Forum sulla Questione Maschile

Dialoghi => Natura maschile e natura femminile => Topic aperto da: Frank - Settembre 04, 2016, 10:58:14 am

Titolo: Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Settembre 04, 2016, 10:58:14 am
https://www.cmrlink.org/content/home/37763/what_do_women_want_the_pentagon_doesn_t_care

Citazione
What Do Women Want? The Pentagon Doesn’t Care
August 22, 2016
Share/Bookmark

What Do Female Olympians Know that the Pentagon Doesn’t?

For years, feminists have insisted that military women couldn’t wait to be treated like men in “tip of the spear” direct ground combat units.  Now that their social experiment is underway, Pentagon officials are having trouble finding women who want to participate.

The Army’s top enlisted man, Sgt. Maj. Dan Dailey, recently found it necessary to beg female non-commissioned officers to “step up” and transfer into combat arms units such as the infantry. [1] Shortages of female NCOs should not have been a surprise.  Smart women won’t put their careers and health at disproportionate risk just to prove bogus theories about “gender equality.”

There is a difference between the experience of being “in harms’ way,” where women have served with courage, and physically-demanding direct ground combat units that attack the enemy with deliberate offensive action.  In that environment, combat packs weighing 100 pounds are not equal when women’s physical strength and endurance are not equal.

In an official survey, 92.5% of Army women said they wanted nothing to do with the infantry. [2] Last year three women made it through Ranger school after multiple attempts, but more aspirants haven’t shown up since.  Another female Marine officer recently became the 30th candidate who failed on the tough Infantry Officer Course, and no more have signed up to try. [3]

Meanwhile, six of seven female enlisted Marine recruits failed to qualify with sufficient strength, stamina, and running speed for direct ground combat assignments.  Their 86% failure rate on revised “gender-neutral” basic training tests, compared to 3% of men who failed, did not meet expectations that hundreds of women soon would qualify for the combat arms. [4]

Secretary of the Navy Ray Mabus nevertheless announced that one-in-four Marine recruits should be women – a 25% gender quota that he simultaneously denies.   Maj. Gen. Paul Kennedy, head of Marine Corps Recruiting Command, told Associated Press that he plans to induct 10% women by focusing on physically-strong high school girls who participate in sports such as wrestling. [5]

The aggressive effort will involve specialized advertising, targeted direct mail, and personal visits with coaches ˗ tactics that have been tried before.  In 2008 the Marines launched a similar campaign aimed at athletic women, advertising in popular magazines such as Shape and Fitness.  A thousand “qualified leads” returned response cards, but only two of those turned into enlistments – one of them already interested because of her Navy brother. [6]

Recruiting is a tough job.  Youth surveys in the Spring of 2015 showed that 14% of young men might consider joining the Marine Corps, compared to only 4% of women. [7]

Recruiters have to contact twice as many female prospects in order to find one recruit, and costs for each one are even higher because they are more likely to drop out before “shipping” to basic training.  Boot camp attrition rates consistently have been twice as high as men’s, and new “gender-neutral” physical fitness standards will widen the gap even more. [8]

Feminists Don't Speak for Women

Last year, civilian Pentagon consultants insisted that new “career opportunities” would attract and retain more women in the military. [9] Credible data, however, discredited those claims.

In 2012, the Center for Naval Analysis (CNA) conducted a major survey asking thousands of Marines how prospective rule changes making women eligible for the combat arms would affect their own decision to join or stay in the Corps. [10]  Five percent of female Marine respondents said they would not have joined the Corps under such rules.

When asked about orders to serve in the combat arms on an involuntary basis, negative responses jumped to 23%, almost one in four.  Twenty-two percent of male Marines expressed the same opinion. [11]

Secretary of Defense Ashton Carter should have paid attention to these survey results, and to the best professional advice of then-Marine Commandant General Joseph Dunford.  In the Fall of 2015 General Dunford requested exceptions to mandates ordering women into the infantry and other combat arms, and supported his position with highly-credible research findings. [12]

In scientifically-monitored combat field tests, all-male units outperformed gender-mixed ones 69% of the time, and women experienced two- to six-times more injuries.  Brig. Gen. George W. Smith, Jr., who directed the Marines’ three-year, multi-phased research projects, warned that ignoring these realities would degrade “survivability and lethality” – paramount factors needed to win in deliberate offensive action against the enemy. [13]

Secretary Carter ignored these concerns, announcing in December 2015 that minimally-qualified women would become eligible for direct ground combat assignments.  Carter also stated clearly that women would have to accept such assignments on the same involuntary basis as men. [14]

Military recruiters seem to know they have a problem.  CMR has learned that annual youth surveys of “propensity to serve” in the military have not even asked high school girls about involuntary “opportunities” to be ordered into the infantry.

The situation does not excuse comments that mislead young women about what they would face once they sign up.  Recruiting Commander Kennedy told AP reporter Lolita Baldor that he is working to “debunk misconceptions” about military sexual harassment and the difficulty of having a family life.  Maj. Gen. Kennedy also wants to “allay fears that women would be forced into combat jobs they don’t want.” [15]

This sales pitch stretches ethical bounds to the breaking point.  Problems with sexual harassment and worse continue to escalate, family life in an expeditionary force is more difficult for women (especially mothers) than for men, and involuntary assignments to the combat arms are not a “misconception.”

As the Secretary of Defense confirmed, following orders is not a matter of choice.  This is how the Army will fill shortages of female NCOs to supervise enlisted women in previously all-male combat arms units.

Lessons from the Olympics

On a recent network morning show, one recruiting officer enthusiastically praised women’s abilities to perform physical fitness tests as well as the men.  “Look at the Olympics,” he said.  What do teenage female athletes know that this recruiting officer doesn’t?

At the Rio Summer Games our female Olympians dazzled the world with their speed, skill, and grace.  But if new rules required that women run, swim, or wrestle against men, many would be injured and few would win medals.  Only male gymnasts perform on the pommel horse and suspend themselves in “T” shapes between rings, thanks to testosterone-powered muscles that even the strongest women don’t have.
[16]

Aspiring Olympians have more common sense than military officials who ignore such realities at great risk to lives and military missions.  Before young women are forced into the infantry, perhaps the Olympics should abolish gender-specific competitions and watch what happens.

Civilian consultants like RAND Corporation insist that over time, “gender-neutral standards,” and “leadership” will erode and eventually erase all concerns and resistance.  But during the Marines’ Ground Combat Element Integration Task Force (GCEITF) research, the opposite proved to be true.

Over nine months of field tests, perceptions of combat effectiveness among male and female participants steeply declined from very high to low.[17]  This CNA survey and the one mentioned above were among many research reports – more than half ˗˗ which were omitted from the list of research documents posted on a Defense Department website. [18] Truth remains true, even if the administration choses to hide or ignore it.

Young women considering military life have a right to know that they would be up against if they sign up to serve their country under politically-correct policies implementing gender equality myths.  If Olympic officials do not force accomplished female athletes to compete against men, grown men in the Pentagon should not be sending trusting young women to go fight ISIS.

[1] Michelle Tan, Military Times, SMA: Army Needs More Female Soldiers to Step Up for Combat Jobs, Aug. 15, 2016.

[2] Lolita C. Baldor, AP and USA Today, Few Women Want Combat Jobs, Survey Says, Feb. 24, 2014.

[3] Lolita C. Baldor, AP/Marine Corps Times: Female Marine Can’t Complete Infantry Officer Course – No More Women Now Enrolled, Aug. 12, 2016.

[4] Lolita C. Baldor, AP/Military.com, New Marine Corps Fitness Standards for Combat Weed Out Men, Women Alike, Jun 21, 2016.

[5] Lolita C. Baldor, AP/CNS News, FN #1, supra, Marines Turn to Girls High School Sports Teach for Recruits, Aug. 13, 2016.

[6] Douglas Quenqua, New York Times, Sending in the Marines (to Recruit Women), Apr. 21, 2008.

[7] Data provided by Joint Advertising Marketing & Research Studies (JAMRS), 2013 and 2015.

[8] Briefing for the Defense Advisory Committee on Women in the Services (DACOWITS), USMC Response to Request for Information (RFI A4), Dec. 4, 2014, and Footnote #3, supra.

[9] RAND Corporation, Implications of Integrating Women into the Marine Corps Infantry, Dec. 2015, p. xiv.  This document includes many examples of overly-optimistic estimates, contingent on self-interested recommendations for the hiring of a small army of “gender advisors,” training programs addressing “unconscious bias,” and admittedly-expensive “gender integration oversight boards” to encourage and monitor “hyper-masculine” cultural change over a period of decades. (pp. xx – xxii and 22)  These self-interested arrangements put RAND and other civilian consultants in line for lucrative contracts to write future reports praising their own “success,” but always asking for more contracts when predicted problems ensue.

[10] Center for Naval Analysis, Assessing the Implications of Possible Changes to Women in Service Restrictions – A Quick-Look Analysis of   Summary Results, DRM-2012-U-002586-Final, Nov. 2012.  This CNA document, obtained by CMR with a Freedom of Information (FOIA), was not included on the Defense Department list of USMC Research results.  It is available at: https://cmrlink.org/data/CNAMarine-CorpsWICsurvey-results.pdf

[11] Ibid., pp. 34-37.

[12] Dan Lamothe, Washington Post, In Historic Decision, Secretary of Defense Opens All Jobs in Combat Units to Women, Dec. 3, 2015.  The text of Gen. Dunford’s request for exceptions that he was entitled to file with the Secretary of Defense and the synthesized data backing it up should be a matter of public record.  To date, those documents have not been disclosed.

[13] Brig. Gen. George Smith, Jr., Director, Marine Corps Force Innovation Office, Memorandum for the Commandant, p. 7.  More information is available in a Statement for the Record, Hearing of the Senate Armed Services Committee, Feb. 2, 2016, Submitted by Elaine Donnelly, President, Center for Military Readiness.

[14] Department of Defense News Transcript, Dec. 3, 2015.

[15] Baldor, AP, footnote #2, supra.

[16] Ivy Morris, Livestrong.com, Sports & Fitness, What is the Difference Between Men’s Gymnastics and Women’s Gymnastics? Nov. 7, 2015.

[17] Center for Naval Analysis, Assessment of Change in Marines’ Perspectives during the Ground Combat Element Integrated Task Force, Volume 1, Data Analysis, Aug. 2013, pp. 19-20.

[18] U.S. Department of Defense, Women in Service Studies, posted at http://www.defense.gov/News/Publications/WISR-Studies.  In the course of filing Freedom of Information Act (FOIA) requests, CMR learned that more than half of recent research reports produced between 2012 and 2015 – documents that the public has a right to see -- were not posted on the Defense Department’s list.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Settembre 04, 2016, 11:00:55 am
https://www.cmrlink.org/content/home/37759/congress_should_challenge_myths_about_women_combat_and_the_draft

Citazione
Congress Should Challenge Myths About Women, Combat, and the Draft
June 26, 2016
Share/Bookmark

Myths about gender equality in the military are starting to crumble under the pressure of actual experience.  Witness the recent Associated Press report that 6 of 7 female Marine recruits failed to qualify in training for direct ground combat assignments.

The women deserve credit for trying, but it matters that 86 percent of them, compared to 3 percent of the men, could not meet gender-neutral tests of upper body strength, stamina, and running speed.  Mostly-civilian “experts” had predicted that 200 women per year would qualify for ground combat assignments.  The emperor's new clothes, it seems, are getting a bit gauzy.


A few women can meet minimal combat arms standards, but the fact remains that most women cannot meet them while most men can.  In a future national emergency making it necessary to reinstate Selective Service, it would not make sense to order all women to register as if they were the physical equals of men.


Common sense nevertheless was missing during a closed-door meeting of the Senate Armed Services Committee on May 19.  Chairman John McCain (R-AZ) approved surprise legislation that would force young civilian women to register for a possible future draft.  Then the full Senate rubber-stamped the McCain mandate for co-ed conscription as part of the 2017 National Defense Authorization Act, without a separate vote.

Since the House did not approve similar legislation, conference committee members reconciling both versions of the defense bill should drop Chairman McCain’s “draft America’s daughters” legislation.  If lame-duck President Barack Obama gets the opportunity, he will sign the McCain mandate into law, doing harm to every young woman of draft age in America.

Flawed gender-equality theories and misinformation have blurred harsh realities.  It is not true, for example, that Selective Service would only induct young women for traditional positions supporting combat troops.

The last time Congress debated this issue, a Senate report clearly stated that the only legitimate purpose of Selective Service registration is to speed the process of finding and training “combat replacements” for troops who are fighting and dying on the battlefield.  No one is drafted to play clarinet in the Marine band.

Contrary to vague claims about “equality” or “fairness,” the brutal, physically-exhausting nature of direct ground combat against ruthless adversaries is not “equal” or “fair” to anyone.  It is not even civilized.

Both the 1992 Presidential Commission on the Assignment of Women in the Armed Forces, and researchers conducting extensive tests for the U.S. Marine Corps from 2012 to 2015, produced definitive findings that can be summarized in one sentence: “In the infantry and other direct ground combat units that attack the enemy with deliberate offensive action, women do not have an equal opportunity to survive, or help fellow soldiers to survive.”

Instead of reality-based debate about national security, we hear petulance from “egalitarian sexists” and “hostile proponents” who resent feminists and blame military women for “gender diversity” quotas.  “You asked for equality,” they taunt, even though an official survey found that less than 8 percent of Army women wanted to serve in the combat arms.  Civilian women’s views haven’t been sought at all.

Patriotic women have always served and sacrificed in our nation’s wars.  They will volunteer to do so again.  As for claims that women need close combat experience to be promoted ˗ Defense Department figures repeatedly have shown that for decades, women have been promoted at rates equal to or faster than men.

Responsible members of Congress have yet to conduct open hearings with independent experts who would explain why the Obama Administration should have respected the Marine Corps’ request to keep infantry and other fighting forces all-male.

Oversight requires an objective review of field research exercises in which all-male teams displayed greater speed and lethality in 69 percent of scientifically-monitored tests.  Injury rates among women were two to six times greater than men’s, and even higher injury rates in load-bearing infantry units would seriously detract from mission readiness.

Everyone hopes it will never be necessary to reinstate the draft, but Selective Service registration of young men remains a relatively low-cost insurance policy to defend America if multiple threats overwhelm our shrinking All-Volunteer Force.

If the McCain mandate for co-ed conscription becomes law and a catastrophic national emergency makes it necessary to reactivate Selective Service, officials would have to call up both women and men, ages 18-26, in roughly equal numbers.

The administrative burden of culling thousands of women, just to find the theoretical one-in-seven who might be qualified, would actually hinder the speed and lethality needed to respond to an existential military threat.  As stated in a previous Senate report, “[A]n induction system that provided half men and half women to the training commands in the event of mobilization would be administratively unworkable and militarily disastrous.”

In 1981 the Supreme Court deferred to Congress’ judgment and upheld the constitutionality of women’s exemption from Selective Service obligations.  Women were not eligible to serve in direct ground combat, noted the Court, but Congress had the constitutional authority to decide.  They still do.

Congress should recognize the absurdity of registering or drafting thousands of young women – 86 percent of whom are not qualified to be “combat replacements” in time of war.  If Congress made a rational choice to exempt women from infantry assignments as well as Selective Service, the Supreme Court very likely would uphold the right of Congress to decide.

First, however, Congress should do no harm.  Conferees should remove the “draft America’s daughters” language from the defense bill, and the next Commander-in-Chief should order military leaders to conduct an open, objective, and honest review of the impact of recent social experiments on military readiness.  The next administration could restore sound priorities, but responsible members of Congress need to step up and help.

* * * * * *

The Center for Military Readiness, founded in 1993, is an independent, non-partisan educational organization that reports on and analyzes military/social issues.  More information is available on the CMR website, www.cmrlink.org.  To support CMR with a tax-deductible contribution, click here.  You can also support CMR by visiting, liking, and sharing the CMR Facebook page.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Settembre 04, 2016, 11:07:33 am
https://www.cmrlink.org/content/home/37762/2016_republican_national_platform_rejects_social_experimentation_and_political_correctness_in_the_military

Citazione
2016 Republican National Platform Rejects Social Experimentation and Political Correctness in the Military
July 27, 2016
Share/Bookmark

Since President Barack Obama took office in 2009, his administration has delivered on campaign promises to impose radical social agendas on our military.  The Center for Military Readiness is pleased to report that the 2016 Republican National Convention has resolved to objectively review and repair the damage.

CMR is non-partisan, but for months leading up to the Republican National Convention in Cleveland, Ohio, we worked in various ways to identify a potential Commander-in-Chief who shares our concerns.  The 2016 presidential election will be critically important to the future of our military.

The process began in January we asked questions of Republican candidates with the 2016 Quadrennial CMR Presidential Candidate Survey.  The dual purpose was to provide background and prepare the various candidates for public questions about CMR issues, and to inform voters of their responses to our survey questions.

Following a long series of primaries in which Donald J. Trump emerged as the nominee, we established contact with the Trump campaign to provide information prior to the writing of the 58-page 2016 Republican National Platform.

The resulting 14-page platform section titled “America Resurgent” includes nine planks of interest to CMR, plus many more statements on national defense that should encourage voters who are interested in national security.  This set of solid statements regarding military/social issues provide a clear roadmap for reassessing and eventually reversing much of the damage done to our military since 2009.

Some people believe that a written platform has little meaning, but they are mistaken.  The dynamic process of writing the document brings together in a small, intense environment scores of grassroots activists, experts on many topics, lawmakers, and campaign officials who may become part of a new administration that will have power to implement good ideas.

The first step is to recognize that problems exist and to restore sound priorities.  The platform calls for an end to social experimentation and an honest assessment of problems that need to be corrected.  Because unwise policies that the Obama administration imposed administratively can be undone in the same way, nine platform planks presented and analyzed below challenge the results of political correctness taken to extremes.

The platform approved in Cleveland provides a road map, but voters must choose wisely and demand that its principles be honored.
1.     Military Readiness, not Political Correctness

“We reject the use of the military as a platform for social experimentation and will not accept or continue attempts to undermine military priorities and mission readiness. We believe that our nation is most secure when the president and the administration prioritize readiness, recruitment, and retention rather than using the military to advance a social or political agenda.  Military readiness should not be sacrificed on the altar of political correctness.” (p. 44, emphasis added throughout)

Background:  The Obama Administration has repeatedly used executive power to impose feminist agendas and LGBT law and regulations implementing the lesbian, gay, bisexual, transgender agenda for the military, regardless of the harmful consequences.  This statement puts Republicans squarely on the side of military personnel who have been subjected to political correctness taken to extremes, and signals a change in direction that would assign priority to military readiness, not social agendas.
2.      Objective Review and Correction of Military/Social Problems

“We call for an objective review of the impact on readiness of the current Administration’s ideology-based personnel policies, and will correct problems with appropriate administrative, legal, or legislative action.” (p. 44)

Background:  On issues ranging from involuntary service for women in the combat arms to transgenders in the military, the need for honest evaluations and action to repair the damage done to our military since 2009 has become increasingly obvious.  Instead of continuing Barack Obama’s social agenda without question, a Republican administration will objectively review the consequences of all social policies and restore sound priorities that put military readiness first.
3.      Women in Direct Ground Combat

“We reiterate our support for both the advancement of women in the military and their exemption from direct ground combat units and infantry battalions.” (p. 43)

Background:  Unchanging physical requirements in “tip of the spear” direct ground combat units; e.g., Army and Marine infantry, artillery, armor, Special Operations Forces and Navy SEALs, are extraordinary.  The missions of fighting teams that seek out and attack the enemy with deliberate offensive action go beyond the experience of being “in harms’ way” in war zones, where women have served with honor and courage.  In September 2015 the U.S. Marine Corps submitted a formal request for exceptions to the administration’s plans to eliminate women’s exemptions from the combat arms.  Scientific research supported that request.  In field tests, gender-mixed units underperformed 69 percent of the time.  Physical differences that cannot be “mitigated” would have a serious negative effect on what the Marines called “survivability and lethality.”

On December 3, 2015, Secretary of Defense Ashton Carter disregarded the Marines’ best professional advice.  Secretary Carter announced plans to impose controversial policies known to impede combat effectiveness and speed while significantly increasing female injuries.  In an official Army survey, 92.5 percent of women said they did not want to serve in direct ground combat units, but Secretary Carter confirmed that such assignments would not be voluntary.

Following an open and objective review of the Marine Corps’ 2015 research and developments since then, the next President should take appropriate action to restore combat effectiveness as the highest priority in all direct ground combat communities.  In addition, Congress should take steps to codify sound policies regarding women in the military.
4.      Military Standards

“In particular, we warn against modification or lessening of standards in order to satisfy a nonmilitary agenda imposed by the White House.” (p. 44)

Background: In 2011 Obama Administration Pentagon leaders adopted as official policy recommendations of the Military Leadership Diversity Commission (MLDC).  The 2011 MLDC report, which is still cited by Defense Department officials, promoted as paramount goals women in land combat and “gender diversity metrics,” another name for quotas.  The concept, which is not the same as non-discrimination or recognition of individual merit, promotes pre-determined demographic goals that have the effect of lowering standards to levels that are “gender-neutral” but lower than before.  Secretary of the Navy Ray Mabus repeatedly has called for one in four Navy personnel to be women, even as he keeps denying the existence of gender quotas.  In the interests of true equality, the next administration should end all pressures to achieve gender diversity quotas in the military.
5.     Support for the All-Volunteer Force, Not Compulsory National Service

 “Our country’s all-volunteer force has been a success. We oppose the reinstatement of the draft, except in dire circumstances like world war, whether directly or through compulsory national service.” (p. 43)

Background:  Volunteer service should be encouraged, but reinstatement of a military draft or mandatory national service, on a gender-neutral basis, would be unwarranted extensions of government power that would weaken the special culture of the all-volunteer force.
6.      Opposition to Registering Women for Selective Service

“[We] oppose unnecessary policy changes, including . . . Selective Service registration of women for a possible future draft.” (p. 43)

Background: In 1981 the Supreme Court upheld as constitutional young women’s exemption from Selective Service obligations, tying it to military women’s exemption from direct ground (infantry) combat.  The court cited a Senate report affirming that the only legitimate purpose of registration or a draft is to find and train “combat replacements,” not support troops.  The court also affirmed the right of Congress to exempt women for other rational, fact-based reasons.

Calling up thousands of potential female draftees, most of whom will not meet combat standards, would slow mobilization during a time of catastrophic national emergency, the worst possible time.  Congress should review capabilities of the Selective Service system, applying standards of military readiness, not “gender equality.”
7.      Religious Liberty

“We support the rights of conscience of military chaplains of all faiths to practice their faith free from political interference. We reject attempts by the Obama Administration to censure and silence them, particularly Christians and Christian chaplains. We support an increase in the size of the Chaplain Corps.  A Republican commander-in-chief will protect the religious freedom of all military members, especially chaplains, and will not tolerate attempts to ban Bibles or religious symbols from military facilities.  A Republican commander-in-chief will also encourage education regarding the religious liberties of military personnel under both the First Amendment of the U.S. Constitution and the current National Defense Authorization Act.”

Background:  The First Amendment to the U.S. Constitution guarantees rights of conscience and religious liberty for both chaplains and military personnel who are deployed far from home.  Servicemen and women have a constitutional right to receive counsel from chaplains who are free to discuss matters of morality during all activities, not limited to worship services.  Since 2011, there have been numerous attempts to censure and silence chaplains and people of faith, creating a "chilling effect" and fear of career penalties for exercising rights of religious liberty.  In some of these cases, military personnel have had to seek legal defense.

In 2012 and 2013, Congress enacted legislation to protect rights of conscience and religious liberty for military chaplains and people of faith.  The law bars adverse discrimination or denial of promotion, schooling, training, or assignment.  Chaplains continue to minister to persons of all faiths and backgrounds, as they always have, but they should not be required to endorse certain life choices that traditions of most major faiths consider to be wrong.
8.      Special Interest Demonstrations

“We affirm the cultural values that encourage selfless service and superiority in battle, and oppose anything which might divide or weaken team cohesion, including intra-military special interest demonstrations.”  (pp. 43-44)

Background:  Every year since 2009, the Obama White House has celebrated June as LGBT Pride Month.  This and similar events at the Pentagon and many military bases have been used to promote special interest demands of LGBT groups demanding access and benefits for transgenders in the military.  In response, the administration unilaterally extended protected civil rights status and medical benefits to transgendered personnel.  In the same way that our military does not allow labor unions, activist events promoting LGBT Law and other special interest causes are inherently divisive and harmful to unit cohesion.
9.      Military Justice

“We oppose legislative attempts to modify the system of military justice that would undermine its fairness and due process rights for all concerned, both the accuser and the accused.” (p. 44)

Background: Constantly-increasing rates of sexual assault and retaliation against persons reporting harassment have given rise to many constructive reforms to improve military justice.  Congress, however, has refused to pass misguided legislation to remove local commanders from decisions regarding prosecution of many crimes, including sexual assault.  Legislation based on a presumption of guilt, not innocence, or the premise that accusations alone justify "victim" or "survivor" status, would be demoralizing and unjust.

Under the Uniform Code of Military Justice (UCMJ), commanders are accountable for everything that happens in their area of responsibility.  This includes decisions to convene courts-martial or to impose career-ending non-judicial punishments.  Military Judge Advocate Generals (JAGs) advise commanders on legal matters, but they do not need (or want) responsibilities of command.  The best way to protect due process is to support and improve legal representation for both the accuser and the accused.
10.   Military Superiority

“Republicans continue to support American military superiority, which has been the cornerstone of a strategy that seeks to deter aggression or defeat those who threaten our vital national security interests.” (p. 42)

Background:  The 14-page section of the 2016 Republican Platform, titled “America Resurgent,” includes many sound ideas to restore the strength of America’s military, and to restore respect for America worldwide.  It begins by quoting Alexander Hamilton, who wrote in Federalist 23 that the first of the “principle” constitutional obligations of the federal government is to provide for the “common defense” of the United States.  It also notes that President George Washington wisely reminded us that “to be prepared for war is one of the most effectual means of preserving peace.”

Our All-Volunteer Force is the only institution we have to defend America in a world that faces multiple threats and is far from peace.  The statement above has reaffirmed that long-standing, important principle.

What Does the Democratic Platform Say?

The 46-page 2016 Democratic Party Platform, approved by a Platform Committee on July 21, 2016, in Orlando, Florida, includes seven pages with three sections titled “Principled Leadership, “Support Our Troops and Keep Faith with Our Veterans” and “Confront Global Threats.”  The document criticizes Republican nominee Donald Trump for having “no strategy for dealing with key threats facing our country, including climate change and ISIS.”  (p. 40)

Some provisions are similar to Republican planks, but three sentences state positions on women in direct ground combat and LGBT law in the military that are opposite those of the Republicans.  The document does not comment on additional issues highlighted above, except for this statement, which assigns highest priority to inverted priorities on military/social issues:

“Our military is strongest when people of all races, religions, sexual orientations, and gender identifies are honored for their service to our country.” (p. 41)

In contrast, the Republican Platform states in four different places, “We are the party of peace through strength.” (p. 41)  For voters concerned about national defense, the choices are clear.

* * * * * * *

The Center for Military Readiness, founded in 1993, is an independent, non-partisan, 501(c)(3) public policy organization that reports on and analyzes military/social issues.  Nothing in this article should be construed as an endorsement of any candidate. More information on all issues discussed is available on the CMR website, www.cmrlink.org.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: ilmarmocchio - Aprile 03, 2017, 16:36:56 pm
https://www.infowars.com/sweden-viral-video-shows-4-cops-struggle-to-control-one-violent-migrant/

notare la brutale potenza delle polizziottesse
Ah la Svezia, che terra di maschioni :D
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Alberto1986 - Aprile 03, 2017, 20:02:44 pm
 :doh: :doh: Realtà vs puttanate femministe hollywoodiane  :doh: :doh:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 03, 2017, 21:55:49 pm
https://www.infowars.com/sweden-viral-video-shows-4-cops-struggle-to-control-one-violent-migrant/

notare la brutale potenza delle polizziottesse
Ah la Svezia, che terra di maschioni :D

Sì, sicuro...
Gli antichi vichinghi si staranno rivoltando nelle tombe.  :alien:

@

Bello
questo.
Citazione
The Defense Ministers of Sweden, Norway, the Netherlands, and Germany.

The Defense Minister of Russia.

...
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Alberto1986 - Aprile 05, 2017, 19:31:59 pm
...

@

Bello
questo.
...

Citazione
(http://www.informationliberation.com/files/defense-minister-sweden.jpg)


 :lol: :lol: :lol:

Un'immagine che vale più di mille parole:  ministero del parrucchiere vs ministero della difesa...  :doh:  :sick2:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 05, 2017, 19:34:18 pm

 :lol: :lol: :lol:

Una foto vale più di mille parole... :doh: :sick:

Assolutamente sì.
Che brutta fine che ha fatto l'Europa dell'ovest...
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Alberto1986 - Aprile 05, 2017, 20:07:42 pm
Già, noi compresi...

(http://cdn.infodifesa.it/wp-content/uploads/2016/04/scorta-ministro-pinotti-2-897x560.jpg)

Ministressa della difesa italiana rigorosamente scosciata...



....tranne ovviamente quando è in paesi in cui le nostrane ddonne 3.0 non possono permetterselo:

Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 05, 2017, 20:10:21 pm
Ministresse che neppure hanno mai preso un fucile in mano...
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Alberto1986 - Aprile 05, 2017, 20:19:59 pm
Ministresse che neppure hanno mai preso un fucile in mano...

Queste non saprebbero neanche togliere la sicura da un'arma da fuoco. Le armi non le sanno usare, non le hanno mai usate e neanche sono mai state interessate a conoscerle. La totalità delle donne che ho conosciuto in vita mia, hanno sempre dichiarato di provare paura e repulsione al solo pensare alle armi, figuriamoci a spararci...
Ma tu te le immagini queste ministresse occidentali dover discutere di argomentazioni tecnico-militari col ministero della difesa della Russia o della Cina?  :lol: Secondo me tocca loro portarsi un esperto militare al seguito mentre loro prendono caffè e pasticcini con le relative mogli... :lol: :sick:   
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 05, 2017, 20:30:18 pm
Queste non saprebbero neanche togliere la sicura da un'arma da fuoco. Le armi non le sanno usare, non le hanno mai usate e neanche sono mai state interessate a conoscerle. La totalità delle donne che ho conosciuto in vita mia, hanno sempre dichiarato di provare paura e repulsione al solo pensare alle armi, figuriamoci a spararci...
Ma tu te le immagini queste ministresse occidentali dover discutere di argomentazioni tecnico-militari col ministero della difesa della Russia o della Cina?  :lol: Secondo me tocca loro portarsi un esperto militare al seguito mentre loro prendono caffè e pasticcini con le relative mogli... :lol: :sick:

Immagina anche cosa possono pensare degli uomini occidentali in Paesi come la Russia, la Cina, l'India, ecc...
Perché è chiaro che un Paese che affida la propria Difesa a una donna è un Paese alla frutta.

@@

Leggi cosa diceva e scriveva la defunta Ida Magli.

http://www.ilprimatonazionale.it/cultura/ida-magli-40429/

Citazione
A parte la “Buona scuola”, che cosa pensa di Matteo Renzi?

«Prima di tutto devo dire che una democrazia dove non si sono fatte le elezioni è una democrazia malata. E perché non si sono fatte? Per colpa dei partiti, che lo trovano comodo. Non è solo Renzi il dittatore: ognuno ha fatto il dittatore nel suo piccolo. Inoltre, Renzi sarà pure un dittatore, ma gliel’hanno lasciato fare. Questo premier è molto bravo. Bisognerebbe copiare da lui. Ha creato un governo di belle donne, di cui naturalmente si infischia, perché tanto fa quello che gli pare. Un governo di belle donne incapaci, inesperte, brave soltanto a camminare sui tacchi di undici centimetri. Come vuole che governino, costoro? Le pare possibile mettere come ministro della Difesa una tizia che non si sa che capacità abbia? Sono andata a vedere il suo profilo. Mi sono detta: magari avrà studiato, avrà fatto… Macché. Stava nella commissione del partito che si occupava di difesa. E la Mogherini? Sarà pure molto carina, molto madonnina, ma che competenze ha? E la Lorenzin? Perché fa il ministro della Sanità? Il risultato è che gli italiani sentono di non essere governati».

È molto dura con, le donne.

«Ho combattuto tanto, per le donne… Ma mi hanno deluso. Oggi guardo la tv e vedo donne che sanno tutto, che parlano di tutto… La nostra è una società che ha allontanato i maschi e ha preso il lato peggiore delle donne. Che sono aggressive, anche nell’eroticità. Devono sempre farti vedere il seno, le cosce. Per un maschio, oggi, forse è più attraente una donna musulmana col velo che queste qui. Il maschio la donna la deve anche un po’ conquistare, deve esserci anche un po’ di mistero, nell’erotismo. Di una donna che è subito pronta a dare tutto, il maschio non sa che farsene. Io sono una donna e posso dire cose che sono in apparenza contro le donne e cioè che la scienza, l’arte, tutta l’attività intellettuale fino ad oggi è stata fatta dei maschi. Poiché oggi i maschi si sono allontanati, la nostra società è povera intellettualmente, culturalmente. Non è una società “femminilizzata”, come dice qualcuno, ma malata, patologica. Dobbiamo immediatamente riprendere il controllo. E tocca ai maschi riprenderlo».

Read more at http://www.ilprimatonazionale.it/cultura/ida-magli-40429/#EmbKzG4Hjsw5yJgR.99
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Sardus_Pater - Aprile 05, 2017, 21:21:36 pm
Se la Russia volesse sul serio invadere l'Occidente... beh, pago io per tutto il forum il giro di vodka, dopo che gli eserciti occidentali avranno alzato bandiera bianca.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Aprile 05, 2017, 21:47:29 pm
Attraverserebbe l'Europa come il burro in 72 ore.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Alberto1986 - Aprile 05, 2017, 23:10:26 pm
Immagina anche cosa possono pensare degli uomini occidentali in Paesi come la Russia, la Cina, l'India, ecc...
Perché è chiaro che un Paese che affida la propria Difesa a una donna è un Paese alla frutta.

@@

Leggi cosa diceva e scriveva la defunta Ida Magli.

http://www.ilprimatonazionale.it/cultura/ida-magli-40429/


Eh, Ida Magli aveva capito perfettamente tutto sbattendoci personalmente il muso. Frank, se mi dai una mano nel trovare i links degli articoli migliori e me li giri in PM, vediamo di riportare il meglio della signora nella sezione "contenuti in evidenza".
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Aprile 06, 2017, 00:53:06 am
Se sono molti, conviene raggrupparli in una sottosezione, la Magli sarebbe un ottimo biglietto di presentazione per il forum.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Rita - Aprile 06, 2017, 11:50:12 am
Trova le differenze

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2017/03/18/sparatoria-a-orly-ucciso-assalitore_2849e528-5ec6-497a-872b-7e2117ba08a2.html

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/17_aprile_05/paura-colosseo-29enne-afgano-tenta-disarmare-militare-arrestato-91d17b82-19f6-11e7-988d-d7c20f1197f1.shtml?refresh_ce-cp
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 11, 2017, 00:14:53 am

 :lol: :lol: :lol:

Un'immagine che vale più di mille parole:  ministero del parrucchiere vs ministero della difesa...  :doh:  :sick2:

http://www.lastampa.it/2017/04/09/esteri/spagna-morta-a-anni-lex-ministro-della-difesa-chacn-xUlJhTj5FN9txkPSgjbXQK/pagina.html

Citazione
Spagna, morta a 46 anni l’ex ministra della Difesa Chacón. Aveva una malformazione al cuore
La politica catalana aveva passato in rassegna le truppe incinta, destando scalpore tra i militari, «ma capirono subito con chi avevano a che fare»

Francesco Olivo

È morta nella sua casa di Madrid, a soli 46 anni, Carme Chacón, ex dirigente del partito socialista spagnolo e ministro della Difesa nel governo Zapatero, la prima donna nella storia ad assumere questo incarico. L’immagine della politica catalana che, incinta, passava in rassegna le truppe in Afghanistan aveva segnato un’epoca, quella delle riforme laiche del governo di sinistra, tanto da aver creato più di un malumore nei settori più conservatori dei militari spagnoli. 

Carme Chacón soffriva di una rara malattia congenita, la destrocardia, che si verifica quando il cuore è collocato a destra, invece che a sinistra. «Ho il cuore al contrario» aveva raccontato lei in un’intervista al quotidiano catalano La Vanguardia. 

In un’intervista a La Stampa aveva raccontato i tempi del ministero della Difesa: «Il primo giorno dopo essere stata nominata alle sei del mattino andai in una caserma e ci restai per 12 ore, per capire la vita che facevano i nostri soldati: hanno capito con chi avevano a che fare».

Chacón aveva conteso la segreteria del Psoe a Alfredo Pérez Rubalcaba in uno storico congresso a Siviglia, perdendo per soli 22 voti. Proprio Rubalcaba è stato uno dei primi a esprimere il suo dolore: «Sono addolorato. Era una donna di profonda intelligenza, coraggiosa e gran lavoratrice». Recentemente Chacón aveva deciso di non ricandidarsi in polemica (anche se non esplicita) con l’ex segretario Pedro Sánchez. Forte commozione nella famiglia socialista. «Sono affranto», dice il segretario del Partito socialista di Catalogna, Miquel Iceta. «Hasta siempre», scrive in un tweet l’ex segretario Pedro Sánchez. 

Con un tweet anche la presidente andalusa, Susana Diaz, in corsa per le primarie del Psoe, ha ricordato l’ex ministro con un tweet. Diaz e gli altri due candidati, Pedro Sánchez e Patxi López hanno deciso immediatamente di sospendere tutti gli appuntamenti della campagna elettorale dei prossimi giorni.   


Citazione
In un’intervista a La Stampa aveva raccontato i tempi del ministero della Difesa: «Il primo giorno dopo essere stata nominata alle sei del mattino andai in una caserma e ci restai per 12 ore, per capire la vita che facevano i nostri soldati: hanno capito con chi avevano a che fare».

... queste sono le femmine lasciate "allo stato brado".
Femmine che devono ringraziare solo l' enorme pavidità degli uomini odierni di questa parte di mondo; spagnoli, italiani, olandesi, tedeschi, norvegesi o svedesi che siano.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Aprile 11, 2017, 00:36:43 am
Citazione
hanno capito con chi avevano a che fare».
Mi sa che l'hanno proprio capito.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: ilmarmocchio - Aprile 11, 2017, 08:44:47 am
Trova le differenze

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2017/03/18/sparatoria-a-orly-ucciso-assalitore_2849e528-5ec6-497a-872b-7e2117ba08a2.html

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/17_aprile_05/paura-colosseo-29enne-afgano-tenta-disarmare-militare-arrestato-91d17b82-19f6-11e7-988d-d7c20f1197f1.shtml?refresh_ce-cp

a parigi l'arma se la stavano facendo fregare, vista la bella idea di metterci una donna
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: ilmarmocchio - Aprile 11, 2017, 08:47:58 am
Citazione
In un’intervista a La Stampa aveva raccontato i tempi del ministero della Difesa: «Il primo giorno dopo essere stata nominata alle sei del mattino andai in una caserma e ci restai per 12 ore, per capire la vita che facevano i nostri soldati: hanno capito con chi avevano a che fare».


(https://s27.postimg.org/zcjiyd8lf/ministressa_incinta.jpg) (https://postimg.org/image/l63s34xq7/)caricare immagini (https://postimage.org/index.php?lang=italian)

una immagine questa ha un impatto devastante sul morale delle truppe.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 12, 2017, 01:23:43 am
A proposito di paesi alla frutta.

http://www.meteoweb.eu/2017/04/usa-le-flotte-per-siria-e-corea-del-nord-sono-comandate-da-2-donne/884348/#EdOxdIgmGRXZdKox.01
Citazione
USA, le flotte per Siria e Corea del Nord sono comandate da 2 donne
A cura di Peppe Caridi
9 aprile 2017 - 22:02

A conferma di come le forze armate Usa abbiano raggiunto una totale parita’ di genere, alla guida delle due flotte impegnate nei due punti piu’ caldi del pianeta, la Siria e la Corea del Nord, ci sono due donne. Nel primo caso il comandante in capo della Forze Navali Usa in Europa e’ l’ammiraglio a 4 stelle, Michelle Janine Howard, 56 anni, afroamericana, e nominata lo scorso anno da Barack Obama. Da lei dipendono, tra l’altro, la VI Flotta, di cui fanno parte i due cacciatorpedinieri, Uss Port e Uss Ross della classe ‘Arleigh Burke’, che nelle prime ore di venerdi’ hanno lanciato 60 missili da crociera Tomahawk (uno e’ caduto in mare) contro la base aerea siriana di Shayrat. Base da cui martedi’ era partito il jet che si ritiene abbia sganciato una bomba piena di gas nervino Sarin sul villagio di Khan Sheikun nella provincia di Idlib, uccidendo 89 civili, trqa cui 33 bambini.

Ad Oriente, c’e’ l’ammiraglio a 3 stelle Nora W. Tyson, 59 anni, la prima donna a comandare un’intera squadra navale operativa, in questo caso la III Flotta, guidata dalla portaerei a propulsione nucleare ‘Carl Vinson’. Unita’ che con la sua squadra navale d’attacco si sta dirigendo verso i mari della penisola coreana, pronti ad intervenire nell’eventualita’ giungesse l’ordine dal “commander in chief”, il presidente Trump, per un’azione contro Pyongyang che minaccia di effettuare un nuovo test nucleare a breve. L’ammiraglio Tyson, pilota di aerei da guerra, ha percorso la sua carriera sulle portaerei Usa, a partire dalla Enterprise, ed il 29 luglio 2010 e’ stata la prima donna ad assumere il comando di una portaerei a propulsione nucleare, la Uss George H. W. Bush, a capo del ‘Carrier Strike Group Two’. Ha combattuto sia in Iraq che in Afghanistan. L’ammiraglio Howard ha iniziato il servizio nella I Guerra del Golfo (1990-1991). Il 12 marzo 1999 divenne la prima donna nera ad assumere il comando di una nave da guerra americana, la Uss Rushmore, nave di comando per le operazioni anfibie. Nel 2009 le venne affidato il comando delle operazioni multinazionali anti-pirati nelle acque a largo della Somalia. Il primo luglio 2014 ottenne, prima donna della storia della marina americana, la quarta stella da Admiral e assunse anche l’incarico di vice capo delle Operazioni Navali, ossia vicecomandante in capo della Us Navy.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 12, 2017, 01:35:19 am
(https://s27.postimg.org/zcjiyd8lf/ministressa_incinta.jpg) (https://postimg.org/image/l63s34xq7/)caricare immagini (https://postimage.org/index.php?lang=italian)

una immagine questa ha un impatto devastante sul morale delle truppe.

Al riguardo, su uomini beta, Rino Barnart ha scritto un post più che condivisibile.
Citazione
E’ deceduta Carmen Chacon, zapateriana ex ministro della difesa.
.
Passano alla storia con lei due fatti.
1- La parata a pancia gonfia davanti ai soldati, inqualificabile gesto di chauvinismo ginecista, ostentazione rodomontesca di imperiale tracotanza esibita precisamente nel momento in cui si trova nello stato di assoluto bisogno, di assoluta dipendenza e di assoluta inettitudine alla benché minima autodifesa.
.
Condizione di debolezza estrema a protezione della quale ha avuto da sempre – ed estremizzato ora – tutte le esenzioni, le tutele, i riguardi, i vantaggi, i benefici possibili ed immaginabili.
.
Precisamente nel momento in cui essa è naturalmente incapace di proteggere se stessa anche solo minimalmente, passa da padrona davanti ai maschi schierati in sua difesa, giacché la difesa della femmina incinta (del proprio gruppo) è precisamente il primo scopo di ogni organizzazione maschile (militare e non).
.
Colei che deve essere salvata osa dare ordini al suo salvatore, osa verificare se il sacrificando è pronto (e prono) alla morte per lei.
.
2) Il secondo fatto è il fatto che tale oltraggio sia stato compiuto senza che gli UU ne abbiano percepito, sentito, afferrato la gravità assoluta.

.

La speranza è che i nostri pronipoti ci maledicano.
Se accadesse, ciò indicherebbe che avranno preso autonomamente coscienza della propria tragedia verso la quale i maschi del presente non osano neppure volgere lo sguardo.
.
(Opinione personale di RDV che non impegna il portale UBeta)

Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Alberto1986 - Aprile 14, 2017, 23:51:48 pm
Citazione
Iraq: 1° corso Female Mobile Training

Si è concluso, con la consegna degli attestati di partecipazione, il primo corso Female Mobile Training, dedicato alla polizia femminile irachena presso l’Istituto “Civil Defense Training Center” di Baghdad (Iraq), a cui hanno partecipato tre ufficiali donne dell’Arma dei Carabinieri, in qualità di docenti.
Il corso, organizzato nell’ambito della missione internazionale Operation Inherent Resolve-Prima Parthica dalla Task Force Carabinieri, ha visto la partecipazione di 33 poliziotte irachene, alcune già in forza alla polizia da anni, altre da pochi mesi.
Il training è stato organizzato con lo specifico obiettivo di trasmettere le competenze italiane in materia di violenza di genere e pari opportunità alle colleghe irachene, analizzare la posizione della donna nella società ed il suo ruolo in Iraq, approfondire le tematiche inerenti alla tutela dei diritti umani ed al trattamento delle vittime di violenze domestiche.
Il corso ha visto entusiasta partecipazione da parte del corpo di polizia iracheno, le cui rappresentanti hanno assistito con interesse e spirito costruttivo ai dibattiti seguiti ad ogni giornata di lezione, sulle varie materie del corso. Allo stesso modo, hanno partecipato con determinazione anche alla parte di addestramento tecnico-pratica, anche questa facente parte del percorso addestrativo.
Durante le lezioni sono stati sfruttati differenti approcci comunicativi: la lettura di testi ed articoli di giornale, la proiezione di filmati e reportage con dati, il confronto diretto conseguente all’analisi di testi legislativi. Il corso, tenuto in lingua inglese, ha visto la presenza fissa di un interprete di lingua araba.
La cerimonia si è svolta alla presenza del ministro dell’interno iracheno Qasim Al Araji, del maggior generale Abdulkareem training director del ministero, nonché delle rappresentanze diplomatiche italiana, spagnola, canadese e dell’Unione Europea. Nella circostanza il ministro dell’interno ha riconosciuto la rilevanza del programma addestrativo e l’impegno posto dall’Arma dei Carabinieri nello sviluppare l’intero progetto, auspicando sin da subito la disponibilità di una futura ulteriore collaborazione nel senso, che possa ulteriormente avvicinare i rapporti tra i due Paesi.

http://www.difesaonline.it/news-forze-armate/missioni/iraq-1%C2%B0-corso-female-mobile-training


Sotto potete ammirare in fotografia tutto "il meglio" dell'importazione democratica occidentale....

 :doh: :doh: :doh: :sick: :sick: :sick:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Sardus_Pater - Aprile 15, 2017, 08:48:58 am
Davvero ridicole.
Ho più rispetto per le colleghe indigene obbligate (?) a tenere il velo.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Agosto 10, 2017, 23:58:57 pm
http://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/donne-soldato-prima-linea-meglio-no-perche-70845/amp/

Citazione
Donne soldato in prima linea? Meglio di no, ecco perchè
forze armate donne soldato

Roma, 9 ago – Quello delle donne soldato nelle Forze Armate è un argomento che divide sia l’opinione pubblica sia gli esperti del settore: assodato che le donne con le stellette sono una presenza più o meno fissa, sebbene con compiti nel tempo diversi, a partire dalla Seconda Guerra Mondiale un po’ in tutti gli eserciti, ultimamente sono stati ri-sollevati alcuni dubbi in merito al loro utilizzo in ruoli combattenti di prima linea, occasione data dalla dichiarazione del Presidente Trump che in una serie di Tweet ha affermato “Dopo aver consultato i generali e gli esperti militari, siete avvisati che il governo degli Stati Uniti non accetterà né permetterà che individui transgender servano in alcuna unità dell’esercito. Il nostro esercito deve essere concentrato su vittorie schiaccianti e decisive e non può sostenere il tremendo costo medico e il disagio che i trangender nell’esercito comportebbero. Grazie.”

Prima di addentrarci nella questione vera e propria diamo uno sguardo a cosa succede in giro per il mondo. In Inghilterra ha destato polemica nel 2014 la volontà di rivedere la politica di impiego delle donne in armi entro il 2018 dando loro l’opportunità di avere esattamente lo stesso trattamento riservato agli uomini e quindi di essere schierate in prima linea in “close with and kill the enemy”. Sino ad oggi infatti nell’Esercito Inglese alle donne viene preclusa la possibilità di prestare servizio in corpi di fanteria o corazzati dove potrebbero essere coinvolte in scontri ravvicinati col nemico. Per fare un esempio: sì alle donne pilota, nella logistica, trasporti, artiglieria, sulle navi, perfino sui sottomarini ma nessuna donna in corpi speciali o in quei reggimenti destinati a compiti di prima linea. Ed in Israele, così spesso preso a modello di “integrazione di genere” in ambito militare? Beh innanzitutto bisogna sfatare un mito: se è vero che le donne israeliane devono fare il servizio militare così come gli uomini (sebbene della durata di 24 mesi a fronte dei 32 dei maschi), queste sino al 2000 venivano esclusivamente impiegate in ruoli marginali e non in combattimento. In quell’anno infatti è stato istituito il primo battaglione misto (chiamato Karacal) e così le donne hanno potuto accedere al 92% delle specialità e ruoli combattenti della IDF. Ed il restante 8%? Qui arriva la prima sorpresa, propedeutica alla trattazione vera e propria di questo articolo. Dopo vari test ed esperimenti sul campo l’Esercito Israeliano ha stabilito che le donne non potranno prestare servizio sui carri armati (che in israele è praticamente un corpo di élite) perché la maggior parte di loro non ha i requisiti fisici necessari. Avete capito bene, praticamente in quel di Tel Aviv hanno dimostrato una volta per tutte il vecchio adagio che dice “donna al volante…”, beh finitelo voi… Scherzi a parte, la motivazione dell’IDF per questa decisione è ben più seria e fondata: i medici dell’esercito israeliano hanno esaminato con dei test i carichi di lavoro per chi opera nei carri armati e hanno stabilito che integrare le soldatesse negli equipaggi sarebbe per loro dannoso. I test hanno dato risultati non soddisfacenti specialmente per quanto riguarda due ruoli che richiedono un notevole sforzo fisico: quello del pilota e quello del “loader”, che deve caricare le munizioni. Un ex ufficiale dell’esercito, Yoram Epstein, ha detto che “il tentativo di preparare le donne oltre i loro limiti fisici per il combattimento sul fronte, solo in nome dell’eguaglianza, potrebbe compromettere un ampio numero di soldatesse solo per trovare quella in grado di sostenere il carico di lavoro”.

Gli americani invece, che da qualche anno hanno cominciato a dare alle donne soldato compiti di prima linea, sono andati oltre e nel 2013 hanno fatto uno studio sull’efficienza dei battaglioni misti in combattimento rispetto a quelli composti da soli uomini, ed i risultati sono stati… scontati. I Marines hanno infatti effettuato diversi test in cui i risultati dei team misti sono stati al di sotto della media rispetto a quelli composti da soli uomini. Entrando nel dettaglio, come si legge nel report, “All-male 0311 (rifleman) infantry squads had better accuracy compared to gender-integrated squads. There was a notable difference between genders for every individual weapons system (i.e. M4, M27, and M203) within the 0311 squads, except for the probability of hit & near miss with the M4” (Le squadre di fanteria “tutti uomini” hanno avuto una migliore accuratezza paragonata a quelle miste. C’è stata una notevole differenza tra generi nell’utilizzo di ogni sistema d’arma individuale eccetto nella probabilità di “colpito e mancato” con l’M4). E ancora “All-male infantry crew-served weapons teams engaged targets quicker and registered more hits on target as compared to gender-integrated infantry crew-served weapons teams, with the exception of M2 accuracy” (Tutti i team di soli uomini hanno ingaggiato i bersagli più velocemente e con maggior precisione rispetto a quelli misti fatta eccezione per la precisione con l’M2) e infine “All-male squads, teams and crews and gender-integrated squads, teams, and crews had a noticeable difference in their performance of the basic combat tasks of negotiating obstacles and evacuating casualties. For example, when negotiating the wall obstacle, male Marines threw their packs to the top of the wall, whereas female Marines required regular assistance in getting their packs to the top. During casualty evacuation assessments, there were notable differences in execution times between all-male and gender-integrated groups, except in the case where teams conducted a casualty evacuation as a one-Marine fireman’s carry of another (in which case it was most often a male Marine who “evacuated” the casualty)” (Ci sono state sensibili differenze tra i vari team composti da soli uomini o misti nella performance delle regole base del combattimento, affrontare gli ostacoli o evacuare i feriti […]). Il reportage dell’USMC dice anche che le donne soldato, rispetto agli uomini, hanno riportato un più alto tasso di ferite durante i test di combattimento.

Insomma, al netto della pregiudiziale di genere, qui qualcosa non quadra: se davvero uomini e donne devono far fronte agli stessi standard per entrare nelle Forze Armate teoricamente dovrebbero ottenere risultati simili nei vari test come quello effettuato dai Marines, e teoricamente dovrebbero essere in grado di guidare un carro così come un uomo, invece a quanto pare esistono dei limiti psico-fisici che differenziano l’uomo dalla donna e che vanno ad inficiare il livello di certe unità combattenti tanto che l’Esercito Israeliano ha deciso di precludere alle donne alcuni compiti operativi. A quanto pare il problema non è solo nella selezione (che dovrebbe essere più dura) come emerso anche da diversi studi approfonditi anche italiani (citiamo le parole di un volontario: “Io sono stato abituato a lavorare in un modo diverso. Quando vedi che non devi lavorare, o devi fare le cose piano, a me dà fastidio. Io mi devo muovere e se non mi muovo sono morto. Qui invece vedi ancora le ragazze che dopo tre mesi hanno ancora paura dell’arma; ci vorrebbe un corso più duro, specifico per loro”) ma anche un problema “di genere”, ovvero che, volenti o nolenti, una donna è diversa da un uomo e quindi non può assolvere certi compiti allo stesso modo di un uomo per delle precise limitazioni fisiche. In Italia c’è ancora chi sostiene che queste limitazioni fisiche verranno azzerate col tempo, ovvero una volta che l’addestramento mirato assesterà e appianerà le divergenze, ma se guardiamo a cosa succede da altre parti dove esiste una più lunga tradizione di donne soldato nelle FFAA bisogna ammettere che dopotutto anche il più duro degli addestramenti (come quello dei Marines) non può sopperire a delle limitazioni psicofisiche di genere.

Vittorio Sasso
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: freethinker - Agosto 11, 2017, 07:27:36 am
Gira e rigira, la sostanza è sempre la stessa: in situazioni di combattimento le donne non sono un aiuto ma un peso per i propri commilitoni uomini, i quali sanno benissimo di avere qualcuno da accudire, piuttosto che qualcuno su cui poter contare. :doh:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: bluerosso - Agosto 21, 2017, 22:40:01 pm
Notizia un po’ datata. Ma in tema…

http://www.lastampa.it/2016/11/15/multimedia/esteri/morta-yu-xu-la-prima-top-gun-cinese-donne-deboli-lavoro-non-adatto-cfdVpPifMBlhLT4Eg00jaN/pagina.html

(http://www.secoloditalia.it/files/2016/11/yu-xu-670x274.jpg)


Morta Yu Xu la prima top gun cinese, “donne deboli, lavoro non adatto”

Nel fine settimana è stata tra le notizie più rilanciate dai media cinesi, mentre su Sina Weibo, il Twitter locale, è stata la ricerca principale in assoluto tra dolore, dubbi e critiche sulla «abilità femminile in un lavoro da maschi»: Yu Xu, capitano con il sogno da astronauta e prima donna a pilotare i jet J-10, è morta sabato in un incidente nel corso di un’esibizione aerea nella provincia di Hebei.
A 30 anni, la «top gun» della People’s Liberation Army ha perso il controllo del suo J-10 lanciandosi con il paracadute, tranciato dall’ala di un altro velivolo durante la dimostrazione in formazione stretta.
Il co-pilota, nella ricostruzione fatta dai media è riuscito a salvarsi, così come l’altro jet coinvolto nell’incidente, atterrato senza problemi.
Yu, tra le componenti di punta del battaglione acrobatico «Primo Agosto» tanto da sfrecciare su piazza Tiananmen per il National Day del Primo ottobre del 2009, si era esibita a inizio mese con la sua squadra all’11/mo Airshow China di Zhuhai, nel Guandong, esprimendo il suo grande entusiasmo per il nuovo super jet «invisibile» J-20, ultima generazione tutta «made in China».
Nata nel 1986 a Chongzhou, provincia di Sichuan, Yu era un modello dell’ottava generazione di donne pilota, tra le quattro in tutto il Paese capace di pilotare i jet sviluppati in Cina.
Una «perdita tremenda», secondo il ministero della Difesa.
Eppure, sul web si sono moltiplicate le speculazioni sulle cause dell’incidente, ancora oggetto di ricostruzione, e se il lavoro di top gun sia «un business da uomo».

Se molte donne hanno ammesso di «essere state ispirate» dal coraggio di Yu per la lotta alla parità di genere, in rete si sono moltiplicati gli stereotipi sulla «debolezza psico-fisica delle donne», tale da impedire la capacità di risposta adeguata di fronte alle difficoltà.

A cura di Ugo Leo





Da notare la struttura del linguaggio propagandistico.
Le modalità di confezionamento di questi “capolavori di giornalismo” son sempre le stesse.
Si fabbrica il lupo (i misogini del Web) senza darne prova d’esistenza (bastava uno screenshot), per poi inneggiare a cappuccetto rosso.
Semplicemente devi fidarti. Te lo dice Ugo Leo.

“molte donne hanno ammesso di «essere state ispirate» dal coraggio di Yu per la lotta alla parità di genere”
Chi sono?...Quante? Dove?
Lascia fare… Fidati. Te lo dice Ugo Leo.

La finalità del pezzo è quello di portare il lettore la dove deve essere portato.
Prendere coscienza del faticoso e vigliaccamente contrastato percorso verso la salvifica affermazione della donna per il progresso planetario.
Fidati. Te lo dice Ugo Leo.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Sardus_Pater - Agosto 21, 2017, 23:08:45 pm
Da quello che ho letto qua e là negli ultimi anni, quello propagandato dall'esimio Ugo Leo NON è l'esatto modo in cui ragiona la stragrande maggioranza delle donne cinesi.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: ilmarmocchio - Agosto 22, 2017, 08:52:21 am
non ho problemi a dirlo :
la donna in divisa è un pesce fuor d'acqua
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: bluerosso - Agosto 22, 2017, 09:35:34 am
non ho problemi a dirlo :
la donna in divisa è un pesce fuor d'acqua

Si.

Ed è pure un pesce pericoloso.....Come il pesce siluro del PO.

Dio non voglia che un giorno si debba misurarne gli effetti :muro:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: bluerosso - Agosto 25, 2017, 12:38:12 pm
Trovato in rete questo:

https://miliwoman.com/


Praticamente è una carrellata di svariate centinaia, se non migliaia, di immagini di soldatesse (soldate?) di tutte le forze armate planetarie organizzate per singoli paesi (si...si...c'è anche l'Italia  :sleep: )

Per non far inorridire i visitatori sono state scrupolosamente evitate le foto di soldatesse cadaveri, ferite in combattimento,  dilaniate da schegge di mortaio, fucilate o torturate in seguito a cattura da parte del nemico in eroiche azioni di spionaggio....

Mancano anche quelle in cui riportano dietro la linea del fuoco colleghi uomini feriti o cadaveri....


Non mancano però i sorrisi.

Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Agosto 25, 2017, 16:04:22 pm
Alla prima guerra vedrete che sorrisi: quelli dell'esercito senza soldatesse vincitore.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Agosto 25, 2017, 18:21:27 pm
A me piacerebbe molto vederle in uno sbarco tipo questo:
http://www.vogliadifrancia.it/wp-content/uploads/2014/01/p019_1_1.jpg

Ovviamente da sole, senza avere il culo parato dai soldati di sesso maschile.
Insomma, una bella guerra "maschi vs femmine".
Son sicuro che certi bollori femminili andrebbero a farsi friggere in un nanosecondo, perché, improvvisamente, capirebbero la differenza che passa tra le vaginate femministe e la nuda e cruda realtà.
Peccato che non accadrà mai, perché gli stessi uomini non lo permetteranno mai.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Abietto94 - Agosto 29, 2017, 22:00:54 pm
Da notare la struttura del linguaggio propagandistico.
Le modalità di confezionamento di questi “capolavori di giornalismo” son sempre le stesse.
Si fabbrica il lupo (i misogini del Web) senza darne prova d’esistenza (bastava uno screenshot), per poi inneggiare a cappuccetto rosso.
Semplicemente devi fidarti. Te lo dice Ugo Leo.

“molte donne hanno ammesso di «essere state ispirate» dal coraggio di Yu per la lotta alla parità di genere”
Chi sono?...Quante? Dove?
Lascia fare… Fidati. Te lo dice Ugo Leo.

La finalità del pezzo è quello di portare il lettore la dove deve essere portato.
Prendere coscienza del faticoso e vigliaccamente contrastato percorso verso la salvifica affermazione della donna per il progresso planetario.
Fidati. Te lo dice Ugo Leo.

Non è la prima volta che mi capita di leggere articoli scritti a questa maniera, da quello che ho capito è una prassi per i giornalisti.

Comunque a parte questo chi riesce a guadagnare danaro legalmente distorcendo e manipolando la realtà gode di una posizione invidiabile.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: joani - Dicembre 06, 2017, 17:07:10 pm
io penso che questa ubriacatura di violenza guerrafondaia da parte delle femmine che smaniano di sparare e uccidere sia in gran parte mossa e provocata dal cinema e dai media (irrimediabilmente assorbiti al verbo femminista / progressista ) non c'e atticetta che non veda sublimarsi la propria femminilità in qualche action move con strage e mattanza di maschi che "ovviamente" sono sempre quelli che alla fine ci devono mettere la "pelle"  e incredibile ma sono convinto che queste improbabili guerriere si accostano al mondo militare completamente  "perse" in questo paradigma come se la realta di una guerra vera sia riconducibile al copione di kill bill o wonder woman e che la prospettiva di poter dover uccidere x mestiere e grandemente alleviata moralmente dal fatto probabilistico che se mai succedesse sara un "odiato" maschio che ammazzeranno  agendo comodamente su closche o pulsanti i risvolti che sottendono questa prospettiva secondo me sono eccezzionalmente gravi non solo x il mondo militare  perché da parte loro i nemici sono sempre solo i maschi altro che patria e onore bisogna assolutamente reagire
gli esiti dei test fatti nei vari eserciti "seri" all'inizio di questo post hanno tutti una mancanza di fondo
come si comportano le donne soldato se sanno che dall'altra parte c'e un'altra donna come reagirebbero se i bersagli davanti ai loro mirini mostrassero una carrellata di bei faccini femminili se si introducessero varianti di corsi di arti marziali focalizzati sul corpo femminile anziché su quello maschile ecc ecc 
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Gennaio 25, 2018, 21:33:27 pm
http://formiche.net/2018/01/14/ecco-quante-sono-e-cosa-fanno-le-donne-nelle-forze-armate-italiane/

Citazione
Ecco quante sono e cosa fanno le donne nelle Forze armate italiane
Le donne militari sono un moltiplicatore di forza e di efficacia.
L'intervento di Isabella Rauti, giornalista e scrittrice, ufficiale dell’Esercito

Era il 1963 quando fu presentata la prima delle numerose proposte di legge per l’istituzione del servizio militare volontario femminile nelle Forze armate dello Stato. L’iter legislativo fu lungo e accidentato e vale la pena ricordare la fase sperimentale del 1992, con le prime “donne soldato” nell’Esercito italiano (caserma dei “Lancieri di Montebello” a Roma), un campione di 29 ragazze che svolgevano le normali attività militari di addestramento. Si aggiunse poi il ruolo decisivo svolto, nella promozione dell’arruolamento volontario femminile e nell’accesso alle carriere nelle Forze armate, dall’Associazione nazionale aspiranti donne soldato (Anados) nata nel 1995. Nel gennaio 1997 il disegno di legge delega e poi, finalmente, nel 2000 le donne entrano nelle Forze armate (legge 20 ottobre 1999, n. 380, “Delega al governo per l’istituzione del servizio militare volontario femminile”).

I decreti legislativi per disciplinare il reclutamento, la formazione e l’addestramento, lo stato giuridico e l’avanzamento del personale militare femminile hanno seguito criteri e principi di pari opportunità uomo-donna, nonché la normativa vigente per il personale dipendente delle pubbliche amministrazioni in materia di maternità e paternità. Il più era fatto! I primi bandi di concorso per il reclutamento nelle accademie militari dell’Esercito, Marina e Aeronautica (pubblicati sulla Gazzetta ufficiale del 4 gennaio 2000) ebbero un esito sorprendente con un’adesione femminile, superiore al 50% delle domande presentate.

Il reclutamento delle donne ha coinciso con la fase attuativa del rinnovato modello di difesa – elaborato secondo i nuovi compiti previsti negli scenari operativi – con l’aumento delle missioni internazionali e le attività di peace keeping. L’Italia colmava inoltre una lacuna, rispetto agli altri Paesi europei e Nato che da tempo avevano impegnato il personale femminile. E benché l’italia sia stata tra le ultime nazioni ad aprire il reclutamento alle donne, ha guadagnato velocemente una posizione avanzata rispetto ad altri Paesi europei.

Secondo i dati più aggiornati (dicembre 2016), il personale militare femminile in servizio nelle quattro Forze armate nazionali è così rappresentato: 5.991 (6,30%) nell’Esercito; 1.246 (3,10%) nell’Aeronautica; 2.041 (5,20%) nella Marina (compresa la Guardia costiera); 2.569 (2,47%) nell’Arma dei Carabinieri.

La presenza femminile rappresenta ormai la “normalità” in ogni attività militare, sia in ambito nazionale sia nei teatri operativi internazionali. La componente femminile, impegnata nelle operazioni di peace keeping e peace building, rappresenta, in particolare, una risorsa fondamentale nell’interazione con la popolazione civile locale e, di conseguenza, nel perseguimento delle finalità delle missioni nei teatri operativi e degli scopi di cooperazione civile-militare. Le donne militari, in ambito nazionale e nelle operazioni internazionali, contribuiscono alla sicurezza, sono un moltiplicatore di forza e di efficacia nella ricostruzione, nei processi di stabilizzazione e nel mantenimento della pace.

Articolo pubblicato sull’ultimo numero di Airpress


Citazione
I decreti legislativi per disciplinare il reclutamento, la formazione e l’addestramento, lo stato giuridico e l’avanzamento del personale militare femminile hanno seguito criteri e principi di pari opportunità uomo-donna,

Ma certo, come no: "pari opportunità uomo-donna".
Infatti gli standard fisici a misura di femmina seguono proprio il principio delle c.d. "pari opportunità "...
Per non parlare di tutto il resto.


Citazione
Le donne militari sono un moltiplicatore di forza e di efficacia.

Capito?
Le militaresse sono "un moltiplicatore di forza e di efficacia ".
Insomma, come ti descrivo il mondo alla rovescia.
Queste complessate hanno veramente la faccia come il culo.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Alberto1986 - Gennaio 25, 2018, 21:47:34 pm
Io voglio vedere battaglioni di sole femminucce mandate in prima linea in zone calde del mondo, con lo zaino tattico pieno sulle spalle, in ogni condizione atmosferica e con l'AR 70/90 tra le mani, e non chiuse in un comodo ufficio ad impartire ordini, stando belle comode dietro ad un pc col culo su una morbida sedia. Le voglio vedere correre, arrampicarsi, scontrarsi e destreggiarsi sul campo di battaglia mentre arrivano proiettili da tutte le parti, completamente sole. Non ci deve essere neanche un solo uomo ad aiutarle nè a parare loro il culo. Voglio vederla, poi, dove starà la "moltiplicazione di forza ed efficacia".  :doh:

Citazione
Ecco quante sono e cosa fanno le donne nelle Forze armate italiane

Questo fanno:  :baby: Con i pseudo-requisiti sempre più ridicoli con le quali le fanno accedere (ora hanno pure eliminato l'altezza, per la gioia delle melanzane complessate di un metro e 50), altro non possono fare se non ingraziarsi i loro superiori a suon di pompini: https://www.questionemaschile.org/forum/index.php/topic,14746.msg172341.html#msg172341
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Febbraio 19, 2018, 00:49:34 am
Articolo scritto da un maschietto.

http://www.difesaonline.it/mondo-militare/jegertroppen-le-cacciatrici-le-forze-speciali-femminili-della-norvegia

Citazione
Jegertroppen, le "cacciatrici": le forze speciali femminili della Norvegia
(di Paolo Palumbo)
14/02/18

Un gelido vento spazza le pendici di una collina innevata, mentre una fila di soldati in mimetica invernale arranca con le ciaspole ai piedi per raggiungere una piccola abitazione isolata. I loro movimenti sono lenti e appesantiti a causa dello zaino caricato sulla schiena, insieme all’arma e ad altre attrezzature utili per affrontare le rigide temperature invernali. Non appena il drappello si ferma sotto un riparo protetto dal vento, alcuni iniziano a levarsi i passamontagna termici e gli elmetti dai quali escono lunghe chiome bionde o brune: non sono, infatti, uomini nerboruti imprecanti per lo sforzo, bensì donne appartenenti all’unico reparto di forze speciali femminili, le norvegesi Jegertroppen.

Carattere norvegese

La Norvegia, insieme ad Israele, è una delle poche nazioni al mondo a mantenere una componente femminile tra le truppe destinate al combattimento, anche se solo una minima percentuale presta realmente servizio nelle unità di prima linea.

I test ai quali sono sottoposti i militari di leva norvegesi non sono agevoli e nel reclutamento femminile sono state riscontrare alcune difficoltà “fisiche” a prima vista insuperabili. Lo stesso discorso vale per l’arruolamento nelle unità speciali dove l’eventuale ingresso delle donne – vedi il caso del SAS britannico – ha posto seri interrogativi su come modellare il processo formativo rispetto le loro particolari esigenze.

Malgrado i norvegesi abbiano una forma mentis molto aperta alle novità, le differenze tra i due sessi permangono, ma non per questo devono precludere alle donne d’intraprendere strade più impegnative nelle forze armate. Elisabeth Braw, giornalista di Foreign Affairs, ha mostrato l’impaccio di molti operatori norvegesi in Afghanistan quando erano obbligati ad interagire con delle donne. “In Afghanistan, one of our big challenges was that we would enter houses and not be able to speak to the women,” racconta il capitano Ole Vidar Krogsaeter, ufficiale del Forsvarets Spesialkommand e responsabile del progetto, “In urban warfare, you have to be able to interact with women as well. Adding female soldiers was an operational need”1.

Gli scenari operativi sono cambiati e il ruolo delle donne nelle Forze Speciali potrebbe trovare una collocazione più sensata con nuovi compiti, dato che il loro impiego in azioni più rischiose è ancora tabù nella maggioranza degli eserciti dell’Alleanza Atlantica. Le prove di selezione per accedere nelle Jegertroppen, nate nel 2014, non hanno nulla da invidiare ai test attitudinali ai quali vengono sottoposti gli uomini e solo una bassa percentuale di candidate riesce a fregiarsi del brevetto di “Cacciatrice”. Su 713 aspiranti che si sono presentate al cancello del centro di reclutamento, appena 88 hanno raggiunto l’obiettivo finale. Ovviamente gli standard valutativi sono diversi, sebbene la percentuale di attrito tra le reclute donne sia simile a quella dei reparti maschili. Si tratta comunque di agevolazioni che, se viste con attenzione, presentano discrepanze minime rispetto i programmi ufficiali: le ragazze devono superare una corsa di 4 miglia con un carico di circa 28 kg (rispetto i 40 kg previsti) in 52 minuti, appena tre minuti in meno dei 49 prescritti ai maschi. Il direttore del progetto Jegertroppen ha infine notato come, lungo il percorso, la compagine femminile sviluppi un senso di solidarietà superiore a quello degli uomini e che proprio questo sia l’elemento utile a far superare tutte le difficoltà.

Le ragazze norvegesi (tutte tra i 19 e i 27 anni) si addestrano in piccoli team di due operatrici; esse eccellono nelle sessioni di tiro e – specifica il capitano Vidar – dimostrano particolari attitudini nella raccolta di informazioni e ricognizione.

Il colonello Frode Kristoffersen, comandante delle Forze Speciali norvegesi, ha sottolineato come il ruolo delle Jegertroppen sia destinato a crescere in relazione alle nuove esigenze operative sorte in Afghanistan o in Iraq.

Riprendendo per un attimo il discorso iniziale, il mutamento dei teatri bellici e le politiche di “Counterinsurgency” hanno amplificato il tradizionale ruolo delle Forze Speciali quali primi fattori interagenti con le popolazioni locali, e questo assume una particolare importanza soprattutto in Paesi dove la presenza di donne è rilevante. In quest’ottica la formazione delle “Cacciatrici Norvegesi” offre un valore aggiunto per le donne desiderose di appartenere alle Forze Speciali. Una volta appagato il desiderio di acquisizione di capacità di combattimento simili a quelle degli uomini, si abbinerebbe così una competenza dove le donne rappresenterebbero un sicuro valore aggiunto.

La Norvegia, insieme ad altri Paesi del nord Europa, si è schierata contro lo Stato Islamico e attualmente le unità del Forsvarets Spesialkommando collaborano attivamente alla sua sconfitta. Le Jegertroppen non sono state schierate ma il comandante Kristoffersen ritiene utile che l’unità rimanga in patria per affinare l’addestramento in vista di futuri possibili interventi.

 
1 Elisabeth Braw, Norway’s “Hunter Troop”, in Foreign Affairs, February 8, 2016, URL: https://www.foreignaffairs.com/articles/norway/2016-02-08/norways-hunter...

@@


Dunque, Paolo Palumbo scrive che:
Citazione
Le prove di selezione per accedere nelle Jegertroppen, nate nel 2014, non hanno nulla da invidiare ai test attitudinali ai quali vengono sottoposti gli uomini

Benissimo.
Poi aggiunge che:
Citazione
. Ovviamente gli standard valutativi sono diversi, sebbene la percentuale di attrito tra le reclute donne sia simile a quella dei reparti maschili. Si tratta comunque di agevolazioni che, se viste con attenzione, presentano discrepanze minime rispetto i programmi ufficiali: le ragazze devono superare una corsa di 4 miglia con un carico di circa 28 kg (rispetto i 40 kg previsti) in 52 minuti, appena tre minuti in meno dei 49 prescritti ai maschi.

Eccezionale.
Una logica impeccabile.  :doh:
Ed altrettanto eccezionale è l'affermazione secondo cui le discrepanze sarebbero minime.
Dodici chili in meno e tre minuti in più sarebbero una "discrepanza minima?"
Correre scarichi o con 12 kg di zavorra non è mica la stessa cosa.
La differenza in rapporto è la stessa.


Ma altrettanto eccezionale è quest'altra affermazione.

Citazione
Il direttore del progetto Jegertroppen ha infine notato come, lungo il percorso, la compagine femminile sviluppi un senso di solidarietà superiore a quello degli uomini e che proprio questo sia l’elemento utile a far superare tutte le difficoltà.

Ormai siamo al delirio più totale.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Sardus_Pater - Febbraio 22, 2018, 12:19:02 pm
Frank, hai dimenticato di sottolineare questo illuminante passaggio:

Citazione
La Norvegia, insieme ad altri Paesi del nord Europa, si è schierata contro lo Stato Islamico e attualmente le unità del Forsvarets Spesialkommando collaborano attivamente alla sua sconfitta. Le Jegertroppen non sono state schierate ma il comandante Kristoffersen ritiene utile che l’unità rimanga in patria per affinare l’addestramento in vista di futuri possibili interventi.

C.V.D. :cool:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: doppler effect - Febbraio 22, 2018, 17:05:47 pm
La differenza prestazionale tra uomini e donne è all'incirca il 10%, basta vedere gli attuali record del mondo.
Prendiamo la gara regina di velocità, i 100 m, la differenza è circa un secondo (10%).
Prendiamo la gara regina di resistenza, la maratona, la differenza è inferiore del 10%.

Nel nostro esempio le ragazze avrebbero dovuto portare uno zaino di 36Kg.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Febbraio 22, 2018, 20:35:22 pm
Frank, hai dimenticato di sottolineare questo illuminante passaggio:

C.V.D. :cool:

A me quello che sconcerta è il silenzio maschile, nonché l'incapacità dei nostri simili di parlare chiaro in faccia a questa massa di complessate moderne.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 22, 2018, 12:57:38 pm
http://www.ilgiornale.it/news/mondo/presta-giuramento-col-pupazzo-dinosauro-sergente-licenziata-1517787.html?mobile_detect=false

Citazione
Presta giuramento col pupazzo di un dinosauro: sergente licenziata

Nel Tennessee, un sergente presta giuramento con in mano il pupazzo di un dinosauro: licenziati lei e il colonnello che l'ha permesso
Francesca Bernasconi - Ven, 20/04/2018 - 18:38


Negli Stati Uniti, precisamente in Tennessee, un colonnello della Guardia Nazionale è stato degradato e poi mandato in pensione per aver permesso a un sottufficiale di prestare giuramento in modo irrispettoso, tenendo in mano il pupazzo di un dinosauro, durante la sua cerimonia di ri-arruolamento.

Nei giorni scorsi, il video del giuramento è stato condiviso su Facebook, sulla pagina dell'Air Force Forum, e ha creato disagio e indignazione. Diverse le persone che ritengono tale comportamento una grave mancanza di rispetto verso la sacralità del giuramento militare. Nel video, infatti, si vede il sergente maggiore Robin Brown che, ripetendo le frasi suggeritegli dal colonnello Terry M. Haston, presta giuramento. Ma sulla mano della donna spunta un pupazzo di dinosauro, che sembra parlare al posto del sergente.

Come conseguenza del comportamento, il colonnello è stato degradato al grado di tenente colonnello e, successivamente, tolto dal servizio. A Terry M. Haston viene rimproverato, oltre al fatto di aver permesso lo svolgersi di tale cerimonia, anche il fatto di non aver alzato a sua volta la mano destra, come prevede il regolamento, e la lettura delle frasi da un foglio, senza saperle a memoria.

Il sottufficiale Brown, che ha prestato giuramento, è stata invece rimossa dal suo incarico all’ufficio delle pubbliche relazioni del comando del Tennessee e verrà sottoposta ad ulteriori sanzioni disciplinari.

A renderlo noto è stato un post di Facebook della Tennessee National Guard, che si è dichiarata "sconvolta" nel suo complesso, in quanto "tiene il giuramento di arruolamento nella massima stima perché quel giuramento indica l'impegno di ogni membro del servizio a difendere il nostro stato, la nazione e le libertà di cui tutti godiamo". Pertanto, aggiunge che "non prendere questo giuramento solennemente e con il massimo rispetto è fermamente contrario alle tradizioni e alla santità della nostra famiglia militare e non sarà tollerato".



Citazione
Commenti
Ritratto di RobertoBello

RobertoBello
Ven, 20/04/2018 - 19:58

Condivido le misure contro colonnello e sergente. Mi chiedo e rifletto: un sergente maschio avrebbe mai fatto quello che ha fatto questa femmina? gli sarebbe mai venuto in mente? e, ancora, gli sarebbe stato permesso o sarebbe stato mandato a calci nel sedere? ancora rifletto: ma come è successo che un "lavoro" prettamente maschile come il militare si sia aperto anche alle femmine?


PaolodC
Ven, 20/04/2018 - 21:27

Forse sono gli effetti della cannabis, molto usata da quelle parti. L'America si sta lentamente suicidando.

Ritratto di Nahum

Nahum
Sab, 21/04/2018 - 06:32

Hanno mandato via anche il comandante, dei veri idioti ...

pisopepe
Sab, 21/04/2018 - 07:47

AMERICANI NON DICO ALTRO

Ritratto di venividi

venividi
Sab, 21/04/2018 - 14:37

Perché veri idioti, Nahum, 06:32? Hanno fatto benissimo, lui è responsabile e avrebbe dovuto buttare fuori la signora a calci, invece ha fatti il "moderno" e sorrideva pure. Ma per piacere.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Agosto 12, 2018, 02:26:48 am
Ci fosse un giornalista, che sia uno, capace di buttar giù ragionamenti sensati.
Niente di niente, il vuoto assoluto.
Ogni volta che ci son di mezzo delle femmine gli va in cortocircuito il cervello.
Purtroppo questi sono gli ometti leccaculo con i quali ci tocca avere a che fare.

http://www.ilgiornale.it/news/politica/marina-donna-guidare-i-marines-24-anni-fa-marciare-plotone-1563899.html

Citazione
Marina, la prima donna a guidare i Marines. A 24 anni fa marciare un plotone di uomini
Addestrata per le missioni più pericolose, porterà l'unità in prima linea

Fausto Biloslavo - Sab, 11/08/2018 - 09:15
commenta
«Voglio guidare un plotone, far parte di un gruppo dove ognuno sia pronto a morire per l'altro», era il «sogno» della giovane tenente Marina A.



Hierl. E uno dei più gloriosi corpi al mondo l'ha accontentata, rompendo l'ultimo tabù. L'ufficiale di 24 anni è la prima donna al comando di un'unità da combattimento dei Marines. Pronta a lanciarsi all'inferno con il suo reparto, il Terzo plotone della compagnia Echo composto interamente da uomini.

Mimetica impolverata e zuppa di sudore, capelli castani sempre raccolti o al massimo con una piccola coda, Marina Hierl è il vero «soldato» Jane del celebre film con Demi Moore. Nessuna donna, anche se ci hanno provato, è riuscita a entrare nei corpi speciali, come i Navy Seal. Il tenente Hierl ha fatto di meglio: non è semplicemente inquadrata in un reparto dei Marines, ma lo comanda e lo porterà in prima linea.

Nelle forze armate americane le donne sono il 15%, ma solo dal 2013 si è aperto il varco per guidare degli uomini in battaglia. Fra i 184.473 Marines ci sono già 15.885 donne, ma nessuna, fino ad ora, ha mai comandato un reparto combat sul terreno. Un tenente colonello donna ha la responsabilità di un battaglione del genio, ma difficilmente lo porterà all'assalto contro i talebani in Afghanistan oppure contro i resti dello Stato islamico in Iraq o Siria. Il tenente Hierl, invece, è stata addestrata proprio per questo. Trentasette donne hanno partecipato al durissimo corso per ufficiali dei Marines di 13 settimane a Quantico. Solo due sono arrivate alla fine. E Hierl è stata la prescelta per rompere il tabù del comando in prima linea.

Nelle poche foto che la ritraggono si cala lungo una fune con uno zaino pesante ed i capelli tagliati corti, oppure dirige il tiro di sbarramento del suo plotone, o ancora marcia con lo stesso equipaggiamento impossibile degli uomini. Non si si vede mai chiaramente in viso per evitare qualche brutto scherzo dei terroristi.

Il New York Times l'ha seguita in Australia con il suo reparto durante un periodo addestrativo di sei mesi. Hierl è schiva e non ama la notorietà. La tenente dei Marines è cresciuta occupandosi di cavalli in una fattoria della Pennsylvania, ma diceva sempre che voleva «fare qualcosa di importante nella vita». I Marines sono un mito e hanno sempre bisogno di ragazzi giovani e motivati pronti a morire. Hierl, affascinata dai racconti dei reclutatori, si è lanciata nell'avventura.


Gli uomini del Terzo plotone, sul primo momento, erano scettici. Poi hanno dovuto marciare nel deserto sotto il suo comando. I rudi militari hanno avuto difficoltà a starle al passo. In Australia si è lanciata contro due bunker in un assalto simulato (ma in cui si sparava veramente) con una grinta che non ha niente da invidiare agli uomini. «Nel frastuono del fuoco abbandona il carattere riservato e il tono soft urlando gli ordini con un piglio deciso, che non lascia dubbi su chi sia al comando», ha scritto di lei il quotidiano newyorchese. La prima a svegliarsi e a controllare che la batteria di copertura dei mortai non sbagli il tiro colpendo i suoi uomini si è conquistata il rispetto del plotone. Il caporale Kai Segura, portavoce ufficioso del reparto, non ha dubbi: «È una di noi».

Il 4° Marines, che per la prima volta nella storia ha un comandante combat donna, è stato impiegato sui fronti più sanguinosi in Iraq e Afghanistan. La vera prova del fuoco del tenente Hierl sarà la prossima guerra, dove la vita o la morte degli uomini del Terzo plotone dipenderà da lei.

www.gliocchidellaguerra.it


Bene, pure i marines sono arrivati alla frutta, in nome del politicamente corretto femminista.


Citazione
E Hierl è stata la prescelta per rompere il tabù del comando in prima linea

"Rompere il tabù"...
Le donne son veramente la malattia mentale del decadente Occidente.

1- Non sta né in cielo né in terra che una donna possa guidare un battaglione di uomini.

2- Le donne, da sole, non sanno creare una beneamata mazza, tantomeno degli eserciti.
Sanno soltanto parassitare ogni ambito maschile, grazie all'infinita compiacenza maschile.




Citazione
La vera prova del fuoco del tenente Hierl sarà la prossima guerra,

Bene, attendo "con ansia" quel giorno.
Sarebbe veramente interessante vedere delle "rambo" in gonnella in prima linea.
Così, tanto per verificare la differenza che passa tra la realtà e le puttanate mediatiche...

@@


ps:
Citazione
agosvac
Sab, 11/08/2018 - 14:13
"nessuna donna era mai riuscita a fare parte dei corpi speciali come i Navy Seals", non mi sembra che i "marines" siano i "navy seals".
...
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Agosto 12, 2018, 02:35:33 am
E' l'autoaffondamento dell'Occidente. Già nello US Army sono ammessi trans, satanisti e compagnia cantando. Nella Legione Straniera, il cui livello operativo è molto sceso, i mussulmani rivendicano una dieta speciale (halal e senza maiale) e non si esercitano di venerdì.
Intanto Cina e Russia affilano le armi, senza contare l'India che pure ha un esercito temibile. Forse presto esporteranno la loro "democrazia"...
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Agosto 12, 2018, 02:37:27 am

Citazione
Donne soldato in prima linea? Meglio di no, ecco perchè
forze armate donne soldato

Roma, 9 ago – Quello delle donne soldato nelle Forze Armate è un argomento che divide sia l’opinione pubblica sia gli esperti del settore: assodato che le donne con le stellette sono una presenza più o meno fissa, sebbene con compiti nel tempo diversi, a partire dalla Seconda Guerra Mondiale un po’ in tutti gli eserciti, ultimamente sono stati ri-sollevati alcuni dubbi in merito al loro utilizzo in ruoli combattenti di prima linea, occasione data dalla dichiarazione del Presidente Trump che in una serie di Tweet ha affermato “Dopo aver consultato i generali e gli esperti militari, siete avvisati che il governo degli Stati Uniti non accetterà né permetterà che individui transgender servano in alcuna unità dell’esercito. Il nostro esercito deve essere concentrato su vittorie schiaccianti e decisive e non può sostenere il tremendo costo medico e il disagio che i trangender nell’esercito comportebbero. Grazie.”

Prima di addentrarci nella questione vera e propria diamo uno sguardo a cosa succede in giro per il mondo. In Inghilterra ha destato polemica nel 2014 la volontà di rivedere la politica di impiego delle donne in armi entro il 2018 dando loro l’opportunità di avere esattamente lo stesso trattamento riservato agli uomini e quindi di essere schierate in prima linea in “close with and kill the enemy”. Sino ad oggi infatti nell’Esercito Inglese alle donne viene preclusa la possibilità di prestare servizio in corpi di fanteria o corazzati dove potrebbero essere coinvolte in scontri ravvicinati col nemico. Per fare un esempio: sì alle donne pilota, nella logistica, trasporti, artiglieria, sulle navi, perfino sui sottomarini ma nessuna donna in corpi speciali o in quei reggimenti destinati a compiti di prima linea. Ed in Israele, così spesso preso a modello di “integrazione di genere” in ambito militare? Beh innanzitutto bisogna sfatare un mito: se è vero che le donne israeliane devono fare il servizio militare così come gli uomini (sebbene della durata di 24 mesi a fronte dei 32 dei maschi), queste sino al 2000 venivano esclusivamente impiegate in ruoli marginali e non in combattimento. In quell’anno infatti è stato istituito il primo battaglione misto (chiamato Karacal) e così le donne hanno potuto accedere al 92% delle specialità e ruoli combattenti della IDF. Ed il restante 8%? Qui arriva la prima sorpresa, propedeutica alla trattazione vera e propria di questo articolo. Dopo vari test ed esperimenti sul campo l’Esercito Israeliano ha stabilito che le donne non potranno prestare servizio sui carri armati (che in israele è praticamente un corpo di élite) perché la maggior parte di loro non ha i requisiti fisici necessari. Avete capito bene, praticamente in quel di Tel Aviv hanno dimostrato una volta per tutte il vecchio adagio che dice “donna al volante…”, beh finitelo voi… Scherzi a parte, la motivazione dell’IDF per questa decisione è ben più seria e fondata: i medici dell’esercito israeliano hanno esaminato con dei test i carichi di lavoro per chi opera nei carri armati e hanno stabilito che integrare le soldatesse negli equipaggi sarebbe per loro dannoso. I test hanno dato risultati non soddisfacenti specialmente per quanto riguarda due ruoli che richiedono un notevole sforzo fisico: quello del pilota e quello del “loader”, che deve caricare le munizioni. Un ex ufficiale dell’esercito, Yoram Epstein, ha detto che “il tentativo di preparare le donne oltre i loro limiti fisici per il combattimento sul fronte, solo in nome dell’eguaglianza, potrebbe compromettere un ampio numero di soldatesse solo per trovare quella in grado di sostenere il carico di lavoro”.

Gli americani invece, che da qualche anno hanno cominciato a dare alle donne soldato compiti di prima linea, sono andati oltre e nel 2013 hanno fatto uno studio sull’efficienza dei battaglioni misti in combattimento rispetto a quelli composti da soli uomini, ed i risultati sono stati… scontati. I Marines hanno infatti effettuato diversi test in cui i risultati dei team misti sono stati al di sotto della media rispetto a quelli composti da soli uomini. Entrando nel dettaglio, come si legge nel report, “All-male 0311 (rifleman) infantry squads had better accuracy compared to gender-integrated squads. There was a notable difference between genders for every individual weapons system (i.e. M4, M27, and M203) within the 0311 squads, except for the probability of hit & near miss with the M4” (Le squadre di fanteria “tutti uomini” hanno avuto una migliore accuratezza paragonata a quelle miste. C’è stata una notevole differenza tra generi nell’utilizzo di ogni sistema d’arma individuale eccetto nella probabilità di “colpito e mancato” con l’M4). E ancora “All-male infantry crew-served weapons teams engaged targets quicker and registered more hits on target as compared to gender-integrated infantry crew-served weapons teams, with the exception of M2 accuracy” (Tutti i team di soli uomini hanno ingaggiato i bersagli più velocemente e con maggior precisione rispetto a quelli misti fatta eccezione per la precisione con l’M2) e infine “All-male squads, teams and crews and gender-integrated squads, teams, and crews had a noticeable difference in their performance of the basic combat tasks of negotiating obstacles and evacuating casualties. For example, when negotiating the wall obstacle, male Marines threw their packs to the top of the wall, whereas female Marines required regular assistance in getting their packs to the top. During casualty evacuation assessments, there were notable differences in execution times between all-male and gender-integrated groups, except in the case where teams conducted a casualty evacuation as a one-Marine fireman’s carry of another (in which case it was most often a male Marine who “evacuated” the casualty)” (Ci sono state sensibili differenze tra i vari team composti da soli uomini o misti nella performance delle regole base del combattimento, affrontare gli ostacoli o evacuare i feriti […]). Il reportage dell’USMC dice anche che le donne soldato, rispetto agli uomini, hanno riportato un più alto tasso di ferite durante i test di combattimento.

Insomma, al netto della pregiudiziale di genere, qui qualcosa non quadra: se davvero uomini e donne devono far fronte agli stessi standard per entrare nelle Forze Armate teoricamente dovrebbero ottenere risultati simili nei vari test come quello effettuato dai Marines, e teoricamente dovrebbero essere in grado di guidare un carro così come un uomo, invece a quanto pare esistono dei limiti psico-fisici che differenziano l’uomo dalla donna e che vanno ad inficiare il livello di certe unità combattenti tanto che l’Esercito Israeliano ha deciso di precludere alle donne alcuni compiti operativi. A quanto pare il problema non è solo nella selezione (che dovrebbe essere più dura) come emerso anche da diversi studi approfonditi anche italiani (citiamo le parole di un volontario: “Io sono stato abituato a lavorare in un modo diverso. Quando vedi che non devi lavorare, o devi fare le cose piano, a me dà fastidio. Io mi devo muovere e se non mi muovo sono morto. Qui invece vedi ancora le ragazze che dopo tre mesi hanno ancora paura dell’arma; ci vorrebbe un corso più duro, specifico per loro”) ma anche un problema “di genere”, ovvero che, volenti o nolenti, una donna è diversa da un uomo e quindi non può assolvere certi compiti allo stesso modo di un uomo per delle precise limitazioni fisiche. In Italia c’è ancora chi sostiene che queste limitazioni fisiche verranno azzerate col tempo, ovvero una volta che l’addestramento mirato assesterà e appianerà le divergenze, ma se guardiamo a cosa succede da altre parti dove esiste una più lunga tradizione di donne soldato nelle FFAA bisogna ammettere che dopotutto anche il più duro degli addestramenti (come quello dei Marines) non può sopperire a delle limitazioni psicofisiche di genere.

Vittorio Sasso
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Agosto 12, 2018, 02:49:23 am
E' l'autoaffondamento dell'Occidente. Già nello US Army sono ammessi trans, satanisti e compagnia cantando. Nella Legione Straniera, il cui livello operativo è molto sceso, i mussulmani rivendicano una dieta speciale (halal e senza maiale) e non si esercitano di venerdì.
Intanto Cina e Russia affilano le armi, senza contare l'India che pure ha un esercito temibile. Forse presto esporteranno la loro "democrazia"...

Inoltre, anche se negli articoli non lo evidenziano, le prove fisiche non son le stesse tra maschi e femmine...
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Agosto 12, 2018, 02:53:56 am
Vabbe', tanto si sa che fanno le guerre per perderle onde sostenere l'industria militare.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Agosto 12, 2018, 03:01:09 am
Questo è quanto scrissi nel marzo 2016, riguardo alle prove fisiche richieste per entrare in polizia (in Italia).

Citazione
Frank
WikiQM
Storico
***
 
Re:Alfano: spero che il prossimo capo della polizia sia donna
« Reply #6 on: March 05, 2016, 14:49:23 PM »
Quote
Ho degli aggiornamenti, ricevuti poco fa.
Dunque, ci sono state alcune modifiche, sia per quanto riguarda il salto in alto che la corsa.
Cinque anni fa i tempi erano i seguenti.
Salto in alto:
uomini 110cm
donne 90cm

Corsa 1000m:
uomini 4'15"
donne 4'45"

Oggi, anno 2016.
Salto in alto:
uomini 115cm
donne 100cm

Corsa 1000m:
uomini 4'05"
donne 5'05"
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Agosto 12, 2018, 03:23:13 am
E' "discriminazione sessista", se per fare il poliziotto basta saltare 100 cm perché non ammettere anche gli uomini con quei criteri? O le donne hanno qualche speciale qualità per cui possono anche saltare di meno?
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Agosto 12, 2018, 03:30:37 am
E' "discriminazione sessista", se per fare il poliziotto basta saltare 100 cm perché non ammettere anche gli uomini con quei criteri? O le donne hanno qualche speciale qualità per cui possono anche saltare di meno?


Con queste "logiche" capita soventemente che degli uomini vengano esclusi in favore di donne.
Ossia, ci sono uomini che non riescono a superare le prove fisiche maschili; ma che nonostante ciò risultano essere migliori delle migliori donne... che infatti non devono superare le prove fisiche maschili, bensì quelle femminili.
Le chiamano "pari opportunità".

@@

Questo pezzo l'avevo già postato in passato.


Citazione
«Promemoria del concorso 1600 Allievi Agenti 2010/11 della polizia di
stato. Il promemoria riguarda le prove psicoattitudinali svoltesi nel
mese di Luglio 2011. Ogni giornata prevedeva un gruppo di 60 persone
circa, questo resoconto quindi tiene conto dall’esperienza personale di
uno solo di questi gruppi, pur rimanendo identiche le modalità e tempi
di svolgimento.

1. Prove di efficienza fisica differenziate tra uomini e donne: La prova
di corsa è risultata alquanto dubbia, in quanto gran parte delle donne
mostravano una manifesta impreparazione atletica, constatabile anche
visivamente a causa della forma fisica sicuramente non rientrante nei
canoni del peso forma.

Molte di loro, pur dovendo affrontare la prova dei 1000m piani in 4’45” a
differenza dei colleghi uomini che avevano in limite in 4’15”, non hanno tenuto
sicuramente un passo idoneo per il superamento della prova. Nessuna di
loro è risultata non idonea alla prova, considerando che solo una decina
di candidate hanno dimostrato una preparazione idonea. Molte delle
suddette, si sono anche permesse di insultare i candidati maschili
mentre osservavano le prove, in quanto alle donne era stato concesso di
partire per prime, in previsione del fatto che la prova si sarebbe poi
prolungata nelle ore più calde della giornata.(E’ da considerare che chi
aveva già sostenuto la prova poteva osservare le altre batterie della
corsa stando seduto sotto un gazebo all’ombra attrezzato per
l’occasione). Si potrebbe anche ragionare sul fatto che la migliore
delle candidate femminili non sarebbe rientrata nel tempo minimo dei
candidati maschili, in quanto classificatasi prima con 4’18”.
Il salto in alto ha visto scartati 3 uomini e 0 donne. Altezza prevista per le donne 90cm.
Altezza prevista per gli uomini 110cm. Per chi è un minimo esperto del settore,
capirà come 20 cm possano fare la differenza in uno sport di questo tipo.

Per quanto riguarda le prove di forza invece, sollevamento alla sbarra e
piegamenti, risultano un mistero in quanto le prove femminili si sono
“tenute esclusivamente a porte chiuse”, a differenza di quelle maschili
ovviamente di pubblico dominio.

A prescindere dal fatto che ritengo che sostenere una prova sotto lo
sguardo di un pubblico che ti osserva sia completamente diverso dal
sostenerlo in separata sede al riparo da sguardi “indaganti” magari di
un sesso opposto al nostro. Mi sembra obbligatorio riportare per
ammissione di alcune candidate stesse, che le donne sono state agevolate
nell’espletamento delle prove di forza.

1. Gli esaminatori aiutavano le donne sostenendole sui fianchi durante i
sollevamenti alla sbarra, ed era loro concesso lo stacco con slancio
da terra per effettuare la prima trazione. (Donne 2 trazioni per
superamento. Uomini 5 trazioni per superamento)
2. Gli esaminatori contavano con estrema
sufficienza il numero massimo di piegamenti alle donne.
(10 flessioni per le donne. 15 flessioni per gli uomini).
Prove di accertamento fisico:
Anche qui la disparità di trattamento è emersa violentemente fin dai
primi momenti, in quanto alle candidate ci si riferiva con “donne” ai
candidati con l’appellativo di “maschietti”. Le dottoresse che poi
esaminavano gli aspiranti per la valutazione medica generale della
vista, peso altezza, patologie generali, erano definite dalle candidate
stesse “acide”. Si dimostravano infatti scortesi ed arroganti, prive del
tutto di tatto e professionalità. Va considerato inoltre che alle donne
chiaramente è stata concessa una commissione medica del tutto
femminile, mentre agli uomini una commissione mista composta per lo più
dalla commissione femminile con l’aggiunta di un collega maschile.»


Il bello è che per le complessatissime femminucce femministe e i loro servi di sesso maschile, evidenziare ciò è sinonimo di "sessismo", "maschilismo", misoginia" e quant' altro (nonché un tentavo di "riportare le donne davanti ai fornelli", bla bla bla...).

Ormai i dati di fatto si chiamano così.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Agosto 12, 2018, 09:49:02 am
http://www.dailymail.co.uk/news/article-367755/Men-rough-train-Army-tells-women.html

Citazione
Men are too rough to train with, Army tells women
By ANDREW WILKS, Mail on Sunday

Last updated at 09:48 06 November 2005


Should women train alongside men in the Army? Tell us below
The Army is abandoning mixed-sex training units because too many female recruits are getting injured trying to keep up with their male counterparts.

From next April, women will be placed in their own platoons and although the training regime will remain the same, it will be conducted at a pace 'sustainable and commensurate with their physical profile'.

Army chiefs hope the changes will greatly reduce drop-out rates among women after research showed female recruits are up to nine times more likely than men to be discharged through a training-related injury.

Dr James Bilzon, the Army Training and Recruitment Agency's senior scientific adviser, found that women are getting hurt as they try to match men in arduous drills and marches wearing full combat gear.

His research showed that, in general, women are less able to cope with the sudden introduction to the exhausting exercise regime demanded by the Army.

The most common complaints are stress fractures to the shin and thigh bones, and pelvic injuries caused by attempting to keep up with the longer stride patterns of men.

'Men are stronger and more robust and it's silly to pretend otherwise'

Dr Bilzon said: "There is a high incidence of training-induced overuse injuries and associated medical discharges among trainees with lower levels of aerobic fitness, particularly females."

He added: "Female recruits are three-to-four times more likely than males to be medically discharged with a training injury, a figure which may be as high as nine times in some training units."

The changes will end a decade of mixed platoons and are a rebuff to modernisers who insisted women soldiers should be treated equally.

Confirming the move away from mixed-sex training, Colonel David Eccles, Chief of Staff at the Army Training and Recruitment Agency, said: "From spring 2006 all initial training for the British Army will be organised along the lines of single-sex platoons at the Army Training Regiment at Pirbright."

Colonel Bob Stewart, who was awarded the Distinguished Service Order for his service in Bosnia in the early Nineties, said it was "hardly surprising" the Army could not train men and women together.

"Men are stronger and more robust and it's silly to pretend otherwise. It seems that at last the Army has woken up to the fact that women are different - something blatantly obvious to anyone," he added.

The Adult Learning Inspectorate, which assesses training standards for youngsters, had urged a rethink of the Army's 'gender-free' policy.

It found that shin bone fractures in women had risen from 12.6 per 10,000 personnel to 231.2 since the introduction of mixed-sex training, while all injuries among women rose from 467 to 1,113 per 10,000. Women currently serve alongside men in all aspects of Army life apart from infantry and tank units and last year 815 women enlisted.

Should women train alongside men in the Army? Tell us here




Citazione
Gli uomini sono troppo duri per addentrarcisi insieme, l’Esercito racconta le donne.

L’Esercito sta abbandonando le unità di addestramento a sesso misto, perché troppe reclute femminili si stanno ferendo cercando di stare al passo con le loro controparti maschili
Dal prossimo aprile, le donne saranno posizionate nelle loro proprie pattuglie (plotoni) e, sebbene il regime dell’addestramento rimarrà il medesimo, sarà condotto ad un ritmo “sostenibile e commisurato con il loro profilo fisico”

Il capo dell’esercito spera che i cambiamenti ridurranno fortemente il tasso del ritiro tra le donne dopo che le ricerche hanno mostrato che le reclute femminili sono sopra di nove volte rispetto agli uomini nell’ essere congedate a causa delle lesioni collegata all’addestramento.

Il Dr James Bilzon, consulente scientifico senior del tirocinio nell’Esercito e dell’Agenzia di Reclutamento, ha scoperto che le donne si feriscono quando provano a confrontarsi con gli uomini nelle ardue esercitazioni e quando marciano indossando la completa attrezzatura da combattimento.
Le sue ricerche mostrano che, in generale, le donne sono meno capaci ad affrontare l’improvviso inserimento nel regime di estenuante esercizio richiesto dall’Esercito.

I più comuni disagi sono fratture da sforzo agli stinchi e al femore, e ferite pelviche causate dai tentativi di stare al passo con gli schemi di marcia (passo) più lunghi degli uomini.

Gli uomini sono più forti e più robusti ed è stupido pretendere altrimenti.

Il dr Bilzon ha affermato: “c’è una alta incidenza di lesioni dovute ad un eccesso di allenamento e conseguenti congedi medici tra i tirocinanti con livelli più bassi di esercizio aerobico, in particolare donne”.

Egli ha aggiunto: “Le reclute donne hanno tre o quattro probabilità in più rispetto agli uomini di avere congedi medici a causa di lesioni dovute all’addestramento, una cifra che forse può essere più alta fino a nove volte in alcune unità di addestramento.

I cambiamenti metteranno fine ad un decennio di plotoni misti e sono un rifiuto nei confronti dei modernizzatori che insistono sul fatto che le donne soldato dovrebbero essere trattate allo stesso modo.

Confermando l’allontanamento dall’addestramento misto, il Colonnello David Eccles, Capo dello Staff all’Agenzia dell’Addestramento e del Reclutamento dell’Esercito, ha detto: “dalla primavera del 2006 tutti gli addestramenti iniziali per l’Esercito Britannico saranno organizzati secondo le linee di plotoni di un solo sesso, nel Reggimento di addestramento militare a Pirbright".

Il Colonello Bob Stewart, che fu premiato con un distintivo per la distinzione in servizio per il suo servizio prestato in Bosnia, nei primi anni 90, disse che questo è stato “ difficilmente sorprendente” l’Esercito non potrebbe addestrare uomini e donne insieme.

“Gli uomini sono più forti e più robusti ed è stupido pretendere altrimenti. Sembra che al limite, l’Esercito si sia svegliato sul fatto che le donne sono differenti – una cosa così sfacciatamente ovvia a chiunque” ha aggiunto.

L’Ispettorato della Cultura per Adulti (?), che valuta gli standard di addestramento per i giovani, ha raccomandato un ripensamento della linea politica del “gender - free” (libero – genere) dell’Esercito.

Esso ha scoperto che le fratture degli stinchi nelle donne sono aumentate da 12.6 ogni 10.000 truppe a 231.2, dalla introduzione degli addestramenti misti, mentre tutte le lesioni sulle donne sono aumentate da 467 a 1.113 ogni 10.000.

Le donne adesso prestano servizio militare accanto agli uomini in tutti gli aspetti della vita nell’Esercito a parte rispetto alla fanteria e ai carristi e lo scorso anno si sono arruolate 815 donne.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Agosto 12, 2018, 13:36:53 pm
Bene, ora le faranno tutte generali così non si strapazzeranno troppo.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Settembre 09, 2018, 17:13:01 pm
Alé... ci risiamo

https://www.nonsolomarescialli.it/sopravvissute-il-programma-di-raitre-inizia-dal-caporal-maggiore-vittima-di-molestie/


@@

Parole scritte da Rino Barnart molti anni fa e pubblicate su uomini3000.

Citazione
Se alle femmine interessasse il servizio militare avrebbero chiesto (e quindi ottenuto) la costituzione di due diverse sezioni dell'esercito, perfettamente separate dalla base al vertice. Ipotesi però mai ventilata in nessun paese dell’Occidente. Come mai?

Hanno preteso di entrare negli eserciti esistenti imponendo la promiscuità per ragioni che hanno a che vedere direttamente con il loro potere sugli uomini (sessuale ed etico/legale), in questo caso per procedere anche là all’erosione dell'autonomia maschile con la demolizione della loro separazione psicoemotiva.

Lo scopo – esplicitato nella letteratura femminista ma non ancora annunciato alle grandi masse, per evidenti ragioni – consiste nella distruzione dei c.d. “ambiti riservati maschili”, quei luoghi nei quali la relazione tra gli uomini è limpida e pulita, nella quale godono della libertà morale (e perciò interiore ed esteriore) in quanto liberi dalla seduzione femminile e dall’intimidazione che deriva dalla paura dei ricatti e delle denunce.

Quella promiscuità (voluta) è esattamente il terreno sul quale germinano non solo discriminazioni, molestie e stupri veri (ma, elevata la denuncia, come possono esservene di falsi?), ma soprattutto quelli inventati.  Quelle offese, previste e scontate,  non sono effetti collaterali, sbavature inattese, ma uno degli scopi di quella imposizione.  Rappresentano infatti una fonte insostituibile (e inesauribile) di carburante per il men-pushing e costituiscono (insieme a quelli scolastici e nel mondo del lavoro) una minaccia contro la pulsione maschile al mantenimento della propria autonomia emotiva e perciò morale sul piano universale.

Servono per schiacciare l’intero genere maschile con la colpa, la vergogna e la paura.

"Discriminazioni", "molestie" e "stupri" in ambito militare fanno parte del bottino che il femminismo raccoglie da quella promiscuità voluta precisamente con questo scopo. Una razzia praticata tanto in guerra che in pace, indifferentemente.

Quei delitti “accadranno” anche nel neo-promiscuo esercito Italiano. Basta attendere.

Perché tutto questo? Perché anche le donne sono cattive.

Certo, c’è chi la pensa diversamente.

R. B.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Settembre 09, 2018, 17:44:36 pm
Citazione
per procedere anche là all’erosione dell'autonomia maschile con la demolizione della loro separazione psicoemotiva.

Lo scopo – esplicitato nella letteratura femminista ma non ancora annunciato alle grandi masse, per evidenti ragioni – consiste nella distruzione dei c.d. “ambiti riservati maschili”,
Grande Rino. Oggi non sono solo le donne a invadere gli spazi maschili. Un altro mezzo dell'ingegneria sociale per distruggere l'Occidente.
In ogni società stabile ci sono ambiti separati per uomini e donne. Già negli anni '30 Margaret Mead scoprì che la separazione dei sessi aumenta la differenziazione ("polarità") sessuale, e migliora la qualità delle relazioni tra uomini e donne.
Al contrario, la scuola mista, la promiscuità in ogni contesto come la parità a ogni costo in ambiti tipicamente maschili (esercito, scienze, programmazione) "neutralizzano" i sessi e creano apatia e confusione.

Si noti che gli uomini vengono colpevolizzati per avere (ancora) propri spazi ma non viceversa: gli hotel, i vagoini ferroviari, i parcheggi e le opzioni preferenziali per donne imperversano.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Ottobre 22, 2018, 19:51:13 pm
Queste sono le prove fisiche che i Marines devono superare ogni anno, suddivise in fasce di età.
Sono previsti circa 800 metri di corsa, il sollevamento delle cassette munizioni e il movimento sotto il fuoco.
Praticamente il più vecchio degli uomini deve avere prestazioni fisiche superiori anche a quelle delle femmine più
giovani.
Nel caso del sollevamento delle cassette delle munizioni, anche più del doppio.



https://www.thebalancecareers.com/marine-corps-combat-fitness-test-3354359

Citazione
Marine Corps Combat Fitness Test
Combat fitness standards are high in the Marine Corps
Marines pullups
•••
BY STEW SMITH  Updated April 12, 2018
Regardless of age, rank or MOS (military occupational specialty), Marines must keep themselves fit and ready to perform their mission.  If you want to become a member of the United States Marine Corps, you will need to be able to master several fitness tests. 

For instance, in order to join the Marine Corps, you will first take the Initial Strength Test (IST) as a recruit before boot camp which is a test consisting of pull-ups, crunches, and a 1.5 mile timed run.

 

Annual Physical Fitness Tests in the Marine Corps
Every year, Marines have to take two physical fitness tests:  the USMC PFT (pull-ups, crunches, three-mile run) and the Combat Fitness Test (CFT) which is broken down into three categories of testing:  An 880 yard run in boots and pants, ammo can lifts, and a maneuver under fire.

This job-related test is designed to simulate many of the tasks that a Marine in a combat zone should be able to perform.  Along with USMC obstacle courses, the combat fitness test is considered a functional training and testing program.

Marine Corps Physical Fitness Test Requirements
All Marines have to perform a predetermined number of pull-ups, push-ups, crunches and a three-mile run. The specific numbers and times depend on the Marine's age.

Marine Corps Body Fat Standards
Like other branches of the U.S. military, the Marines factor not just weight but body fat percentage when assessing physical fitness.

The numbers are based on height and age, and measurements of neck and waist circumference.

Marine Corps Combat Fitness Test
The CFT consists of three events: an 880-yard run, ammo can lifts, and maneuver under fire:

880 yard run: Run for 880 yards while wearing boots and camouflage uniform (pants and t-shirt).

Ammo can lifts: Lift a 30-pound ammo can from the ground, over their heads as many times as they can in two minutes.

Maneuver under fire: Move through a 300-yard course, and perform designated tasks, in the time limit authorized. The tasks include:

Move in a quick scurry for 10 yards, then a high crawl for another 15 yards.
Drag a casualty for 10 yards, while zigzagging through several cones. Then lift the casualty and carry him/her at a run for 65 yards.(drag and fireman carry)
Carry two 30-pound ammo cans for 75 yards, while zigzagging through a series of cones.
Toss a dummy grenade 22 1/2 yards and land it in a marked target circle.
Perform five push-ups, pick up the two 30-pound cans and sprint to the finish line.
The Marines have made it more difficult to maximize the points throughout all the age groups. For instance, the number of reps needed to achieve max points in the ammo can lifts have doubled in the latest iteration of the test.

Marines have to score over 100-120+ to get max points depending on age in the eight age groups.

The current Maximum requirements to pass the Marines combat fitness test are:

Combat Fitness Test Requirements

Males
Age   880 Yard Run   Ammo Can Lifts   Maneuver Under Fire
17-20   3:48   45   3:29
21-25           
26-30   4:00   45   3:55
31-35           
36-40           
41-45   4:19   44   3:57
46-50   4:30   43   4:28
51+           
Females
Age   880 Yard Run   Ammo Can Lifts   Maneuver Under Fire
17-20   4:34   20   4:57
21-25           
26-30           
31-35   4:40   21   5:27
36-40           
41-45   5:09   17   6:07
46-50           
51+5:20  15   6:30
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: CLUBBER - Ottobre 22, 2018, 23:22:21 pm
Queste sono le prove fisiche che i Marines devono superare ogni anno, suddivise in fasce di età.
Sono previsti circa 800 metri di corsa, il sollevamento delle cassette munizioni e il movimento sotto il fuoco.
Praticamente il più vecchio degli uomini deve avere prestazioni fisiche superiori anche a quelle delle femmine più
giovani.
Nel caso del sollevamento delle cassette delle munizioni, anche più del doppio.



https://www.thebalancecareers.com/marine-corps-combat-fitness-test-3354359
pagate uguali,requisiti e rendimento inferiori....bella e comoda la vita in rosa...
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: CLUBBER - Ottobre 22, 2018, 23:28:00 pm

ottimo video da parte di questo anonimo youtuber.
consiglio questo canale"MGTOW ITALIA" anche per gli altri video,il proprietario del canale è molto in linea con le mie idee sulla questione maschile.
Non va escluso che il sopracitato abbia bazzicato il forum in passato(anche se penso di no).
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Angelo - Ottobre 23, 2018, 00:12:24 am

ottimo video da parte di questo anonimo youtuber.
consiglio questo canale"MGTOW ITALIA" anche per gli altri video,il proprietario del canale è molto in linea con le mie idee sulla questione maschile.
Non va escluso che il sopracitato abbia bazzicato il forum in passato(anche se penso di no).

Sono così tanti "i figli illegittimi" del forum che non posso far altro che esser contento. 15 anni fa avreste pensato lo stesso?
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Novembre 10, 2018, 20:39:41 pm
https://www.ilprimatonazionale.it/approfondimenti/il-capo-di-stato-maggiore-vecciarelli-difendere-i-confini-non-e-piu-necessario-96415/

Citazione
Il capo di Stato maggiore Vecciarelli: “Difendere i confini non è più necessario”
Di Giorgio Nigra - 10 novembre 2018577 0
Roma, 10 nov – Abbasso i confini, viva la libertà di muoversi. Sono queste gli agghiaccianti concetti espressi dal nuovo capo di stato maggiore della Difesa, Enzo Vecciarelli, che in occasione della presentazione del volume 1948-2018 I Carabinieri negli anni della Costituzione, ha dichiarato: “Dobbiamo collaborare con tutti gli altri Paesi affinché le situazioni d’instabilità siano ridotte il più possibile. Noi non siamo schierati da una parte e dell’altra ma da quella di chi vuole sicurezza e stabilità. Oggi non è più necessario difendere i confini, quella che va difesa è la libertà di tutti i cittadini, di muoversi e di fare impresa”. Non male, come dichiarazione, a pochi giorni di distanza dal centenario della vittoria italiana nella Grande guerra, occasione in cui quei confini furono tracciati col sacrificio di milioni di italiani.

I confini non vanno più difesi: è questa l’ideologia che permea i nuovi vertici delle forze armate? Sembrerebbe di sì, se è vero che, a quanto riporta l’Ansa, Vecciarelli ha anche affermato: “Bisogna ricordare a tutti che la libertà, la democrazia, il vivere civile non sono gratis. Serve il lavoro, la fatica e anche il sangue” di chi ogni giorno dedica la vita al proprio paese. Ci troviamo in un momento in cui, ha spiegato il generale, “assistiamo al ritorno sulla scena di nazionalismi e il rafforzarsi di potenze nucleari”, un “mondo alla rovescia” rispetto a quanto immaginato dopo la seconda guerra mondiale con la nascita dell’Onu. Sarà, ma a noi il “mondo alla rovescia” sembra quello in cui i generali parlano come gli attivisti dell’estrema sinistra.

Ma sembra difficile attendersi una presa di posizione forte da parte del ministero della Difesa, in questo senso. Elisabetta Trenta, presente anch’essa alla presentazione del libro, dopo aver garantito che dai tagli alla Difesa previsti dalla manovra, circa 500 milioni di euro, “non deriverà assolutamente alcun pericolo per la sicurezza”, ha ricordato che “esiste un piano di assunzioni nelle forze armate perché è necessario rinnovare, il personale invecchia”. Per poi spiegare: “Prima o poi avremo una donna generale e questa è una certezza. Nel futuro le donne saranno sempre più pienamente integrate nelle forze armate. Le donne hanno una maggiore sensibilità utilissima nelle missioni di pace e riescono ad essere soprattutto un elemento di risoluzione dei conflitti. Abbiamo bravissime soldatesse”.

Insomma, un vero progetto di svirilizzazione delle forze armate (in cui, a scanso di equivoci, le donne hanno il diritto di fare tutta la carriera che meritano, ma non certo perché sono più sensibili, dato che, per quanto le si chiami ipocritamente “missioni di pace”, sempre la guerra finiranno per dover fare). Insomma, dopo la polemica sul video promozionale che sembra sia stato censurato perché troppo “combat”, altri colpi simbolici vengono assestati all’onore del nostro esercito. Ma come si possa essere “sovranisti” senza tutelare il principale strumento della nostra sovranità, non è affatto chiaro.

Giorgio Nigrai


Enzo Vecciarelli

Citazione
“Difendere i confini non è più necessario”

Pazzesco.


Elisabetta Trenta

Citazione
“Prima o poi avremo una donna generale e questa è una certezza. Nel futuro le donne saranno sempre più pienamente integrate nelle forze armate. Le donne hanno una maggiore sensibilità utilissima nelle missioni di pace e riescono ad essere soprattutto un elemento di risoluzione dei conflitti. Abbiamo bravissime soldatesse”.

Non commento, ché è meglio.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Dicembre 15, 2018, 16:58:48 pm
https://www.conservatives.org.au/male_army_recruits_forced_to_serve_double_the_minimum_time_as_women?fbclid=IwAR0G3nlDVBzVZPnkQgDg1wyPTISgq-Wyz-jOcG7RUcBMLBylu8ciw8AaYlg

Citazione
Double discrimination
APRIL 26, 2018
Male army recruits are forced to serve double the minimum time as women after becoming a combat soldier and Australian Conservatives member and Iraq war veteran Bernard Gaynor says, 'It's discrimination against men'.

Australian Conservatives leader Senator Cory Bernardi says he, "welcomes party members calling out discrimination and hypocrisy in all their forms within our institutions".

The Daily Mail reports an Australian Defence Force job advertisement for combat soldiers requires men to put in twice the minimum effort of women.

The $61,400 a year position for a frontline Army infantry soldier states that males would need to commit four years as part of an initial period of service.

However, women would only be required to dedicate two years.

Mr Gaynor, says the Australian Defence Force is discriminating against men for ideological purposes.

'This discrimination is occurring ironically at the direction of the Australian Human Rights Commission,' he said.

Australian Defence Association executive director Neil James, who served in Iraq, was baffled as to why men would have to serve double the minimum period.

'It sounds unusual,' he said.

'It could be a mistake. I can't understand why they'd be different.'

An infantry soldier based in the New South Wales Hunter Valley told an Army Facebook page women were allowed to pass less stringent physical tests than men.

'With speed and aggression being the key, a female or male soldier who cannot move shoot and communicate with the section becomes a liability and degrades our ability to kill the enemy,' he said.

The Australian Defence Force's job advertisement said the Army was searching for a combat soldier capable of being able to 'seek out and close with the enemy, to kill or capture him, to seize and hold ground, repel attack, by day or by night, regardless of season weather or terrain'.

Under the rules of the minimum period of service, men can leave at any time after doing four years of their initial minimum period of service, compared with two for women, provided they didn't owe any return of service obligation.

To read Stephen Johnson's full article click here.

Meanwhile, Senator Bernardi says he remains concerned that women are allowed to serve on the front line in combat roles.

This is the Senator’s reasoning behind the position:



Citazione
Australian Conservatives
Pubblicato il 18 mar 2018

Senator Cory Bernardi tackles the political correctness that lead to the government removing a clause allowing the armed forces to deem that some exercises were not suitable for women. He contrasts why the clause is being removed regarding women in the military, but not in elite sport.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Gennaio 04, 2019, 02:09:54 am
https://yourawesomeindia.com/2018/12/feminism-indian-army/?fbclid=IwAR3suAr-MbI7XKk8xpjPh_9ZYPnpf2ZjJwDR0kkvJv1ZsA4zeiU4wmbFLUY

Citazione
Feminism and the Indian Army
Feminism, War / By B V Rudhraya
30 December 2018 | 7 minute read

In the previous part, we explored feminism and its silence on war. If the average reader is not yet convinced that feminists being silent on imperial war is an issue, then it is something to dwell on, to park, as its linkage may become apparent with time.  There are other issues that do require our attention.

In mid-December, the Indian army’s General Rawat spoke to CNN-News18, and was asked regarding women in combat roles in the Indian armed forces.  He responded that women are already in combat roles such as mining and demining, manning air defences, and several other tasks (including women fighter pilots).  He also clarified that the country may not be currently ready to have women commanders specifically in front-line combat.  One initial reason given was that most of the common soldiers (jawans) were men from villages, and they may not be ready to be led by a female commander on the front-line.  In addition, a “peeping tom” issue was prevalent not just on the front-lines, but away from it.  He also asked the interviewer what she felt regarding the practicality and fairness of restricting women commanders from getting pregnant during their front-line combat tenure.  At several points, General Rawat stressed that it is not that the army is not ready overall, but rather that it may take time to work these things out for front-line combat. On the face of it, these do seem like somewhat sensible responses, until we consider how feminists in the media responded.

In fairness to the News18 team, they too concurred that the logistics of allowing women into front-line combat are currently overwhelming and need time to be worked out.  In addition, not only did the team acknowledge that the Indian army is largely a “peasant army” but the situation where female front-line officers are taken as POWs would become very precarious to deal with. Further, they mentioned that there was no need to get outraged, but rather to have a serious debate.  On this point, perhaps the news channel could have done the public a service with some of the research that is presented here.

Unfortunately, the responses on twitter and in articles by feminists tells quite another story of the triggered reactions we have become accustomed to. Here is a sample: “chauvinistic, illogical and factually untenable”, “infantilising women”, “exposed his regressive mind-set”, “tends to normalise privacy intrusion of women”, “Like sexual harassment & pregnancy are a design flaw in women!! Regressive BS.”, “tragic for us Indian women that the men are also aware that women have no guarantee of safety anywhere”, “But at least the (Navy) chief conveyed that the navy has no prejudice against women”, etc.

One article (“Dear Bipin Rawat, Let’s Talk About Strong Women”) indicated that the writer may not have watched the interview at all, as she misquoted his statements, using standard issue feminist jargon: “…Rawat didn’t limit himself to women in the army, but included all women in his assessment that they’re unfit to handle challenging or conflict situations…”.

Let us examine whether General Rawat’s concerns were reasonable, regardless of whether his comments came across as not sufficiently woman-friendly for Indian feminists and the Delhi Lutyens liberals who pounced on him.  Here is a sampling of key risks that have been highlighted in western armed forces, all worth a read to get a broader view:

Lower battle readiness due to higher female delinquency
Increased stress on men to compensate for physical limitations of women
Decreased unit cohesion due to sexual jealousies and envy
Higher sexual abuse rates compounding already high rates in non-combat roles
Added dimension of rape risks during capture leading to compromised battle information
Greater risks taken to save captured women combatants vs. male combatants, with accompanying public and media pressure
Long term woman’s disabilities including infertility risk at higher rates than men
Incapability to provide women’s friendly accommodation on the front-line
Reduced combat capabilities and lower unit efficiency (“’No one pretends allowing women onto the front line enhances the army’s capabilities”)
Deliberate abuse of maternity benefits to avoid combat (“mecca for single moms”)
Political correctness and poor advocacy already impacting units
Children raised without mothers
It is important to note that these are observations by female front-line and infantry soldiers, from the assumed “progressive” western armed forces!  Let us stop for a moment and admit: perhaps General Rawat was actually being not just sensible but polite!  These points do not even cover the well-known issue of returning veterans having PTSD and significantly higher suicide rates.  Except here it will be our brave women potentially coming home with life-long disabilities and mental disorders, with accompanying impact on their families and children.  Will sloganeering reassure these returning women soldiers and their families if this happens?

In the future, we may also have to face the issue of suppression of inconvenient data due to political considerations, something the Obama administration has been accused of already. These do not sound like good decisions.  National and border security is not a place where one should welcome just about any voice.

With the sinking of the “unsinkable” Norwegian frigate in 2016, a lot of questions were raised, one being the sheer incompetence of the mostly female crew.  The exact reasons for why the ship sank may have had more to do with the ship design itself, but the reviews of the communications and procedures among the crew indicated “incomprehensible errors” and “making them look like amateurs”.  Since male crews are also known to make errors, this cannot by itself be taken as the only factor.  This incident should, however, indicate to the feminists than even in progressive Scandinavia, such questions are still raised about overall combat readiness and capabilities of women.  It is not simply a “regressive Indian attitude”.

Finally, it is known that during World War 2, women took part in front-line combat.  This needs to be understood in the right context. When much of central and eastern Europe was looking like a killing field, old and young women, along with boys and girls were forced to defend their nation for civilizational survival reasons.  There are also a lot of inspiring examples of women leading men into battle in India going back an entire millennia as it faced multiple invasions.  But that is quite another matter when comparing it to peace-time operations, and hopefully no nation will face scenarios such as this.  The Israeli scenario is also not comparable, as we do not have compulsory military service nor the same circumstances.

What is to stop this unfortunate habit of leading feminists and their desire to apply gender equality to every sphere?  As many of these voices enjoy lucrative careers in the media and NGOs, the likelihood of their own daughters being placed in such situation is quite negligible and comes with little risk.  This gender equality will instead be imposed on village or working class women who are more likely to join the armed forces.  So far, we have yet to see them provide an honest assessment, backed by data and interviews of women in the military, that might suggest that we listen to their views at all.

But let these sane voices of progressiveness not despair! More relatively innocuous testing grounds are available.  Perhaps these voices could try having an all female crew separate brawling men at urban nightclubs, or even replace some of the Indian kabbadi team with women and see whether it enhances performance and improves morale.  To truly win public support, the feminists could go further by having Navjot Sidhu arm-twist Prime Minister Imran Khan into having all women Pakistani combat units on their front-line.

Humour aside, let us agree that perhaps General Rawat didn’t couch his statements in the politically correct language that feminists would like society to use, but this cannot be the point, and it goes beyond the General’s statements. It needs to be emphasized that soldiers are recruited among the best available in terms of performance and effectiveness for national defence, not some liberal philosophical ideal. Will the feminists and Lutyens media liberals admit that they were wrong?  Keep in mind, not only has India had women leaders and heads of state, but also has a woman as the current Defence Minister.  We have already seen the deadly silence on imperial war, and here we see more outcry in reverse.  These type of views reflect not only poor research and objectivity, but will also  endanger the lives of women and men, as well as impact national security.  This is plain irresponsible.

 

References:

Can’t Give Women Combat Roles, There Will be Ruckus When Maternity Leave is Denied: Army Chief Bipin Rawat, Shreya Dhoundial | CNN-News18 15 December, 2018

Army Chief Gen Rawat Says The Army Is Not Ready To Have Women In The Frontline | CNN-News18

‘An embarrassment for the country’: Twitter reacts to army chief Bipin Rawat’s sexist comments, 16 December 2018, Scroll.in

Women in Combat: The Navy Chief Spoke Sense but the Army Chief Did Not, Ghazala Wahab, 21 December 2018, thewire.in

Dear Bipin Rawat, Let’s Talk About Strong Women, Tanya Jha, 17 December, 2018

So When Are Women Joining the NFL?, Jessie Jane Duff, U.S.M.C. (ret.), Time Magazine, 30 January, 2013

There’s A Big Unknown About Putting The Female Body In Combat, Paul Szoldrafeb, Business Insider, 4 February, 2013

Women in combat put men at risk, Kathleen Parker, Chicago Tribune, 12 December 2015

Former British Army commander says having women in the army ‘will cost lives on the battlefield’, Harriet Agerholm, The Independent,10 July 2016

Don’t Put Women in Combat, Says Female Combat Veteran, Katie J.M. Baker, Jezebel, 5 July 2012

Norwegian warship accident raises questions on women in armed forces, theweek.in, 20 November 2018

Gender Politics And The Sinking Of The KNM Helge Ingstad, Tyler Durden, ZeroHedge, 23 November 2018

Deployed US Navy Has a Pregnancy Problem, and It’s Getting Worse, Richard Pollock, 2 March, 2017

‘Army Not Merely A Job Provider’: General Bipin Rawat Lambasts Army Personnel Faking Disability To Gain Benefits, Swarayamag, 14 December 2018
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Gennaio 18, 2019, 11:40:26 am
Ennesima dimostrazione del perché, in certi ambiti storicamente maschili, le femmine dovrebbero essere separate dai maschi.
La loro presenza è a dir poco nociva; anzi, tossica.


https://www.ilmessaggero.it/video/cronaca/sokldatessa_frusta_colleghi_latina-4237677.html

Citazione
L'allieva pilota «vittima di nonnismo»: spunta un video in cui "frusta" i colleghi

Era solo questione di ore: adesso c'è un "controvideo". La denuncia di episodi di nonnismo presentata dalla ventenne Giulia Jasmine Schiff, sergente veneziana di Mira, contro i colleghi del corso Bpa (Brevetto Pilota di Aereo) avvenuti presso il 70° Stormo dell'Aeronautica Militare a Latina Scalo, ha scatenato la reazione dei colleghi. Alla denuncia presentata alla Procura militare di Roma era allegato un video in cui si vede la ragazza "subire" la cerimonia del tuffo nella piscina del pinguino, rito riservato agli allievi dopo il primo volo solista che vale il grado di pilota. Ma adesso c'è appunto un controvideo in cui si vede un'altra cerimonia del "pinguino".

Un allievo - del 124° corso Allievi ufficiali piloti di complemento -diventato pilota viene portato a spalla sulla pista del Comani fino alla piscina. Sono ragazzi e ragazze arrivati anche loro dall'Accademia di Pozzuoli. I volti sono pixellati per privacy. Tutti tranne uno. E' quello della Schiff che, questa volta, non sta subendo affatto. E' lì che ride e scherza e soprattutto stringe in mano una canna di bambù con cui "frusta" il didietro del suo collega, altro passaggio del rito di iniziazione, proprio come avevano fatto anche a lei.

Già perché è così che da sempre a Latina Scalo (e non solo) i piloti dell'Aeronautica militare festeggiano la conquista del primo brevetto: nel tragitto verso la piscina si viene bacchettati, si viene "sbattuti" contro l'ala di un aereo e poi dopo il tuffo si bacia la statuina del pingue. «Siamo romantici» spiegano. «Essere buttati in quella piscina significa aver superato il primo scoglio, quello che consente di vedersi appuntata l'aquila con la corona, non più pinguini (così si chiamano gli allievi all'arrivo a Latina Scalo) che sono uccelli senza ali».

Non ci sono commenti espliciti che accompagnano questo nuovo video, ma è come se i compagni di corso della ragazza volessero far vedere a tutti il clima che si respirava e si respira al 70° Stormo. Lo spiegano bene tanti piloti militari che ci sono passati, centinaia l'anno per decenni. «E' un rito liberatorio che suggella il primo successo aeronautico» commenta uno di loro. Un modo per fare squadra. Un momento che gli allievi appena arrivati a Latina Scalo non vedono l'ora di raggiungere e che ieri commentavano a mezza voce: «Magari l'avessimo già fatto noi quel tuffo».

Non un modo per intralciare le indagini, ma per inquadrare quello che è accaduto. Sul caso infatti è stata aperta un’inchiesta della Procura militare di Roma ed è stata istituita una commissione interna all’Aeronautica Militare. I fatti denunciati risalgono all’aprile scorso e ruotano tutti intorno a questa piscinetta. La sergente Schiff compie il suo primo volo in solitaria e conquista il brevetto di pilota di aeroplano. Appena atterrata, parte il rito: i colleghi di corso la raggiungono, aspettano che si tolga il casco, la sollevano e la portano in spalla per 200 metri fino alla piscina del pinguino. Nella denuncia è scritto che la ragazza non voleva, che è stata costretta. Nonnismo, dunque.

Nel nuovo video però si vede la stessa scena a ruoli invertiti, come dire che la ragazza era perfettamente consapevole di quella cerimonia di iniziazione e a giudicare dalle risate che si sentono (anche le sue) nessuno era stato costretto.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Gennaio 23, 2019, 00:18:14 am
https://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/cori-alpini-sessisti-testi-tutelano-donne-102133/

Citazione
Rovereto, “I canti alpini sono sessisti: servono testi che tutelano le donne”
Di Cristina Gauri - 22 Gennaio 2019

Roma, 22 gen – “Quel mazzolin di fiori“? Pericolosamente sessista. “Là nella valle c’è la Rosina, l’è la rovina di noi alpin”? Mascolinità tossica, offende la donna. E così via. Secondo Andrea Mardocchi, il presidente del coro Sant’Ilario di Rovereto (TN) è “giunta l’ora di far rispettare la donna anche nei canti corali. Come coro Sant’Ilario stiamo lavorando ad un progetto, che andrà in scena a fine anno, sulle donne e sul femminicidio, una piaga che purtroppo è sempre più diffusa e che va combattuta con tutti i mezzi”. Femminicidio? Nei canti alpini? La tesi di Mardocchi è che gran parte dei canti che da più di un secolo eccheggiano nelle nostre valli sono rei di mettere la figura femminile in secondo piano e la dileggiano, senza garantire la parità di genere. Bisogna quindi invertire la rotta e declinare il canto corale secondo il paradigma del politically correct. I fratelli Pedrotti, fondatori del leggendario coro della SAT, probabilmente si rivolterebbero nella tomba sentendo questa proposta.

Ma fino a che punto i canti corali sono maschilisti? “Alcuni decisamente, anche perché sono stati scritti in un’epoca dove la donna era relegata davvero ad un ruolo secondario. Ci sono pezzi popolari, classiconi del repertorio di tutti i cori, dove la donna è trattata male. I più non ci fanno caso perché sono abituati a cantare o ascoltare queste canzoni e il testo si ripete a memoria, senza pensarci e in modo goliardico. Penso a strofe che, per esempio, dicono ‘se ti trovo con un altro ti ammazzerò’. Non va più bene, la società è cambiata”. Ma davvero le donne si sentiranno minacciate da una strofa passionale in un canto di montagna?

I classici del canto popolare corale non andranno però rivisitati: “Quelle sono canzoni tradizionali e non si possono cambiare. Possiamo però abbinare a quelle nuovi brani con testi che tutelano la donna. Lo spettacolo che stiamo studiando è proprio questo: far sentire la differenza tra canzoni popolari di 50-60-70 anni fa e quelle moderne. Soprattutto con pezzi nuovi che saranno scritti proprio da donne”.
Per chi si preoccupa della tradizione Mardocchi ci assicura che essa non andrà persa ma “troviamo giusto affiancare canzoni nuove firmate dalle donne. Nelle canzoni di montagna e in quelle popolari, d’altro canto, si parla sempre di uomini, sono loro i protagonisti”. Forse perché a difendere i confini italiani, asserragliati sulle vette, c’erano degli uomini?

Ma verso la fine delle sue dichiarazioni Mardocchi ci svela il perché del suo improvviso flirt con le tematiche femministe: “I nostri cori, purtroppo, stanno perdendo un po’ alla volta pubblico. La tendenza è che c’è meno gente che ascolta i concerti”, svela il direttore. “I cori cantano canzoni di 50 anni fa che ormai sono roba di nicchia; anche per questo è necessario modernizzare il repertorio per avvicinare nuovo pubblico”. Un cambio di rotta guidato dalla paura di sprofondare nell’oblio quindi, e quale migliore modo di cavalcare l’onda della modernità nel 2019 se non strizzando l’occhio a politically correct e #MeToo?

Cristina Gauri


... e niente, ogni giorno che passa è peggio.
L'aumento dei deliri va di pari passo con il costante declino del QI medio della popolazione.
https://www.wired.it/scienza/lab/2018/06/14/calo-quoziente-intellettivo-medio/

https://it.wikipedia.org/wiki/Idiocracy

Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: gluca - Gennaio 23, 2019, 01:14:36 am
Quel mazzolin di fiori“? Pericolosamente sessista. “Là nella valle c’è la Rosina, l’è la rovina di noi alpin”? Mascolinità tossica, offende la donna.
Io proporrei questo:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Duca - Gennaio 23, 2019, 15:56:23 pm
 :lol: :lol: :lol:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Marzo 04, 2019, 00:34:11 am
https://www.agenpress.it/notizie/2019/03/02/antonella-cortese-criminologa-forze-armate-necessita-di-adeguare-normativa-su-episodi-di-nonnismo-nei-confronti-delle-donne/

Citazione
Antonella Cortese (Criminologa): Forze Armate, necessità di adeguare normativa su episodi di nonnismo nei confronti delle donne
2 Marzo 2019

Agenpress. L’aumento di episodi di nonnismo nei confronti delle donne nelle forze armate è un fenomeno che non può essere sottovalutato, soprattutto se tra le fattispecie ci sono violenze a fini sessuali.

Ieri i vertici della Corte militare hanno lanciato un doppio allarme sia nei confronti di questo aumento che sulla necessità di adeguare la normativa stessa. È inconcepibile che dopo oltre 20 anni dall’ingresso delle donne nelle forze armate il legislatore non abbia provveduto a inserire e punire tali reati.

Così Antonella Cortese criminologa (vicepresidente dell’Accademia italiana delle scienze di polizia investigativa e scientifica).

Atti di nonnismo verso le soldatesse...
Da ridere, considerando il leccaculismo degli stessi soldati nei confronti delle soldatesse.
Ma se anche fosse, la soluzione a tutto ciò esiste (anzi, esisterebbe), ed è la seguente (oltre a quella quella di sbattere fuori le donne dall'ambito militare...): creare dei battaglioni esclusivamente femminili, addestrati da sole femmine e tutte queste rotture di coglioni cesserebbero di esistere all'istante.
I maschi con i maschi, le femmine con le femmine.
Fine dei problemi.

-------------

PS: sì, lo so, campa cavallo ché l'erba cresce.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Marzo 04, 2019, 00:53:47 am
Le donne nell'esercito sono la prova che le FFAA sono diventate (o stanno per diventare) inutili e obsolete, oggi c'è la guerra ibrida condotta a suon di propaganda, social e rivoluzioni colorate
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Duca - Marzo 04, 2019, 07:30:42 am
Ma se anche fosse, la soluzione a tutto ciò esiste (anzi, esisterebbe), ed è la seguente (oltre a quella quella di sbattere fuori le donne dall'ambito militare...): creare dei battaglioni esclusivamente femminili, addestrati da sole femmine e tutte queste rotture di coglioni cesserebbero di esistere all'istante.
Un battaglione femminile si squaglierebbe come neve al sole di fronte al minimo ostacolo... mi immagino già le baruffe per ogni cazzata, altro che fare la guerra.
Per esempio vedo nel mio gineceo lavorativo cosa combinano le donne da sole... creano solo problemi ulteriori che poi i rarissimi uomini, tra cui disgraziatamente io, devono risolvere.
Allora la soluzione migliore sarebbe la prima, sbatterle fuori dall'esercito e rimetterle in cucina; coloro che volessero restare nell'esercito a tutti i costi potrebbero essere impiegate nei bordelli di guerra che erano in uso a suo tempo.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: freethinker - Marzo 04, 2019, 07:31:54 am
https://www.agenpress.it/notizie/2019/03/02/antonella-cortese-criminologa-forze-armate-necessita-di-adeguare-normativa-su-episodi-di-nonnismo-nei-confronti-delle-donne/

Atti di nonnismo verso le soldatesse...
Da ridere, considerando il leccaculismo degli stessi soldati nei confronti delle soldatesse.
Ma se anche fosse, la soluzione a tutto ciò esiste (anzi, esisterebbe), ed è la seguente (oltre a quella quella di sbattere fuori le donne dall'ambito militare...): creare dei battaglioni esclusivamente femminili, addestrati da sole femmine e tutte queste rotture di coglioni cesserebbero di esistere all'istante.
I maschi con i maschi, le femmine con le femmine.
Fine dei problemi.

-------------

PS: sì, lo so, campa cavallo ché l'erba cresce.

Frank, con battaglioni esclusivamente femminili, toglieresti alle donne tutto il divertimento e cioè:
- Ingresso facilitato nei corpi militari;
- Sviluppo di carriera a spese degli uomini;
- Rischi agli uomini, privilegi e trattamenti di favore alle donne, in pace e soprattutto in guerra;
- Possibilità di imporre la propria volontà, per legge, a gruppi di uomini, della serie: NOI comandiamo e voi dovete obbedire, il che, per l'ego femminile è il massimo.
Ho dimenticato qualcosa?
   
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Marzo 04, 2019, 08:04:21 am
Un battaglione femminile si squaglierebbe come neve al sole di fronte al minimo ostacolo... mi immagino già le baruffe per ogni cazzata, altro che fare la guerra.
Per esempio vedo nel mio gineceo lavorativo cosa combinano le donne da sole... creano solo problemi ulteriori che poi i rarissimi uomini, tra cui disgraziatamente io, devono risolvere.
Allora la soluzione migliore sarebbe la prima, sbatterle fuori dall'esercito e rimetterle in cucina; coloro che volessero restare nell'esercito a tutti i costi potrebbero essere impiegate nei bordelli di guerra che erano in uso a suo tempo.
C'è già il regolamento del nuovo battaglione: :italia1:

(http://1.bp.blogspot.com/_8KeVQK6Ksb8/TU0lBf03ueI/AAAAAAAAAJo/X-Ty9io-k4w/s1600/DSCF1281.JPG)
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Duca - Marzo 04, 2019, 08:12:10 am
 :lol:
Cavolo minimo 40 prestazioni e 120 in emergenza... :ohmy:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Marzo 04, 2019, 10:53:09 am
Lo dicono tutti che le donne hanno una marcia in più
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Massimo - Marzo 04, 2019, 14:07:11 pm
Dove e quando arrivano le donne, lì vi è il declino della professionalità e del valore dei mestieri e delle professioni. Sempre. Lo ha detto Ida Magli. Se lo dice lei possiamo crederci. Se lo diciamo noi, siamo misogini. Ma su questo Forum non ce ne importa. Anzi ne siamo fieri.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Marzo 04, 2019, 18:46:36 pm
Frank, con battaglioni esclusivamente femminili, toglieresti alle donne tutto il divertimento e cioè:
- Ingresso facilitato nei corpi militari;
- Sviluppo di carriera a spese degli uomini;
- Rischi agli uomini, privilegi e trattamenti di favore alle donne, in pace e soprattutto in guerra;
- Possibilità di imporre la propria volontà, per legge, a gruppi di uomini, della serie: NOI comandiamo e voi dovete obbedire, il che, per l'ego femminile è il massimo.
Ho dimenticato qualcosa?

Sì, freethinker, lo so bene.
Nondimeno sarebbe bellissimo vedere in guerra dei battaglioni composti esclusivamente da invincibili wonder woman.
Magari in una operazione tipo lo sbarco in Normandia...


Il tutto in nome delle "pari opportunità", ovvio...


http://www.meteoweb.eu/2014/06/d-day-tutte-cifre-sbarco-in-normandia/288884/

Citazione
LE VITTIME: nel primo giorno dello sbarco, vi furono 4400 morti e quasi 8mila feriti fra le forze alleate. Per i nazisti la stima è di 4-9mila vittime, fra morti e feriti. Fino all’arrivo in agosto dei liberatori a Parigi vi furono 70mila morti fra gli alleati e 200mila fra i tedeschi. In Normandia i combattimenti dello sbarco causarono 20mila morti fra i civili.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Marzo 04, 2019, 18:59:36 pm
Comunque, il lato divertente di questa storia, è che decenni fa le femminucce-femministe sostenevano ben altro...

https://www.ildialogo.org/donna/rivoltafemminile30052005.htm

Citazione
DOCUMENTI
MANIFESTO DI RIVOLTA FEMMINILE (LUGLIO 1970)

di Carla Lonzi

[Da Carla Lonzi, Sputiamo su Hegel. La donna clitoridea e la donna vaginale, Rivolta Femminile, Milano 1974, poi Gammalibri, Milano 1982, pp. 13-22, riprendiamo il manifesto di "Rivolta Femminile" del luglio 1970, uno dei testi fondamentali della riflessione femminista in Italia. Carla Lonzi e’ stata un’acutissima intellettuale femminista, nata a Firenze nel 1931 e deceduta a Milano nel 1982, critica d’arte, fondatrice del gruppo di Rivolta Femminile. Opere di Carla Lonzi: Sputiamo su Hegel, Scritti di Rivolta Femminile, Milano 1974, poi Gammalibri, Milano 1982; Taci, anzi parla. Diario di una femminista, Scritti di Rivolta Femminile, Milano 1978; Scacco ragionato, Scritti di Rivolta Femminile, Milano 1985. Opere su Carla Lonzi: Maria Luisa Boccia, L’io in rivolta. Vissuto e pensiero di Carla Lonzi, La Tartaruga, Milano 1990]

(...)

Comunichiamo solo con donne.

Roma, luglio 1970

Tratto da
NONVIOLENZA. FEMMINILE PLURALE



Citazione
La guerra e’ stata da sempre l’attivita’ specifica del maschio e il suo modello di comportamento virile.

...
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 11, 2019, 01:19:49 am
http://bernardgaynor.com.au/2019/04/08/pilots-must-consider-feminist-theory-before-dropping-bombs/?fbclid=IwAR0swDxrMG3QM6vYLG89IEZ82mT4ZYjxadd-sqbuvTYYpQ5px7pUW20QutA

Citazione
Pilots must consider feminist theory before dropping bombs
Home»Defence»Pilots must consider feminist theory before dropping bombs
Posted By Bernard Gaynor on Monday, April 8, 2019 7:29 am | 31 comments

You will not believe this.

Ok, given today’s circumstances, you might not be surprised at all.

Actually, considering the Army referenced Xena the Warrior Princess and comic book characters to justify calls for female infantry and the Navy proudly boasted that its sailors were painting their fingernails pink last year, you’ve probably been expecting this to drop any day.

So here goes: the Royal Australian Air Force (RAAF) now has official doctrine that requires pilots to consider feminism and feminist theory before going to war.

But wait, there’s more: the Australian Defence Force (ADF) now has 135 qualified ‘Gender Advisors’ and they are being deployed on operations.


Gender in Air Operations was published by the RAAF’s Air Power Development Centre in June 2018 and contains this helpful information in the foreword by Air Commodore Stephen Edgeley:

Chief of Air Force is committed to incorporating and mainstreaming a gender perspective and the UNSCR1325 and related resolutions (UNSCR1325+) agenda across Air Force. I intend to enhance Air Force’s operational capability through integrating a gender perspective into Air Force’s doctrine to inform individual and collective training and the planning and conduct of operations.

And so now the cat is out of the bag: our military’s insane pursuit of politically-correct feminist agendas is being driven by the United Nations.

But, to be fair to the UN, not even UNSCR1325 demands that nations like Australia plunge head first off the idiot cliff. We’re choosing to do that all by ourselves.

The key section of UNSCR 1325 states:

Urges Member States to ensure increased representation of women at all decision-making levels in national, regional and international institutions and mechanisms for the prevention, management, and resolution of conflict;
And from these 29 words feminist activists in Australia have basically revolutionised the entire ADF to the point that women are now preferred over men when it comes to recruitment, retention, promotion and postings as I detail in this exclusive series of articles.

They’ve also radically distorted our warfighting doctrine to the point that we are basically not interested in winning wars anymore. This is straight out of Gender in Air Operations:


For example, if the military target is a bridge in a community that is being used as a main route by the enemy to transport weapons, this same bridge may also provide the only route for the local population to gather supplies such as water and firewood. Although destroying this target may provide a military advantage against the enemy, the second order effect may mean that, due to the gendered social roles, women need to travel further afield, on unfamiliar and less secure, well-known or well-lit routes to gather water and firewood.

Who knew that the RAAF could best help vulnerable women by not bombing the bad guys?

The madness in this document is so profound that pilots must now navigate feminism and feminist theory before taking off. Apparently, it is also important that they understand the difference between sex and gender before they engage in aerial combat.

These graphics are taken straight out of Gender in Air Operations:


It’s only a matter of time before military planners must designate transgender ‘safe spaces’ on their battle maps. But I’m fairly certain that the enemy will then roll their tanks right through them.

Hey, we might not win the war but at least we’ll be remembered fondly by Bruce, the confused woman.

It would be bad enough if the ADF was tokenistically throwing a bone to the feminists with the odd press release and International Women’s Day photo op. But it’s gone far beyond some Canberra PR stunt and has infected our operational capabilities.

‘Gender Advisors’ are now being sent off to war.

I have no idea what Gender Advisors do. And I bet they don’t either. In fact, they even say they don’t know. This is what Captain Stacey Porter, Royal Australian Navy, recently wrote for the Australian Strategic Policy Institute:

The course teaches participants that gender analysis is the linchpin of the gender adviser’s modus operandi, but I think we still haven’t cracked what gender analysis can provide for us operationally. How do we make gender analysis more operationally relevant, particularly to mission commanders and planners and in intelligence analysis?

Here’s a hint: you can’t make gender analysis operationally relevant.

And here’s another hint: a week-long gender advisor course will never provide anything of any military use. But it might start World War Three as transgender feminists and lesbians duke it out over what it means to be a lady.

The entire purpose of this course has nothing to do with winning wars and everything to do with creating politically-correct operational postings for women. And that means that this course doesn’t help. It hurts.

In fact, these artificially created roles only distract from real issues by creating pretend ones.

Hence we should not be surprised at all the Captain Porter is also banging the climate change drum:

Gender analysis is still maturing at HQJOC, where I’m responsible for mainstreaming the gender perspective right across the headquarters as the senior gender adviser. In my view, and drawing on my experience as a deployed gender adviser in Afghanistan in 2016 and 2017, we need to assess each mission from a civilian-centric, theatre-of-operations perspective that includes examining the relationships between armed conflict, the roles of women and men, and factors that we’ve traditionally overlooked, such as climate change.

Thanks to gender advisors we now know that the problems in the Middle East and Afghanistan are due to the weather.

Heaven help us all – especially if our nation is threatened over the next decade. Because that is probably how long it will take for the ADF to refocus on warfighting even if this insanity is scrapped today…

*****

This information was also published in today’s Daily Telegraph which has an audience far beyond the reach of this website.

I would like to thank you for your support since 2013, especially those Defence members who risk their jobs to speak with me.

Without your support and this courage, this story and many others would never have reached the mainstream media. I believe that we are having an impact, building public awareness and creating pressure that will eventually see this politically-correct madness end.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 22, 2019, 01:54:22 am
Notare come i soliti cavalieri serventi si affannino a difendere la povera soldatessa dai vili attacchi del soldato...
A situazione invertita non muoverebbero un dito e si scompiscierebbero pure dalle risate.



A volte mi chiedo chi me lo faccia fare di perder tempo con tutti questi imbecilli di sesso maschile da cui siam circondati.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 22, 2019, 02:10:08 am
Questo, invece, è ciò che succede ad una donna addestrata (per giunta capitano...) quando si trova di fronte un uomo addestrato che non le lecca il deretano.




Citazione
Gnosis7
10 mesi fa
But wait, every time I see an action movie, the female character kicks the ass of the 7 foot, 300 pound male! Oh wait, this was real footage. Reality check, the average man is stronger than the average woman. No amount of feminism is going to change that!
...
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Aprile 22, 2019, 02:29:53 am
 :lol: :lol: Come previsto, gli fa il solletico
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 22, 2019, 02:36:48 am
Commento più che condivisibile di uno statunitense dell'Arizona.


Citazione
The sports world is the easiest way to discern the huge physical differences, and abilities, between men and women. In 2014 the U.S. women's Olympic hockey team practised against northeastern U.S. boy's high school hockey teams...and the boy's were not allowed to body check the women for fear of hurting them. The boy's teams won several games over the best female hockey players in the world. In 2016 the Australian boy's 15 and under soccer team beat the women's national Australian soccer team 7-0! In 2017 the FC Dallas boy's 15 and under squad beat the women's U.S. national soccer team 5-2. And these wins were achieved by very skilled boys...not men. The games would have been much more uneven if the boys had been men. Putting women onto men's soccer teams would make them worse, not better and the same is true in infantry units in combat where soldiers must carry loads up to 100 lbs for days on end with little rest, sleep, food or water. So why put weaker women into combat fighting against men? It is not fair to either the men or the women who must fight together.

https://www.cbssports.com/soccer/news/a-dallas-fc-under-15-boys-squad-beat-the-u-s-womens-national-team-in-a-scrimmage/?fbclid=IwAR2_3P7NGKf0rvw-YxF8OdhcIv6ttsaWum64mZs2JNJPIo4x_JQ1irWwTHs

A quanto pare al di là dell'Atlantico esiste qualche altro "Frank".  :sleep:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Aprile 22, 2019, 02:49:54 am
In Russia e Cina le donne sono in reparti operativi? :hmm:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 22, 2019, 03:14:03 am
Saranno "operative" come in Italia, Usa, Australia, etc...  :sleep:
Seriamente: a me risulta che anche in quei paesi sono gli uomini a rischiare la pelle in prima linea.

Tra l'altro, in questi ultimi anni, in paesi come gli USA, l'Australia, la stessa Italia, etc, sono stati abbassati gli standard fisici proprio per permettere un maggiore ingresso delle femmine nell'esercito.  :doh:

Inoltre, in Australia, già diversi anni fa, furono abbassati i succitati standard anche per entrare in polizia.
Alla faccia delle presunte "discriminazioni contro le donne".
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 22, 2019, 03:23:39 am
Comunque un fatto è certo: la presenza femminile in ambito militare ha portato solo guai.
Altro che il "valore aggiunto" di cui parlano i media.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Aprile 24, 2019, 00:23:34 am
:lol: :lol: Come previsto, gli fa il solletico

Guarda anche questo video risalente al 2010.



L'ha fatta durare anche troppo.
Per non parlare del fatto che in uno scontro reale, senza regole né arbitri, di lei sarebbe rimasto ben poco di sano.
Ma a quanto pare in ambito militare queste assurdità sono ormai la norma.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Aprile 24, 2019, 01:45:04 am
Altro che il "valore aggiunto" di cui parlano i media.
E' come portarsi dietro la mascotte. Funziona benissimo, in tempo di pace.
Guarda anche questo video risalente al 2010.



L'ha fatta durare anche troppo.
Per non parlare del fatto che in uno scontro reale, senza regole né arbitri, di lei sarebbe rimasto ben poco di sano.
Ma a quanto pare in ambito militare queste assurdità sono ormai la norma.
Eh, non si rialzava più :cool:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Maggio 01, 2019, 17:21:18 pm
E' come portarsi dietro la mascotte. Funziona benissimo, in tempo di pace.
Eh, non si rialzava più :cool:

E qui torniamo al mio discorso relativo alla mutazione antropologica degli uomini, perché quello della "femmina guerriera" è anzitutto un mito maschile più che un mito femminista, originato dai soliti e ben noti complessi di inferiorità delle suddette.

Basta vedere questi video - oppure assistere in palestra ad un allenamento tra un maschio e una femmina - per rendersi conto di come gli stessi uomini tifino quasi sempre per le femmine e gioiscano se il primo ne esce sconfitto.
Al tempo stesso è impossibile assistere a qualcosa del genere da parte femminile, proprio perché, in tal senso, le femmine hanno un livello di "consapevolezza di genere" (termine che detesto, non fosse altro per il fatto che io stesso scrivo sempre sesso e mai genere; ma è per rendere l'idea) che la massa maschile non possiede nemmeno di striscio.

Per dire: se fai un certo genere di discorsi a degli ex pugili oppure a degli istruttori di kickboxing, capita frequentemente che ti rispondano con parole del tipo:
"Ma guarda che le donne son toste, eh!"...
Oppure:
"Oh, quella mena pure a te!..."    (sì, come no...:muro:)

Ora, che una femmina ben allenata e addestrata in discipline da combattimento, tipo le MMA , la Muay Thai, la kickboxing, etc, possa picchiare un uomo non allenato e altrettanto addestrato, non è certamente una novità per chi come me è stato un atleta.
Non a caso ho scritto più volte che non si può paragonare un impiegato di banca - magati mingherlino - che in tutta la vita ha retto in mano libri e penne, ad una Kayla Harrison, campionessa olimpica di judo.
Lo stesso maestro di Wing Tsun, Victor Gutiérrez, in una intervista rilasciata a Budo International nell'ormai lontano marzo 1999, affermava che:
"E' un dato di fatto che una donna ben allenata (da uomini, aggiungo io...) sia più forte di un uomo non allenato (o allenato male), senza arrivare ad avere un fisico mascolino".

Certo, va sempre precisato che bisogna poi vedere di quali uomini si parla, poiché molti muratori e carpentieri di mia conoscenza - e in particolar modo alcuni di quelli provenienti dalla Romania o dall'Albania - son sicuramente più forti di una donna allenata, anche se poi non altrettanto addestrati al combattimento.
Ma è proprio qui che emerge l'idiozia di tanti nostri simili, i quali dimostrano una volta di più di essere il cavallo di troia delle donne, poiché è chiaro che il paragone va fatto tra uomo medio e donna media, nonché tra atleta di sesso maschile e atleta di sesso femminile.
Per dire: quale femmina esistente sul pianeta Terra potrebbe sfidare un Teddy Riner o un Anthony Joshua ?
Ovviamente nessuna.
E non a caso le varie competizioni sportive son divise in base al sesso (oltre che in base al peso), quando si tratta di discipline da combattimento.
Tali differenze tra i due sessi, e a vantaggio degli uomini, esistono e persistono anche a parità di peso.
(A parità di peso il vantaggio di forza fisica dei maschi, rispetto alle femmine, è in media del 30%; soprattutto nella parte superiore del corpo.)
Son delle tali banalità che non dovrebbe esserci nemmeno bisogno di spiegarle.
Ma a quanto pare oggigiorno bisogna specificare pure questo.

@@

PS: in quell'intervista risalente al marzo 1999, Victor Gutiérrez affermava che:
Citazione
"... si possono creare delle lezioni e dei corsi esclusivamente femminili. Questa soluzione ha comunque dei pro e dei contro.
Pro: elimina il problema della timidezza per il fatto di allenarsi con altre ragazze. Questo poi elimina in parte anche la paura
di essere colpita. Ed infine si possono adattare meglio il ritmo e l'intensità dell'allenamento.

Contro: non potendo usufruire di sparring maschili, ci si allontana dalla realtà di una situazione di difesa personale.
Le loro tecniche non saranno valide perché negli allenamenti si difendono da avversari molto meno forti di quelli che
troverebbero in una situazione reale. Una strategia interessante sarebbe quella di cominciare con un gruppo esclusivamente
femminile, finché le ragazze non raggiungano una padronanza delle tecniche basilari e un grado di allenamento fisico sufficiente.
Dopodiché, potrebbero passare progressivamente ad un gruppo misto, cominciando da un giorno alla settimana, fino ad arrivare
a due o più dopo tre mesi.

Riporto quel passaggio per evidenziare, una volta di più, come siano sempre degli uomini a preoccuparsi di addestrare a dovere
delle donne e parimenti a studiare delle tecniche ben precise e adatte al loro fisico.
Sono gli uomini che permettono alle donne di migliorarsi in tal senso - anche confrontandosi fisicamente con i medesimi -* poiché da sole non sanno fare veramente nulla.
E il bello è che c'è pure chi ha il coraggio di definirle "superiori".

In sostanza, dietro a qualsiasi "wonder woman" ci sono sempre degli uomini, senza i quali le suddette sarebbero perse.

@@

* Naturalmente e al tempo stesso, gli uomini hanno solo da rimetterci nell'allenarsi con delle femmine.
Se le danno son solo dei bastardi che picchiano le donne; se le prendono son delle mammolette che si fanno picchiare dalle femmine e per questo saranno sbeffeggiati e derisi sia dagli altri uomini che dalle donne.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Maggio 01, 2019, 19:14:26 pm
Per chi non li conoscesse...

Citazione
Per dire: quale femmina esistente sul pianeta Terra potrebbe sfidare un Teddy Riner o un Anthony Joshua ?






E tanto per restare in tema...

Citazione
Riporto quel passaggio per evidenziare, una volta di più, come siano sempre degli uomini a preoccuparsi di addestrare a dovere delle donne e parimenti a studiare delle tecniche ben precise e adatte al loro fisico.
Sono gli uomini che permettono alle donne di migliorarsi in tal senso - anche confrontandosi fisicamente con i medesimi -* poiché da sole non sanno fare veramente nulla.

Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Maggio 01, 2019, 19:59:17 pm
Questo è l'istruttore francese del video postato dal sottoscritto poc'anzi, che insegna l'autodifesa alle donne.

https://www.academiefranckropers.com/franckropers.html

Citazione
Franck Ropers, né à Paris en 1962, est un ancien athlète de haut niveau.

Il pratique les arts martiaux et sports de combat depuis plus de 38 ans, parmi lesquels : le Viet-Vo-Dao, la Boxe Française, la Boxe Anglaise et la Boxe Thaïlandaise.

Il pratique le Penchak Silat depuis 30 ans, qu’il affectionne tout particulièrement pour son efficacité et son réalisme en combat.

Parallèlement à cela, il étudie l’énergie interne, le chi Kong, la sophrologie, le yoga, la PNL et toutes formes de pratiques destinées à développer et augmenter ses capacités physiques et mentales.

En 1991, il reçoit de la part de Maître Turpijn, la Ceinture Noire 2e Dan indonésienne, ainsi que le diplôme de professeur, estampillé de « The International Pencak Silat Federation ».

Franck Ropers évolue pendant de nombreuses années dans le milieu de la sécurité (Diplômé Préfectoral), ce qui le conduit à parfaire son enseignement dans le Penchak Silat, car il répond au besoin d’efficacité, sans pour autant délaisser le côté traditionnel de l’art martial.

En 1996, il crée « l’Académie Franck Ropers » : première école à élaborer un système de grades matérialisé par des ceintures de couleurs.

En 1998, Franck Ropers s’investit dans l’enseignement de la self-défense féminine et sélectionne des techniques spécifiques et efficaces, personnalisées et surtout adaptées à la psychologie et la morphologie féminine.

Depuis, il est sollicité pour l’animation de nombreux stages et séminaires qu’il anime seul ou avec les instructeurs de son école, ou encore en collaboration avec des experts de haut niveau et de différentes disciplines (krav-maga, boxe de rue, self-défense…).

Franck Ropers est titulaire du DIF et du CQP. Il est également juge et référent National des Arts Martiaux du Sud-Est Asiatique pour le Penchak Silat.

En 2011, les hauts gradés de la FFKDA lui décernent le grade de Ceinture Noire 5e Dan.

En juin 2014, il intègre la Fédération Française du Sport Travailliste.

En octobre 2014, il est élu à l’unanimité responsable de la commission nationale de Penchak Silat de la FFST.

En juin 2015, il obtient le grade exceptionnel de 7eme degré de Penchak Silat FFST.

Le 26 septembre 2015 Franck Ropers s'est rendu à Rotterdam ou il a reçu des mains de Madame Turpijn (héritière de Maître Turpijn), le diplôme de 7ème Dan indonésien.

Il devient ainsi le plus haut gradé français de Penchak Silat.

Depuis, une dizaines d’années, il consacre beaucoup de temps à la préparation physique et mentale : il développe des programmes d’entrainement sur-mesures.

À ce jour, il a formé des centaines de professeurs à travers des cours particuliers, collectifs ou encore des stages.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Maggio 02, 2019, 00:58:47 am
Tecniche adatte al loro fisico? Certo, per combattere altre donne in un gineceo. Gli faccio tanti auguri :lol:
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Maggio 23, 2019, 21:30:28 pm
Cosa c'entrano le donne con i corpi speciali ?
Nulla, ma nonostante ciò le han fatte entrare pure lì.

https://www.thesun.co.uk/video/tv/sas-who-dares-wins-airs-woman-punched-in-head-by-male-rival/


https://www.dailymail.co.uk/video/tvshowbiz/video-1840570/Video-Woman-beaten-male-contestant-SAS-Dares-Wins.html
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Maggio 23, 2019, 21:34:14 pm



Citazione
Ant Middleton puts the recruits through a tough test - submerging them in ice cold water - and is outraged that some of the female recruits did not remove their wet bras when changing clothes.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Giugno 09, 2019, 17:17:05 pm
Guardate questo video, segnalatomi da un amico poliziotto...


Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Giugno 10, 2019, 01:01:39 am
Non si danno pace se non mettono una donna persino all'artiglieria. Anche l'esercito sta divenendo un giocattolo inutile, un semplice apparato di propaganda e spettacolo. Sono lieto che il video sia stato diffuso, così la gente comincerà (molto lentamente) a capire.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Giugno 10, 2019, 01:17:33 am
Immagina per un attimo di trasferire queste poverette (di cervello) nel passato, quando le guerre erano all'ordine del giorno e la forza fisica era fondamentale...
Pensa anche agli archi di un tempo,
http://files.arcieri-castrum-fossati.webnode.it/200000328-18ea219e2f/Il%20longbow%20medioevale%20inglese.pdf

che richiedevano una notevole forza muscolare...*

@@

* Oggi capita anche di vedere film in cui femminucce col fisico da modelle (e in pieno medioevo) sono delle... arciere infallibili.  :sick:
Nella realtà non ce la farebbero nemmeno a tendere l'arco.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Giugno 10, 2019, 01:19:47 am
Se ne vedono poche di trasmissioni di tiro con l'arco femminile, ce le propinano dalla mattina alla sera
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Giugno 13, 2019, 21:25:13 pm
Guardate questo video, segnalatomi da un amico poliziotto...




Non sono parole mie; ma le riporto ugualmente.


Citazione
Le prove fisiche attitudinali per l'ingresso nelle FFAA distinguono ovvero alla lettera discriminano fra uomini e donne, poiché ai primi sono richiesti parametri più elevati che alle seconde, naturalmente per favorire l'aumento della presenza femminile. Si tratta di una misura di per sé iniqua, poiché prevede una diversità per categorie in un concorso pubblico, ed irrazionale totalmente sul piano dell'efficienza bellica, poiché fa entrare nell'esercito, nell'aviazione, nella marina persone di sesso femminile con capacità atletiche inadeguate ad un contesto bellico. Ad esempio, la simulazione dell'armamento di una mitragliatrice per un uomo richiede un manubrio di 20 kg in un tempo massimo di 60 secondi, per una donna un manubrio di 10 kg (la metà!) in un tempo massimo accresciuto ad 80 secondi. Le conseguenze di questo nel caso di operazioni militari sono evidenti. / Buon ultimo, il personale che esegue quotidianamente lo sparo a salve sul Gianicolo proviene dal reggimento d'addestramento del Comando Artiglieria! Allora una donna del reggimento d'addestramento del Comando Artiglieria non è capace di tirare una corda del cannone (un obice, mi pare dal video) ed azionare il percussore? E' come se un membro, ad esempio, di un reparto di fanteria fosse incapace di caricare un fucile, o se un carrista si rivelasse impotente a sollevare il portellone di un carro armato, od un alpino di marciare in montagna. E' fuori da ogni logica militare e da ogni possibile giustificazione.



Citazione
Alcuni dati antropologici. In oltre il 90 % delle civiltà conosciute, passate od attuali (il riferimento è al famoso atlante etnografico di Murdock, che cataloga le civiltà conosciute dalla più remota antichità sino a pochi anni fa), le donne non combattono. Nelle rimanenti, se e quando lo fanno, hanno un ruolo limitato. Restando in anni recenti ovvero in guerra moderna, donne furono impiegate in reparti da combattimento nell'Armata Rossa nel secondo conflitto mondiale, nell'esercito israeliano nella prima guerra nazionale. Dopo questi conflitti, in cui le donne furono adoperate per estrema esigenza di personale, gli stati maggiori d'entrambi gli eserciti decisero sulla base dell'esperienza acquisita di toglierle dai reparti di combattimento. Lasciamo da parte il fatto che le donne sono state fatte entrare nei reparti di combattimento Usa contro il parere degli ufficiali operativi e degli addestratori e per pura volontà politica. Etc. La questione poi non si limita all'aspetto atletico, poiché anche quello psicologico ha una sua rilevanza. Ad esempio, le donne soffrono maggiormente in media della cosiddetta "battle neurosis" ovvero lo "stress da combattimento". che si può considerare l'usura psicologica indotta dal combattere.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Giugno 13, 2019, 22:52:02 pm
Chiaro e lucido, si vede che è un militare.
Citazione
Dopo questi conflitti, in cui le donne furono adoperate per estrema esigenza di personale, gli stati maggiori d'entrambi gli eserciti decisero sulla base dell'esperienza acquisita di toglierle dai reparti di combattimento.
Buono a sapersi, usa l'argomento dei reparti femminili nell'esercito sovietico e persino di alcuni Paesi africani.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Giugno 16, 2019, 19:41:41 pm
Gli USA sempre più a picco...

http://www.themeditelegraph.com/it/shipping/2019/06/15/usa-shoshana-chatfield-presidente-del-naval-war-college-Ykl2o0QcKMYIKUmJJ4LSfL/index.html

Citazione
Usa, Shoshana Chatfield presidente del Naval War CollegeNew York - È la prima donna a ricoprire tale incarico, prima del quale è stata comandante a Guam e del Provincial Reconstruction Team in Afghanistan. GIUGNO 15, 2019 

New York - Il contrammiraglio Shoshana Chatfield è stata nominata presidente del US Naval War College. È la prima donna a ricoprire tale incarico, prima del quale è stata comandante a Guam e del Provincial Reconstruction Team in Afghanistan. «È una scelta storica. È l’accademica-guerriera di cui abbiamo bisogno alla guida di questa istituzione e per istruire la prossima generazione di leader», afferma la marina americana.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Giugno 16, 2019, 20:27:59 pm
https://www.wsj.com/articles/women-dont-belong-in-combat-units-11547411638?fbclid=IwAR3qxe7JSIYUIlqIn7I13Ecwxqt-1-NSfWLyHNXzJSe1MRxIq9gFoHOWDcQ


Citazione
Women Don’t Belong in Combat Units
The military is watering down fitness standards because most female recruits can’t meet them.
By Heather Mac Donald
Updated Jan. 16, 2019 1:38 p.m. ET

Female Marine recruits in boot camp in Parris Island, S.C., Feb. 27, 2013. PHOTO: SCOTT OLSON/GETTY IMAGES
The Obama-era policy of integrating women into ground combat units is a misguided social experiment that threatens military readiness and wastes resources in the service of a political agenda. The next defense secretary should end it.

In September 2015 the Marine Corps released a study comparing the performance of gender-integrated and male-only infantry units in simulated combat. The all-male teams greatly outperformed the integrated teams, whether on shooting, surmounting obstacles or evacuating casualties. Female Marines were injured at more than six times the rate of men during preliminary training—unsurprising, since men’s higher testosterone levels produce stronger bones and muscles. Even the fittest women (which the study participants were) must work at maximal physical capacity when carrying a 100-pound pack or repeatedly loading heavy shells into a cannon.

Ignoring the Marine study, then-Defense Secretary Ash Carter opened all combat roles to women in December 2015. Rather than requiring new female combat recruits to meet the same physical standards as men, the military began crafting “gender neutral” standards in the hope that more women would qualify. Previously, women had been admitted to noncombat specialties under lower strength and endurance requirements.

Only two women have passed the Marine Corps’s fabled infantry-officer training course out of the three dozen who have tried. Most wash out in the combat endurance test, administered on day one. Participants hike miles while carrying combat loads of 80 pounds or more, climb 20-foot ropes multiple times, and scale an 8-foot barrier. The purpose of the test is to ensure that officers can hump their own equipment and still arrive at a battleground mentally and physically capable of leading troops. Most female aspirants couldn’t pass the test, so the Marines changed it from a pass/fail requirement to an unscored exercise with no bearing on the candidate’s ultimate evaluation. The weapons-company hike during the IOC is now “gender neutral,” meaning that officers can hand their pack to a buddy if they get tired, rather than carrying it for the course’s full 10 miles.

Lowering these physical requirements risks reducing the American military’s lethality. A more serious effect of sex integration has become taboo to mention: the inevitable introduction of eros into combat units. Putting young, hormonally charged men and women into stressful close quarters for extended periods guarantees sexual liaisons, rivalries and breakups, all of which undermine the bonding essential to a unified fighting force.

A Marine commander who served in Afghanistan described to me how the arrival of an all-female team tasked with reaching out to local women affected discipline on his forward operating base. Until that point, rigorous discipline had been the norm. But when four women—three service members and a translator—arrived, the post’s atmosphere changed overnight from a “stern, businesslike place to that of an eighth-grade dance.” The officer walked into a common room one day to find the women clustered in the center. They were surrounded by eager male Marines, one of whom was doing a handstand.

Another Marine officer, who was stationed on a Navy ship after 9/11, told me that a female officer had regular trysts with an enlisted sailor in the engine room. Marine Cpl. Remedios Cruz, one of the first women to join the infantry, was discharged late last year after admitting to a sexual relationship with a male subordinate. Army Sgt. First Class Chase Usher was relieved of his leadership position for a consensual relationship with a female soldier that began almost immediately after she arrived at his newly gender-integrated unit in Fort Bragg, N.C.

Long before infantry integration became a feminist imperative, evidence was clear that a coed military was a sexually active one. In 1988 then-Navy Secretary Jim Webb reported that of the unmarried enlisted Navy and Air Force women stationed in Iceland, half were pregnant.

President Trump’s first defense secretary, Jim Mattis, had seemed a good candidate for reversing the integration of women in combat units. A retired Marine general, Mr. Mattis had previously addressed the incompatibility of eros and military discipline. New York Sen. Kirsten Gillibrand challenged him about these politically incorrect views during his confirmation hearings, but he left enough wiggle room to preserve his options.

Unfortunately, Mr. Trump chose to ban transgender people from serving in the military rather than tackling gender integration. Mr. Trump cited the cost to taxpayers of sex-reassignment surgery for soldiers, but those costs are minute compared with the future medical bills for women’s combat-battered bodies. And women pose a far greater challenge to combat-unit cohesion than do transgender troops, because of their numbers and the nature of sexual attraction.

The argument for putting women into combat roles has always been nonmilitary: Combat experience qualifies soldiers for high-ranking Pentagon jobs. But war isn’t about promoting equality. Its objective is to break the enemy’s will through precise lethal engagement, with the lowest possible loss of American life. The claim that female combat soldiers will perform as lethally as men over an extended deployment entails a denial of biological reality as great as the one underlying the transgender crusade.

Female engineers and others did return fire when attacked in Iraq and Afghanistan. But performing well in incident-related combat is a far cry from serving in a dedicated ground-combat unit, with its months of punishing physical demands.

The incoming Pentagon chief can expect an aggressive grilling on gender integration from the Senate Armed Services Committee. He should promise to resolve the claim that, when it comes to combat, there are no significant physical differences between men and women. He could do it by pitting an all-female infantry unit against an all-male unit and seeing how they measure up.

Ms. Mac Donald is a fellow at the Manhattan Institute and author of “The Diversity Delusion: How Race and Gender Pandering Corrupt the University and Undermine Our Culture.”

Correction
An earlier version of this article erred in describing Jim Mattis as a former Marine commandant.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Giugno 16, 2019, 21:28:08 pm
Gli USA col loro esercito di donne, trans e (persino) adoratori di Satana possono solo sperare nei droni. Ma pare che anche la loro tecnologia non sia più così avanzata.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Giugno 17, 2019, 00:39:49 am
Ma tu immagina un po' se potessero tornare in vita quegli uomini che fecero lo sbarco in Normandia e leggessero roba del genere...

Citazione
«È una scelta storica. È l’accademica-guerriera di cui abbiamo bisogno alla guida di questa istituzione e per istruire la prossima generazione di leader»

... l'accademica-guerriera.  :doh:
Quindi questo significherebbe che oggi, anno 2019, nei 50 stati del Nord America non c'è più un uomo, che sia uno, in grado di guidare la succitata istituzione... creata da uomini e non certamente da qualche femminuccia.
Son veramente alla frutta.
Castrati fino al midollo.
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Vicus - Giugno 17, 2019, 03:59:19 am
C'è chi dice che la guerra convenzionale è obsoleta*, forse è per questo che lasciano marcire le FFAA.

* Cf. M. McLuhan, Take Today: The Executive As Dropout, ed. Harcourt Brace Jovanovic
Titolo: Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
Inserito da: Frank - Luglio 22, 2019, 02:06:30 am
https://www.ilfattoquotidiano.it/2014/11/20/londra-colonnello-donne-inutili-in-guerra-non-istinto-omicida/1221544/

Citazione
Londra, colonnello: “Le donne? In guerra sono inutili, non hanno istinto omicida”

Mentre il parlamento è chiamato a decidere se consentire o no alle soldatesse di combattere in prima linea, le dichiarazioni rilasciate al "Times" da Richard Kemp scatenano forti polemiche. Le militari non sarebbero "adatte a una banda di fratelli pieni di testosterone e potrebbero ridurre la capacità guerriera" dei soldati

di Daniele Guido Gessa | 20 NOVEMBRE 2014

Le donne mancano di “istinto omicida” e non hanno “testosterone”. E per questo non sono “buone alla guerra“, così dovrebbe essere loro impedito di combattere. Ha scatenato una polemica quanto scritto in un intervento pubblicato dal Times, quotidiano britannico, l’ex colonnello in pensione Richard Kemp, che per anni ha guidato le truppe di sua maestà in Afghanistan. Il momento per intervenire, ha precisato il militare, è “quello giusto”. Infatti proprio in queste settimane in parlamento, a Westminster, si sta discutendo se consentire oppure no alle donne nell’esercito (il 9% del totale) di combattere in prima linea contro il nemico, un qualcosa finora vietato, se non in casi estremi, dalle leggi britanniche. Anche il ministero della Difesa ha avviato le sue discussioni in materia e ora, appunto, iniziano a fioccare commenti e interventi sulla stampa del Regno Unito.

Secondo l’ex colonnello, consentire alle donne di combattere “danneggerebbe le capacità belliche e comprometterebbe la coesione fra le truppe”. Un intervento che ora viene bollato come “sessista” dalle associazioni femministe della Gran Bretagna, anche se Kemp ha riconosciuto “l’importanza di questo dibattito per questioni di trasparenza”. Poco importa che, negli ultimi anni, ben otto donne abbiano perso la vita sul fronte, spesso in attacchi ai campi dell’esercito o in aree minate non segnalate. Per il militare, uno dei più ascoltati quando si parla di questioni legate alla difesa britannica, le donne dovrebbero stare in disparte. Utili sì, ma non di certo quando si ha a che fare direttamente, faccia a faccia, con il nemico, ha scritto sul più importante – e conservatore – quotidiano del Paese.

“Dare una priorità alla political correctness – ha aggiunto – minerebbe l’efficacia nei combattimenti e metterebbe tante vite a rischio“. E poco importa anche che lo scorso maggio l’allora ministro della Difesa, Philip Hammond, ora ministro degli Esteri e sostituito a luglio da Michael Fallon, abbia detto che “è giunto il tempo di mettere da parte questa immagine da macho dell’apparato militare”. Le parole di Hammond suscitarono grandi polemiche anche cinque mesi fa, critiche perlopiù basate sulla presunta incapacità delle donne di sopportare, fisicamente e psicologicamente, il combattimento. Ora, appunto, Kemp si è aggiunto in quella bufera di commenti: “Servire al fronte richiede un’etica da guerrieri e un legame cameratesco”. Tutte cose eventualmente precluse alle donne, ha scritto apertamente il militare, a guida di una campagna a Kabul che si è chiusa ufficialmente solo poche settimane fa.

“Le donne non sono adatte a una banda di fratelli pieni di testosterone e potrebbero ridurre la coesione e la capacità guerriera di una piccola unità di combattimento”, ha inoltre aggiunto sul Times. Il ministero ha comunque negato che le discussioni sul ruolo delle donne nell’esercito siano state bloccate. Così non sono arrivati commenti ufficiali, tranne uno: “Non abbiamo ancora preso una decisione e ogni ipotesi di queste ultime ore è inaccurata”. Il parlamento sarà chiamato ufficialmente a votare, molto probabilmente prima di Natale, una volta che il ministero della Difesa abbia varato una direttiva ufficiale.



Citazione
Poco importa che, negli ultimi anni, ben otto donne abbiano perso la vita sul fronte, spesso in attacchi ai campi dell’esercito o in aree minate non segnalate.

... "ben otto donne".
E nel frattempo quanti uomini hanno perso la vita al fronte...?


@@


Bel commento...

Citazione
Zed82
4 anni fa
-
Ma mandatecele in prima linea! Sarà la volta buona che vedremo come si comportano all'atto pratico senza la valanga di parole che incensano la donna a prescindere senza passare per la prova dei fatti.
Per il momento, d'accordissimo col colonnello di Albione.


Ah dimenticavo: alla prima che cade sul campo di battaglia, per favore non frucugnateci i maroni col femminicidio.