolto in esclusiva alle donne.
Come tutto il mondo sa per legge gli uomini sono completamente esclusi dalla responsabilità della "riproduzione", la responsabilità deriva unicamente dopo la nascita con il "mantenimento".
Se ne deduce che le donne sono le uniche responsabili e colpevoli dell'inquinamento del mondo in questo specifico aspetto di "produrre" figli.
Donne=figli=inquinamento. Quindi, è un messaggio che a noi uomini non ci riguarda, seguendo una semplice logica femminista secondo le normative attuali.

Non mi stupirebbe se la scritta "meno figli" per non inquinare l'avesse scritta proprio un donna (senza dubbio convinta femminista).

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 15300
  • Sesso: Maschio
Le donne sono virtuose come al solito: di figli non vogliono saperne perché è un compito ottocentesco che ostacola la loro carriera.
Il colpevole è l'uomo come sempre, perché ha un animalesco desiderio sessuale a causa del quale impone rapporti alla donna senza pensare ai contraccettivi.
Comunque sia, colpisce il messaggio gravemente razzista implicito in questa strategia di comunicazione.
« Ultima modifica: Febbraio 07, 2020, 16:14:31 pm da Vicus »
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 15300
  • Sesso: Maschio
Dal libro Le Leggi Fondamentali della Stupidità Umana di Carlo Maria Cipolla:

“Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita; la persona stupida è il tipo di persona più pericolosa che esista; gli stupidi danneggiano l’intera società; gli stupidi al potere fanno più danni degli altri; gli stupidi democratici usano le elezioni per mantenere alta la percentuale di stupidi al potere”.

Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.