Autore Topic: Scalfari: il Papa pensa che Gesù non sia Dio. Che ne dite, seguirà una smentita?  (Letto 299 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13167
  • Sesso: Maschio
Questo lo dice solo Galimberti (l'amico di Animus ;) ) e i testimoni di Geova, che pensano che Dio cancellerà chi non fa parte della loro setta con... l'antimateria :doh: (Nel frattempo un altro testimone di Geova è morto due giorni fa per aver rifiutato una trasfusione :doh: :unknown:)

Tutto l'Antico Testamento è pieno di riferimenti all'immortalità dell'anima: lo Sheol, le preghiere per i defunti, la resurrezione dei corpi. E' del resto una credenza presente in tutte le culture umane.

Ed anche sullo spirito (il principio animatore del corpo) la Scrittura è chiara. Si legge nell'Ecclesiaste: "Chissà se  alla morte il soffio vitale (ruach) degli uomini sale in alto e quello delle bestie scende in basso?"
Ma lo stesso libro, quando parla dell'anima (nephesh) la fa immortale nello Sheol.

Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4979
Lo Sheol è la tomba del genere umano. Equivale all'Ades dei greci. Gli ebrei credevano nella resurrezione E BASTA. La resurrezione dei corpi è incompatibile con l'immortalità dell'anima. Cristo resuscitò Lazzaro: non disse a Marta che la sua anima era da un'altra parte. La bimba che resuscitò, figlia di Iairo, presidente della sinagoga era morta e inconscia, non stava vivendo da un'altra parte con un'anima. Gesù infatti disse: "Vado a svegliarla dal SONNO". La morte è una condizione di incoscienza, paragonata infatti al sonno. Nel libro di Ecclesiaste viene detto. "I morti non sono consci di nulla". E di nuovo: " Non c'è disegno, nè sapienza, ne lavoro, nè conoscenza nello Sheol, ove vai". Cioè si è completamente inconsci quando si muore. Questo contrasta con la tesi PAGANA dell'immortalità dell'anima. E il soffio vitale (ruach), cioè la facoltà della respirazione che consente ad un essere umano o animale di vivere non ha niente a che vedere con la nephesch (equivalente al greco psichè) che è invece la vita stessa dell'individuo.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13167
  • Sesso: Maschio
Ma anche l'Ade non era una tomba, ma un "deposito" di anime. E nephesh non si traduce con psiche ma vuol dire letteralmente "il doppio".
L'Ecclesiaste parla della morte del corpo, che rimane incosciente. Nello Sheol "non c'è disegno né sapienza" nel senso che non ci sono le cose del mondo.
Ora si dà il caso che esista un Nuovo Testamento, che parla a ogni riga di immortalità dell'anima. Pagano anche quello?
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4979
Gesù parlò della resurrezione. Non dell'immortalità dell'anima. Poi l'anima sarebbe cosciente, secondo la dottrina cattolica. Altrimenti, che ci andrebbe a fare all'Inferno, al Paradiso o al Purgatorio? Bene, le Scritture Ebraiche (o Vecchio Testamento, se preferisci) affermano che alla morte non si è consapevoli di nulla: "in quel giorno- dice Ecclesiaste- periscono i pensieri dell'uomo". Anche se avesse un'anima che sopravvive alla morte del corpo e che fosse cosciente.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13167
  • Sesso: Maschio
L'Ecclesiaste si riferisce al corpo e agli affari del mondo!
Gesù parlò della resurrezione. Non dell'immortalità dell'anima.
Al ladrone sulla croce non disse: "Alla fine del mondo risorgerai" ma "Oggi sarai con me nel Paradiso".
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4979
L'Ecclesiaste si riferisce al corpo e agli affari del mondo!Al ladrone sulla croce non disse: "Alla fine del mondo risorgerai" ma "Oggi sarai con me nel Paradiso".

Siccome nei primi resoconti del Vangelo non si usava la punteggiatura, gli studiosi più attendibili affermano che la frase di Gesù doveva intendersi: "Veramente ti dico oggi: tu sarai con me in paradiso". A quanto pare, era una formula promissoria diffusa a quel tempo nel paese di Israele e nel Medio Oriente dire: "Veramente ti dico OGGI....". Dava vigore e attendibilità alla promessa formulata al destinatario.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13167
  • Sesso: Maschio
Ti appoggi su virgole inesistenti :P
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4979
Ti appoggi su virgole inesistenti :P
Vale anche per il posto dove vorresti che ci fossero tu :D

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13167
  • Sesso: Maschio
Visto anche che è stata pronunciata sulla croce il senso della frase è chiaro. E in nessun'altra parte del Vangelo Gesù dice "in verità ti dico oggi".
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4979
Quel giorno Cristo morì. Non andò in Paradiso. Ando' nello Sheol. E ci andò anche il ladrone. Quindi a cosa si riferisse Gesù con l'espressione "oggi" è chiaro. Non lo è solo per chi non vuole capire. O difendete tesi precostituite.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13167
  • Sesso: Maschio
Ma da dove ti vengono queste convinzioni? Non le sostiene nessun esegeta serio. Non sarà il famigerato Galimberti...
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13167
  • Sesso: Maschio
Codice: [Seleziona]
https://youtu.be/aNAVo0HwxVE?t=409
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4979
Basta leggere i Vangeli senza pregiudizi.