Autore Topic: Strade : verso luoghi non comuni. Valutazioni sulla questione maschile.  (Letto 538 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online Paol

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 458
Un'analisi acuta e ben scritta sulla "tenaglia" che affligge l'uomo, compresso fra dovere, usi consolidati e ginocentrismo tradizionale da un lato  e lobby rosa e femminismo più o meno strumentale allo scardinamento della società dall'altro.

 https://www.stradeonline.it/21-numeri/2013/ottobre-2013/60-marco-faraci#

L'ottimo è nemico del bene....ma non c'è limite al peggio

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20288
  • Sesso: Maschio
Re:Strade : verso luoghi non comuni. Valutazioni sulla questione maschile.
« Risposta #1 il: Gennaio 29, 2024, 22:07:14 pm »
Mi perdonino signori ma l'articolo non mi sembra particolarmente perspicace.
E' il consueto discorso della tecnologia (pillola, lavatrice) che ha stravolto il ruolo delle donne ma "ormai non si torna indietro".
Le dinamiche sociali non possono essere definite dalla tecnologia, in particolar modo i ruoli tra i sessi non si possono ridurre alla facoltà di lavorare o alla disponibilità di elettrodomestici. Una donna non può governare al meglio una famiglia, a prescindere dalla sua formazione, e l'inversione dei ruoli quale ne sia la causa provoca tensioni tra i sessi.

"Rendi tutti mezzi uomini e mezze donne, e governerai facilmente su mezze cose"
Lao Tsu
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Paol

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 458
Re:Strade : verso luoghi non comuni. Valutazioni sulla questione maschile.
« Risposta #2 il: Gennaio 30, 2024, 09:00:49 am »
Mi perdonino signori ma l'articolo non mi sembra particolarmente perspicace.
E' il consueto discorso della tecnologia (pillola, lavatrice) che ha stravolto il ruolo delle donne ma "ormai non si torna indietro".
Le dinamiche sociali non possono essere definite dalla tecnologia, in particolar modo i ruoli tra i sessi non si possono ridurre alla facoltà di lavorare o alla disponibilità di elettrodomestici. Una donna non può governare al meglio una famiglia, a prescindere dalla sua formazione, e l'inversione dei ruoli quale ne sia la causa provoca tensioni tra i sessi.

"Rendi tutti mezzi uomini e mezze donne, e governerai facilmente su mezze cose"
Lao Tsu
Non mi sembra che l'articolo dica questo. In sostanza dice che il balzo tecnologico degli ultimi secoli ha potenziato notevolmente quanto era già presente, da sempre, e cioè la ginolatria, aggiungendole il femminismo ( e infatti siamo ora afflitti da entrambi), per giunta ricalcato su temi marxisti di lotta di sociale, tramite la quale le classi, (oppressi e oppressori) vengono identificate in donne e uomini; Sicuramente la tecnologia ha giocato un ruolo importante nella diffusione e nel radicamento del marxismo. Se le donne possono accedere a lavori che prima non potevano svolgere efficacemente, questo consente loro di avere un maggiore potere economico, e ne consegue , fra l'altro il persistente bombardamento femminista dei media, della pubblicità etc. Va anche considerato, che la possibilità di far svolgere alle donne lavori un tempo riservati agli uomini per forza di cose, in tempo di guerra ha consentito di mobilitare un numero maggiore di uomini che hanno poi lasciato vuoti demografici che hanno consentito l'inserimento di donne in spazi maschili. La fecondazione artificiale poi alimenta l'idea della fattibilità di una società senza ( o con pochi) uomini e l'aborto selettivo, qui, almeno, potrebbe produrre, se non lo sta cominciando a fare ora, lo stesso effetto. Che si possa tecnologicamente " tornare indietro" non lo credo possibile, se non transitoriamente e per quanto riguarda aspetti marginali.
L'ottimo è nemico del bene....ma non c'è limite al peggio

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20288
  • Sesso: Maschio
Re:Strade : verso luoghi non comuni. Valutazioni sulla questione maschile.
« Risposta #3 il: Gennaio 30, 2024, 12:44:45 pm »
Omette le campagne per far lavorare le donne e corrompere i loro costumi.
Non è necessario abolire gli elettrodomestici
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9738
  • Sesso: Maschio
Re:Strade : verso luoghi non comuni. Valutazioni sulla questione maschile.
« Risposta #4 il: Febbraio 04, 2024, 17:40:31 pm »
E' un articolo in larga parte condivisibile, scritto, tra l'altro, da uno dei pionieri della QM, cioè Marco Faraci.
https://digilander.libero.it/uomini/index.htm
Citazione
Ultimo Aggiornamento:
23/06/2003

Si potrebbe tornare indietro solo se un asteroide impattasse sulla Terra, oppure se i "geni" che governano il mondo scatenassero una guerra nucleare su larga scala.
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20288
  • Sesso: Maschio
Re:Strade : verso luoghi non comuni. Valutazioni sulla questione maschile.
« Risposta #5 il: Febbraio 04, 2024, 19:02:46 pm »
Ma dove sta scritto che "non si torna indietro"? E le "conquiste del femminismo" sono eterne anche quelle? Il comunismo che era il sol dell'avvenire non è finito?
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.