Autore Topic: Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così  (Letto 13603 volte)

Offline zagaro

  • Femminista
  • Affezionato
  • **
  • Post: 1208
  • Sesso: Maschio
Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« il: Maggio 16, 2013, 19:27:10 pm »
Ideologia e linguaggi Anti/Pas

Io mi ricordo che FaS fece una dura lotta per affermare il diritto di poter ragionare laicamente sulla Pas e nel merito delle questioni. Senza pregiudizi di partenza. Senza che nessuno arrivasse a dire che essere No-Pas fosse distintivo di nazi-qualcosa, vetero-fuffa, eccetera eccetera. Perché c’era in quella modalità un piglio ideologico che non aveva niente di scientifico.

Per affermare quel diritto abbiamo stabilito che fosse necessario spazzare via ogni accusa, reciproca, che veniva fatta. Non puoi chiedere a qualcuno di mettere giù le armi e ragionare laicamente se dall’altro lato c’è sempre chi spara proiettili colmi di accuse.

Di fatto oggi stiamo messe così. Noi qui si scrive che la Pas proprio no e che però si vede che c’è un grande problema da gestire e risolvere per prevenire. Perché non siamo scienziate ma sappiamo tanto di soluzioni autoritarie e sappiamo di modalità sociali e giuridiche, ma soprattutto culturali, che possano prevenire la necessità di utilizzo di un intervento brutalmente psichiatrico.

Un pezzo del mondo Anti/Pas però ha assunto toni e modalità ancora più ideologiche di chi aveva problemi a organizzare una discussione critica sulla questione. Oggi sono gli e le Anti/Pas che danno del difensore o difensora di pedofili a chiunque abbia un atteggiamento più complesso che ragioni di questo.

Di chi affronta la questione in modo critico si dice che:

- difendi i pedofili;

- difendi i violenti;

- difendi i padri separati che sarebbero tutti misogini e, naturalmente, pedofili e violenti.

Se qualcuno ti dice “tu sei pro/pas” e ti guarda con disgusto, sta dicendo esattamente questa cosa.

Dunque tu non puoi ragionare laicamente della materia. No. Devi dire che sei contro, ma proprio contro contro tutto.

Dunque bisogna che tu sia contro la Pas ma anche contro i padri separati. Bisogna che tu sia contro l’affido condiviso e contro il mantenimento diretto. Bisogna che tu sia contro la condivisione di responsabilità e ruolo di cura in tutti i sensi. Non puoi neppure discutere della faccenda che già ti arriva il mondo intero che ti dice che tu stai parlando proprio come loro. E parlare come loro significa che tu saresti pro/pedofili/violenti/misogini e bla bla.

Provate a dire a freddo semplicemente “affido condiviso” e vedrete cosa vi succede e che vi dicono.

Siamo arrivate al punto che per pregiudizio c’è la censura preventiva sulle parole. Non sai neppure cosa sto per dire e già mi sputi addosso. E se quel che dico non lo dico esattamente come vuoi tu allora sei “Pro/Pas” e “Pro/Violenza” e basta e dunque addio, dritta all’inferno.

L’ideologia è dilatata a dismisura e tocca anche la questione della violenza su donne e bambini. Già. Perché ci sono padri che chiedevano l’affido e nel frattempo sono stati denunciati. Poi sono stati assolti. Perciò parlano di false accuse.

Le cifre di cui si parla a questo proposito, non so se confermate o meno, sono relative le cause intervenute durante le separazioni non consensuali. Nel corso di un procedimento di separazione e affido interviene una denuncia per violenza.

Dai mondi Anti/Pas l’accusa già è sufficiente a dire che quell’uomo è un criminale. Nel frattempo viene processato, assolto, non vede i figli ai quali viene detto che il papà è cattivo, poi il papà ha la sentenza di assoluzione in tasca ma il figlio l’ha già comunque perso, recuperare un rapporto dopo anni e anni di casini è difficilissimo, la ex moglie continua ad accusare anche se non potrebbe e tutto il mondo attorno dice che i padri separati sono pedofili, violenti, eccetera.

Ci sarà senz’altro il violento in mezzo a tutti, così come ci sarà qualche mamma che usa il pregiudizio creato attorno ai padri separati per ottenere legittimità, esigere diritti e non assolvere a nessun dovere. Ma il punto è che l’accusa che viene formulata da una donna viene accolta con fiducia perché, questo è quanto i padri separati osservano, mentre gli uomini sono visti come geneticamente violenti, delle donne si dice e si pensa che siano sempre vittime e innocenti.

Tanto ragionare sulla questione delle campagne contro la violenza sulle donne, da parte dei padri separati, non è affatto per negare la violenza sulle donne ma per mettere in discussione l’alone di santità che regala credibilità a prescindere a tutte le donne incluse quelle perfide.

Che i padri separati neghino la violenza sulle donne, tanto più quella sui bambini, è una leggenda. Non è vero. Come non è vero che ce l’hanno con le femministe. Loro hanno un problema di opposizione culturale al femminismo radicale, statunitense o italico che sia, che è anche quello che spara cifre astronomiche per dire che di donne ne muoiono più di violenza che di cancro e che costruisce il mito della donna vittima per “natura” che in termini giuridici si riassume in pregiudizio da parte di chi tratta un uomo da criminale solo sulla base di una semplice accusa..

Noi non capivamo questa cosa, soprattutto perché la raccontavano malissimo, con una comunicazione che lasciava parecchio a desiderare (possiamo dirlo!), ma anche perché l’opposizione esasperata arrivava puntualmente ad ogni notizia che parlava di una donna uccisa. Ogni discussione diventava totale sottrazione di empatia ad ogni vittima che lasciava scie di dolore senza fine e sembrava togliere un pizzico di speranza in più a quelli che ritenevano così di non poter godere di credibilità mai.

L’impatto culturale di tutto questo per loro si traduce in quella che chiamano inversione dell’onere della prova, ovvero quando qualcun@ accusa ed è l’accusat@ che deve “smentire” e portare le prove per difendersi.

La modalità corretta, secondo il nostro sistema giuridico ancora garantista, chissà per quanto, sarebbe quella che chi accusa porta le prove di colpevolezza. Il contrario avviene in sistemi autoritari, dittatoriali, inquisitori.

Chi cerca di dimostrare a tutti i costi un legame tra padri separati e pedofilia, per esempio, in passato ha malinteso documenti e sentenze, perfino quelle pubblicate online. Dove c’è scritto “assolto” si legge “condannato” (non si sa perché). Fu abbastanza vergognosa una campagna di diffusione ad opera di anonimi, che utilizzò uno strumento come la sezione open publish di Indymedia, che noi sappiamo costare fatica e pure soldi ai compagni di certo non per farlo diventare il mezzo per infamare qualcun@, con notizie e accuse relative soggetti sparsi attraverso cui infangare la reputazione di altre persone che avevano avuto l’unico demerito di aver espresso una opinione critica contro ogni genere di caccia alle streghe e di censure. Infamie senza fine per trarre dimostrazione di legami tra il soggetto x e il soggetto y ove sappiamo che questa cosa, fosse Indymedia ancora online, sarebbe di certo oggi avvenuta anche per Femminismo a Sud.

Perché c’è gente che la “politica” la fa esattamente così. Rovinando la reputazione di chi dice cose che non ti piacciono o alle quali non sai opporti con altri argomenti. Determinando pregiudizi di partenza. Gente così prende e pubblica qualcosa tipo “il tizio è pedofilo” oppure “il tizio è pro-pedofilia”. E quanto questa accusa sia infamante e possa rovinare la vita di una persona non importa, ovvio, perché lo scopo implicito è colpire con vigore quella che a volte è stata definita come fosse peggio che una setta satanica a portare sacrifici umani, sottoforma di bambini, sull’altare del demonio.

C’è stat@ chi, e non possiamo dire chi perché anche da noi non c’è il log e non sappiamo chi commenta, anonimamente pretendeva di usare il nostro blog per riportare questo genere di accuse. Nomi e cognomi che abbiamo sempre cancellato. Nomi di associazioni che non abbiamo sporcato. Perché la privacy per noi è sempre stata sacrosanta e perché noi facciamo cultura e non siamo la Digos né la procura della Repubblica.

Con lo stesso piglio inquisitorio oggi c’è chi – in altri mondi che nulla c’entrano con tutto questo – scomunica FaS o qualcun@ di noi utilizzando l’appellativo di “maschilista” che oramai ha assunto la stessa valenza di “pedofilo”. Che poi chi lo dica pensi che maschilista faccia rima con post/femminismo perché legati/e al femminismo radicale della Dworkin e di tutte le pessime soggette che hanno fatto diventare il femminismo una crociata santa medioevale, spiega anche molte cose sul perché questi argomenti facciano parte di un profilo culturale assolutamente univoco.

Basti sapere, comunque, tornando al discorso di prima, che noi abbiamo respinto sempre commenti, mail inviate al nostro indirizzo collettivo (che arrivava in redirect a tutte), e qualunque genere di intervento scritto ovunque in cui si formulassero accuse dirette a nomi e associazioni. Abbiamo cumulato non poche antipatie da parte di chi è stat@ ripres@ più volte perché non permettevamo quest’uso dei nostri spazi di comunicazione. Figuriamoci quanta antipatia abbiamo cumulato quando abbiamo scritto nero su bianco una netiquette che chiarisse definitivamente questo punto della questione.

Dunque avere un atteggiamento non dogmatico rispetto alla questione No-Pas viene assunto come collusione con mondi infernali. Fare ragionamenti critici contro il femminismo radicale e le sue soluzioni autoritarie significa essere maschilisti, sessisti e misogini.

Riguardo la misoginia. Sono stronzate. Ci sono tra le persone che parlano di padri e questi temi in rete persone realmente misogine, sessiste, anche parecchio autoritarie. Ma nella maggioranza dei casi si tratta di persone che hanno avuto una esperienza pessima nella vita, che hanno tentato di tradurre il disagio in risposta politica, che non hanno ricevuto ascolto se non da alcuni contesti di destra. Ci sono tanti padri laici e di sinistra che hanno avuto difficoltà a manifestare i propri problemi e che sono andati dove trovavano posto. Padri che sono antisessisti, non misogini. Ci sono tante persone anche di altra estrazione politica, che sono semplicemente esasperate dalla costante rimozione di un problema dove la disponibilità alla condivisione del ruolo di cura viene recepita in senso reazionario da chi custodisce il mito del materno a tutti i costi. La mamma è sempre la mamma, i figli devono stare con la mamma. Non a caso questi temi trovano spazio a canale 5 con la Mussolini e Barbara D’Urso che fanno da apripista al ripristino del maternage in stile ventennio mentre contemporaneamente recitano preghiere sulle vittime di violenza “in quanto donne e madri”.

E a questo proposito è diventato quasi impossibile leggere in senso critico anche le campagne sul femminicidio. Anche quella è diventata una religione per cui sei un criminale e devi essere bandito dalla scena pubblica o da un giornale se non pronunci quella parola correttamente e non la arricchisci con il giusto corredo di considerazioni come da copione suggerito dalla campagna culturale che va verso una unica direzione: femminicidio=emergenza=aggravanti=canonizzazionefemminile che nelle separazioni diventa l’altro grimaldello per consentire una esclusione dagli affetti di ogni padre separato.

Basta solo una accusa. Una semplice accusa che rovina la vita a una persona obbligandola ad anni e anni di inquisizione in difesa mentre comunque tutto il mondo ti guarda con sospetto e ti gurderà così per sempre anche se sei stato assolto. Tutto ciò non è difficile da capire, soprattutto per compagni e compagne che sanno bene come una accusa falsa che ti bolla come terrorista e criminale, sia un marchio che ti porti appresso per sempre. Non è difficile da capire se si dismette da divisa dei difensori di un tempio e si indossano gli abiti civili del buon senso, perché noi sappiamo che la violenza sulle donne è un problema serio, che la cultura che genera quelle violenze va cambiata, che i cambiamenti arrivano se metti in discussione stereotipi e non se ne riproduci altri, sessisti tanto quanto, in cui mamma/donna/santa e uomo/padre/demone.

Sappiamo dei tanti problemi delle donne, delle madri, di quelle che denunciano e non vengono credute, di una cultura che obbliga tante donne alla costante rimozione di un problema. Sappiamo di bambini che subiscono abusi e violenze. Sappiamo che la Pas può essere usata per togliere credibilità al rifiuto di un bambino. Sappiamo tutto e siamo con le vittime di abusi sempre.

Ma sappiamo anche che il dolore bisogna lo si riconosca reciprocamente. Bisogna aprire uno spiraglio. Bisogna tirare fuori questi padri dalla nicchia a partire dalla quale possono solo urlare e dire cose pessime e sconnesse per farsi sentire. Bisogna non giustificare mai misoginie e azioni irrispettose dell’autodeterminazione delle donne. E bisogna anche prodursi in un linguaggio che muta umori e relazioni affinché il dolore fluisca e si incontri, i pensieri riescano a trovare ascolto, le frustrazioni riescano a manifestarsi senza percuotere lessicalmente e metaforicamente nessuno.

Qui non si tratta di “assistere” una dimensione politica che non sa esprimersi nel modo giusto o che si autorappresenta negando l’autorappresentazione altrui. Qui si tratta di intercettare un bisogno che è reale e che richiede risposte un po’ più serie e complesse di un “i padri separati sono tutti pedofili e chi ne parla bene è pro-pedofilia“.

Cambiare le cose è possibile, cambiare la cultura è possibile, se tutto ciò si fa insieme. Se noi chiediamo, come abbiamo chiesto, a chiunque di ragionare senza usare termini demonizzanti di femminismi e donne, dobbiamo tanto più esigere che non si usino termini demonizzanti di padri separati e uomini.

E quello che a noi sembra evidente, oggi, date le reazioni a quanto stiamo facendo, è che ci sia gente a cui piaccia il medioevo. C’è gente infatti che:

“abbisogna di tenere in vita mostri, evocarli ove non sono presenti, perché se non ci sono mostri, se non si mette in circolo la paura dell’altro (e l’altro in questo momento sono anch’io) bisognerebbe fare uno sforzo, mettere giù le armi e capire.

Manca la volontà di capire perché la barricata è tanto più semplice da gestire. Tutti uniti in nome della paura del mostro. Un po’ come fa chi ti dice che lo straniero va braccato e buttato via al confine. Certezze. Sicurezze. Che diventano prigioni. Senza ossigeno. Senza complessità.

A chi vi dice di aver paura di loro o di me ricordate che un ministro della paura lo abbiamo avuto già. Perfettamente parodiato da Antonio Albanese. Istigare fobie sociali nei confronti di un intero gruppo di persone o di una sola produce unità tra i fobici ed esprime volontà di controllo in senso autoritario.

Non abbiate paura di me. Non abbiate paura di chi è divers@ da voi. Parlateci senza pretendere di cambiarli. Ascoltate e fatevi ascoltare. L’umanità chiusa in mille trincee fatte di paure e mostri inventati è medioevale, ed è questo quel che vedo oggi: il medioevo. In nome della difesa delle donne.”

Ps: il femminismo non è una religione. Non converte e non si fa convertire. Le persone pensano, approfondiscono, si incontrano, crescono, si parlano e capiscono. O meglio: alcune persone lo fanno. Altre vanno in cerca di mostri e mettono in piedi tribunali dell’inquisizione. E ora: quanto dovremo attendere prima del prossimo articolo Anti/Pas formato insulto/menzogna/infamia contro di noi?


Posted in AntiAutoritarismi, Comunicazione, Pas.

By fasse   – maggio 16, 2013

http://femminismo-a-sud.noblogs.org/post/2013/05/16/ideologia-e-linguaggi-antipas/#more-24209


non so per voi ma a me sembra un riconoscimento verso la via di "persone che soffrono e che insieme cercano una soluzione" più che uno sterile  manifesto di parte.
che ne pensate voi?

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5527
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #1 il: Maggio 16, 2013, 23:33:30 pm »
Penso che le femministe abbiano fiutato aria di reazione maschile e stanno cercando di cavalcarla
offrendo o fingendo di offrire una sponda. Solo così si spiegano queste strane "aperture". Le singole
femministe possono anche essere sincere nel cercare di capire le tematiche maschili, come Fikasicula
la quale, infatti ha pagato assai caro, con l'isolamento e gli anatemi, il suo confronto con il mondo
maschile e la comprensione delle ragioni dell'"altra parte". Ma il movimento femminista, tutto quanto,
nonostante le sue vantate "diversità" si è avvitato sulla sistematica campagna misandrica di vasta e
capillare demonizzazione del maschile e della celebrazione del femminino come unica fonte di vitalità
in grado di sanare un mondo malato, infettato dal morbo del dominio fallocratico, da parte di un
sesso maschile che oramai non ha più nulla da dire e da fare se non cedere il passo, anzi cedere in
tutti i sensi. Questo è il femminismo e tale intende rimanere. Non farti quindi troppe illusioni, Zagaro.   

Offline vnd

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5999
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #2 il: Maggio 17, 2013, 06:55:18 am »
Io da parte di alcune femministe, mi spiace, vedo solo chiacchiere e liti tra donne per sciocchezze senza senso.

Pur nel rispetto delle decisioni della maggioranza degli utenti, io non voglio nessuna sponda. Semmai la offrirò quando vedrò sufficiente maturità ed equilibrio nella controparte.
Oggi, Il dialogo con certe persone sarebbe soltanto una perdita di tempo.

Queste stanno litigando perché il piatto piange e le sovvenzioni pubbliche da spartirsi sono poche.


Vnd [nick collettivo].

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5527
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #3 il: Maggio 17, 2013, 08:58:59 am »
Io da parte di alcune femministe, mi spiace, vedo solo chiacchiere e liti tra donne per sciocchezze senza senso.

Pur nel rispetto delle decisioni della maggioranza degli utenti, io non voglio nessuna sponda. Semmai la offrirò quando vedrò sufficiente maturità ed equilibrio nella controparte.
Oggi, Il dialogo con certe persone sarebbe soltanto una perdita di tempo.

Queste stanno litigando perché il piatto piange e le sovvenzioni pubbliche da spartirsi sono poche.

Nella sostanza sono d'accordo con te. Tuttavia sono disposto a fare dei distinguo. Secondo me
qualche femminista in buona fede e anche onesta esiste. Non le metterei tutte nel calderone delle
misandriche frustrate arrabbiate con il mondo maschile. Altrimenti saremmo come loro che in tale
modo si comportano con noi. Non voglio avere NULLA in comune con le femministe, nemmeno tale
atteggiamento. La nostra ETICA deve essere diversa. In questo non la penso come te.

Offline vnd

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5999
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #4 il: Maggio 17, 2013, 09:02:47 am »
Non le metterei tutte nel calderone delle
misandriche frustrate arrabbiate con il mondo maschile.

Io sì.

Stanno costruendo l'infelicità dei loro figli.
Maschi e femmine.

Per cosa?

Chi per una poltrona, chi per raccimolare sovvenzioni, chi per microfama, chi per vanagloria.
Si vendono. Come pu1tane.
Vnd [nick collettivo].

Offline vnd

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5999
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #5 il: Maggio 17, 2013, 09:50:59 am »
Io sì.

Stanno costruendo l'infelicità dei loro figli.
Maschi e femmine.


Pardon...
Stanno costruendo l'infelicità dei nostri figli.


Fossero soltanto i loro... Mi dispiacerebbe... Perché stanno comunque commettendo ingiustizia.
Ma queste creano i presupposti per rovinare la vita anche dei miei figli.
E la cosa mi fa incazzare.
Vnd [nick collettivo].

Offline zagaro

  • Femminista
  • Affezionato
  • **
  • Post: 1208
  • Sesso: Maschio
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #6 il: Maggio 17, 2013, 14:57:15 pm »
 "Ad ogni forza agente F_i  prodotta su un corpo i corrisponde sempre in un sistema inerziale una forza detta forza reagente F_j su un altro corpo j uguale e contraria e tale che la loro coppia sia nulla"

3° Principio della dinamica.

ma  non è con tali principi che si costruisce una società, un successo tattico momentaneo magari certamente, ma non un società.

Per costruire una società bisogna volare alto e riuscire a vedere dove altri credono che vi stiano le colonne d'ercole

Offline Guit

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 3277
  • Sesso: Maschio
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #7 il: Maggio 17, 2013, 18:32:53 pm »
Io sì.

Stanno costruendo l'infelicità dei loro figli.
Maschi e femmine.

Per cosa?

Chi per una poltrona, chi per raccimolare sovvenzioni, chi per microfama, chi per vanagloria.
Si vendono. Come pu1tane.

Questi ragionamenti non portano da nessuna parte.

Visto che qui la moderazione non esiste, oppure segue orientamenti pseudo-random, cercate di limitarvi almeno un po' da soli e di non far pagare a tutti il conto della vostra personale opinione.

Un consiglio. Se vi iscrivete al forum avfm, evitate questo tipo di commento perché vi bannano senza passare dal via e in modo definitivo.

Take the red pill

Offline Guit

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 3277
  • Sesso: Maschio
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #8 il: Maggio 17, 2013, 18:41:03 pm »
Vi difenderò e sarete difesi nella vostra libertà di opinione fino al punto in cui voi vi renderete difendibili. Oltre quello no e qui siamo già oltre il border line.
Poi non vi lamentate se non vi prendono sul serio.
Take the red pill

Offline vnd

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5999
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #9 il: Maggio 17, 2013, 18:44:22 pm »
Questi ragionamenti non portano da nessuna parte.

Visto che qui la moderazione non esiste, oppure segue orientamenti pseudo-random, cercate di limitarvi almeno un po' da soli e di non far pagare a tutti il conto della vostra personale opinione.

Un consiglio. Se vi iscrivete al forum avfm, evitate questo tipo di commento perché vi bannano senza passare dal via e in modo definitivo.

Portano alla consapevolezza, alla presa di coscienza e ad un maggior senso della realtà.
La terra è rotonda. Anche se sembra piatta.

Pagare il conto della propria opinione dici?

E a te sembra giusto che "certe opinioni" non possano essere espresse liberamente e vi sia invece un conto da pagare?


Allora hai fatto bene a dirmelo.
Eviterò di perdere tempo.
Perchè quello che ho scritto è vero.
Vnd [nick collettivo].

Offline Guit

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 3277
  • Sesso: Maschio
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #10 il: Maggio 17, 2013, 18:50:13 pm »
Portano alla consapevolezza, alla presa di coscienza e ad un maggior senso della realtà.
La terra è rotonda. Anche se sembra piatta.

Pagare il conto della propria opinione dici?

E a te sembra giusto che "certe opinioni" non possano essere espresse liberamente e vi sia invece un conto da pagare?


Allora hai fatto bene a dirmelo.
Eviterò di perdere tempo.
Perchè quello che ho scritto è vero.

Se pensassi che la mia idea si possa esprimere solo nell'insulto, rinuncerei alla mia idea perché vorrebbe dire che non vale niente. La forma è un contenuto.

Comunque, come sempre, fate come vi pare.

Anzi ti dico di più. Nella rete di attivismo io riporterò solo eventuali abusi subiti da UB o da altri che sono effettivamente difendibili. Non mi sporco le mani per difendere a livello internazionale chi scrive che le donne sono tutte puttane.


Take the red pill

Offline vnd

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5999
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #11 il: Maggio 17, 2013, 18:57:44 pm »
Vi difenderò e sarete difesi nella vostra libertà di opinione fino al punto in cui voi vi renderete difendibili. Oltre quello no e qui siamo già oltre il border line.
Poi non vi lamentate se non vi prendono sul serio.


Se non mi prende sul serio chi?

Secondo te come vivono queste brave signore che passano le loro giornate a scrivere sui blog?
Come mangiano?


Sono troppi blog... tutti gestiti, pare, dallo stesso nick:
ficasicula, malafemmina, eretica, Michela Fervida, Antonella Parentesi, Marina Libertaria, Rossellatdg, Eretica, Laglasnost, e  via discorrendo....

Pensi che la Terragni sparga la merda gratis?
Io pago le tasse =>  lo Stato mantiene le testate giornalistiche => il Corriere stipendia la terragni = io mantengo la Terragni.

Pensi che la Zanardo ci vada gratis nelle scuole? O ci va a spese nostre?
Io pago le tasse => lo Stato mantiene la scuola => la scuola paga la zanardo = Io pago la Zanardo.
Non vorrai dirmi che non ti sei mai accorto che la Zanardo corre come le mosche sulla merda ogni volta che si libera un posto statale strapagato?

Che dire allora delle snoq.... Che per fortuna non caga nessuno?

Altra cosa importante.

Io non ho bisogno che qualcuno mi prenda sul serio.
Il mio lavoro è dire le cose.
Chi è interessato mi legge.
Non devo compiacere nessuno e non voglio convincere nessino.

Quello che so è che darmi torto è abbastanza difficile.


Vnd [nick collettivo].

Offline Guit

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 3277
  • Sesso: Maschio
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #12 il: Maggio 17, 2013, 19:04:34 pm »
...
Io non ho bisogno che qualcuno mi prenda sul serio.
Il mio lavoro è dire le cose.
...

Il tuo lavoro è dire le cose in modo che la Zanardo abbia ancora più consenso di quello che ha.

Un paio di giorni fa un blogger s'è beccato nove mesi perché ritenuto responsabile dei commenti. Quindi se vuoi scrivere le tue cose a modo tuo, ti dovresti aprire il tuo blog senza danneggiare gli altri, visto che come ripeto qui, la moderazione, a tutela della comunità, non esiste.

Take the red pill

Offline Guit

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 3277
  • Sesso: Maschio
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #13 il: Maggio 17, 2013, 19:13:59 pm »
Cosimo l'ha detto diverse volte che per lui essere querelato è una specie di onore.

Quello che a questo punto mi chiedo è se l'impegno che alcuni di noi mettono qui dentro serva per difendere gli uomini o per far querelare Cosimo, che poi magari lo condannano pure.

Cioè mi chiedo se questa pseudo-moderazione serva per far mandare avanti la causa di tutti o quella di uno.





Take the red pill

Offline vnd

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5999
Re:Passi avanti verso l'incontro, o almeno io la vedo così
« Risposta #14 il: Maggio 17, 2013, 19:14:22 pm »
Il tuo lavoro è dire le cose in modo che la Zanardo abbia ancora più consenso di quello che ha.

Un paio di giorni fa un blogger s'è beccato nove mesi perché ritenuto responsabile dei commenti. Quindi se vuoi scrivere le tue cose a modo tuo, ti dovresti aprire il tuo blog senza danneggiare gli altri, visto che come ripeto qui, la moderazione, a tutela della comunità, non esiste.


Scusa ma io quale reato avrei commesso?

Ho scritto cose che tutti sanno.

Vogliamo parlare di questo blogger per pesare come e quanto la dittatura femminista gestisce questo potere?
Vnd [nick collettivo].