Autore Topic: Il profeta fa scuola  (Letto 6570 volte)

Offline Animus

  • Veterano
  • ***
  • Post: 4409
  • Sesso: Maschio
    • uomini3000
Re: Il profeta fa scuola
« Risposta #15 il: Marzo 17, 2011, 14:27:45 pm »
:blink:è proprio femminile!!
finché non canta da uomo ....e lì me cascano le braccia...
:D

Cmq è un pretesto per guardare il pubblico, , i sorrisi, la felicità.

Ma come cavolo si fa a criticare una simile cultura, e poi da che pulpito, da una civiltà imbruttita da 2000 anni di cristianesimo?
Gli avvelenati dalla redenzione nel dolore?

Ma mi facciano il favore....stiano zitti. :mad:
Ti sentirai più forte, un uomo vero, oh si , parlando della casa da comprare, eggià, e lei ti premierà, offrendosi con slancio.  L'avrai, l'avrai, con slancio e con amore … (Renato Zero)

Ha crocifissi falci in pugno e bla bla bla fratelli (Roberto Vecchioni)

Offline Stealth

  • Veterano
  • ***
  • Post: 2890
  • Sesso: Maschio
  • Questo utente è altamente tossico e pericoloso
    • Cosa dice un fesso
Re: Il profeta fa scuola
« Risposta #16 il: Marzo 30, 2011, 11:02:48 am »
Chi l'avrebbe mai detto?
Il Profeta ha i suoi seguaci, qualcuno che già mette in atto le sue direttive.
Ebbene, ci congratuliamo e gli auguriamo duraturi successi!

http://www.direttanews.it/2011/03/14/stalking-italia-violenze-donne-persecuzioni-roma-stalker-marchia-a-fuoco-la-sua-ex-compagna/

VIOLENZA DONNE ROMA – Violenze terribili, sigarette spente sulla pelle, il proprio nome marchiato a fuoco: è l’ultimo episodio di stalking che occupa le pagine di cronaca.
Una donna di 33 anni per mesi ha subito le violenze del suo ex compagno, un body builder 43enne con alle spalle qualche esperienza da attore.
La loro storia comincia nel maggio del 2010 e, dopo varie interruzioni, cessa del tutto a febbraio scorso. È in quei giorni che la donna trova la forza di denunciare l’ennesimo episodio violento al commissariato Monteverde.
Le indagini della polizia sono rapide, bastano pochi giorni e il 43enne viene arrestato.
Terribili le esperienze che la donna ha dovuto subire. L’ultima in ordine di tempo, e di certo la più sconvolgente, proprio pochi giorni prima di fare la denuncia. Il suo ex compagno l’aveva ammanettata a una panca da body building e l’aveva marchiata a fuoco con un ferro a forma della iniziale del suo nome.
La panca è stata trovata dai poliziotti nel corso di una perquisizione, durante la quale sono saltati fuori anche altri inequivocabili prove che confermavano la storia della donna.
Gli agenti hanno infatti rinvenuto il ferro usato per la marchiatura e anche una videocassetta sulla quale il 43enne si era registrato mentre compiva il suo gesto.
L’uomo obbligava la sua compagna ad avvisarlo telefonicamente di ogni suo movimento, anche sul lavoro. Non solo: la accusava di portare sfortuna e di avere relazioni con altri uomini. Con questi pretesti l’uomo le usava violenza: botte, sigarette spente sulla pelle, fino al folle gesto di marchiarla a fuoco.

 Antonio Scafati
Deve trattarsi di Eliseo, allora. Che io sappia si tratta dell'unico profeta conosciuto che avesse dei discepoli.

Offline Salar de Uyuni

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 2850
  • Sesso: Maschio
  • RUMMELSNUFF
Re: Il profeta fa scuola
« Risposta #17 il: Maggio 07, 2011, 10:25:04 am »
Pol pot diceva:''facciamolo col sorriso sulle labbra,è più facile'' e non si riferiva all'amore...
Pol pot arrivo a uccidere praticamente il 30% della sua stessa gente in soli 4 anni,qualcosa a cui non arrivarono nemmeno Stalin e Hitler,fu il peggiore genocidio di tutta la storia.
Io non metterei quel tipo di cultura su un piedistallo,non la disprezzerei,ma neanche la idealizzerei:LORO SORRIDONO,SORRIDONO,MA PROPRIO PERCHE' SORRIDONO SONO PERICOLOSI,CAN CHE ABBAIA NON MORDE,CANE CHE STA ZITTO...
Mi ricordo quella storiella di Terzani in Vietnam,c'era un capitano americano che aveva una guardia vietcong,catturata e ''cristianamente'',''perdonata'',che era stata assunta dall'americano,perchè secondo lui:''adesso che lavora per noi,ha paura a tornare dagli altri perchè sarebbe processato per tradimento''.
Il capitano in maniera molto yankee,e molto ''cristiana'',mise un braccio sulla spalla del vietcong e disse a Tiziano Terzani:''He is a friend of mine'',Terzani da italiano,ovvero da badogliano genetico,per quanto ancora ingenuo e idealista,lo guardò perplesso...perchè:
''SORRIDEVA,SORRIDEVA,E NON SI CAPIVA COSA PENSAVA VERAMENTE...''
Come andò a finire secondo voi?
Il vietcong ammazzò il suo perdonatore ''friendly'',e si cucinò il suo cane  :lol:
Per gli americani:''everyone is friend of mine'',per i vietnamiti ''everyone is friend of mine''...solo in un altro senso...
L'Italia è già un pò oriente...guardali come sorridono i boss della sacra corona unita,con le immaginette di Padre Pio in casa...solo nei film americani il cattivo è Arnold Schwarzenegger,quello è occidente.
Io sinceramente l'oriente lo consiglio solo ai napoletani...gli altri non saprei che fine farebbero nel ''magico oriente''... :D
Da quando dio e' morto in occidente,pare aver prestato la sua D maiuscola al nuovo oggetto di culto la ''Donna''

Offline Animus

  • Veterano
  • ***
  • Post: 4409
  • Sesso: Maschio
    • uomini3000
Re: Il profeta fa scuola
« Risposta #18 il: Maggio 07, 2011, 13:25:59 pm »
Per gli americani:''everyone is friend of mine''

Sì, certo, infatti in vietnam gli americani ci sono andati a regalare i fiori. :doh:
Ti sentirai più forte, un uomo vero, oh si , parlando della casa da comprare, eggià, e lei ti premierà, offrendosi con slancio.  L'avrai, l'avrai, con slancio e con amore … (Renato Zero)

Ha crocifissi falci in pugno e bla bla bla fratelli (Roberto Vecchioni)

Offline Salar de Uyuni

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 2850
  • Sesso: Maschio
  • RUMMELSNUFF
Re: Il profeta fa scuola
« Risposta #19 il: Maggio 07, 2011, 14:15:30 pm »
Animus,il senso è chiaro:gli americani (estremo occidente),si fidano di tutti,anche dei loro nemici,persino del loro governo...
Gli orientali,il contrario,non si fiderebbero nemmeno del loro migliore amico(se eccettui i giapponesi),e se non si fidano di nessuno,non è perchè siano più furbi di nascita,ma perchè evidentemente sono abituati a tirarsi pacchi a vicenda,l'oriente,evidentemente non è tutto 'sto paradiso da contrapporre all'occidente.
Se io dovessi scegliere un socio in affari tra un americano e un cinese-vietnamita-thailandese,sceglierei mille volte un americano.
Loro sì,ti sorridono e ti fanno le moine...però poi...

Leggiti questa storiella dalla Cina...
Altrochè Napoli...

''L'altra faccia del miracolo economico della Cina, da Spiegel


L'imprenditore tedesco Mohammad-Reza Mouazzen ha voluto ampliare la sua azienda di atrezzature pesanti in Cina. Ma non ci volle molto tempo prima di rendersi conto che il miracolo economico del paese ha un lato oscuro.

L'expo 2010 a Shanghai è in corso, e le barche di lusso lungo il fiume Huangpu sono riempite con le delegazioni delle società occidentali che brindano ai nuovi partenariati che hanno appena formato con aziende cinesi. Nel mese di marzo, questo era anche il luogo dove l'avventura cinese di MCM, un rivenditore di macchine edili da sud-ovest della città tedesca di Mannheim, ha avuto il suo inizio. Ma ora, nonostante le iniziali speranze per l'affare, la società sta lottando per rimanere a galla.


Il capo della M.C.M. ha diffuso una serie di foto su un tavolo nel suo albergo. Sono tra le poche certezze che Mohammad-Reza Mouazzen, 62 anni, può ancora aggrapparsi. Una foto ritrae un raggiante Mouazzen, un cittadino iraniano di nascita, naturalizzato tedesco, a un banchetto con imprenditori cinesi. Era il giorno dopo che la Mouazzen business partner, come credeva a quel tempo, aveva spedito una gru mobile, per il quale aveva pagato 100.000 € (122.000 $), in Iran, in quanto il loro contratto era previsto.

Mouazzen ha i capelli grigi, indossa un abito scuro e, come egli sottolinea, non è un "bambino". Per gli ultimi 30 anni, ha fatto acquisti di attrezzature pesanti in paesi come Polonia e Russia, per poi vendere con profitto, spesso in Iran. Si tratta di un affare complesso, che è il motivo per cui Mouazzen è stato attento a coprire le sue basi durante il suo primo contratto in Cina. Lui e suo figlio Omid, 23 anni, documentando ogni fase del processo sia con foto e video. Non si può dire si è comportato ingenuamente o per negligenza, a Shanghai.

Ancora increduli.

Tuttavia, i due uomini d'affari sono stati ingannati senza scrupoli in un modo che Mouazzen non aveva mai sperimentato da nessun'altra parte. Ai primi di maggio, dopo che Mouazzen era tornato a Mannheim, ha ricevuto una chiamata da telefono furioso il suo cliente in Iran. Invece di consegnare ciò che era previsto, una gru ben curata, realizzata dalla società giapponese Kato e appena revisionata in ordine di Mouazzen, i cinesi avevano spedito un arrugginito Mitsubishi - un relitto senza motore e braccio di carico, del peso di 12.590 chilogrammi (27.700 lbs.) non la gru originale.

Mouazzen mette le foto delle due gru una accanto all'altra. È ancora incredulo. Le due macchine sono state fotografate in piedi sullo stesso container, che è stato segnato YMLU 700.754 6. Mouazzen ha fotografato questo numero e la gru quando è stata caricata a Shanghai. A quel tempo, lui e suo figlio sono rimasti con il camion che trasportava il container nel porto di Shanghai doganale fino all'una. Solo dopo che il camion aveva preso il suo posto nella lunga fila di altri camion in attesa al porto hanno fatto ritorno al loro hotel, soddisfatti che tutto era a posto.

Il numero di container è elencato nella polizza di carico. "Nessuno mette in discussione ciò che è in polizza di carico", dice Mouazzen. "È così che ho lavorato tutta la mia vita." Ma il suo partner cinese, egli assume, dovrà aver sostituito il carico del container in quella notte stessa: un'audace impresa logistica che poteva solo essere effettuata con l'ausilio di due gru di sollevamento di grandi dimensioni - e con complici nel settore delle dogane Ufficio di Shanghai .

Ma il rivenditore presso il Mannheim non ha notato nulla  quella notte. Era felice quando alzò un bicchiere brindando al suo nuovo rapporto d'affari con i cinesi. Sembrava essere un mercato enorme, 'apertura di MCM, perché la maggior parte delle attrezzature pesanti utilizzate veniva posto in vendita già in Cina, soprattutto su Internet. "Noi cinesi vogliamo imparare da te", disse il capo della compagnia China Heavy Equipment. Mouazzen, che si sentiva lusingato al momento, dice: "Mi hanno trattato come un padre."

Seri dubbi

E perché tutto sembrava andare così perfettamente in Cina, i visitatori provenienti dalla Germania hanno deciso di affrontare il prossimo passo: l'acquisto di un'altra gru, questa volta fatta dalla società giapponese Tadano, anche per la spedizione in Iran. Mouazzen ha dato i cinesi un 60 per cento di acconto per i 110.000 € della gru, che egli descrive come "una macchina meravigliosa". Per un altro 6.000 €, il cinese ha promesso di fornire la gru con un sistema di aria condizionata.

Ma quando è tornato in Germania, Mouazzen iniziato a ricevere una valanga di e-mail che ha sollevato seri dubbi. China Heavy ha sostenuto che l'intero sistema elettrico della gru aveva bruciato durante l'installazione del climatizzatore. Come il cliente, Mouazzen sarebbe responsabile per i costi aggiunti, la Cina Heavy ha scritto. I partner cinesi hanno chiesto più di 40 mila dollari per la riparazione e sostenuto ci sarebbero voluti tre mesi. Quando Mouazzen ha insistito per controllare la macchina di persona, le e-mail è diventata sempre più ostile.

China Heavy infine ha inviato il suo cliente tedesco una "lettera di urgenza", in cui affermava che se non avesse reagito alla lettera entro otto ore, essa sarebbe "responsabile di nulla". Ma il volo per Shanghai da solo avrebbe preso Mouazzen circa 11 ore, e poi, la maggior parte degli aeroporti europei erano chiusi al momento a causa della nube di cenere vulcanica. I cinesi a quanto pare, non hanno mai seriamente pensato di poter mai vedere i loro business partner di nuovo.

La piccola azienda di Mannheim, che consiste di Mouazzen, suo figlio e di tre dipendenti, ora lotta per sopravvivere. Oltre ai soldi che aveva già pagato per le gru, Mouazzen deve ai suoi clienti iraniani una sanzione del 30 per cento contrattuale per la spedizione errata. Ancora peggio, Mouazzen dice: "La mia reputazione con i business partner di molti anni è rovinata".

Ora i Mouazzens sono tornati a Shanghai. Durante le loro visite precedenti,erano alloggiati su una suite, ma adesso  padre e figlio devono risparmiare denaro condividendo un letto matrimoniale. E invece di spendere il loro tempo ammirando le facciate scintillanti di questa città dei grattacieli, sono alle prese con la dura realtà quotidiana del business in Cina.

'Perchè non arrestate queste persone?'

I Mouazzens hanno uno dei loro primi appuntamenti con la polizia. Gli agenti ascoltano pazientemente il racconto degli stranieri ', ma non sembrano sorpresi. Alla luce delle prove schiaccianti - le foto della gru, container i partner cinesi ', i manifesti, i contratti - i cinesi devono accettare che un "crimine" è stato commesso. "Bene, allora perché non arrestate queste persone?" Mouazzen chiede. La risposta ufficiale è che condurranno un'inchiesta approfondita della questione, perché il loro obiettivo è quello di rompere l'intero anello di truffatori più tardi, in un colpo solo.

Il Mouazzens passa un giorno dopo l'altro a Shanghai, più o meno allo stesso modo, ottenendo nulla. Invece, scoprono che la gru che avevano già pagato sembra essere posto in vendita su Internet di nuovo.

Ogni giorno che passano a Shanghai costa loro un sacco di soldi. Il loro avvocato cinese vuole solo di oneri € 250 l'ora. E ogni giorno che passa in Cina, Mouazzen perde contratti potenziale che la sua società ha urgentemente bisogno.

Nella loro disperazione, Mouazzens inizia lo svolgimento da solo delle sue indagini. Scopre, per esempio, che l'indirizzo del loro"partner" cinese scritto nel contratto non è corretto. Improvvisamente nessuno risponde più ai numeri di cellulare che a Mouazzens sono stati dati, e l'interprete, che ha assistito ogni incontro, è presumibilmente in ospedale. L'agente di navigazione che ha trasportato le gru del porto si mette a gridare al Mouazzens quando li vede avvicinarsi da lontano. Egli sostiene che né il furgone né il suo autista apparteneva alla sua compagnia.

Infine, il quinto giorno del loro soggiorno, i Mouazzens sono seduti dall'altra parte del tavolo da un rappresentante della China Heavy. L'incontro, svoltosi nell'ufficio del loro avvocato, è un perfetto esempio di arte cinese di portare  partner negoziali. Il capo del China Heavy ha inviato un assistente, la stessa persona che aveva firmato i contratti. Ma l'avvocato per la società cinese controlla gran parte della conversazione. Il suo nome è Tony Hang, indossa gli occhiali neri, e si comporta con coraggio, come se fosse lui il pubblico ministero in questo caso.

'Non chiamarci truffatori!'

Quando il Mouazzens presenta  loro le foto, Hang li spinge da parte, dicendo che esse non sono prove. Tuttavia, dice che gli piacerebbe avere delle fotocopie, una richiesta che Mouazzens non accoglie. Poi Hang si lancia in un dibattito sul nome del modello di una delle gru, che è diverso in Cina di quanto non sia in Giappone. Infine, tira fuori la "lettera di urgenza", e dice che il suo cliente aveva chiesto che Mouazzen apparisse a Shanghai entro otto ore. "Ma lei non si fece vedere!" grida.

L'aria diventa sempre più soffocante nella sala conferenze, e  Mouazzen comincia a respirare pesantemente. Quando suo figlio rimprovera la parte avversa come "imbroglioni", Hang grida: "Non ci chiamano imbroglioni! Siete imbroglioni!" Il rappresentante della Cina Heavy guarda in silenzio.

Mouazzen zittisce suo figlio con un gesto della mano. Ci sono gocce di sudore sulla fronte, i suoi occhi sono umidi, e spera ancora che di poter appellarsi al cinese a livello umano. "Perché hai fatto questo a me, dopo che  avevo portato tanti soldi in Cina?" chiede . "E perché difendete queste persone?"  chiede all'avvocato. "Voi apportate solo un danno al vostro paese in questo modo."


Le parti infine si separano. avvocato, il Mouazzens 'un giovane che ha detto molto poco durante l'incontro, sorride incoraggiante presso i suoi clienti e ha detto che la controparte senza dubbio può tornare a lui al più presto. Mouazzen ha già sentito molte variazioni sullo stesso tema a Shanghai.

Quando la polizia non riesce a perseguire il suo caso, Mouazzen prende in mano la propria  ricerca per la sua gru a Shanghai, che, come ha già scoperto, è di nuovo in vendita online. Egli osserva come la gru è caricata su un camion. Poi  incarica il suo avvocato di chiedere alla polizia di intervenire. Ma la polizia rifiuta, sostenendo che l'agente assegnato al caso è ora in vacanza, e che nulla può essere fatto sulla questione al momento.

"Che razza di città è questa," Mouazzen chiede, "dove ai truffatori è semplicemente permesso di fare tranquillamente i loro affari?"

Traduzione dal tedesco di Christopher Sultano''




Da quando dio e' morto in occidente,pare aver prestato la sua D maiuscola al nuovo oggetto di culto la ''Donna''