Forum sulla Questione Maschile

Presentazioni => Presentazioni => Topic aperto da: donzella - Maggio 28, 2012, 20:06:27 pm

Titolo: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 28, 2012, 20:06:27 pm
Buonasera a tutti! Io sono una donna, ma spero di essere ugualmente bene accetta. Sono sposata da ormai 10 anni e sono un'ultratrentenne.

Che contributo posso dare in un forum come questo? non sono sicura di dire nulla di utile o anche solo interessante. Vorrei solo dirvi che la mia storia è diversa. Mio marito mi ha insegnato a stare al mio posto, che è al suo fianco per supportarlo, ma sempre un passo dietro di lui.

Il nostro non è un rapporto paritario, nel senso che lui comanda in casa, ed io sono felicissima che sia così. Sono felice di obbedirgli e di fare del mio meglio per renderlo felice: quando lui è felice il nostro equilibrio familiare è meraviglioso.

penso che le femministe si siano perse una cosa bellissima: avere al fianco di un uomo forte, dominante, consapevole del suo ruolo di capofamiglia, che possa permettere loro il lusso di essere "femmine": fragili, amate, protette, coccolate. Ma anche corrette, guidate e punite quando è il caso.

non capisco le guerre di potere fra i due sessi. Il potere è una cosa da uomini, noi donne siamo brave in altre cose. e questo voler competere a tutti i costi in campi che non rispettano la nostra diversità, porta solo a fallimento, solitudine e dolore.
buonasera a tutti!

Titolo: Re: Donzella
Inserito da: COSMOS1 - Maggio 28, 2012, 20:13:05 pm
ben arrivata

Mio marito mi ha insegnato a stare al mio posto



come ha fatto ad insegnartelo?
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: falseaccuse - Maggio 28, 2012, 20:24:00 pm
Donzella, qui purtroppo abbiamo problemi di troll che si infiltrano per screditare la questione maschile. Non credo sia il tuo caso, ma iniziare con una presentazione simile a qualcuno potrebbe apparire provocatorio. Le donne non sono fatte per stare dietro agli uomini ed essere "punite" all'occorrenza, noi siamo i primi a dirlo
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Nemo90 - Maggio 28, 2012, 20:24:20 pm
Non per essere aggressivo, ma...
Mio marito mi ha insegnato a stare al mio posto, che è al suo fianco per supportarlo, ma sempre un passo dietro di lui.

Il nostro non è un rapporto paritario, nel senso che lui comanda in casa, ed io sono felicissima che sia così. Sono felice di obbedirgli e di fare del mio meglio per renderlo felice: quando lui è felice il nostro equilibrio familiare è meraviglioso.

penso che le femministe si siano perse una cosa bellissima: avere al fianco di un uomo forte, dominante, consapevole del suo ruolo di capofamiglia, che possa permettere loro il lusso di essere "femmine": fragili, amate, protette, coccolate. Ma anche corrette, guidate e punite quando è il caso.

non capisco le guerre di potere fra i due sessi. Il potere è una cosa da uomini, noi donne siamo brave in altre cose. e questo voler competere a tutti i costi in campi che non rispettano la nostra diversità, porta solo a fallimento, solitudine e dolore.
buonasera a tutti!
... frasi come quelle evidenziate mi sembrano un tantino eccessive e teatrali. In buonafede penso che tu abbia calcato un po' troppo la mano nella descrizione di una semplice situazione in cui tuo marito ha la personalità più dominante nella coppia e non che, magari, il tuo è un tentativo di provocazione nei confronti degli utenti del forum... ma sicuramente mi sbaglierò e me ne scuso...

Ad ogni buon conto, benvenuta. :)  :fiocco:
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Stealth - Maggio 28, 2012, 20:37:04 pm
Buonasera a tutti! Io sono una donna, ma spero di essere ugualmente bene accetta. Sono sposata da ormai 10 anni e sono un'ultratrentenne.

Che contributo posso dare in un forum come questo? non sono sicura di dire nulla di utile o anche solo interessante. Vorrei solo dirvi che la mia storia è diversa. Mio marito mi ha insegnato a stare al mio posto, che è al suo fianco per supportarlo, ma sempre un passo dietro di lui.

Il nostro non è un rapporto paritario, nel senso che lui comanda in casa, ed io sono felicissima che sia così. Sono felice di obbedirgli e di fare del mio meglio per renderlo felice: quando lui è felice il nostro equilibrio familiare è meraviglioso.

penso che le femministe si siano perse una cosa bellissima: avere al fianco di un uomo forte, dominante, consapevole del suo ruolo di capofamiglia, che possa permettere loro il lusso di essere "femmine": fragili, amate, protette, coccolate. Ma anche corrette, guidate e punite quando è il caso.

non capisco le guerre di potere fra i due sessi. Il potere è una cosa da uomini, noi donne siamo brave in altre cose. e questo voler competere a tutti i costi in campi che non rispettano la nostra diversità, porta solo a fallimento, solitudine e dolore.
buonasera a tutti!



Sarai mica Costanza Miriano in incognito? :hmm:
Comunque benvenuta.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 28, 2012, 21:05:22 pm
Donzella, qui purtroppo abbiamo problemi di troll che si infiltrano per screditare la questione maschile. Non credo sia il tuo caso, ma iniziare con una presentazione simile a qualcuno potrebbe apparire provocatorio. Le donne non sono fatte per stare dietro agli uomini ed essere "punite" all'occorrenza, noi siamo i primi a dirlo

rispetto la tua opinione, ma io rimango della mia. lo so che oggigiorno se dici di stare un passo indietro a tuo marito (non a tutti gli uomini!!!) ti fai dei nemici, però se ci pensi era così fino a 30-40 anni fa ed il contrario sarebbe sembrato strano o fuori luogo. adesso è vero il contrario, e se vuoi è una distorsione.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 28, 2012, 21:10:37 pm
Non per essere aggressivo, ma...... frasi come quelle evidenziate mi sembrano un tantino eccessive e teatrali. In buonafede penso che tu abbia calcato un po' troppo la mano nella descrizione di una semplice situazione in cui tuo marito ha la personalità più dominante nella coppia e non che, magari, il tuo è un tentativo di provocazione nei confronti degli utenti del forum... ma sicuramente mi sbaglierò e me ne scuso...

Ad ogni buon conto, benvenuta. :)  :fiocco:

Ma perchè ti senti provocato? ;) Mio marito non ha un carattere dominante: lui è il capo della nostra famiglia, e ha l'ultima parola. Non c'è nessuna provocazione in questo, ma solo una grande armonia che deriva dal fatto che nel nostro matrimonio non ci sono lotte di potere: il potere è suo e basta. Va bene ad entrambi, e io non ce la farei proprio a stare con un uomo che si fa comandare a bacchetta o si aspetta che sia io a dirgli cosa fare.

Questo non vuol dire che io voglia imporre a tutti il nostro modello di rapporto, o che lo giudichi l'unico possibile.
E' che ho tanti amici i cui matrimoni sono naufragati/stanno naufragando perchè consumati dalla lotta per chi in casa deve comandare sull'altro... Mi chiedo solo se, con ruoli un po' più chiari ( e magari più tradizionali) le cose non andrebbero un po' meglio (forse!)
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 28, 2012, 21:12:37 pm
Sarai mica Costanza Miriano in incognito? :hmm:
Comunque benvenuta.

Ho letto il libro della Miriano, che ho anche regalato a tante amiche (chissà se poi l'hanno letto). Il problema della sottomissione femminile è quasi un tabù, pur essendo stato normale per millenni. Io mi chiedo: se un modello sociale è stato conservato così a lungo, non sarà che è perchè è funzionale ai rapporti?
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Massimo - Maggio 28, 2012, 21:18:09 pm
Mi puzza lontano un miglio di troll femminista. Oramai solo le femministe parlano così. Quando vogliono
infiltrarsi negli spazi maschili. Attenzione! Non caschiamoci come polli.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 28, 2012, 21:20:38 pm
ben arrivata

come ha fatto ad insegnartelo?

Non riesco a risponderti in due parole, e alcune cose non mi va neanche di dirle in pubblico (non per te, diciamo che mi sono attirata in passato un sacco di critiche e sarcasmi sgradevoli).

per farla breve, l'ho conosciuto e mi sono innamorata (ricambiata), ma lui in modo molto fermo ed onesto, mi ha detto che il rapporto avrebbe potuto continuare solo se avessi rispettato le sue regole.

All'inizio non è stato facile, ho anche litigato con tante mie amiche e qualcuna l'ho anche persa. Diciamo che è stato un percorso che è stato facilitato dall'amore reciproco e dalla ricompensa "emotiva" che questo rapporto "subordinato" ti dà, se sei una donna obiettiva che apprezza quello che il rapporto le dà, senza fermarsi al luogo comune.

Vorrei però precisare (lo fa anche la Miriano) che sottomessa non vuol dire schiava,  minus habens, priva di dignità, o di diritti. Ho il mio lavoro, la mia indipendenza economica, i miei interessi, le mie amicizie. è solo che so che mio marito è il mio "capo", e io rispetto e accetto la sua autorità.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Fazer - Maggio 28, 2012, 21:44:40 pm
Ciao, benvenuta.  :)
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: bhishma - Maggio 28, 2012, 21:49:23 pm
benvenuta ma la presentazione che ci hai fatto di te stessa non è delle più entusiasmanti per noi  :shifty:
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 28, 2012, 21:50:35 pm
benvenuta ma la presentazione che ci hai fatto di te stessa non è delle più entusiasmanti per noi  :shifty:

Perchè?  :)
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 28, 2012, 21:52:21 pm
Mi puzza lontano un miglio di troll femminista. Oramai solo le femministe parlano così. Quando vogliono
infiltrarsi negli spazi maschili. Attenzione! Non caschiamoci come polli.

Mi dispiace Massimo (tra l'altro, ti chiami come uno dei miei figli) che la pensi così. Avremo occasione di conoscerci meglio nel forum, e probabilmente cambierai parere.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: bhishma - Maggio 28, 2012, 22:03:17 pm
Perchè?  :)


è come parlare di quanto è detestabile la morale del sesso libero a dei cristiani.
il punto del cristianesimo non è mica quello e sembra uno sfottò a come essi e la loro fede vengono presentati dagli stereotipi.

il tema di questo forum non è la "sottomissione" della donna e il suo "ruolo naturale" che  meglio sarebbe dire di tradizione patriacrcale (che, tra l'altro, alcuni qui neanche condividono) bensì la riscoperta  della dignità dell' uomo nelle sue molteplicità(anche quelle che non sono "dominanti" in famiglia). 

Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 28, 2012, 22:16:12 pm

il tema di questo forum non è la "sottomissione" della donna e il suo "ruolo naturale" che  meglio sarebbe dire di tradizione patriacrcale (che, tra l'altro, alcuni qui neanche condividono) bensì la riscoperta  della dignità dell' uomo nelle sue molteplicità (anche quelle che non sono "dominanti" in famiglia). 

temo ci sia un equivoco di fondo. Io non credo che le donne debbano essere sottomesse a tutti gli uomini (tipo: il vicino di casa, il passante, il collega di scrivania, il portinaio), ma che in un rapporto di coppia ci siano delle gerarchie che sono naturali, e rispondono alle diverse caratteristiche dei due sessi.

Dopodichè non vedo la sottomissione della moglie in contrapposizione alla dignità dell'uomo.

La sottomissione della moglie (non della donna!) è nella tradizione patriarcale, che per carità, non è un dogma, ma, almeno dal mio punto di vista, rappresenta un modello la cui solidità sociale e relazionale non ha ancora trovato uguali.

La dignità dell'uomo sta anche nel rivendicare il suo ruolo naturale, che è quello di "comandare". Questo non vuol dire che un matrimonio debba sembrare una caserma, ma che rispettare questo ordine naturale nella coppia, ha come riflesso tutta una serie di vantaggi, primo fra tutti la salvaguardia delle nostre specificità.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: wish - Maggio 28, 2012, 22:17:36 pm
Posizione un pò estrema la tua, ugualmente benvenuta.  :)
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: bhishma - Maggio 28, 2012, 22:26:53 pm
secondo me non esiste un ruolo naturale da rivendicare ma semmai la possibilità per ciascuno di  decidere come vuole  quindi sono contro il modello patriarcale laddove esso è imposto come una costrizione e  sono favorevole laddove ci sono persone che lo vorrebbe a cui è impedito dalla società.
sono un libertario   :rolleyes:
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Rita - Maggio 28, 2012, 22:37:48 pm


il tema di questo forum non è la "sottomissione" della donna e il suo "ruolo naturale" che  meglio sarebbe dire di tradizione patriacrcale (che, tra l'altro, alcuni qui neanche condividono) bensì la riscoperta  della dignità dell' uomo nelle sue molteplicità(anche quelle che non sono "dominanti" in famiglia). 



 :lol: ecco infatti.. per l'appunto, si vede che non ce la si fa proprio a non parlare di noi eh..
(intendo "noi donne", per quanto odi il pronome collettivo)

benvenuta Donzella  :cool:

io credo che se già ci debbono essere delle "regole" messe in chiaro all'inizio di un rapporto (o è così o è così, decido io e tu stai subordinata) non ci sia molto di naturale. E questo vale da ambo le parti.

io devo dire che vedendo i miei genitori o sentendo parlare mia nonna (perchè mio nonno non l'ho conosciuto) non mi è mai capitato di sentirli parlare di sottomissione o di potere, o di chi aveva diritto all'ultima parola, se non in termini scherzosi e ironici. Eppure i miei genitori sono stati sposati 38 anni. E sicuramente non erano omologabili ma ciascuno aveva e manteneva ruoli e caratteristiche diverse. Sarà che sono cresciuta coi temini delle suore sulla famiglia che in genere recitavano cose come "il papà è il capo della famiglia e la mamma ne è il cuore". Ecco, in questi termini non è che l'ultima parola è sempre del capo. Qualche volta si segue anche il cuore. Ma sono scelte che si fanno vivendo.. di volta in volta.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 28, 2012, 23:30:16 pm
temo che rischiamo di avvitarci in una discussione che non ci porta lontano. Non credo che sia poi molto interessante scavare per decidere se il mio matrimonio sia basato su regole imposte prima o dopo, su temini da suore o sull'esperienza di avi (s)conosciuti.

Io vi ho voluto parlare di me, che forse rappresento una parte estrema (e forse no), che pur nella sua estremizzazione (??) ha trovato da anni un solido equilibrio.

In tutti i rapporti ci sono delle regole. ci sono rapporti le cui regole ci stanno talmente strette da farci rinunciare alla persona, e altri in cui la persona amata è così importante da valere "un'avventura" al di fuori dell'usuale.

Però il senso del mio post di presentazione non era dividere il forum nella fazione pro e in quella contro, nè fare proselitismo e nemmeno spingere qualcuno a dover a tutti i costi trovare il punto debole del mio rapporto o criticare le mie scelte. Era solo una testimonianza che il mondo è bello perchè è vario, e in quanto vario, va preso com'è.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: bhishma - Maggio 28, 2012, 23:32:47 pm
Era solo una testimonianza che il mondo è bello perchè è vario, e in quanto vario, va preso com'è.


siamo d'accordo allora e ri-benvenuta  :)
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: jorek - Maggio 28, 2012, 23:44:19 pm
benvenuta! :fiocco:
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Maggio 29, 2012, 00:23:57 am
ciao donzella benvenuta :)

io credo che gli uomini che rispondono ai desiderii come i tuoi (che indendono essere punti di riferimento per la donna) di questo passo spariranno. il gioco non vale piu la candela, tu stessa potresti rovinare il tuo uomo per aver fatto la parte che tu stessa gli hai chiesto di fare. a poco vale che tu non abbia intenzione di farlo, il solo il fatto che potresti è sufficiente.
"non ci sono piu gli uomini", è il messaggio che arriva da ogni dove. e non ci saranno piu, giustamente, finche il femminismo non sara estirpato. 
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 29, 2012, 00:32:11 am
ciao donzella benvenuta :)

"non ci sono piu gli uomini", è il messaggio che arriva da ogni dove. e non ci saranno piu, giustamente, finche il femminismo non sara estirpato. 

E invece gli uomini ci sono ancora! Devono solo recuperare un po' di autostima... ;)

bando agli scherzi: mio marito non fa una parte, lui è davvero così. la sua prima moglie forse non era una femminista, ma credo non accettasse la sua autorità, ed ecco com'è finita.

Adesso lei si è risposata e credo sia felice così. Anche lui ha sposato me e credo (!!!) sia felice. Lui non ha acettato compromessi, e ha cercato una donna che lo prendesse per quello che era (che è). Il gioco vale sempre la candela, se è quella che illumina la tua vita! ;)
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Maggio 29, 2012, 00:44:32 am
E invece gli uomini ci sono ancora! Devono solo recuperare un po' di autostima... ;)

bando agli scherzi: mio marito non fa una parte, lui è davvero così. la sua prima moglie forse non era una femminista, ma credo non accettasse la sua autorità, ed ecco com'è finita.

Adesso lei si è risposata e credo sia felice così. Anche lui ha sposato me e credo (!!!) sia felice. Lui non ha acettato compromessi, e ha cercato una donna che lo prendesse per quello che era (che è). Il gioco vale sempre la candela, se è quella che illumina la tua vita! ;)

certo che ci sono ancora, ma la candela ti assicuro non vale piu (a parte casi felici come il tuo).
e certo che tuo marito non fa una parte, intendevo che interpreta il ruolo che piace a te, ma non nel senso che finge...vabbe mi sono capito ^_^
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: ilmarmocchio - Maggio 29, 2012, 10:39:24 am
benvenuta
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Warlordmaniac - Maggio 29, 2012, 11:07:14 am
Benvenuta.

La dignità dell'uomo sta anche nel rivendicare il suo ruolo naturale, che è quello di "comandare". Questo non vuol dire che un matrimonio debba sembrare una caserma, ma che rispettare questo ordine naturale nella coppia, ha come riflesso tutta una serie di vantaggi, primo fra tutti la salvaguardia delle nostre specificità.

Non sono molto convinto che il ruolo naturale dell'uomo sia quello di comandare. Credo che questa mentalità sia dovuta ad un femminismo spontaneo da parte di donne a cui piace essere deresponsabilizzate.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Maggio 29, 2012, 12:07:44 pm
Benvenuta.

Non sono molto convinto che il ruolo naturale dell'uomo sia quello di comandare. Credo che questa mentalità sia dovuta ad un femminismo spontaneo da parte di donne a cui piace essere deresponsabilizzate.

la penso anch'io cosi, comandare è un onere, ed è anche l'unico modo non masochista per stare con una donna ( se non hai in mano la situazione la donna manda  tutto a scatafascio). se comandi oltre a non esserti riconosciuti gli onori che l'onere di comandare comporta, sei un maschilista patriarcale. se non comandi, "dove sono finiti gli uomini". che crescano anche le donne, che la  smettano di vedere tutto come un gioco di potere, o in alternativa che si attivino loro stesse contro il femminismo, che dichiarino una volta per tutte che sono loro a volere l'uomo che comanda, e che non si lamentino mai piu. amen.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: krool - Maggio 29, 2012, 12:16:44 pm
Ma ci prende in giro...?
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: cancellatow - Maggio 29, 2012, 12:29:56 pm
Ma ci prende in giro...?

Non credo. Mi sembra in buona fede, solo ha letto poco e come quasi tutte le donne guarda se stessa ;)

cmq benvenuta donzella
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Stealth - Maggio 29, 2012, 12:31:35 pm
sottomissione femminile

Ora non vorrei fare il politicamente corretto, per carità, però che brutto termine! :(
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: KasparHauser - Maggio 29, 2012, 13:52:22 pm
Secondo me è una presa per il culo, cmq anche fosse sincera, non condivido nulla di quanto scrive.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: yamamax - Maggio 29, 2012, 15:06:27 pm
Secondo me è una presa per il culo, cmq anche fosse sincera, non condivido nulla di quanto scrive.


Quoto. Non capisco il nesso tra la descrizione minuziosa di una vita coniugale paradisiaca e l' iscrizione a questo forum che tratta ben altro. Non so quale apporto può arrivare alle nostre realtà da una utente che vive in un altro pianeta. Boh!
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: COSMOS1 - Maggio 29, 2012, 15:41:11 pm
Secondo me è una presa per il culo, cmq anche fosse sincera, non condivido nulla di quanto scrive.


perchè no?
io sì
unico problema: come convincere le donne a starsene sottomesse e a non smazzarci i maroni?
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 29, 2012, 15:57:21 pm
la penso anch'io cosi, comandare è un onere, ed è anche l'unico modo non masochista per stare con una donna ( se non hai in mano la situazione la donna manda  tutto a scatafascio). se comandi oltre a non esserti riconosciuti gli onori che l'onere di comandare comporta, sei un maschilista patriarcale. se non comandi, "dove sono finiti gli uomini".

Gli uomini che comandano piacciono molto alle donne (almeno a molte di loro), danno un senso di sicurezza. Qualcuno dice "deresponsabilizzano" e io sono d'accordo: che c'è di più rassicurante di qualcuno che ti protegge e ti aiuta a trovare la direzione?

Io (ma penso anche tante altre) l'uomo lo devo poter rispettare, devo poter pensare, "guarda che tosto, che fortuna che stia proprio con me!" Fa niente se devo rinunciare a un po' di protagonismo: nella bilancia del mio benessere psicologico, sentirsi rassicurata, protetta e gratificata dall'uomo-eroe pesa di più del voler essere a tutti i costi sullo stesso piano e nella stessa trincea (magari a scannarsi l'un l'altro invece di amarsi).

E' lo stesso dove lavoro io: ci sono tantissime donne e sono tutte inc***ate nere e in perenne lotta con gli uomini per i posti di maggior responsabilità. A me non interessa la carriera o la competizione con gli uomini, semplicemente perchè non voglio essere così "responsabilizzata", io faccio il mio e alle 17,30 voglio potermene andare, perchè la vita è fatta di tante cose più belle che sgomitare e giocare alla guerra fra i sessi (e fra queste belle cose c'è anche quella di tornare a casa da un uomo con cui non litighi per chi fa la lavastoviglie)
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: cancellatow - Maggio 29, 2012, 16:04:39 pm
Gli uomini che comandano piacciono molto alle donne (almeno a molte di loro), danno un senso di sicurezza. Qualcuno dice "deresponsabilizzano" e io sono d'accordo: che c'è di più rassicurante di qualcuno che ti protegge e ti aiuta a trovare la direzione?


Donzella, tu dici di camminare dietro a un uomo, ma a quest'uomo gli daresti la cavezza che ti lega il collo?
Nel senso che se lui sceglie una strada sbagliata tu finisci nel burrone con lui?
O preferisci camminare dietro e se lui cade scegliere se seguirlo o cambiare strada?
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 29, 2012, 16:28:41 pm
Secondo me è una presa per il culo, cmq anche fosse sincera, non condivido nulla di quanto scrive.

E vabbè, pazienza. "Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere." qualcuno disse...

Comunque, prendere per i fondelli, non è un'attività granchè interessante...

Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 29, 2012, 16:36:23 pm
Quoto. Non capisco il nesso tra la descrizione minuziosa di una vita coniugale paradisiaca e l' iscrizione a questo forum che tratta ben altro. Non so quale apporto può arrivare alle nostre realtà da una utente che vive in un altro pianeta. Boh!

Bè, la descrizione non è poi così minuziosa. Ho omesso un sacco di particolari! :)
Non so se darò apporti (se dovessi pormi il problema di quello che apporto tutte le volte che faccio qualcosa, il 90% delle mie azioni rimarrebbero incompiute).
Su una cosa però non sono di sicuro d'accordo con te. Viviamo sullo stesso pianeta, solo che magari vediamo le cose da diverse prospettive.

Ho cominciato a leggere il forum e quello che mi ha colpito è la visione pessimistica delle relazioni uomo-donna, da tutti i punti di vista (relazionale, sociale, lavorativo) associato anche a tanto dolore e rabbia (certamente ognuno ha le sue buone ragioni e non sono certo io a doverle indagare o mettere in dubbio).

Ho deciso di iscrivermi perchè io questa contrapposizione non la vivo: non che la mia vita sia il paradiso terrestre, diciamo però che fra i miei molti problemi il conflitto uomo donna non c'è.

Pensavo potesse essere un terreno di confronto interessante, anche se magari ad apporto zero... ;)
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 29, 2012, 16:44:10 pm
perchè no?
io sì
unico problema: come convincere le donne a starsene sottomesse e a non smazzarci i maroni?
Adoro il tuo approccio pragmatico! ;)
Convincere le donne ad essere sottomesse è possibile (il che non vuol dire che funzioni sempre e comunque e con tutte), cosa più interessante, è possibile farlo in modo che sia una condizione che le soddisfa, ma dal mio punto di vista funziona solo se lo si pone come obiettivo.

Con questo non ritengo di aver risposto alla tua domanda, semplicemente credo che questa sia una questione molto più interessante che stare a lambiccarsi se e perchè una donna senza problemi con gli uomini possa/ voglia iscriversi ad un forum che dibatte di problemi di uomini e donne/ con le donne.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Warlordmaniac - Maggio 29, 2012, 16:44:39 pm
perchè no?
io sì
unico problema: come convincere le donne a starsene sottomesse e a non smazzarci i maroni?

Puntare di più su attività extrasessuali o, perlomeno, parasessuali.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 29, 2012, 16:53:37 pm

Donzella, tu dici di camminare dietro a un uomo, ma a quest'uomo gli daresti la cavezza che ti lega il collo?
Nel senso che se lui sceglie una strada sbagliata tu finisci nel burrone con lui?
O preferisci camminare dietro e se lui cade scegliere se seguirlo o cambiare strada?

Bè, adesso non estremizziamo!

In casa nostra si parla e si discute a lungo su ogni cosa, se gli vedo prendere una strada sbagliata glielo dico con sincerità, ma quasi solo se si tratta di una cosa pericolosa per lui, o per la nostra famiglia (se invece sta solo comprando una cravatta di pessimo gusto che però a lui piace da matti, mi mordo la lingua e sto al mio posto: se anche sbaglia nessuno si farà male, se invece insisto a dirgli a tutti i costi che sembra un paesanotto, umilio solo il suo orgoglio maschile senza niente di buono per nessuno).

E' chiaro che nel caso di decisioni non pericolose, non mi metto di traverso e di certo non contesto la sua autorità. L'auto se l'è scelta da solo, così come il televisore ultrapiatto, la moto, la banca in cui avere il conto.

In qualche situazione avevo opinioni diverse dalle sue, ma non ho insistito, mi sembrava più importante l'equilibrio familiare.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 29, 2012, 17:07:46 pm
Ora non vorrei fare il politicamente corretto, per carità, però che brutto termine! :(

Dipende.
ci sembra brutto per ragioni culturali del nostro tempo e del nostro contesto, ma  è un messaggio bellissimo ed attualissimo in altri contesti, ad esempio quello evangelico:

Le mogli siano sottomesse ai mariti come al Signore; il marito infatti è capo della moglie, come anche Cristo è capo della Chiesa, lui che è il salvatore del suo corpo. E come la Chiesa sta sottomessa a Cristo, così anche le mogli siano soggette ai loro mariti in tutto. . [Efesini 5, 22]

Sottomessa non vuol dire inferiore in dignità umana, di minor valore, meno intelligente o priva dei diritti fondamentali, da rendere oggetto di abusi.

Sottomessa vuol dire messa sotto l'autorità del marito. Ovvero per me (non solo per me!) nella coppia ci sono dei ruoli non del tutto intercambiabili, ed una gerarchia di potere e decisionale.

Tutta la nostra società è fatta di gerarchie: il capo ha autorità sui suoi subordinati, gli insegnanti sugli studenti, i generali sulle truppe, il primario sul suo reparto, i genitori sui figli ecc.

la presenza di gerarchia e di autorità riconosciuta nulla toglie alla stima, all'affetto, anche all'amore che può esserci fra chi occupa due distinte posizioni nella gerarchia. Anzi, la chiarezza dei ruoli e dell'equilibrio di potere in una coppia elimina un sacco di tensioni interne inutili.

Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 29, 2012, 17:12:50 pm
Puntare di più su attività extrasessuali o, perlomeno, parasessuali.
il sesso aiuta sempre! tuttavia si tratta più di cambiare l'equilibrio di potere che c'è in una coppia (e in qualsiasi relazione fra due o più esseri umani)
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Warlordmaniac - Maggio 29, 2012, 17:26:30 pm
il sesso aiuta sempre! tuttavia si tratta più di cambiare l'equilibrio di potere che c'è in una coppia (e in qualsiasi relazione fra due o più esseri umani)

L'argomento è troppo complesso per una newbie; per capire i danni della sessocrazia, avresti dovuto fare un certo percorso mentale che non hai fatto.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: COSMOS1 - Maggio 29, 2012, 19:50:12 pm
farlo in modo che sia una condizione che le soddisfa, ma dal mio punto di vista funziona solo se lo si pone come obiettivo.


fammi capire meglio: come faccio a convincere mia moglie o una qualunque fas, poniamo fikasicula, che la sottomissione le soddisfa? come farlo accettare in quanto obiettivo?
mia moglie va a messa tutte le domeniche, ma quando leggono quei passi di S.Paolo o S.Pietro si tura le orecchie ...
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: krool - Maggio 29, 2012, 22:01:35 pm
perchè no?
io sì
unico problema: come convincere le donne a starsene sottomesse e a non smazzarci i maroni?
Io pensavo che la QM non fosse questo, sinceramente.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Maggio 29, 2012, 22:05:02 pm
fammi capire meglio: come faccio a convincere mia moglie o una qualunque fas, poniamo fikasicula, che la sottomissione le soddisfa? come farlo accettare in quanto obiettivo?
mia moglie va a messa tutte le domeniche, ma quando leggono quei passi di S.Paolo o S.Pietro si tura le orecchie ...
Io non ce l'ho la ricetta magica che funziona ogni volta, però ti posso raccontare di una volta che ha funzionato di sicuro. Io il problema del rapporto fra i sessi non me l'ero posto un granchè prima di incontrare mio marito.

Poi l'ho conosciuto, c'era l'attrazione reciproca e anche del sentimento, ma lui è stato tosto per davvero: mi ha detto che prima di continuare era bene che chiarissimo le reciproche aspettative. lui veniva fuori da un matrimonio fallito, e mi ha detto in modo molto chiaro e senza tanti giri di parole cosa si aspettava da un rapporto sentimentale, e che cosa non era disposto ad accettare. Ma non l'ha fatto in termini astratti o teorici (per intenderci: non ha mai menzionato il fatto che volesse una moglie sottomessa) mi ha solo fatto un pragmatico elenco (con tanto di esempi concreti) di quello che per lui era proprio intollerabile nella sua compagna.
e dopo di lì non si è spostato di un millimetro e non ha accettato compromessi, neanche minimi.

Allora mi sono adattata io, un po' alla volta, e facendo molti errori. Tuttavia, senza perdersi d'animo, in modo sempre molto concreto, in ogni circostanza lui mi ha detto cosa facevo di sbagliato/inaccettabile ecc e come avrei dovuto comportarmi in quella situazione secondo lui per non ferirlo/irritarlo/offenderlo. Io ho sempre accettato le critiche, sia perchè basate su fatti molto circostanziati, sia perchè mai distruttive o denigratorie, al contrario, sempre date con garbo e con amore.

Certo che potevo mandarlo al diavolo o scappare a gambe levate. Penso che lo avesse messo in conto. Ma se anche fosse successo, lui avrebbe trovato la ragazza successiva, o quella dopo ancora, con cui costruire una intesa fatta a misura dei suoi bisogni e dei suoi desideri. E' questo quello che intendo con il darselo come obiettivo: cosa è più importante? stare con quella donna "X" a tutti i costi e accettando compromessi sempre più intollerabili, o fissare i tuoi "standard" di storia d'amore, e non fare entrare nessuno che non ne sia più che "degno"? (non in senso morale, ovviamente).

Il resto è venuto dopo, quando ai comportamenti già consolidati cominci a dare dei nomi (ruoli, gerarchia familaire, sottomisisone) ma come sempre, prima vengono i comportamenti e dopo le loro definizioni.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: COSMOS1 - Maggio 30, 2012, 09:39:30 am
Io pensavo che la QM non fosse questo, sinceramente.

QM= Questione Maschile
Questione=domanda, problema, inghippo, discussione, disagio

la QM però o è un piangersi addosso o prima o poi si pone il problema della via d'uscita
ovvio che tot capita tot sententia, per cui non meravigliamoci se tra noi quando si passa alla pars costruens emergono tante differenze
al momento siamo tenuti insieme dal problema, ma ci separiamo sulle soluzioni

@donzella: delle due l'una: o un corteggiamento infinito per convincere tua moglie a fare quello che vuoi tu, o una migrazione infinita da una donzella all'altra in cerca di quella con cui ti intendi
non hai altro da proporre?
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: wish - Maggio 30, 2012, 09:50:57 am
Una domanda Cosimo, se inopportuna censura, cancella o come preferisci.
Te lo chiedo non in tono polemico, ma sono un tantino preoccupata.
Come si fa a chiedere pubblicamente a donzella come sottomettere le donne senza pensare che "fuori" possano fraintendere ed etichettarvi come maschilisti?
In più di un post ho letto di utenti preoccupati di quel che può arrivare alla gente, che siano nuovi o non.
Eri ironico?
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: COSMOS1 - Maggio 30, 2012, 09:58:44 am
Una domanda Cosimo, se inopportuna censura, cancella o come preferisci.
Te lo chiedo non in tono polemico, ma sono un tantino preoccupata.
Come si fa a chiedere pubblicamente a donzella come sottomettere le donne senza pensare che "fuori" possano fraintendere ed etichettarvi come maschilisti?
In più di un post ho letto di utenti preoccupati di quel che può arrivare alla gente, che siano nuovi o non.
Eri ironico?

scusami wish, ma io cerco di capire la gente, credo che alla fine sia più importante capire che essere capiti
donzella viene a dirci che suo marito l'ha convinta a sottomettersi: permetterai che sono curioso di sapere come ha fatto?
poi se vogliamo discutere, ci sono montagne di libri scritti sull'argomento, è dall'alba dell'umanità che si discute del rapporto tra i sessi
se faccio una domanda non puoi saltare alla conclusione che io abbia una certa visione del mondo nè tantomeno che ce l'abbia la generalità del forum
ho fatto una domanda
poi se vuoi aprire un topic sul valore della sottomissione femminile, ok, vai pure
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: wish - Maggio 30, 2012, 10:26:19 am
scusami wish, ma io cerco di capire la gente, credo che alla fine sia più importante capire che essere capiti
donzella viene a dirci che suo marito l'ha convinta a sottomettersi: permetterai che sono curioso di sapere come ha fatto?
poi se vogliamo discutere, ci sono montagne di libri scritti sull'argomento, è dall'alba dell'umanità che si discute del rapporto tra i sessi
se faccio una domanda non puoi saltare alla conclusione che io abbia una certa visione del mondo nè tantomeno che ce l'abbia la generalità del forum
ho fatto una domanda
poi se vuoi aprire un topic sul valore della sottomissione femminile, ok, vai pure

No no ok, era solo questo, non andavo oltre. Grazie.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Rita - Maggio 30, 2012, 10:30:41 am
se faccio una domanda non puoi saltare alla conclusione che io abbia una certa visione del mondo

beh no, .. nel momento in cui si dice "io sì" a chi afferma di non condividere, mi sembra anche normale e logico "concludere" (senza manco fare troppi salti, ci si arriva dolcemente) che non si tratti di semplice curiosità ma che tu condivida quella visione.

Il che è sicuramente legittimo ma pone, oltre al problema di "immagine" di cui parla Wish (di cui è anche legittimo sbattersene eh...) un'altra domanda. Uno dei cavalli di battaglia della QM è appunto quello che fa capo al "nonveniteciadirecosaèecomedevessereunuomo"... di contro mi sembrerebbe logico che il problema della QM non dovrebbe essere trovare il metodo per convincere tutte o la maggioranza delle donne ad essere come le vogliono gli uomini (o meglio come le vuole una parte.. :unsure:).

Oltretutto è speculare al femminismo che stabilisce le sue regole e pretende di dire agli uomini come si devono comportare, quali responsabilità e in che misura si devono prendere, quanto e come devono essere docili e condiscendenti ed ascoltare...con la pretesa di dire che poi saranno felici pure loro  :lol:

Anche qui senza polemica.. Donzella è venuta a parlarci di come è lei e di com'è il suo rapporto (per presentarsi, l'ha precisato).

Io mi sono permessa di dire che non è la cultura che conosco io o che apparteneva ai miei genitori e ai miei nonni. Divisione di competenze non significa per forza dover stabilire chi ha il potere e chi non ce l'ha e dover anche faticare continuamente per porre i paletti.

Il punto "ideale" sarebbe evitare gli squilibri da una parte e dall'altra. A me personalmente, una relazione in cui devo misurare le parole e non ho nemmeno il diritto di opinione di dirgli che non mi piacciono le cravatte che sceglie per esempio, non so mica se alla lunga non la sentirei stretta. Se vietiamo il diritto di opinione anche nella coppia, figuriamoci se possiamo pretenderlo nella società. Altra cosa è se diventa critica maniacale, gratuita e fine a sè stessa (tesa cioè a cambiare e plasmare per forza l'altra parte...).

Va da sè, che se voglio bene ad una persona e mi accorgo che pestare su un determinato tasto lo fa soffrire e lo ferisce, sarò io stessa a smettere di pestarci su.

 
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: krool - Maggio 30, 2012, 11:10:18 am
Sono d'accordo con Rita.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Maggio 30, 2012, 11:45:16 am
anch'io sono completamente d'accordo con rita.
la qm per me non è questo, e la pars destruens non è piangersi addosso, è imporsi per far cessare il malebashing e compagnia bella.
detto questo, a me donzella non pare che dica nulla di sconvolgente, mai conosciuto una donna che non cerchi nell'uomo qualcuno a cui appoggiarsi (in diversi modi e forme), le stesse che lasciano commenti misandrici su facebook, se sono accoppiate lo sono con un uomo che ha saputo imporsi con loro.(in diversi modi e forme). l'esigenza di "seguire" l'uomo, sara anche politicamente scorretta da dire, ma mi pare la normalita, nei comportamenti e nelle scelte relazionali femminili.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: COSMOS1 - Maggio 30, 2012, 11:47:19 am
beh no, .. nel momento in cui si dice "io sì" a chi afferma di non condividere, mi sembra anche normale e logico "concludere" (senza manco fare troppi salti, ci si arriva dolcemente) che non si tratti di semplice curiosità ma che tu condivida quella visione.
 

l'affermazione precedente era: non condivido nulla
tra "non condivido nulla" e "condivido tutto" c'è un abisso
a me interessa discutere: ovvio che mi interessa tanto più quanti più sono i punti di differenza, ma se siamo del tutto diversi (un marziano che non ha nulla a che fare con noi) l'interesse scema
la discussione per essere interessante deve partire da punti di vista simili e diversi allo stesso tempo

mi pare che abbiamo dato troppo poco tempo a donzella per spiegarsi: ho l'impressione che qui ci sia chi sa gia tutto  :cool: e se provi a dire: "guarda che io ho detto un'altra cosa", si offende pure  :cool:
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Rita - Maggio 30, 2012, 12:03:47 pm

mi pare che abbiamo dato troppo poco tempo a donzella per spiegarsi: ho l'impressione che qui ci sia chi sa gia tutto  :cool: e se provi a dire: "guarda che io ho detto un'altra cosa", si offende pure  :cool:

che ti sei offeso?  :huh:

no, allora, secondo me, non sei stato molto chiaro qui

Citazione
unico problema: come convincere le donne a starsene sottomesse e a non smazzarci i maroni?

perchè se l'unico problema della QM è questo, è chiaro che non ha nemmeno senso il discutere, il vedere i punti di differenza etc. etc...  :lol:
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Rita - Maggio 30, 2012, 12:12:28 pm
detto questo, a me donzella non pare che dica nulla di sconvolgente, mai conosciuto una donna che non cerchi nell'uomo qualcuno a cui appoggiarsi (in diversi modi e forme), le stesse che lasciano commenti misandrici su facebook, se sono accoppiate lo sono con un uomo che ha saputo imporsi con loro.(in diversi modi e forme). l'esigenza di "seguire" l'uomo, sara anche politicamente scorretta da dire, ma mi pare la normalita, nei comportamenti e nelle scelte relazionali femminili.

esatto: il punto è che oggi,nel nostro mondo occidentale, non esiste più l'indissolubilità del matrimonio e il "finchè morte non vi separi".
Nel mondo tradizionale, il compagno o marito di Donzella sarebbe rimasto con la prima moglie pur con le difficoltà di diversa visione del mondo. E Donzella o sarebbe rimasta sola, o avrebbe scelto qualcun'altro che si avvicinasse di più alla sua idea di uomo.

Citazione
le stesse che lasciano commenti misandrici su facebook, se sono accoppiate lo sono con un uomo che ha saputo imporsi con loro.(in diversi modi e forme)

Secondo me, la chiave di comprensione sta proprio nel punto  "non è che una dev'essere sottomessa agli uomini ma al marito"
 Ecco per l'appunto...

Poi volendo si potrebbe pure discutere sul significato dei modi e delle forme dell'imposizione. Non è necessario che sia attivamente dominante, basta che abbia saputo creare (o che gli venga naturale) l'idolum che meglio corrisponde a quello mentalmente presente nell'idea di "uomo migliore per me" :lol:
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Maggio 30, 2012, 15:34:17 pm
esatto: il punto è che oggi,nel nostro mondo occidentale, non esiste più l'indissolubilità del matrimonio e il "finchè morte non vi separi".
Nel mondo tradizionale, il compagno o marito di Donzella sarebbe rimasto con la prima moglie pur con le difficoltà di diversa visione del mondo. E Donzella o sarebbe rimasta sola, o avrebbe scelto qualcun'altro che si avvicinasse di più alla sua idea di uomo.

Secondo me, la chiave di comprensione sta proprio nel punto  "non è che una dev'essere sottomessa agli uomini ma al marito"
 Ecco per l'appunto...

Poi volendo si potrebbe pure discutere sul significato dei modi e delle forme dell'imposizione. Non è necessario che sia attivamente dominante, basta che abbia saputo creare (o che gli venga naturale) l'idolum che meglio corrisponde a quello mentalmente presente nell'idea di "uomo migliore per me" :lol:

sostanzialmente è cosi :)
 per i varii modi e forme, e per l'idolum ci vorrebbe un forum intero, ma credo che ci siamo capiti ;)
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Warlordmaniac - Maggio 30, 2012, 15:53:25 pm
Uno dei cavalli di battaglia della QM è appunto quello che fa capo al "nonveniteciadirecosaèecomedevessereunuomo"... di contro mi sembrerebbe logico che il problema della QM non dovrebbe essere trovare il metodo per convincere tutte o la maggioranza delle donne ad essere come le vogliono gli uomini (o meglio come le vuole una parte.. :unsure:).


E' che l'ormone s'insinua dentro le righe dei nostri post, appena abbassiamo un minimo la guardia.
Siamo molto lontani dall'obiettivo.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: yamamax - Maggio 30, 2012, 16:21:07 pm
Visto che la discussione sta volgendo verso l' idea e il concetto di sottomissione, al di là delle storie personali credo che un rapporto uomo/donna che dicono di amarsi non deve dipendere dal fatto da chi dei due accetta di essere "sottomesso". La parola stessa mi pare improponibile per chi vuole crescere e vivere insieme. Il punto è che un rapporto costruttivo deve essere basato su sentimenti, rispetto e stima reciproca, trovo strano questo porsi in base ad una sottomissione, che senso c'è ad avere una persona accanto che per paura di incrinare il rapporto non ha il coraggio e trova più facile non criticare nulla di quello che si fà insieme. Le critiche servono anche a crescere e a maturare, la differenza sta come si pongono queste obiezioni: cioè se vengono dette in maniera serena e rispettosa oppure se imposte con acidità e con meccanismi ricattatori ( se fai questo io ti tolgo altro ! ). Per fare un esempio banale se vado in giro come uno straccione oppure arredo la casa come una discarica e la mia compagna non me lo farà mia notare perchè pensa di offendermi e preferisce non esporsi in nulla, come potrò mai migliorare, come potrò non ripetere gli stessi errori. Forse è meglio che siano altri a spiegarmelo magari ridendomi dietro ?
Ripeto la differenza è come si dicono le cose ..... però vanno dette sia positive che negative e questo che fa la differenza di qualità in un rapporto di coppia.  Un uomo (o una donna ) che detta regole che non si possono mai mettere in discussione, che mette come condizione unica alla continuazione del  rapporto tutti i suoi "paletti" inamovibili a me sembra più un ragazzino viziato mai cresciuto e con nessuna voglia di mettersi in discussione; è chiaro che uno così deve solo trovarsi una compagna "su misura" acritica, con mandato di delega per non avere problemi di responsabilità e discussioni in nulla. Magari avessi incontrato persone che con  critiche "serene" mi avessero salvato da scelte sbagliate e figure di m..da.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: COSMOS1 - Maggio 30, 2012, 18:59:01 pm

perchè se l'unico problema della QM è questo, è chiaro che non ha nemmeno senso il discutere, il vedere i punti di differenza etc. etc...  :lol:


 :lol:

ma dai!

a->b->c->d ...
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Giugno 02, 2012, 00:26:10 am
Hei un attimo!
Non mi piace affatto la piega che la conversazione sta prendendo.

Io vedo un po' troppi giudizi morali e un bel po' di luoghi comuni: la  moglie acritica, il marito che se non criticato non migliora, la donna che non si vede nella relazione in cui deve misurare le parole...

E non vi viene il dubbio che il non misurare mai le parole possa ferire inutilmente la persona che amate? Preferireste tutti sentirvi brutalmente dire: Pippo, hai perso tutto il tuo fascino, sei grasso come un maiale, mettiti a dieta, e poi ti vesti come uno straccione e quando parli fai un sacco di errori di grammatica che ti fanno apparire semi analfabeta, e ringraziami eh, perchè a dirtelo ti aiuto a migliorare!  

Gina, è meglio che tu non metta quei leggins, hai il sedere grosso e le gambe enormi, lo so che tu ti vedi bella ma ti sbagli di grosso: ti assicuro che non ti si può guardare, in realtà sei comica e infatti tutti  ridono di te. ma lo dico per il tuo bene, eh!!

fermatevi a considerare che rovesciare critiche addosso alle persone per un malinteso fondamentalismo della verità possa non essere un segno di maturità e che invece processare con attenzione le proprie reazioni e sforzarsi di non essere troppo (e inutilmente) contundenti sia una qualità e non un segnale di stupidità.
in qualunque contesto sociale è considerata una competenza comunicare in modo funzionale ai propri obiettivi, invece di aprire la bocca e lasciarvi uscire di tutto.

Quanti di voi direbbero al loro amministratore delegato "lei ha avuto una idea idiota, il che non mi stupisce, visto che non ho mai avuto alcuna stima della sua intelligenza!"  Se non lo fate, è perchè vi rendete conto che dire quel che pensate invece che bello, etico e nobile,  rappresenterebbe un colossale errore tattico. Normalmente, in una condizione del genere, vi sforzereste di demolire l'idea stupida in modo neutro e con riscontir oggettivi, senza dare lasciar intuire il vostro vero giudizio.

Senza contare che poi ci sono pure cose sulle quali, se si è intelligenti (e non cerebrolesi come volete farmi passare) si può anche decidere di soprassedere: l'importante non è partecipare a tutte le battaglie, ma concentrare le energie su quelle che valgono la pena ai fini della vittoria. Questa si chiama funzionalità all'obiettivo. Se anche a qualcuno piacciono orripilanti cravatte, perchè muovergli contro una crociata? cosa ci aspettiamo di ricavarne? temiamo che con una brutta cravatta non si entri nel regno dei cieli, o forse ci illudiamo che la nostra critica grossolana gli farà cambiare gusto estetico? Garantito che no, ma in compenso gli farà del male.

 
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Giugno 02, 2012, 00:34:14 am
@donzella: delle due l'una: o un corteggiamento infinito per convincere tua moglie a fare quello che vuoi tu, o una migrazione infinita da una donzella all'altra in cerca di quella con cui ti intendi
non hai altro da proporre?


E perchè dovrei proporti qualcosa? non faccio mica la rappresentante di Sottomessi& soddisfatti!

Ti aspettavi un manualetto all'americana tipo: "dieci regole sicure per sottometterla".

un corteggiamento infinito? ma le relazioni sono infinite, e dinamiche per definizione, non basta agire un comportamento una volta per creare un automatismo. non puoi essere comprensivo col tuo partner per i primi 6 mesi, e poi aspettarti di non dover fare più alcuno sforzo per capirlo per i 40 anni successivi!

Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Giugno 02, 2012, 00:44:58 am
.

Il punto "ideale" sarebbe evitare gli squilibri da una parte e dall'altra. A me personalmente, una relazione in cui devo misurare le parole e non ho nemmeno il diritto di opinione di dirgli che non mi piacciono le cravatte che sceglie per esempio, non so mica se alla lunga non la sentirei stretta. Se vietiamo il diritto di opinione anche nella coppia, figuriamoci se possiamo pretenderlo nella società. Altra cosa è se diventa critica maniacale, gratuita e fine a sè stessa (tesa cioè a cambiare e plasmare per forza l'altra parte...).
Va da sè, che se voglio bene ad una persona e mi accorgo che pestare su un determinato tasto lo fa soffrire e lo ferisce, sarò io stessa a smettere di pestarci su.

Non ci siamo, temo. Di squilibri non ce ne possono essere quando in un rapporto c'è chiarezza sui ruoli, di qualunque tipo essi siano. il fatto che il potere non sia diviso esattamente a metà col righello non vuole automaticamente dire che ci siano degli squilibri, gli equilibri possono essere solidissimi anche se basati su asimmetrie e complementarietà.

il diritto di opnione nelle coppie non è vietato, ma a me la sincerità bruta e a tutti i costi non convince. credo che piuttosto che sentirsi inibiti dall'esprimere opnioni, nelle coppie equilibrate ci si chieda come esprimere le proprie opinioni e magari qualche volta si può arrivare alla conclusione di tenersi la propria opinione per sè (tenersela per sè non significa non averla)

ci sono persone che hanno opinioni radicatissime e solide che non conosceremo mai perchè non le esprimono, ma il fatto che non le conosciamo non vuol dire che non esistano (non tutto quello che esiste si può conoscere, non tutto quello che non si può conoscere non esiste, mica siamo noi il metro di tutte le cose).
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Giugno 02, 2012, 00:47:41 am
anch'io sono completamente d'accordo con rita.
la qm per me non è questo, e la pars destruens non è piangersi addosso, è imporsi per far cessare il malebashing e compagnia bella.
detto questo, a me donzella non pare che dica nulla di sconvolgente, mai conosciuto una donna che non cerchi nell'uomo qualcuno a cui appoggiarsi (in diversi modi e forme), le stesse che lasciano commenti misandrici su facebook, se sono accoppiate lo sono con un uomo che ha saputo imporsi con loro.(in diversi modi e forme). l'esigenza di "seguire" l'uomo, sara anche politicamente scorretta da dire, ma mi pare la normalita, nei comportamenti e nelle scelte relazionali femminili.

Beta, mi sembra che tu sia l'unico ad aver capito il senso dei miei post. Non c'è niente di male, di perverso o di minaccioso in una coppia in cui la donna sceglie di seguire e non di guidare. :ok:
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: donzella - Giugno 02, 2012, 00:57:50 am
esatto: il punto è che oggi,nel nostro mondo occidentale, non esiste più l'indissolubilità del matrimonio e il "finchè morte non vi separi".
Nel mondo tradizionale, il compagno o marito di Donzella sarebbe rimasto con la prima moglie pur con le difficoltà di diversa visione del mondo. E Donzella o sarebbe rimasta sola, o avrebbe scelto qualcun'altro che si avvicinasse di più alla sua idea di uomo.

Secondo me, la chiave di comprensione sta proprio nel punto  "non è che una dev'essere sottomessa agli uomini ma al marito"
 Ecco per l'appunto...

Poi volendo si potrebbe pure discutere sul significato dei modi e delle forme dell'imposizione. Non è necessario che sia attivamente dominante, basta che abbia saputo creare (o che gli venga naturale) l'idolum che meglio corrisponde a quello mentalmente presente nell'idea di "uomo migliore per me" :lol:
ho segnato in rosso i punti che mi vedono in disaccordo:

(1)
mio marito è protestante e anche in un mondo tradizionale avrebbe divorziato ugualmente (in fondo il protestantesimo nel mondo anglosassone si è diffuso perchè Enrico VIII aveva bisogno di divorziare da Caterina d'Aragona e il papa da quell'orecchio non ci sentiva), quindi in quel contesto è "sdoganato" da secoli.

(2)
la leadership  o la dominanza (se preferite) dell'uomo non è una imposizione come non lo è la sottomissione della donna. Non li ordina il medico, ma ognuno li sceglie liberamente, e se è una scelta come può essere una imposizione, è un po' una antinomia, no?

Credo che giochi a sfavore del discorso un certo pregiudizio sulla base del quale le donne che scelgono di non dominare nella coppia sono automaticamente considerate vittime, abusate, sottoposte al lavaggio del cervello e comunque sotto coercizione. In realtà seguire anzicchè dominare è una scelta consapevole quanto quella dell'impiegato che decide di non far carriera perchè non vuole investire tempo ed energie nel lavoro oltre il giusto, e non per questo è mobbizzato.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: COSMOS1 - Giugno 02, 2012, 08:54:40 am
1 effettivamente a volte ci sono giudizi un po' affrettati. Hai ragione quando inviti a ponderare di più
2 proprio per non dare giudizi affrettati ti ho chiesto come si convince una moglie ad essere sottomessa. Capisco che tu non ti senta la rappresentante di quel punto di vista, ma se non vuoi giudizi affrettati sul tuo conto dovresti cercare di farti capire. Se quando ti si fa domande tu dici "ciascuno fa a modo suo", non ti fai capire. Quindi non ti stupire dei giudizi affrettati.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: COSMOS1 - Giugno 02, 2012, 11:41:58 am
oltretutto a volte davvero mi domando se le donne abbiano in generale i neuroni connessi come i nostri
andiamo da assurdità assolutamente insostenibili da un lato (vedi le FAS) ad assurdità altrettanto insostenibili dall'altro: vedi questa utente facebook: http://www.facebook.com/patrizia.f.cafarelli è una italiana convertita all'Islam: ma fammè capì, anche la sola pura e semplice iscrizione a facebook non ti pare in contraddizione con la tua conversione all'Islam? eppoi tifa per lo Hjab! http://www.facebook.com/Wholesalehijabs mah  :hmm:
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Giugno 02, 2012, 13:25:14 pm
Beta, mi sembra che tu sia l'unico ad aver capito il senso dei miei post. Non c'è niente di male, di perverso o di minaccioso in una coppia in cui la donna sceglie di seguire e non di guidare. :ok:

infatti ho la presunzione di capire cosa vuoi dire, ma ti ribadisco che per quanto mi riguarda il gioco non vale piu la candela. con tutta la merda che si spala addosso agli uomini, e "l'incensatura" alle donne, piu forti, piu intelligenti, che spaventano gli uomini con la loro aggressivita, e chi piu ne ha piu ne metta è ora che le donne ci mettano la faccia, che si guidino da sole, che smettano di  chiamare "responsabilita maschile" il fare da punto d'appoggio. era un dono, non una responsabilita, e io non faccio regali a chi mi odia.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Red- - Giugno 02, 2012, 14:43:25 pm
infatti ho la presunzione di capire cosa vuoi dire, ma ti ribadisco che per quanto mi riguarda il gioco non vale piu la candela. con tutta la merda che si spala addosso agli uomini, e "l'incensatura" alle donne, piu forti, piu intelligenti, che spaventano gli uomini con la loro aggressivita, e chi piu ne ha piu ne metta è ora che le donne ci mettano la faccia, che si guidino da sole, che smettano di  chiamare "responsabilita maschile" il fare da punto d'appoggio. era un dono, non una responsabilita, e io non faccio regali a chi mi odia.
:clap:  :clap:
Grande!
 :drinks:

...Che le Donne Liberate se la smazzino da sole, non abbiamo alcun obbligo di "guida"!
Quando lo facciamo, va considerato come un dono, appunto.

Do ut des
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Giugno 02, 2012, 16:29:39 pm
:clap:  :clap:
Grande!
 :drinks:

...Che le Donne Liberate se la smazzino da sole, non abbiamo alcun obbligo di "guida"!
Quando lo facciamo, va considerato come un dono, appunto.

Do ut des

ti diro di piu red, proprio qualche giorno fa una una mia conoscente/amica mi ha chiesto di aiutarla a traslocare, le ho risposto che  avrebbe dovuto portarmi a cena, e non per questo pensare di avermi comprato. il mio corpo non è in vendita e non faccio beneficenza, non si da piu niente per niente.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: krool - Giugno 02, 2012, 16:35:21 pm
ti diro di piu red, proprio qualche giorno fa una una mia conoscente/amica mi ha chiesto di aiutarla a traslocare, le ho risposto che  avrebbe dovuto portarmi a cena, e non per questo pensare di avermi comprato. il mio corpo non è in vendita e non faccio beneficenza, non si da piu niente per niente.
Io l'avrei aiutata, come avrei aiutato un amico...
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Giugno 02, 2012, 16:39:58 pm
Io l'avrei aiutata, come avrei aiutato un amico...


se fosse stata un amica un po piu intima forse l'avrei aiutata anch'io. ma avrei sbagliato. finche gli uomini non sospenderanno il dono la vedo dura. molto dura.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: krool - Giugno 02, 2012, 16:54:11 pm
Beta, io credo che gli uomini dovrebbero abbandonare il servilismo, che oggi nei confronti del femminile è particolarmente dilagante, ma da qui a non fare nemmeno favori per pura e semplice gentilezza ce ne passa!
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Giugno 02, 2012, 17:02:25 pm
Beta, io credo che gli uomini dovrebbero abbandonare il servilismo, che oggi nei confronti del femminile è particolarmente dilagante, ma da qui a non fare nemmeno favori per pura e semplice gentilezza ce ne passa!

io krool non vedo altri modi, se non investire quello che abbiamo, come le donzelle fanno da sempre.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: krool - Giugno 02, 2012, 17:06:05 pm
Quindi per te è guerra aperta. Mi sta bene, ma allora inizia a fare lo stesso con gli uomini che di fatto alimentano la situazione dove ci troviamo. Vale a dire praticamente tutti. Insomma, arriviamo alla misantropia.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Giugno 02, 2012, 17:16:51 pm
Quindi per te è guerra aperta. Mi sta bene, ma allora inizia a fare lo stesso con gli uomini che di fatto alimentano la situazione dove ci troviamo. Vale a dire praticamente tutti. Insomma, arriviamo alla misantropia.

gli uomini che si fanno vivi solo quando hanno bisogno li tratto esattamente come le donne che fanno vive solo per bisogno. ma generalmente gli uomini con me non si comportano cosi. e si, è guerra aperta, strano che te accorgi ora che si risponde al fuoco, e non quando il fuoco è stato fatto. fra l'altro comportarsi in maniera speculare scatena il tuo giudizio morale, un giudizio morale che prima era in ibernazione?
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Giugno 02, 2012, 17:36:08 pm
Insomma, arriviamo alla misantropia.
chiaro che ci vuole buon senso, ci sono donne che sono leali e a cui si dona volentieri e uomini con cui si fa lo stesso. ma donare perche tu sei un uomo e lei una donna, è una storia che deve finire. altrimenti la qm rischia di essere un cumulo di parole al vento. se nei fatti poi l'uomo dona solo, e la donna investe solo, non cambiera mai nulla.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Cassiodoro - Giugno 02, 2012, 17:47:19 pm
Io l'avrei aiutata, come avrei aiutato un amico...
Srivi bene "aiutato un amico".. ma con le "amiche" ti ritrovi a fare il lavoro al loro posto... e lei neanche ti aiuta .........   inoltre un amico ti avrebbe offerto la cena senza aspettare che tu lo chieda... non è questione di misantropia, ma quando una donna mi chiede aiuto per delle piccole incombenze, specialmente sul lavoro, le rispondo sempre che "lei è femmina, non handikappata..." e che se la sbrighi da sola, se è capace, altrimenti chieda aiuto ad uno dei tanti zerbini che ci sono in giro....
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Giugno 02, 2012, 18:21:54 pm
Srivi bene "aiutato un amico".. ma con le "amiche" ti ritrovi a fare il lavoro al loro posto... e lei neanche ti aiuta .........   inoltre un amico ti avrebbe offerto la cena senza aspettare che tu lo chieda... non è questione di misantropia, ma quando una donna mi chiede aiuto per delle piccole incombenze, specialmente sul lavoro, le rispondo sempre che "lei è femmina, non handikappata..." e che se la sbrighi da sola, se è capace, altrimenti chieda aiuto ad uno dei tanti zerbini che ci sono in giro....

infatti, non c'entra un tubo la misantropia o diventare "aridi" ci sono altri mille modi per donare ed essere generosi, con chi lo merita e non con chi lo pretende come diritto divino, pur riservandosi di chiamarti ugualmente inutile, gretto, egoista e via dicendo.

ps: visto il clamoroso ot, se qualche moderatore volesse splittare la discussione, magari intitolandola " sospensione del dono maschile?" , io non mi oppongo  ^_^
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Rita - Giugno 02, 2012, 19:13:29 pm
@Donzella.

Non mi sembra di aver estremizzato, ho detto infatti che è naturale quando ci tieni al rapporto con una persona misurare le parole per non ferirla. E sono cose che vengono con la conoscenza della persona che sia il marito, la moglie, un amico/a, un datore di lavoro o una collega.

Quello che non capisco sono le regole: non mi  è mai capitato con nessuno/a delle persone con cui ho avuto un rapporto di sederci prima a tavolino a elencare le regole e i modi per non "ferirsi". Oltretutto da una parte sola..?

Tra l'altro, avrei una domanda: giustamente dici che ti sottometti volontariamente e ti fai guidare da lui perchè è il "migliore" uomo in questo momento (ed erano migliori nel momento in cui li frequentavi anche i tuoi ex).

Se per qualche motivo, non lo dovessi vedere più come il "migliore" in tutto che succede?  :blink: Divorzi? Cerchi di riportarlo al suo ruolo di guida (non so.. penso ad un periodo di crisi, di stanchezza,..). Non sono ironica eh.. è proprio per cercare di capire.

guarda mi spiace che non ti piaccia la piega della discussione.. purtroppo capita.. non sempre le reazioni sono "bene, brava, son d'accordo, fai bene". Si cerca di capire.

Titolo: Re: Donzella
Inserito da: krool - Giugno 02, 2012, 19:29:48 pm
Srivi bene "aiutato un amico".. ma con le "amiche" ti ritrovi a fare il lavoro al loro posto... e lei neanche ti aiuta .........   inoltre un amico ti avrebbe offerto la cena senza aspettare che tu lo chieda... non è questione di misantropia, ma quando una donna mi chiede aiuto per delle piccole incombenze, specialmente sul lavoro, le rispondo sempre che "lei è femmina, non handikappata..." e che se la sbrighi da sola, se è capace, altrimenti chieda aiuto ad uno dei tanti zerbini che ci sono in giro....
Sceglietevele meglio queste amiche...
gli uomini che si fanno vivi solo quando hanno bisogno li tratto esattamente come le donne che fanno vive solo per bisogno. ma generalmente gli uomini con me non si comportano cosi. e si, è guerra aperta, strano che te accorgi ora che si risponde al fuoco, e non quando il fuoco è stato fatto. fra l'altro comportarsi in maniera speculare scatena il tuo giudizio morale, un giudizio morale che prima era in ibernazione?
Beta, non farla troppo lunga, ti prego, hai capito ciò che volevo dire. E rimane il fatto che anche gli uomini che con te non si comportano così 9 volte su 10 sono gli stessi uomini che di fronte al male-bashing o alle calunnie femministe non spiccicano parola. E magari si sposano pure. Quindi non vedo perché una donna opportunista no e l'uomo comune sì.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: beta - Giugno 02, 2012, 19:46:52 pm
Beta, non farla troppo lunga, ti prego, hai capito ciò che volevo dire. E rimane il fatto che anche gli uomini che con te non si comportano così 9 volte su 10 sono gli stessi uomini che di fronte al male-bashing o alle calunnie femministe non spiccicano parola. E magari si sposano pure. Quindi non vedo perché una donna opportunista no e l'uomo comune sì.

la faccio lunga perchè devo risponderti, l'uomo che tace di fronte al malebashing e la donna che investe sono a mio avviso 2 fattispecie completamente diverse. non cè nessun nesso logico che lega le 2 cose. per cui nel momento in cui mi dici che se rispondo in maniera venale alla venalita femminile, devo anche prendermela con chi tace di fronte di fronte al malebashing potrei benissimo chiederti "perchè? che c'entra?". ma poi è chiaro che gli uomini dovranno smettere di tacere di fronte alla loro denigrazione, faro quel che posso affinche smettano. ovvio.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: Lucia - Giugno 02, 2012, 19:57:03 pm
Non credo del tutto in valore di questa sottomissione assoluta. Certo ci sono regole che va bene stabilire all'inizio di un rapporto, e il tuo marito ti ha detto come non fare come aveva fatto la sua ex. Basta che le regole siano chiare.
Ma, in quanto riguarda la moglie sottomessa io ho visto alcuni matrimoni dove la moglie faceva solo da ombra. E quando lui doveva essere accudito perché gravemente malato cosi poca personalità aveva che era svenuta e incapace a organizzare le cose di emergenza. Anche nella famiglia del mio zio, la zia non doveva imparare a guidare la macchina perché "quelle sono cose da uomini". Lei sisi, sottomessa, l'uomo comanda, anche se lei davvero è molto in gamba, ma per amore assecondava tutti i desideri del marito e non è che ci teneva tanto di guidare. Poi in una escursione allo zio gli è entrata una scheggia nell'occhio. Non so come sono riusciti arrivare acasa (non esistevano telefonini ancora) ma dopo questo incidente anche la zia ha imparato guidare la macchina.
Titolo: Re: Donzella
Inserito da: yamamax - Giugno 03, 2012, 19:56:13 pm
Donzella@:
Io vedo un po' troppi giudizi morali e un bel po' di luoghi comuni: la  moglie acritica, il marito che se non criticato non migliora, la donna che non si vede nella relazione in cui deve misurare le parole...
E non vi viene il dubbio che il non misurare mai le parole possa ferire inutilmente la persona che amate? 


Nella mia affermazione (personale null' altro !) ho rimarcato esattamente il concetto contrario cioè che si deve criticare senza mai offendere, perchè una critica pacata e sincera può aiutare a migliorarsi.... e tu hai interpretato proprio il contrario. Ma sei sicura di quello che leggi e scrivi ?  Dove l' hai dedotto quanto segue:

Donzella@
Pippo, hai perso tutto il tuo fascino, sei grasso come un maiale, mettiti a dieta, e poi ti vesti come uno straccione e quando parli fai un sacco di errori di grammatica che ti fanno apparire semi analfabeta, e ringraziami eh, perchè a dirtelo ti aiuto a migliorare!
Gina, è meglio che tu non metta quei leggins, hai il sedere grosso e le gambe enormi, lo so che tu ti vedi bella ma ti sbagli di grosso: ti assicuro che non ti si può guardare, in realtà sei comica e infatti tutti  ridono di te. ma lo dico per il tuo bene, eh!!


Non muovere la tastiera con l' orgoglio, altrimenti mi viena da pensare che stai solo recitando.
Titolo: Re:Donzella
Inserito da: fabriziopiludu - Maggio 24, 2014, 11:19:58 am



 La Poetessa Compiuta Donzella?