Forum sulla Questione Maschile

Dialoghi => Pars Construens => Proposte per nuove iniziative => Topic aperto da: Grifone.nero - Ottobre 04, 2009, 21:14:11 pm

Titolo: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Grifone.nero - Ottobre 04, 2009, 21:14:11 pm
Ho votato la 3.

Vorrei fare delle osservazioni:

1) La Santanchè ha indotto in passato un referendum per farle riaprire. Delle voci dicono che ce ne sarà un altro prima o poi. Spero di NON sbagliarmi...
   http://politica.excite.it/news/9396/Santanche-lancia-referendum-Riapriamo-le-case-chiuse
2) LA legge che le ha eliminate era stata proposta da una socialista. Ma non erano i comunisti-socialisti i più liberali? Come si spiega questo?
3) Alcune femministe sono contrarie alle prostitute in quanto prostitute . Non è contraddizione?
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: femmina83 - Ottobre 05, 2009, 00:48:06 am
Ho votato la 3.

Vorrei fare delle osservazioni:

1) La Santanchè ha indotto in passato un referendum per farle riaprire. Delle voci dicono che ce ne sarà un altro prima o poi. Spero di NON sbagliarmi...
   http://politica.excite.it/news/9396/Santanche-lancia-referendum-Riapriamo-le-case-chiuse
2) LA legge che le ha eliminate era stata proposta da una socialista. Ma non erano i comunisti-socialisti i più liberali? Come si spiega questo?
3) Alcune femministe sono contrarie alle prostitute in quanto prostitute . Non è contraddizione?

concordo in pieno.... anch io ho votato la terza poi.... sono favorevolissima!!!!
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Grifone.nero - Ottobre 05, 2009, 14:06:07 pm
Bentornata anche a te  :)
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Warlordmaniac - Ottobre 05, 2009, 14:53:01 pm
Sono favorevole alla prostituzione ma con delle riserve, perché sono anche favorevole al ritorno del valore del pudore.
Non concepisco come la prostituzione possa essere illegale in quanto quella femminile è insita nella disparità ormonale, e non capisco, a parte la questione erariale, perché la Legge si deve interessare a chi e perché dò via i miei soldi. I miei nonni mi davano soldi senza che avessi fatto alcun favore e non vedo perché ora non potrei dare soldi a donne che, non essendo neanche attratte da me, si sforzano a fare una cosa che gratuitamente non farebbero (perlomeno nella maggior parte dei casi).
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Grifone.nero - Ottobre 05, 2009, 15:18:06 pm
Sono favorevole alla prostituzione ma con delle riserve, perché sono anche favorevole al ritorno del valore del pudore.
Non concepisco come la prostituzione possa essere illegale in quanto quella femminile è insita nella disparità ormonale, e non capisco, a parte la questione erariale, perché la Legge si deve interessare a chi e perché dò via i miei soldi. I miei nonni mi davano soldi senza che avessi fatto alcun favore e non vedo perché ora non potrei dare soldi a donne che, non essendo neanche attratte da me, si sforzano a fare una cosa che gratuitamente non farebbero (perlomeno nella maggior parte dei casi).


Concordo. La morale e il pudore, ovviamente, non devono mai mancare.
Però è anche vero che la legge Merlin (fatta dai socialisti,  dimostrazione della loro grande apertura mentale) va ABOLITA.
Però in Svezia si puniscono solo i clienti  :bad:
Alla faccia del paese più "civile" . Se quello è  un paese civile, l' afghanistan  un paradiso
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Tex - Ottobre 05, 2009, 23:02:15 pm
-
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Grifone.nero - Ottobre 05, 2009, 23:13:24 pm
Ho votato la 2.

La discussione permanente sulla prostituzione ha permesso di sviscerarne i molteplici aspetti e le varie posizioni personali.
Vedo la prostituzione come un "ammortizzatore sociale" e mi sono sempre schierato a favore di quei Paesi veramente civli ed evoluti (non come falsamente viene proposta la Svezia che sta facendo un'ipocrita Guerra a questa professione) i quali sostengono la prostituzione persino a vantaggio delle persone diversamente abili.
Oltre che venire incontro alla "disparità ormonale" naturale che esiste tra uomo e donna, la regolamentazione della prostituzione da parte dello Stato darebbe un notevole impulso alla lotta della macrocriminalità togliendo linfa vitale alla stessa e garantirebbe un aspetto decente all'immagine del nostro Paese che libererebbe viali e parcheggi dai più sconci spettacoli che un passante può ammirare.
Purtroppo, gli interessi legati allo sfruttamento e l'ipocrita politica moralizzatrice della nostra Nazione, supportati dal bigottismo religioso, non permetterà ancora per lungo tempo temo quel risultato positivo che dovremmo augurarci in un referendum ancora allo stato embrionale.

Sono rimasto  sorpreso quando ho letto che in Olanda, femminista (Anche se non lo vedo così sviluppato come altri paesi), la prostituzione è completamente legalizzata.

Capitolo Svezia: loro, come hai detto, sono contrarissimi, essendo uno dei paesi più femministi al mondo , però sono maledettamente furbi. Hanno capito che la prostituzione si può eliminare colpendo solo il cliente. In tal modo, che senso avrebbe prostituirsi?
Alla faccia della grande civiltà svedese . Ma i fan di quel paese, mi possono spiegare come mai in un paese così "civile" la percentuale di suicidi è elevatissima?
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Tex - Ottobre 05, 2009, 23:29:41 pm
-
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Grifone.nero - Ottobre 05, 2009, 23:46:35 pm
Grifone,

è una falsa propaganda quella della Svezia civilissima; ma ci sei stato in Svezia ?  io sì.
Ma, un Peese dove trovi il 90% della poplazione alle 20.30 della sera al pub, uomini e donne, con i primi già ubriachi fradici e le seconde disperate alla ricerca di un "semilucido" da portarsi a letto ti sembra civile?

Attento al discorso del.."punire il cliente"; sì hanno adottato questo concetto per le Signorine da strada, hanno detto che la loro Polizia Postale fa repulisti su Internet, ma cosa ti credi che i numeorsissimi blog di ragazze svedesi che promettono incontri "innocenti" al pub cosa siano? Che scopi hanno ?  

Torna tutto; moralismo per il popolino, da alto bordo va bene tutto !!
No, ma ti sto dando ragione, eh!
La Svezia sta meglio di noi SOLO per la pulizia dellù'ambiente, ma la società fa schifo...preferirei l'olanda, anche se pure essa ha grossi difetti. (hanno
creato un partito pedofilo...) ho letto su alcuni forum uomini che volevano vivere in svezia solo perchè le donne potevano girare con le tette al vento in piscina  :shok: :shok: :shok: :shok: :shok:
Ma il pudore?

Vabbè che le svedesi sono completamente diverse da quasi tutta l' europa, eccetto paesi scandinavi suoi simili
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: CiaoSilvia - Ottobre 06, 2009, 00:21:21 am
ho votato la numero 3

1) La Santanchè ha indotto in passato un referendum per farle riaprire. Delle voci dicono che ce ne sarà un altro prima o poi. Spero di NON sbagliarmi...
   http://politica.excite.it/news/9396/Santanche-lancia-referendum-Riapriamo-le-case-chiuse
le solite cazzate della santanchè fatte per farsi intervistare ... sono decenni che i referendum non raggiungono il quorum, nermmeno per cose piu' importanti della case chiuse

 
2) LA legge che le ha eliminate era stata proposta da una socialista. Ma non erano i comunisti-socialisti i più liberali? Come si spiega questo?
fino agli anni 80 i socialisti e comunisti erano piu' "bacchetoni" dei democristiani

3) Alcune femministe sono contrarie alle prostitute in quanto prostitute . Non è contraddizione?
boh, non lo so


Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: fabriziopiludu - Ottobre 06, 2009, 01:13:39 am


Però è anche vero che la legge Merlin (fatta dai socialisti,  dimostrazione della loro grande apertura mentale) va ABOLITA.

Scusa tanto, ma si dice ABROGARE una Legge, no ABOLIRE.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: ilmarmocchio - Ottobre 06, 2009, 08:58:57 am
lasciamo perdere la Svezia. C'e' un femminismo ottuso che neanche ce lo sogniamo. Gia' tendenzialmente depressi per il clima, adesso sono anche sfatti dall'alcol. I giardini in ordine se li tengano pure. Da lassu' non verra' mai nulla di buono. Pçiuttosto mi e' capitata una discussione strana con un mio conoscente che lavora nelle forze dell'ordine. parlando del tema delle ultime leggi, lui mi ha detto che, pur senza prove certe, li in Versilia ( Forte dei Marmi, viareggio , ecc ), l'azione di Polizia e CC e' molto serrata contro le prostitute di strada e non , ma assai blanda verso i transsessuali, anche di strada. Il comune senso del pudore e anche un interesse per l'ordine pubblico suggerirebbero il contrario: e' risaputo che i transessuali, anche per l'uso di droghe, sono piu' problematici che non le colleghe donne. Come mai ? io una idea la ho. Poi sul resto siamo d'accordo. Vi garantisco che in peimavera ho visto con i miei occhi un ministro dell'attuale governo in compagnia di una appariscente  25/30enne  di colore, invece che della legittima ( e impresentabile ) consorte. ma li. lo sfruttamento della donnna e lo stupro non c'e'. Perche' se si va a dormire nell'albergo piu' caro (350€ a notte) NON puo' esserci violenza, ne svilimento del corpo femminile. E qui ritorniamo all'assioma dell'ortolano...
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Grifone.nero - Ottobre 06, 2009, 14:48:36 pm

Citazione
lasciamo perdere la Svezia. C'e' un femminismo ottuso che neanche ce lo sogniamo.

Appunto. E' molto peggiore di quello del sud europa (Italia caso a parte ovviamente)

Citazione
Gia' tendenzialmente depressi per il clima, adesso sono anche sfatti dall'alcol. I giardini in ordine se li tengano pure. Da lassu' non verra' mai nulla di buono.


Il problema è che la gente crede ancora che sia il paese di "esempio", dove è stata raggiunta la "parità" (?!?), e non ci sono i  cristiani rompiballe (ignoranza, il cristianesimo non è solo
cattolicesimo)


Citazione
Piuttosto mi e' capitata una
discussione strana con un mio conoscente che lavora nelle forze dell'ordine. parlando del tema delle ultime leggi, lui mi ha detto che, pur senza prove certe, li in Versilia ( Forte dei Marmi, viareggio , ecc ), l'azione di Polizia e CC e' molto serrata contro le prostitute di strada e non , ma assai blanda verso i transsessuali, anche di strada. Il comune senso del pudore e anche un interesse per l'ordine pubblico suggerirebbero il contrario: e' risaputo che i transessuali, anche per l'uso di droghe, sono piu' problematici che non le colleghe donne.


Che strano...nella mia città vedo quasi solo prostitute, e le retate maggiori sono contro i trans...
Popolo bue: sono pescarese, da sempre rivali di quelli di chieti...e loro rinfacciano il fatto che abbiamo molte lucciole per strada, come fosse un offesa. Magari gente
che parla così è frequentatrice abituale  :D :D

Citazione
Come mai ? io una idea la ho.

Sarebbe?

 

Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: ilmarmocchio - Ottobre 06, 2009, 18:42:23 pm
Io penso che il pudore, l'ordine pubblico , ecc , c'entrino poco. No, il problema e' la prostituzione femminile, il fatto che essa spezza il monopolio del sesso " istituzionale ". E' questo che 'e intollerabile. Su chi disprezza le prostitute, non mi pronuncio neanche : spesso e' gente che ci va e vuol farsi grande dicendo che NON ci va, ma di sesso in realta' ne fa ben poco.
@ grifone : giusto, il cristianesimo non e' solo il cattolicesimo italiano, magari cattocomunista. per es gli ortodossi sono piu' tradizionalisti, ma piu' liberi di noi e degli anglosassoni. Hai ragioni anche sulla U.E. : attenzione ! Sta prendendo una strada strana
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Grifone.nero - Ottobre 06, 2009, 19:55:51 pm
Citazione
Io penso che il pudore, l'ordine pubblico , ecc , c'entrino poco. No, il problema e' la prostituzione femminile, il fatto che essa spezza il monopolio del sesso " istituzionale "

Certamente

Citazione
E' questo che 'e intollerabile. Su chi disprezza le prostitute, non mi pronuncio neanche : spesso e' gente che ci va e vuol farsi grande dicendo che NON ci va, ma di sesso in realta' ne fa ben poco.


Per poi magari sbafare dietro a quelle  che  sono tra le peggiori stronze.
Massimo disprezzo per gente come questa.
Io NON disprezzo le prostitute , e ME NE VANTO

Citazione
@ grifone : giusto, il cristianesimo non e' solo il cattolicesimo italiano, magari cattocomunista. per es gli ortodossi sono piu' tradizionalisti, ma piu' liberi di noi e degli anglosassoni. Hai ragioni anche sulla U.E. : attenzione ! Sta prendendo una strada strana

Il cattolicesimo deve essere rivalorizzato, nel vaticano si sono resi ridicoli con certe affermazioni, se fossero stati un pò più aperti, credo che dominerebbe ancora, perchè i credenti, anche se non sembra, ce ne sono.
Ortodossia: il problema di quei paesi è il reddito medio-basso. Se non fosse per quello, sarebbero molto felici. Anche se l'ungheria, tradizionalista, fa la differenza..ci sono comunque altri paesi con valori sani, come il brasile..
sulla UE: l'unica soluzione è indurre una raccolta firme per bloccare il trattato, o al limite uscire dall'UE, come si auspicano troppi, troppi partiti in europa.
Anche la lega ha espresso perplessità se non sbaglio---
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: fabriziopiludu - Ottobre 08, 2009, 11:55:01 am
Io sono diventato fan delle Case di Tolleranza, da bambino.
A casa di mia nonna, ho visto un film per il quale, adesso, sarebbe necessario il bollino rosso. Era un film poliziesco.
Le indagini hanno portato questo investigatore in una Casa di Tolleranza. Le prostitute, in minigonna e decolleté, gustavano lecca-lecca a disco di 10 cm di diametro.
L'uomo ha detto: "Mah..., visto che sono qui, mi soddisfo!".
Non sono affatto d'accordo con quanto detto da Dario Fo: "Quei posti erano orrendi, un mercinomio..."
Niente vi ho trovato di squallido, a differenza di quanto dicano i detrattori!
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: madjakk - Ottobre 09, 2009, 14:31:36 pm
Ma gli "sfruttatori", cioè i pappa, offriranno anche un servizio immagino. Magari oltre a legnarle se non guadagnano, le proteggono da altre prostitute, le tengono il posto o cose del genere, no?

Comunque io sono per una liberalizzazione totale: legale sia per strada, sia in casa, sia in un bordello regolamentato.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Grifone.nero - Ottobre 09, 2009, 14:55:27 pm
Ma gli "sfruttatori", cioè i pappa, offriranno anche un servizio immagino. Magari oltre a legnarle se non guadagnano, le proteggono da altre prostitute, le tengono il posto o cose del genere, no?

Comunque io sono per una liberalizzazione totale: legale sia per strada, sia in casa, sia in un bordello regolamentato.

Però molti sfruttatori sono legati alla mafia ...
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: fabriziopiludu - Ottobre 10, 2009, 01:08:30 am
Bisogna stare attenti che le Case di Tolleranza vadano in BUONE mani! Non in mano a gangsters, come nella Chicago degli anni '30!
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Grifone.nero - Ottobre 10, 2009, 11:47:20 am
Bisogna stare attenti che le Case di Tolleranza vadano in BUONE mani! Non in mano a gangsters, come nella Chicago degli anni '30!

Appunto. Gli sfruttatori non dovrebbero mai metterci mano.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: KasparHauser - Ottobre 10, 2009, 14:29:35 pm
Secondo me i modi in cui l'esercizio della prostituzione viene svolto oggi in Italia è la cosa migliore. La prostituzione non è reato ma non è neanche riconosciuta. Non c'è bisogno di case chiuse né di legalizzarla. Combatterei il fenomeno della schiavitù, sarei più flessibile con lo sfruttamento in mancanza di coercizione e collusione con la criminalità, abolirei il reato di favoreggiamento.
Sulla prostituzione poi ci sarebbe da fare un discorso di carattere filosofico.
Cos'è la prostituzione? Quando è prostituzione?
Nei locali di spogliarello è consentito guardare donne nude, donne che si avvicinano, toccano, sono toccate, che si appartano in privé, ma non è consetito avere rapporti sessuali. La prostituzione dunque coincide con la copula?
E che dire dei rapporti sadomaso dove non c'è nessun atto sessuale vero e proprio? Sono prostituzione o no?
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: fabriziopiludu - Ottobre 11, 2009, 09:21:24 am
Prostituzione non è sola copula.
C'è footjob, facesitting, spagnola...
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Leox - Ottobre 20, 2009, 16:46:22 pm
assolutamente la 3. Come penso chiunque di buon senso dovrebbe votare. Consiglio un libricino molto molto carino e molto datato oramai (si parla del 700) sulla difesa delle case chiuse: "Modesta difesa delle case di piacere"(http://tinyurl.com/yj4hm4l)
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: e-manuel - Ottobre 20, 2009, 21:11:34 pm
Secondo me i modi in cui l'esercizio della prostituzione viene svolto oggi in Italia è la cosa migliore. La prostituzione non è reato ma non è neanche riconosciuta. Non c'è bisogno di case chiuse né di legalizzarla. Combatterei il fenomeno della schiavitù, sarei più flessibile con lo sfruttamento in mancanza di coercizione e collusione con la criminalità, abolirei il reato di favoreggiamento.

E' questo il punto. Per quello che riguarda l' Italia, di fatto la prostituzione è come se fosse illegale, perchè il dire che questa in sè non è un reato purchè però non vi sia nessuna forma di pubblicità e favoreggiamento è un non senso. Tecnicamente e teoricamente, la prostituta o semi-prostituta che sia dovrebbe solo fare passaparola ed esercitare solo in casa sua, perlomeno questo è ciò che deduco dalla legislazione attuale.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: alex9 - Ottobre 29, 2009, 15:40:30 pm
opzione 3
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Grifone.nero - Ottobre 30, 2009, 07:46:48 am
opzione 3

Bene. La maggior parte quindi è FAVOREVOLE al ritorno delle case chiuse. Com'era una delle perle femministe? Che noi odiamo le prostitute?  :D :D
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: uomoantico - Novembre 18, 2009, 10:11:37 am
Ho votato l'opzione 2. Sono favorevolissimo alla riapertura delle Case Chiuse, un MASCHIO VIRILE ha diritto a sfogarsi! Rimpiango gli anni '50 quando in Romagna i padri portavano i figli, appena diventavano maggiorenni, nei casini, per farli diventare UOMINI VIRILI. Bisogna tornare agli ANTICHI VALORI VIRILI
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Damien - Gennaio 31, 2010, 02:27:58 am
mmah.. :hmm:

in merito al sondaggio mi associo al pensiero comune, la numero 3,tuttavia..

..tuttavia credo che a questo punto, una riflessione vorrei che fosse fatta da tutti gli intervenuti..

Se sosteniamo che la sessualita' sia qualcosa da vivere serenamente, in alcuni casi e' stato citato che dovrebbe essere qualcosa di ludico, un sesso-aperitivo.. ebbene questo pensiero cozza con l'essere favorevole alle case chiuse.. perche' cio' ci espone ad una contradizione, pagare sempre per qualcosa che comunque dovrebbe essere gratuito per entrambi, il raggiungere il piacere fino a se stesso a regola dovrebbe essere una scelta reciproca, scevra di interesse, come in altri tread gi'a discussa...

E' mi rendo conto tuttavia che molti avrebbero sicuramente da ridire in merito.. ad esempio qualcuno potrebbe dire che vista la sua non avvenente belta', una figa pazzesca potrebbe solo possederla solo in un bordello e dietro pagamento.. allora credo che tutto questo ci debba portare a riflettere meglio su cosa sia giusto o meno perseguire... perche' di fatto nelle case chiuse si paga, e tutti i thread in merito vanno a farsi benedire..

La casa chiusa che vedo io? un locale come tanti, abbastanza soft.. dove chiunque puo' entrare sapendo che ci si va per ricevere e donare piacere senza pagare NULLA, magari fornita di distributori automatici di preservativi; Per ovviare alla violazione del privato e alla cernita data dalla logica del bello, si potrebbe accedere solo in maschera.. un po' alla maniera di eyes wide shut.. donne ed uomini che decidono di andarci per puro intento godereccio.. questo significherebbe la reale emancipazione sessuale e la fine della prostituzione.. ma sappiamo benissimo che se non costretta, alla donna piace comunque pensarla diversamente.. non ho mai trovato una prostituta che lo facesse solo per semplice diletto.. per quanto le stimi, mi hanno sempre detto che e' un modo efficace per comprarsi casa, suv e vacanza, con buona pace degli avventori..
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: COSMOS1 - Gennaio 31, 2010, 11:40:42 am

La casa chiusa che vedo io? un locale come tanti, abbastanza soft.. dove chiunque puo' entrare sapendo che ci si va per ricevere e donare piacere senza pagare NULLA


 :D
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Danesia - Febbraio 28, 2010, 21:18:04 pm
assolutamente la tre
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: COSMOS1 - Marzo 01, 2010, 16:19:43 pm
assolutamente la tre

perchè la 3 e perchè assolutamente?
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Tullio - Marzo 01, 2010, 18:17:37 pm
Si pero' guardate che le case chiuse nella mitteleuropa (Germania Austria Belgio Olanda ed alcuni paesi dell'est) sono una tranquilla realta' e la gente uomini e donne che la praticano ci convivono benissimo.

Tra l'altro i prezzi sono modici, le prestazioni sono migliori e piu' igieniche.
Le prostitute pagano le tasse e si sottopongono a controlli medici.

Che male c'e'?



Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Danesia - Marzo 01, 2010, 22:29:47 pm
Si pero' guardate che le case chiuse nella mitteleuropa (Germania Austria Belgio Olanda ed alcuni paesi dell'est) sono una tranquilla realta' e la gente uomini e donne che la praticano ci convivono benissimo.

Tra l'altro i prezzi sono modici, le prestazioni sono migliori e piu' igieniche.
Le prostitute pagano le tasse e si sottopongono a controlli medici.

Che male c'e'?





quoto e in piu non sono sfruttate..è un "comune" mestiere
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: joani - Marzo 15, 2010, 00:44:07 am
Su questo argomento vorrei fare un commento: non ho mai acettato lo stato di fatto che vede nel fenomeno della prostituzione, la parte maschile totalmente condizionata e dipendente da un bisogno incontrollabile di sesso e la parte femminile che sembra estranea quasi indifferente e insensibile a questi "bisogni" (che invece sappiamo essere anche loro) che su questo ci lucra un bisness vecchio come il mondo, ora dico, se questo stato di cose puo trovare spiegazioni scientifiche sul piano prettamente fisico o fisiologico non vedo perche gli si debba andare dietro su quello morale e culturale accettando anche su questi piani questa subdola forma di dipendenza dalle donne che gioca da sempre a nostro sfavore specie di questi tempi, allora ecco la proposta perche non si lavora per creare una domanda di mercato che induca le case farmaceutiche a prudurre semplici farmaci capaci di sedare e calmierare (non inibire) il desiderio sessuale, in modo da livellare il "bisogno di sesso " maschile al pari di quello femminile, la cosa puo sembrare bizzarra, ma io sono convinto che sarebbe un successo, con l'aggiunta che obblighera' la parte femminile (da sempre su posizioni comode di conserva e di rimando) a atteggiamenti un po piu intraprendenti, e i connessi rischi di andare in bianco (una volta tanto anche a loro) 
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Rita - Marzo 15, 2010, 09:36:55 am
Su questo argomento vorrei fare un commento: non ho mai acettato lo stato di fatto che vede nel fenomeno della prostituzione, la parte maschile totalmente condizionata e dipendente da un bisogno incontrollabile di sesso e la parte femminile che sembra estranea quasi indifferente e insensibile a questi "bisogni" (che invece sappiamo essere anche loro) che su questo ci lucra un bisness vecchio come il mondo, ora dico, se questo stato di cose puo trovare spiegazioni scientifiche sul piano prettamente fisico o fisiologico non vedo perche gli si debba andare dietro su quello morale e culturale accettando anche su questi piani questa subdola forma di dipendenza dalle donne che gioca da sempre a nostro sfavore specie di questi tempi, allora ecco la proposta perche non si lavora per creare una domanda di mercato che induca le case farmaceutiche a prudurre semplici farmaci capaci di sedare e calmierare (non inibire) il desiderio sessuale, in modo da livellare il "bisogno di sesso " maschile al pari di quello femminile, la cosa puo sembrare bizzarra, ma io sono convinto che sarebbe un successo, con l'aggiunta che obblighera' la parte femminile (da sempre su posizioni comode di conserva e di rimando) a atteggiamenti un po piu intraprendenti, e i connessi rischi di andare in bianco (una volta tanto anche a loro) 

va beh a ' sto punto perchè non il viagra rosa... o farmaci che al contrario aumentino il desiderio sessuale femminile portandolo al livello di quello maschile  :P

Fermo restando che la soluzione farmaco, personalmente non mi convince, non vedo perchè si dovrebbe "snaturare" la sessualità maschile per portarla chimicamente ai livelli di quella femminile e non viceversa.  :unsure:

O quantomeno agire su entrambi i fronti.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Tullio - Marzo 15, 2010, 10:08:57 am
no macche' successo, sarebbe un flop. la virilita' sessuale maschile non si tocca.

Il sesso e' la vita, nessuno sarebbe cosi' autolesionista.

Mentre pero' l'idea di tuzza mi sembra interessante. Se portiamo il livello del desiderio femminile ai livelli di quello maschile, sarebbe un gran bel trombare in giro.

Poi ci sara' un motivo perche' il Padre Eterno non lo ha voluto fare, probabilmente lo capiremo dopo.

Ora il problema diventa come far trangugiare le pillole rosa alle femmine? Non lo faranno mai, troppo comoda la situazione cosi' come e'.



Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: COSMOS1 - Marzo 15, 2010, 13:15:20 pm
no macche' successo, sarebbe un flop. la virilita' sessuale maschile non si tocca.

Il sesso e' la vita, nessuno sarebbe cosi' autolesionista.

Mentre pero' l'idea di tuzza mi sembra interessante. Se portiamo il livello del desiderio femminile ai livelli di quello maschile, sarebbe un gran bel trombare in giro.

Poi ci sara' un motivo perche' il Padre Eterno non lo ha voluto fare, probabilmente lo capiremo dopo.



perchè prima della pillola le dd restavano incinte... e allora quel poco di desiderio che c'avevano era + che sufficente
in definitiva le dd o erano incinte o scopavano, non c'erano donne libere
oggi le dd forse scopano come una volta, ma non restando incinte ce ne sono tante di libere, x cui si può dissertare di viagra rosa
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Warlordmaniac - Giugno 03, 2010, 00:57:43 am
Su questo argomento vorrei fare un commento: non ho mai acettato lo stato di fatto che vede nel fenomeno della prostituzione, la parte maschile totalmente condizionata e dipendente da un bisogno incontrollabile di sesso e la parte femminile che sembra estranea quasi indifferente e insensibile a questi "bisogni" (che invece sappiamo essere anche loro) che su questo ci lucra un bisness vecchio come il mondo, ora dico, se questo stato di cose puo trovare spiegazioni scientifiche sul piano prettamente fisico o fisiologico non vedo perche gli si debba andare dietro su quello morale e culturale accettando anche su questi piani questa subdola forma di dipendenza dalle donne che gioca da sempre a nostro sfavore specie di questi tempi, allora ecco la proposta perché non si lavora per creare una domanda di mercato che induca le case farmaceutiche a produrre semplici farmaci capaci di sedare e calmierare (non inibire) il desiderio sessuale, in modo da livellare il "bisogno di sesso " maschile al pari di quello femminile, la cosa puo sembrare bizzarra, ma io sono convinto che sarebbe un successo, con l'aggiunta che obblighera' la parte femminile (da sempre su posizioni comode di conserva e di rimando) a atteggiamenti un po piu intraprendenti, e i connessi rischi di andare in bianco (una volta tanto anche a loro) 

Inibire mi pare la stessa cosa.

...Comunque... no, sei troppo avanti. Il piacere sessuale è una simil-droga accettata socialmente. Se sei dipendente alla coca o alle anfetamine, sei visto come un malato, invece se hai dipendenza sei per il sesso pratico, sei considerato normale. Per il regime quello che hai scritto è un'idiozia e si come si fa ciò che dice il regime, non certo ciò che diciamo io e te, ....è troppo presto persino per discuterne.

Comunque una differenza tra piacere sessuale e piacere da stupefacente ci dovrebbe essere: il primo potrebbe non presentare le crisi d'astinenza; purtroppo l'uomo lo ha utilizzato nel modo peggiore possibile.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Ryu - Agosto 22, 2010, 00:38:22 am
Per me la prostituzione è da legalizzare.. ci sarebbero tanti introiti per le tasse, senza contare che così si è meno schiavi perché meno soggetti ai "ricatti rosa" cioè non bisogna sposarsi o mantenre nessuno per scopare, inoltre sarebbe giusto favorire l'immigrazione soprattutto delle straniere così con più concorrenza si debelle meglio il monopolio..
Senza contare gli indubbi vantaggi etici che una carfagna qualsiasi può avere dandola a chi di dovere cosa che noi ad esempio non abbiamo, e comunque gli sfruttatori all'ergastolo please!
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Utente Cacellato - Agosto 22, 2010, 03:40:34 am
Approfitto del fatto che è stata riportata in auge questa discussione (che in passato mi era sfuggita... o meglio non ricordo di averla considerata) per un paio di precisazioni.

In molti parlano di "legalizzazione" della prostituzione. Legalizzare significa rendere legale. Si rende legale ciò che è considerato "fuori legge" :la prostituzione è già legale! In italia non è reato prostituirsi. E' invece reato lo sfruttamento (non posso guadagnare su chi si prostituisce), il favoreggiamento (fare in modo di aiutare con qualunque mezzo o sistema chi si prostituisce) o l'induzione (obbligare a prostituirsi).
Occorre quindi parlare di REGOLAMENTAZIONE della prostituzione, dato che il fenomeno esiste, è molto praticato ma non è regolamentato da nessuna legge (fatta eccezione per la parte riguardante il codice penale, succitato).

Seconda cosa: in molti avete votato per l'opzione numero 3, continuando a tirare in ballo questi benedetti sfruttatori.
Domanda: voi sapete, percentualmente, quanti siano le prostitute con il cosiddetto "magnaccio"? E quante sono, in Italia, le prostitute che esercitano senza sfruttatore? E tra gli sfruttatori... quanti di essi andrebbero nominati con il suffisso al femminile di "sfruttatrici"?

Si faccia molta attenzione a parlare e ci si documenti molto bene prima, o si rischia di cadere nel luogo comune.

Leggo addirittura la parola "ergastolo" per chi sfrutta. E perché limitarci? Impicchiamoli, strappiamogli le palle, infiliamogli spilli sotto le unghie e, se nonn basta, arroventiamo detti spilli!!!
Ricordatevi che le donne che vengono obbligate a prostituirsi sono solo un'esigua minoranza. Le altre lo fanno di loro spontanea volontà e con LAUTISSIMI guadagni, tanto che potrebbero ridermi in faccia se gli dico quanto io porto a casa a fine mese (per inciso: molte riescono a comprarsi anche l'Audi R8, come i calciatori di serie A... fate voi le proporzioni)

Quindi occhio a tirare sempre in ballo gli sfruttatori: sono una delle tante scuse del femminismo! Non cadete nelle trappole.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: SilvioDestro - Agosto 22, 2010, 10:46:51 am
Il mio parere sulla materia è un po' diverso da quello espresso finora.

Innanzitutto occorre far comprendere alla gente che quando la sessualità non sia "dono", sia "prostituzione". Cioè coloro che usano la loro sessualità per ottenere determinati scopi (soldi,potere,lavoro,uomo-bancomat,figli,alimenti,telefonini ecc.) non fanno altro che prostituirsi, mettendosi in quella situazione che comunque non sia moralmente positiva per chi la compie.
Poi, la sessualità, ci è stata donata per procreare, prima di tutto, non è all'origine un mezzo ludico. La ludicità è stata successivamente indotta da una degenerazione, che se esperimentata, ci sembra far star bene ed invece moralmente ci fa star male. Il falso benessere corporeo che ci dà è effimero e ci induce a ripraticarlo sempre più e con modalità sempre più sfrenate, che poi ci alienano dalla realtà e dalla verità. Se, da una parte, gli uomini sono indotti ad andare a prostitute od a masturbarsi per comprensibili difficoltà di relazionarsi con l'universo femminile, dall'altra i medesimi dimostrano di non saper gestire la loro virilità nella maniera giusta e di non saper far leva sulla loro spiritualità, sicuramente molto più spiccata che nei soggetti femminili. Le femmine, dal canto loro, penso anche in maniera ignara, a causa dell'indottrinamento operato, sfruttano questo periodo storico per "riscuotere" il più possibile da questo sistema che sembra elevarle a divinità e che invece le degrada e le sfrutta, inducendole a prostituirsi tutte, proponendo lo scambio tra "beni/potere/lavoro/figli/telefonini" e la loro sessualità. In tutto questo guazzabuglio i maschi sani e le femmine sane ci stanno male e non sono tantissime le famiglie che si sono costituite tra maschi sani e femmine sane, ma ci sono. Lo SGANCIAMENTO EMOTIVO è uno degli antidoti proposti da U3K ed io penso sia quello più efficace, che porta successivamente ad una maschilità forte, autoreferenziante, stoica, spirituale ed alla fine risanante l'intera società, femmine comprese. Ritengo infatti sia necessaria ai nostri tempi e nel nostro ambito occidentale una "rieducazione maschile" ma ancor più e prima una "rieducazione femminile", che le riporti a rendersi consapevoli che non sono nate solo per se stesse ma per essere "strumento" di prosperità, come lo sono gli uomini; bisogna rendersi conto che quando si è strumento si è "dono" e quando si è "dono" non si è "prostituti/e".
Vengo al dunque e a dare una risposta alla domanda: prima di tutto bisogna cominciare la "rieducazione", la riapertura delle case chiuse può essere una soluzione di ripiego temporanea, perchè, bisognerà spiegare che chi ne usufruisce, sia quale parte attiva, sia quale parte passiva, sia ammalato.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Stealth - Agosto 22, 2010, 11:15:45 am
Da buon liberale qual sono ho votato la 2. Che ognuno sia libero di prostituirsi, di fare sesso a pagamento e pure di "sfruttare" le prostitute.
Punire gli sfruttatori? E chi sarebbero questi fantomatici "sfruttatori"? I datori di lavoro delle puttane? Allora puniamo pure i padroni delle aziende, anzi proibiamo a tutti di essere padroni d'azienda. Solo che poi voglio vedere le aziende chi le dirige...
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Archiloco - Agosto 22, 2010, 13:56:09 pm

Ricordatevi che le donne che vengono obbligate a prostituirsi sono solo un'esigua minoranza. Le altre lo fanno di loro spontanea volontà e con LAUTISSIMI guadagni, tanto che potrebbero ridermi in faccia se gli dico quanto io porto a casa a fine mese (per inciso: molte riescono a comprarsi anche l'Audi R8, come i calciatori di serie A... fate voi le proporzioni)


La penso anch'io come te,Specie quelle d'alto bordo guadagnano tantissimo, il tutto esentasse,alcune hanno acquistato numerosi immobili. Ma non si prende atto di questa realtà :hmm:

Viceversa spesso è il cliente in situazione di debolezza o di dipendenza affettiva/sessuale.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Ryu - Agosto 22, 2010, 15:00:38 pm
Io sapevo che la prostituzione fosse lecita solo in casa (normale non casa chiusa) ma la maggior parte avviene in strada (vietata da leggi e ordinanze) e addirittura chi riaccompagna le prostitute sul posto di lavoro in strada comette reato..
Gli sfruttatori andrebbero puniti perché ricattano, menano ecc un pò come la mafia quando chiede il pizzo cioè "protezione" non sono datori di lavoro le uniche datrici di lavoro sono le donne, azienda FICA s.r.l., capitale: passera, tette, culo  :rofl2: 
ps: se ci si compra la R8 se c'è qualche donna qui sul forum mi prostituisco  :lol: :lol:
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Liberofreedom - Agosto 29, 2010, 14:05:31 pm
Ho votato 3, ma mi permetto di far notare che oltre agli sfruttatori ci sono anche le sfruttatrici: ex prostitute a fine carriera che pensano di farsi la pensione... Alla faccia della tanto sbandierata solidarietà femminile

La prostituzione, se esercitata come nei paesi nordici o in svizzera è una professione come un'altra, in più di grande utilità sociale se svolta alla luce del sole e con i controlli legali.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Stealth - Agosto 29, 2010, 14:12:22 pm
Non facciamoci prendere troppo dalla retorica seria o scherzosa che sia. Chi lavora in proprio va incontro a certe incombenze, per esempio deve farsi conoscere e farsi pubblicità. Cosa che non è affatto facile e scontata.
Se si lavora per conto altrui si entra a far parte di un'organizzazione che pensa a pubblicizzarsi, per cui molte cose ci pensa questa organizzazione a farle.
Per cui una prostituta può lavorare sotto un datore di lavoro che pensa lui o lei a procurare i clienti dietro compenso. La prostituzione può benissimo essere un'attività che può svolgersi dietro un apposito contratto di lavoro.
Quindi finiamola con questa menata degli "sfruttatori". Si è vero che possono esserci abusi, tipo lavoro a nero, percosse, straordinari non pagati e via dicendo. Ma queste sono cose che possono verificarsi in TUTTI i settori economici, non solo nel campo della prostituzione. Se si esaltano tanto questi fenomemi in questo campo è solo perché è un campo in cui operano quasi esclusivamente le donne.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Giulia - Agosto 29, 2010, 17:57:22 pm
Su questo argomento vorrei fare un commento: non ho mai acettato lo stato di fatto che vede nel fenomeno della prostituzione, la parte maschile totalmente condizionata e dipendente da un bisogno incontrollabile di sesso e la parte femminile che sembra estranea quasi indifferente e insensibile a questi "bisogni" (che invece sappiamo essere anche loro) che su questo ci lucra un bisness vecchio come il mondo, ora dico, se questo stato di cose puo trovare spiegazioni scientifiche sul piano prettamente fisico o fisiologico non vedo perche gli si debba andare dietro su quello morale e culturale accettando anche su questi piani questa subdola forma di dipendenza dalle donne che gioca da sempre a nostro sfavore specie di questi tempi, allora ecco la proposta perche non si lavora per creare una domanda di mercato che induca le case farmaceutiche a prudurre semplici farmaci capaci di sedare e calmierare (non inibire) il desiderio sessuale, in modo da livellare il "bisogno di sesso " maschile al pari di quello femminile, la cosa puo sembrare bizzarra, ma io sono convinto che sarebbe un successo, con l'aggiunta che obblighera' la parte femminile (da sempre su posizioni comode di conserva e di rimando) a atteggiamenti un po piu intraprendenti, e i connessi rischi di andare in bianco (una volta tanto anche a loro) 
per me si può fare.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: bhishma - Settembre 04, 2010, 14:53:36 pm
molto meglio educare gli uomini all'autodisciplina e le donne ad essere meno approfittatrici ed ipocrite sul sesso.
 
sui farmaci bisogna essere prudenti :
ci potremmo ritrovare le casa farmaceutiche che stimolano campagne pro - farmaco inibitore per la minima pulsione ed adolescenti imbottiti di questi farmaci.




Su questo argomento vorrei fare un commento: non ho mai acettato lo stato di fatto che vede nel fenomeno della prostituzione, la parte maschile totalmente condizionata e dipendente da un bisogno incontrollabile di sesso e la parte femminile che sembra estranea quasi indifferente e insensibile a questi "bisogni" (che invece sappiamo essere anche loro) che su questo ci lucra un bisness vecchio come il mondo, ora dico, se questo stato di cose puo trovare spiegazioni scientifiche sul piano prettamente fisico o fisiologico non vedo perche gli si debba andare dietro su quello morale e culturale accettando anche su questi piani questa subdola forma di dipendenza dalle donne che gioca da sempre a nostro sfavore specie di questi tempi, allora ecco la proposta perche non si lavora per creare una domanda di mercato che induca le case farmaceutiche a prudurre semplici farmaci capaci di sedare e calmierare (non inibire) il desiderio sessuale, in modo da livellare il "bisogno di sesso " maschile al pari di quello femminile, la cosa puo sembrare bizzarra, ma io sono convinto che sarebbe un successo, con l'aggiunta che obblighera' la parte femminile (da sempre su posizioni comode di conserva e di rimando) a atteggiamenti un po piu intraprendenti, e i connessi rischi di andare in bianco (una volta tanto anche a loro) 
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: bhishma - Settembre 04, 2010, 14:58:13 pm
le proposte di legalizzazione :

da sinistra , onorevole  Poretti (Radicali-PD):

Qui l'emendamento: http://blog.donatellaporetti.it/?p=1530
Qui il disegno di legge: http://blog.donatellaporetti.it/?p=86


da destra, senatore Malan (PdL):
http://www.savonaeponente.com/2010/06/23/il-senatore-malan-pdl-appoggia-la-guarnieri-sulla-prostituzione/
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: COSMOS1 - Settembre 04, 2010, 15:14:56 pm
bisogna dare atto ai radicali di un maggior rigore
purtroppo a destra pensano troppo ai voti per "pensare" semplicemente  :cry:
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Ryu - Settembre 06, 2010, 22:28:36 pm
Bisognerebbe semplicemente eliminare le leggi atte a matenere, siamo in un periodo storico individualistaaaaaa..
In quanto ai farmaci per me sarebbe una stronzata, bisognerebbe solo cambiare la mentalità cattolica che abbiamo, in favore di una più simile ai valori che abbiamo e non che vorremmo avere.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Kargrazark - Settembre 07, 2010, 18:09:10 pm
Favorevolissimo, ma per evitare lo sfruttamento, penso sia giusto che il datore di lavoro sia lo stato italiano. In questo modo le prostitute diventerebbero dipendenti statali e la repressione a quella illegale sarebbe anche maggiore, poichè si vanno a colpire le casse dello stato. E i soldi da sempre, purtroppo, contano più del benessere dei singoli.
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Ryu - Settembre 07, 2010, 23:45:30 pm
Si poi gliela dai te la 14esima... e i sindacati?
No non scherziamo se è in quell'ottica sarebbe una professione quindi dovrebbe essere controllata... le tasse pagate, i maschietti contenti, le mogli no e il tutto va avanti  :cool:
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Giulia - Settembre 08, 2010, 11:08:48 am
Si poi gliela dai te la 14esima... e i sindacati?
No non scherziamo se è in quell'ottica sarebbe una professione quindi dovrebbe essere controllata... le tasse pagate, i maschietti contenti, le mogli no e il tutto va avanti  :cool:
maschietti?
le mogli non saranno mica pedofile? :D
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Kargrazark - Settembre 08, 2010, 22:51:04 pm
Si poi gliela dai te la 14esima... e i sindacati?
No non scherziamo se è in quell'ottica sarebbe una professione quindi dovrebbe essere controllata... le tasse pagate, i maschietti contenti, le mogli no e il tutto va avanti  :cool:

No no ma quale scherzo sono serio
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Ryu - Settembre 09, 2010, 14:01:53 pm
maschietti?
le mogli non saranno mica pedofile? :D

Magari lo fossero..  :lol: e invece per quasi tutta l'adolescenza ed oltre vedi che le tue coetanee vanno con quelli più grossi.. poi quando arrivi ad essere grosso e panciuto ecco che rivanno in voga i giovani  :lol:  :lol: ma in questo caso vale anche per noi  :D
Titolo: Re: Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Giulia - Settembre 09, 2010, 20:40:18 pm
Magari lo fossero..  :lol: e invece per quasi tutta l'adolescenza ed oltre vedi che le tue coetanee vanno con quelli più grossi.. poi quando arrivi ad essere grosso e panciuto ecco che rivanno in voga i giovani  :lol:  :lol: ma in questo caso vale anche per noi  :D
mi riferivo solo all'accostamento di mogli e maschietti.
Titolo: Re:Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: fabriziopiludu - Maggio 23, 2014, 12:29:46 pm



 Con la mia età...
 mi van benone le Case con le ultra40enni, e anche le ultra50enni.


 
Titolo: Re:Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Duca - Maggio 23, 2014, 15:00:41 pm
Scherzi?  :doh:
Titolo: Re:Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: fabriziopiludu - Maggio 25, 2014, 14:29:58 pm



 Ho detto a questo punto mi vada bene anche Marta Zoffoli, che è del '72.


 
Titolo: Re:Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Duca - Maggio 25, 2014, 15:05:35 pm
Dovrei vederla di persone, comunque dalle foto mi sembra potabile.
Però con le ultracinquantenni no  :sick:
Titolo: Re:Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Duca - Maggio 27, 2014, 00:48:09 am
Che schifo... latteria sociale  :sick:
Titolo: Re:Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Damocle - Agosto 29, 2016, 10:35:20 am
Non saprei, ho votato per la regolamentazione della prostituta modello Germania o Olanda. Da un lato però ho un dubbio sul modello svedese a patto che il reato non colpisca solo gli acquirenti ma anche gli offerenti.

Quale dei due modelli limita realmente la possibilità della donna di utilizzare il proprio corpo come mezzo di scambio per ottenere vantaggi?

Il modello svedese non elimina il problema, in quanto codificare la prostituzione in un solo modo non è possibile, ad esempio il modello svedese come fa a individuare le forme mascherate, i fidanzamenti e matrimoni di comodo? E' praticamente impossibile.
Titolo: Re:Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: giacca - Agosto 29, 2016, 12:53:22 pm
La 3.
Titolo: Re:Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Sebastiano - Agosto 29, 2016, 13:00:11 pm
Anch'io ho votato la 3
Titolo: Re:Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Warlordmaniac - Agosto 29, 2016, 17:23:51 pm
Io non posso votare, perché non ho la risposta compresa nelle quattro. Prostituzione e sesso coincidono; che cosa volete proibire o regolare?
Titolo: Re:Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Damocle - Agosto 29, 2016, 21:55:23 pm
Il fatto che in Svezia il reato di prostituzione è a carico dei soli acquirenti di prestazione, e non delle offerenti (uso il femminile in quanto sono in stragrande maggioranza donne) è un sintomo del femminismo che c'è dietro questa normativa. Voglio dire, se questa legge avesse una logica di essere efficace, colpirebbe sia acquirenti che offerenti.

Le leggi sulla corruzione vengono applicate al medesimo modo su corrotti e corruttori (o perlomeno così dovrebbe essere secondo la normativa), nel caso del modello svedese-scandinavo la norma ha una forte impronta femminista.

Più in generale mi chiedo se i modelli svedese (illegalità) e tedesco (regolamentazione) hanno influenzato la società e i normali rapporti uomo-donna e in che modo.
Titolo: Re:Case chiuse: che ne pensate?
Inserito da: Damocle - Agosto 29, 2016, 22:02:12 pm
Io non posso votare, perché non ho la risposta compresa nelle quattro. Prostituzione e sesso coincidono; che cosa volete proibire o regolare?

Sopra ho scritto: "Il modello svedese non elimina il problema, in quanto codificare la prostituzione in un solo modo non è possibile, ad esempio il modello svedese come fa a individuare le forme mascherate, i fidanzamenti e matrimoni di comodo? E' praticamente impossibile."

Se intendi la stessa cosa allora la penso come te, ovvero che il modello svedese non può eliminare tutte le forme di prostituzione mascherata, in cui la donna non cerca esplicitamente soldi ma genericamente vantaggi d'ogni tipo, e da questi è sia razionalmente che istintivamente attratta. Vedendola in maniera estrema, l'amore femminile è sempre una forma di prostituzione in quanto sono programmate dall'evoluzione per cercare un protettore, anche quando non ne hanno strettamente bisogno. L'unica cosa che può contrastare il modello svedese sono la prostituzione di strada ed eventuali siti internet con messaggi espliciti, il resto no.