Autore Topic: Alla donna italiana piace l'omo vero. Quello "che ha da puzzà"...  (Letto 14319 volte)

Offline yamamax

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 1054
  • Sesso: Maschio
Re:Alla donna italiana piace l'omo vero. Quello "che ha da puzzà"...
« Risposta #60 il: Agosto 12, 2013, 19:45:43 pm »
secondo me il lavoro non rappresenta solo cio che hai ma anche cio che sei; in modo ideale il lavoro dovrebbe essere vissuto come una vocazione, come il senso che dai alla tua vita.

Magari fosse ancora così. La tua affermazione di fondo non è sbagliata è solo vecchia di un secolo.

Offline controcorrente

  • Affezionato
  • **
  • Post: 1377
  • Sesso: Maschio
Re:Alla donna italiana piace l'omo vero. Quello "che ha da puzzà"...
« Risposta #61 il: Agosto 12, 2013, 20:18:13 pm »
A  me sembra di vedere invece una logica nell' uomo, purtroppo una logica triste cioè che non abbiamo ancora imparato a vivere bene e serenamente da soli e quindi finiamo per raccattare qualsiasi cosa. Troppo poco selettivi pur di avere qualcuno accanto, aspettando e girando il mondo senza troppo seghe mentali si può incontrare la persona giusta.

Giustissimo!  :clapping: :ok:

Offline Suicide Is Painless

  • Veterano
  • ***
  • Post: 2061
  • Sesso: Maschio
  • Le donne non voglion mai passare per puttane,prima
Re:Alla donna italiana piace l'omo vero. Quello "che ha da puzzà"...
« Risposta #62 il: Agosto 16, 2013, 12:14:34 pm »
guarda che questa cosa l'hai detto tu, quando piangevi per Ceausescu.

Io in Italia sono venuta con una borsa di studio per fare il dottorato di ricerca. Mi piaceva farlo, scrivere relazioni, andare a conferenze, in biblioteche. La mia tesi è nata da me, l'ho fatta con passione, e per questo mi pagavano.
Il mio marito mi ha conosciuta come insegnante, ma anche lui ci tiene a questa, non vuole che io faccia la venditrice ambulante. Quindi un senso di rappresentanza ce l'ha anche il lavoro della moglie. Meglio casalinga allora che venditrice al mercato, dice lui

aspetta,
io non ho detto che per un uomo non va bene se è fallegname o meccanico di locomotiva o costruisce le case o fa informatica. Ho detto solo che deve avere qualche ideea di cosa gli piace fare per guadagnarsi la vita.  Molti maschi della mia famiglia sono stati meccanici di locomotiva e erano molto fieri della loro locomotiva, ma anche le donne erano imprenditrici o insegnati. Insegnavo in una scuola di mestieri. 99% dei ragazzi dicevano che il lavoro scelto, il mestiere che imparavano le piace. Eppure erano lavori di riparazioni auto o fallegnameria o eletronica.
La maggior parte delle mie conoscenti rumene in Italia sono assistenti medicali, da noi è una delle scuole piu selettive, la scuola della sanità, non credo si puo fare senza un po di senso di vocazione.
Un uomo a chi non piace nessun lavoro, ma anhce una donna a chi non piace nessun lavoro non posso rispettare. Certo si puo essere temporaneamente senza lavoro ma si deve impegnare a trovare una soluzione.

Se voi insistete che il lavoro non è piacere solo dolore devo pensare che è una cosa culturale.

 :blink: Io "piangevo" per Ceausescu? Ma poi come si fa, a rispondere quando le affermazioni si formulano così. Dimmi solo perchè allora la percentuale di coloro che solamente rimpiangono il periodo comunista almeno fino agli anni '80 della crisi petrolifera ed economica in Romania, crescono ogni anno? Da sondaggi periodici di tutti i principali giornali romeni, sulla massa della popolazione romena, non le qualche migliaia di nostalgici che vanno in pellegrinaggio a Predappio. E della costante rivalutazione e nuova prospettica storica che si sta accrescendo intorno alla figura di Ceausescu? Casa natale adibita a museo compresa? Soltanto da pochi anni si può parlare con una certa libertà di cosa realmente avvenne, a ridosso del Natale 1989. E con quali modalità. Un cruento colpo di stato per levare di mezzo l'ultimo scomodo fautore dello Stato Socialista, in Europa, di traverso al suo avvenuto smantellamento Gorbacioviano, il quale come si è scoperto poi, era pure massone. Sostenuto e in parte organizzato e orchestrato dal KGB con l'avvallo persino della CIA. E quel libro che ti citai è una delle opere di più successo e famose, sui fatti, scritto da un giornalista imparziale con testimonianze e documenti ufficiali. E poi chi ha governato in Romania negli ultimi ventitre anni. Non mi sembra solo la destra ultraliberista, visto che Iliescu e soci figliocci e nipotinbi di Ceausescu sono stati per lunghissimo tempo al potere.  :disgust:
Neil McCauley/Robert DE Niro [ultime parole]:- "Visto che non ci torno in prigione?"
Vincent Hanna/Al Pacino :-"Già."
Noodles:"I vincenti si riconoscono alla partenza. Riconosci i vincenti e i brocchi.Chi avrebbe puntato su di me?"
Fat Moe:"Io avrei puntato tutto su di te."
Noodles:E avresti perso.

Offline ilmarmocchio

  • WikiQM
  • Pietra miliare della QM
  • ***
  • Post: 10666
  • Sesso: Maschio
Re:Alla donna italiana piace l'omo vero. Quello "che ha da puzzà"...
« Risposta #63 il: Agosto 16, 2013, 17:18:36 pm »
su, non andiamo OT.

Offline Suicide Is Painless

  • Veterano
  • ***
  • Post: 2061
  • Sesso: Maschio
  • Le donne non voglion mai passare per puttane,prima
Re:Alla donna italiana piace l'omo vero. Quello "che ha da puzzà"...
« Risposta #64 il: Agosto 17, 2013, 18:58:30 pm »
su, non andiamo OT.

Eh lo so. Purtroppo e' da mo' che siamo OT.
Neil McCauley/Robert DE Niro [ultime parole]:- "Visto che non ci torno in prigione?"
Vincent Hanna/Al Pacino :-"Già."
Noodles:"I vincenti si riconoscono alla partenza. Riconosci i vincenti e i brocchi.Chi avrebbe puntato su di me?"
Fat Moe:"Io avrei puntato tutto su di te."
Noodles:E avresti perso.