Autore Topic: Il trattato totalitario pandemico rientra dalla finestra. Leggete  (Letto 123 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20746
  • Sesso: Maschio
FONTE: Quotidiano Sanità (+commenti social)

LA 77ma ASSEMBLEA DELL’OMS APPROVA IL NUOVO TESTO DEL REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAIZONALE
Alessandro Fusillo
@AlessandroFusi9
Come previsto, dopo il fallimento del Trattato Pandemico, l’OMS è passata al piano B in preparazione da tempo, cioè le modifiche del Regolamento Sanitario Internazionale (RSI, in inglese IHR – International Health Regulations) che sono state approvate all’ultimo momento utile, il 1° giugno.
Il nuovo testo del RSI prevede una gestione centralizzata delle emergenze sanitarie e della produzione, distribuzione e approvvigionamento dei farmaci, con particolare riferimento ai vaccini. Il testo del nuovo regolamento è complesso, ma si possono sin d’ora mettere in evidenza alcuni passaggi fondamentali.
Mentre il vecchio testo (art. 3) prevedeva il “pieno rispetto della dignità, dei diritti e delle libertà fondamentali dell’uomo” il nuovo art. 3 aggiunge l’obbligo di promuovere “equità e solidarietà”. L’aggiunta è in grado di scardinare il pur esile schermo del rispetto dei diritti fondamentali che, come abbiamo visto dal 2020 in poi, sono stati completamente annullati in considerazione di una presunta emergenza.
La nuova definizione di “emergenza pandemica” è la seguente: un’emergenza di salute pubblica di interesse internazionale causata da una malattia contagiosa che abbia le seguenti caratteristiche: (i) ha, o ha un alto rischio di avere una diffusione geografica ampia e di estendersi a più stati, (ii) eccede o ha un alto rischio di eccedere le capacità dei sistemi sanitari degli stati di rispondere all’emergenza, (iii) sta causando o ha un alto rischio di causare gravi perturbazioni sociali e/o economiche, compresa la perturbazione del traffico internazionale e del commercio (iv) richiede un’azione internazionale coordinata rapida, equa e rafforzata con un approccio esteso a tutti i governi e a tutte le società.
La decisione circa l’esistenza o meno di una emergenza pandemica di interesse internazionale (PHEIC – Public Health Emergency of International Concern) spetta al solo direttore generale dell’OMS. In tal caso l’OMS potrà coordinare l’approvvigionamento e la distribuzione di tutti i prodotti rilevanti per la salute, compresi ovviamente gli onnipresenti vaccini, i test diagnostici, i cosiddetti dispositivi di protezione individuale. Sebbene le disposizioni dell’OMS continuino ad essere descritte come “raccomandazioni” appare evidente che il nuovo testo del RSI istituisce il direttore generale dell’OMS come una sorta di dittatore sanitario globale.
Lo Statuto OMS e lo stesso RSI prevedono un’entrata in vigore automatica delle nuove norme se non ci sono opposizioni o riserve da parte degli stati membri entro 18 mesi dall’approvazione del nuovo testo. Questa disposizione è incostituzionale. Infatti, l’art. 80 della costituzione italiana prevede la necessità di una legge di ratifica dei trattati internazionali.
Ora più che mai è necessario rendersi conto che tutto ciò che proviene dalla politica è dannoso per i cittadini e che nei vari palazzi, nazionali e internazionali, siedono i nostri nemici. Occorre opporsi ai loro piani distopici con l’unico vero mezzo a nostra disposizione, la disobbedienza civile.
Dopo quattro anni, siamo in tanti ad aver capito il gioco sporco che viene fatto sulla pelle delle persone. La strada è dire di no, rifiutarsi di credere alle menzogne, uscire completamente dal sistema marcio e corrotto della sanità gestita dagli stati e dalle organizzazioni internazionali.
Disobbedire, resistere boicottare.
Nei prossimi giorni approfondiremo il nuovo testo.
§§§
Assemblea Oms. Ok a pacchetto emendamenti al Regolamento sanitario internazionale. Entro un anno via a piano pandemico globale
Queste decisioni rappresentano due passi importanti da parte dei paesi, presi in tandem l’ultimo giorno della settantasettesima Assemblea mondiale della sanità, per sfruttare le lezioni apprese da diverse emergenze sanitarie globali, inclusa la pandemia di Covid. Il pacchetto di modifiche ai regolamenti rafforzerà la preparazione, la sorveglianza e le risposte globali alle emergenze sanitarie pubbliche, comprese le pandemie. GLI EMENDAMENTI

L’Assemblea mondiale della sanità ha concordato un pacchetto di emendamenti al Regolamento sanitario internazionale (2005) (IHR) e ha assunto impegni concreti per completare i negoziati su un accordo globale sulla pandemia entro un anno, al massimo. Queste azioni cruciali sono state intraprese per garantire che in tutti i paesi siano messi in atto sistemi completi e solidi per proteggere la salute e la sicurezza di tutte le persone ovunque dal rischio di future epidemie e pandemie.

Queste decisioni rappresentano due passi importanti da parte dei paesi, presi in tandem l’ultimo giorno della settantasettesima Assemblea mondiale della sanità, per sfruttare le lezioni apprese da diverse emergenze sanitarie globali, inclusa la pandemia di Covid. Il pacchetto di modifiche ai regolamenti rafforzerà la preparazione, la sorveglianza e le risposte globali alle emergenze sanitarie pubbliche, comprese le pandemie.

“Le decisioni oggi dimostrano il desiderio comune degli Stati membri di proteggere la propria popolazione e quella mondiale dal rischio condiviso di emergenze sanitarie pubbliche e future pandemie – ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms -. Le modifiche al Regolamento sanitario internazionale rafforzeranno la capacità dei paesi di individuare e rispondere a future epidemie e pandemie rafforzando le proprie capacità nazionali e il coordinamento tra gli altri Stati in materia di sorveglianza delle malattie, condivisione di informazioni e risposta. Ciò si basa sull’impegno per l’equità, sulla consapevolezza che le minacce sanitarie non riconoscono i confini nazionali e che la preparazione è uno sforzo collettivo”.

Tedros ha aggiunto: “La decisione di concludere l’Accordo pandemico entro il prossimo anno dimostra quanto fortemente e urgentemente i paesi lo vogliano, perché la prossima pandemia è una questione di quando, non se. Il rafforzamento odierno dell’RSI fornisce un forte slancio al completamento dell’Accordo pandemico che, una volta finalizzato, potrà aiutare a prevenire il ripetersi della devastazione per la salute, le società e le economie causata dal Covid”.

Le nuove modifiche all’IHR includono:
– introdurre una definizione di emergenza pandemica per innescare una più efficace collaborazione internazionale in risposta ad eventi che rischiano di diventare, o sono diventati, una pandemia. La definizione di emergenza pandemica rappresenta un livello di allarme più elevato che si basa sui meccanismi esistenti dell’IHR, inclusa la determinazione dell’emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale. Secondo la definizione, un’emergenza pandemica è una malattia trasmissibile che ha, o è ad alto rischio di avere, un’ampia diffusione geografica verso e all’interno di più Stati, supera o è ad alto rischio di superare la capacità di risposta dei sistemi sanitari in tali Stati ; provoca, o corre il rischio elevato di causare, sostanziali perturbazioni sociali e/o economiche, comprese perturbazioni del traffico e del commercio internazionale; e richiede un’azione internazionale coordinata rapida, equa e rafforzata, con approcci che coinvolgano l’intero governo e l’intera società;

– un impegno per la solidarietà e l’equità nel rafforzare l’accesso ai prodotti medici e ai finanziamenti. Ciò include l’istituzione di un meccanismo finanziario di coordinamento per supportare l’identificazione e l’accesso ai finanziamenti necessari per “affrontare equamente le esigenze e le priorità dei paesi in via di sviluppo, compreso lo sviluppo, il rafforzamento e il mantenimento delle capacità fondamentali” e altre attività di prevenzione, preparazione e risposta alle emergenze pandemiche. -capacità correlate;

i- stituzione del Comitato degli Stati Parti per facilitare l’effettiva attuazione dei Regolamenti modificati . Il Comitato promuoverà e sosterrà la cooperazione tra gli Stati parti per l’efficace attuazione dell’RSI;

creazione di Autorità nazionali per il RSI per migliorare il coordinamento dell’attuazione dei regolamenti all’interno e tra i paesi.

“L’esperienza delle epidemie e delle pandemie, da Ebola e Zika a Covid e mux, ci ha mostrato dove abbiamo bisogno di migliori meccanismi di sorveglianza, risposta e preparazione della sanità pubblica in tutto il mondo – ha affermato Ashley Bloomfield della Nuova Zelanda, co-presidente del del Gruppo di Lavoro sugli emendamenti all’RSI (WGIHR), e del Gruppo di Redazione che ha guidato le negoziazioni del pacchetto di emendamenti durante l’AMS -. I paesi sapevano cosa doveva essere fatto e noi lo abbiamo fatto. Sono così orgoglioso di far parte di questo”.

Il co-presidente del WGIHR, Abdullah Assiri, del Regno dell’Arabia Saudita, ha aggiunto: “Le modifiche al Regolamento sanitario internazionale rafforzano i meccanismi per la nostra protezione collettiva e la preparazione contro i rischi di epidemia e di emergenza pandemica. La potente dimostrazione di oggi di sostegno globale per normative più severe fornisce anche un grande impulso al processo di negoziazione di un accordo pandemico internazionale tanto necessario”.

Approvato il piano per concludere i negoziati su un accordo pandemico
I paesi hanno concordato di continuare a negoziare l’accordo pandemico proposto per migliorare il coordinamento, la collaborazione e l’equità internazionale per prevenire, prepararsi e rispondere alle future pandemie.

Gli Stati membri dell’Oms hanno deciso di estendere il mandato dell’organismo negoziale intergovernativo, istituito nel dicembre 2021 , per completare il suo lavoro per negoziare un accordo pandemico entro un anno, da parte dell’Assemblea mondiale della sanità nel 2025, o prima, se possibile, in una sessione speciale dell’Oms.

“C’è stato un chiaro consenso tra tutti gli Stati membri sulla necessità di un ulteriore strumento per aiutare il mondo a combattere meglio una pandemia in piena regola”, ha affermato Precious Matsoso del Sud Africa, copresidente dell’organismo di negoziazione intergovernativa per l’accordo pandemico ( INB) e il gruppo di redazione sui punti all’ordine del giorno dell’INB e dell’IHR presso l’AMS.

Il co-presidente dell’INB Roland Driece, dai Paesi Bassi, ha dichiarato: “L’ottimo risultato di oggi nell’approvazione delle modifiche al Regolamento sanitario internazionale fornirà lo slancio di cui abbiamo bisogno per finalizzare l’accordo pandemico. Abbiamo chiaramente la volontà, lo scopo e ora il tempo necessario per completare questo accordo generazionale”.

Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.