Autore Topic: Siero, la contaminazione da DNA preoccupa gli scienziati  (Letto 138 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20489
  • Sesso: Maschio
Siero, la contaminazione da DNA preoccupa gli scienziati
« il: Gennaio 11, 2024, 10:46:04 am »
Pubblicazione SCIENTIFICA scritta da MEDICI

Fonte: Come Don Chisciotte

Dr. Joseph Mercola

articles.mercola.com

 

All’inizio di aprile del 2023, il microbiologo Kevin McKernan – ex ricercatore e team leader del progetto Genoma Umano del MIT [1] – ha pubblicato un documento preprint [2] che descrive una forte contaminazione da DNA nelle iniezioni di richiamo bivalenti COVID di Pfizer e Moderna [3,4,5,6]. Come spiegato nell’abstract [7]:

 

“Sono stati utilizzati diversi metodi per valutare la composizione degli acidi nucleici di quattro fiale scadute dei vaccini bivalenti a mRNA di Moderna e Pfizer. Due fiale di ciascun fornitore sono state valutate …

 

Molteplici test dimostrano una contaminazione da DNA che supera il requisito di 330ng/mg dell’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) e i requisiti di 10ng/dose della FDA…”.

 

Il livello più alto di contaminazione da DNA riscontrato è stato del 30%, il che significa che quasi un terzo del contenuto di alcune fiale era costituito da DNA plasmidico, la cui presenza aumenta notevolmente la probabilità di integrazione genomica e di cancro.

 

Ciò significa, in parole povere, che questi vaccini potrebbero alterare il vostro DNA, cosa che i produttori, le autorità sanitarie e i fact checker hanno sempre negato con veemenza e definita “impossibile”. Eppure eccoci qui, davanti ad evidenti fatti scomodi, ancora una volta.

 

Le agenzie regolatorie erano consapevoli del problema

In un articolo di Substack del 20 maggio 2023 [8], McKernan aveva sottolineato che le agenzie regolatorie erano chiaramente a conoscenza del problema sin dall’inizio, dal momento che Pfizer aveva presentato all’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) documenti che dimostravano la presenza nei lotti campionati di un’ampia gamma di DNA a doppio filamento (dsDNA).

Il limite dell’EMA per il dsDNA è di 330 nanogrammi per milligrammo (ng/mg), e i dati di Pfizer mostravano che i lotti campionati presentavano da 1 ng/mg a 815 ng/mg di DNA. Inoltre, tanto per cominciare, secondo McKernan [9], il limite dell’EMA potrebbe essere troppo alto, in quanto “dovrebbero essere applicati limiti più bassi se il DNA è confezionato in nanoparticelle lipidiche pronte per la trasfezione”, come avviene nelle fiale di vaccino.

In un ambiente normativo sano, questo tipo di contaminazione avrebbe comportato un richiamo generale [di tutto il prodotto], considerando i pericoli noti e sospetti dei contaminanti dsDNA. Eppure non è stato fatto nulla al riguardo.

Dopo la pubblicazione dell’articolo di McKernan, altri autori hanno confermato la presenza di contaminanti dsDNA nei vaccini COVID. Per essere chiari, il DNA non dovrebbe essere presente in un prodotto commerciale realizzato secondo le buone pratiche di fabbricazione.

Ovviamente, Pfizer e Moderna non hanno perfezionato il loro processo commerciale o hanno preso scorciatoie che non avrebbero dovuto. Di conseguenza, milioni di persone sono state sottoposte a vaccinazioni COVID inutilmente rischiose.

Confermata la contaminazione da DNA

Il professor Phillip Buckhaults dell’Università della Carolina del Sud ha confermato la presenza di dsDNA nelle fiale dei vaccini COVID. Il 13 settembre 2023, ha testimoniato [10] davanti al Comitato ad hoc per gli Affari Medici del Senato della Carolina del Sud sul Dipartimento della Salute e del Controllo Ambientale (DHEC).

 

Buckhaults è un biologo molecolare e oncologo genetista con una vasta esperienza nel sequenziamento del DNA e inizialmente, si era prefisso di confutare le affermazioni di McKernan. Con grande sorpresa, ha invece replicato i risultati di McKernan.

 

Nella sua testimonianza ha spiegato come questi filamenti contaminanti di DNA possano integrarsi nel genoma e alterare la funzione di altri geni, per un certo periodo o in modo permanente, e possano essere trasmessi alla prole per generazioni.

 

Ha dichiarato ai senatori di essere “allarmato per la presenza nel vaccino di questo DNA”, in quanto “esiste un rischio molto reale” che il dsDNA si integri nel genoma umano e diventi un “elemento permanente della cellula” che può causare problemi autoimmuni e tumori [11].

 

Buckhaults sospetta che alti livelli di contaminanti da DNA possano anche essere la causa di alcuni dei più gravi effetti collaterali dei vaccini, come l’arresto cardiaco letale [12]. Nei due lotti che ha analizzato, ha trovato tra i 5 nanogrammi e i 20 ng di DNA plasmidico – frammenti lunghi da 1 a 200 coppie di basi – per ogni dose da 300 microlitri, e sottolinea che avere una moltitudine di piccoli frammenti è molto più rischioso che avere un unico grande pezzo di DNA [13].

 

Il rischio di integrazione del genoma da parte del dsDNA è noto da decenni [14], quindi chi ha permesso questa contaminazione non può affermare di non sapere che la salute pubblica sarebbe stata messa a rischio.

 

Buckhaults ha sottolineato che è necessario raccogliere e analizzare il DNA di vari tessuti di coloro che hanno ricevuto i vaccini COVID – almeno alcune centinaia di persone – per determinare se l’integrazione genomica è in atto e quali cambiamenti si stanno verificando.

 

Ha anche spiegato come si è verificata la contaminazione del DNA. In sintesi, i prodotti utilizzati durante gli studi clinici e quelli destinati ad uso commerciale non sono stati realizzati nello stesso modo. Nel prodotto commerciale l’RNA modificato è stato ricavato utilizzando una miscela di DNA plasmidico e di E. coli, e il DNA non è stato filtrato correttamente, un chiaro segno di processi di produzione inadeguati.

 

I vaccini COVID possono causare il cancro in diversi modi

 

La presenza di DNA non è l’unico modo in cui i vaccini COVID a mRNA possono causare il cancro. In certe circostanze, l’mRNA si può anche retrotrascrivere nel DNA. Ad esempio, un esperimento in vitro [15,16], pubblicato nel 2022, ha dimostrato che l’RNA modificato contenuto nel vaccino Pfizer ha la capacità di entrare nelle cellule epatiche umane e di retrotrascriversi nel DNA appena sei ore dopo la somministrazione. Come riportato in quello studio, sottoposto a revisione paritaria [17]:

 

“… uno studio recente ha dimostrato che l’RNA del SARS-CoV-2 può essere trascritto inversamente e integrato nel genoma delle cellule umane. In questo studio abbiamo analizzato l’effetto di BNT162b2 sulla linea cellulare epatica umana Huh7 in vitro. Le cellule Huh7 sono state esposte a BNT162b2 e la PCR quantitativa è stata eseguita sull’RNA estratto dalle cellule.

 

Abbiamo rilevato alti livelli di BNT162b2 nelle cellule Huh7 e cambiamenti nell’espressione genica del long interspersed nuclear element-1 (LINE-1), una trascrittasi inversa endogena.

 

L’immunoistochimica con anticorpo che si lega alla proteina RNA-binding LINE-1 open reading frame-1 (ORFp1) su cellule Huh7 trattate con BNT162b2 ha indicato un aumento della distribuzione nel nucleo di LINE-1 …

 

I nostri risultati indicano un rapido assorbimento di BNT162b2 nella linea cellulare epatica umana Huh7, che porta a cambiamenti nell’espressione e nella distribuzione di LINE-1. Abbiamo anche dimostrato che l’mRNA di BNT162b2 viene trascritto intracellularmente in DNA in appena 6 ore dopo l’esposizione a BNT162b2″.

 

L’mRNA del vaccino COVID può entrare nel nucleo cellulare

 

In uno studio del 2022 [18], sia la proteina spike del SARS-CoV-2 che l’mRNA della proteina spike si erano traslocati nel nucleo delle cellule umane infette. Secondo gli autori, “la traslocazione nucleare sia dell’mRNA che della proteina S rivela una nuova caratteristica patogena del SARS-CoV-2”.

 

Se l’mRNA della spike nel virus naturale (e uso questo termine in senso lato, considerando che il SARS-CoV-2 è stato molto probabilmente creato dall’uomo) può entrare nelle cellule umane, l’mRNA dei vaccini COVID potrebbe fare lo stesso? Probabilmente sì.

 

Come osservato da Buckhaults [19], le nanoparticelle lipidiche in cui sono racchiusi l’mRNA e i frammenti di DNA “facilitano l’ingresso del DNA nella cellula – proprio all’interno della membrana cellulare. Ma, una volta nel citoplasma, i frammenti di DNA vanno al nucleo in modo casuale”. Così ha detto alla giornalista investigativa Maryanne Demasi [20]:

 

“Lo facciamo sempre in laboratorio. Prendiamo pezzi di DNA nudo, li mettiamo in lipofectamina, una soluzione che trasporta materiale genetico nelle cellule, e, come per magia, alcuni pezzi si integrano nel DNA cellulare, modificando in modo permanente le cellule”.

 

Lo faccio da quando ero uno studente laureato, quindi so che questo accade. L’unica domanda è: qual è la frequenza con cui questo accade in una popolazione vaccinata? …

 

Con una modifica del genoma in corso, è solo questione di tempo prima che uno di questi frammenti blocchi un gene incaricato della soppressione tumorale e dia inizio al cancro in una singola cellula staminale.

 

Inoltre, sono stati segnalati casi di miocardite. Mi chiedo se sia possibile che questi piccoli frammenti di DNA codifichino in realtà pezzi della proteina spike… Ci sono molte possibilità di lettura in questi pezzi di DNA che codificano per peptidi che non appartengono all’uomo e sono neo-antigeni.

 

La mia preoccupazione è che alcuni di questi pezzi di DNA possano trasformare le cellule staminali a lunga vita, magari nel miocardio, nel pericardio, nel fegato o nei linfonodi… e che ora quel tessuto esprima per un lungo periodo un neo-antigene che potrebbe causare una risposta autoimmunitaria a lungo termine, come la miocardite.

 

Sono queste le due cose che mi vengono subito in mente: una bassa probabilità di tumori nei prossimi cinque anni nelle persone vaccinate o la possibilità di autoimmunità dovuta alla produzione di questi peptidi”.

 

Quindi, l’affermazione che l’mRNA dei vaccini COVID – che è basato ma non è identico all’mRNA della proteina spike trovata nel SARS-CoV-2 – non può entrare nel nucleo delle cellule umane e quindi non può essere integrato nel genoma umano, è semplicemente falsa. La scienza ci dice che l’integrazione del genoma può avvenire in diversi modi.

 

Il vaccino COVID può avere effetti intergenerazionali

 

Un altro studio del 2022 [21] ha rilevato che i topi a cui era stato iniettato l’mRNA del vaccino COVID avevano trasmesso alla prole i tratti immunitari acquisiti, sia buoni che cattivi, il che non solo suggerisce che l’mRNA può entrare nel nucleo della cellula, ma anche che può essere integrato in modo permanente nel DNA cromosomico e avere effetti intergenerazionali. Come riportato in questo studio:

 

“Centinaia di milioni di dosi di vaccino SARS-CoV-2 mRNA-LNP sono già state somministrate agli esseri umani. Tuttavia, manca una comprensione completa degli effetti immunitari di questa piattaforma.

 

Il vaccino SARS-CoV-2 basato su mRNA-LNP [nanoparticelle mRNA-lipidiche] è altamente infiammatorio e la sua componente lipidica ionizzabile e sintetica, responsabile dell’induzione dell’infiammazione, ha una lunga emivita in vivo.

 

Poiché l’infiammazione cronica può portare all’esaurimento immunitario e alla non reattività, abbiamo cercato di determinare gli effetti della pre-esposizione all’mRNA-LNP sulle risposte immunitarie adattative e sull’idoneità immunitaria innata.

 

Abbiamo scoperto che la pre-esposizione all’mRNA-LNP o all’LNP da sola ha portato a un’inibizione a lungo termine della risposta immunitaria adattativa … D’altra parte, riportiamo che dopo la pre-esposizione agli mRNA-LNP, la resistenza dei topi alle infezioni eterologhe con il virus dell’influenza era aumentata, mentre la resistenza alla Candida albicans era diminuita …

 

È interessante notare che i topi pre-esposti alla piattaforma mRNA-LNP possono trasmettere i tratti immunitari acquisiti alla loro prole …

 

In sintesi, la piattaforma vaccinale mRNA-LNP induce cambiamenti immunologici inattesi a lungo termine che influenzano sia le risposte immunitarie adattative sia la protezione eterologa contro le infezioni. Pertanto, i nostri studi evidenziano la necessità di ulteriori ricerche per determinare il reale impatto di questa piattaforma sulla salute umana”.

 

La FDA risponde alle preoccupazioni sulla contaminazione da DNA

 

McKernan ha presentato i suoi risultati alla FDA nel giugno 2023. Dopo che Buckhaults aveva confermato la presenza di dsDNA nel vaccino di Pfizer e Moderna, la Demasi aveva chiesto all’FDA “se avesse avviato un’indagine sulla questione della contaminazione da DNA e se avesse intenzione di rivedere le sue linee guida per l’industria in merito al DNA residuo nei vaccini ” [22] .

 

Aveva anche chiesto se l’agenzia “avesse dato istruzioni a Pfizer e Moderna di condurre ulteriori test per dimostrare l’assenza o la presenza di modifiche del genoma e se avrebbe emesso nuovi avvertimenti al pubblico sui possibili rischi, ora che la contaminazione da DNA nei vaccini è stata stabilita e riprodotta”. Questa è stata la risposta della FDA [23]:

 

“I vaccini COVID-19 a base di mRNA autorizzati o approvati per l’uso negli Stati Uniti non sono definiti come terapia genica. La FDA è fiduciosa nella qualità, nella sicurezza e nell’efficacia di questi vaccini. La valutazione dei benefici e dei rischi e la continua sorveglianza della sicurezza dimostrano che i benefici del loro uso sono superiori ai rischi”.

 

In altre parole, la FDA non ha intrapreso alcuna azione in merito e non ha intenzione di farlo.

 

Nel vaccino bivalente di Pfizer è stato trovato anche un promotore del cancro

 

Oltre ai frammenti di DNA che possono integrarsi più facilmente nel genoma umano e alla possibilità di trascrizione inversa dell’mRNA nel DNA cromosomico, l’équipe di McKernan ha scoperto nelle fiale di vaccino anche i promotori del virus simian 40 (SV40), da tempo sospettati di provocare il cancro nell’uomo [24].

 

Il promotore SV40 è un frammento oncogeno di un virus noto per guidare un’espressione genica altamente aggressiva per il cancro. Insieme a frammenti di DNA, la presenza del promotore SV40 rende il rischio di cancro ancora più alto. Inoltre, secondo McKernan [25], il promotore SV40 è una sequenza utilizzata nella terapia genica per guidare il DNA nel nucleo delle cellule!

 

Visto che questi vaccini non dovrebbero alterare il genoma umano, perché contengono pezzi di DNA e un promotore SV40 che può guidare il DNA nel nucleo?

 

Considerando questi fatti, non è forse ragionevole sospettare che i “turbo-cancri” [26] che gli oncologi di tutto il mondo stanno segnalando possano essere effettivamente un effetto collaterale dei vaccini COVID? “Turbo-cancro” è un nuovo termine inventato per descrivere tumori che crescono a ritmi talmente elevati che spesso i pazienti muoiono prima che sia possibile attuare un piano di trattamento.

 

Dosi ripetute possono favorire il cancro e i problemi autoimmuni

 

Sono quindi tre i modi in cui alcuni vaccini possono contribuire o causare direttamente il cancro. Un quarto modo in cui i vaccini possono scatenare il cancro è semplicemente la ripetizione della somministrazione. Come descritto in un articolo del maggio 2023 sulla rivista Vaccines [27]:

 

“Ad oggi, il 72,3% della popolazione mondiale è stato iniettato almeno una volta con un vaccino COVID-19… Sempre più prove hanno dimostrato che… non producono un’immunità sterilizzante, e questo causa frequenti reinfezioni.

 

Inoltre, recenti indagini hanno rilevato livelli anormalmente elevati di IgG4 in persone a cui sono state somministrate due o più dosi di vaccini a base di mRNA…

 

L’aumento dei livelli di IgG4 rilevato dopo ripetute vaccinazioni con vaccini a base di mRNA… costituisce un meccanismo di tolleranza immunitaria alla proteina spike che potrebbe promuovere l’infezione e la replicazione del SARS-CoV2 sopprimendo le risposte antivirali naturali.

 

L’aumento della sintesi di IgG4 dovuto alla vaccinazione ripetuta con mRNA ad alte concentrazioni di antigene può anche causare malattie autoimmuni e promuovere la crescita del cancro e la miocardite autoimmune in individui suscettibili”.

 

Confermata la contaminazione da promotore SV40

 

Anche Buckhaults ha confermato la presenza del promotore SV40 nel DNA plasmidico, così come Yusuke Murakami, professore dell’Università di Tokyo. In un’intervista, Murakami ha spiegato [28]:

 

“La sequenza del vaccino Pfizer contiene parte della sequenza SV40… Questa sequenza è nota come promotore. In parole povere, il promotore provoca un aumento dell’espressione del gene.

 

Il problema è che la sequenza è presente in un virus notoriamente cancerogeno. La domanda è perché una sequenza derivata da un virus cancerogeno sia presente nel vaccino di Pfizer.

 

Non dovrebbe esserci assolutamente bisogno di una sequenza di un virus cancerogeno nel vaccino. Questa sequenza non è assolutamente necessaria per la produzione del vaccino mRNA. È un problema che tale sequenza sia solidamente presente nel vaccino…

 

Se una sequenza come questa è presente nel DNA, il DNA migra facilmente verso il nucleo. Ciò significa che il DNA può facilmente entrare nel genoma. È un problema allarmante. È essenziale rimuovere la sequenza. Tuttavia, Pfizer ha prodotto il vaccino senza rimuovere la sequenza. Questo è scandalosamente dannoso”.

 

Eccesso di decessi nel 2023

 

 

 

Se la pandemia COVID fosse stata reale, avremmo visto i più alti tassi di mortalità in eccesso nel 2020, quando era in circolazione il ceppo più problematico del virus. Ma non è questo il caso. Invece, i tassi di mortalità in eccesso si sono avuti solo dopo l’introduzione dei vaccini sperimentali COVID e, a distanza di due anni, i tassi sono ancora in aumento.

 

Nel video qui sopra, John Campbell, Ph.D., infermiere educatore in pensione, esamina le ultime statistiche sulla mortalità dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) [29]. Confronta inoltre i dati dell’OCSE con quelli di Our World in Data, e le due serie di dati concordano: nel 2023 i decessi hanno continuato ad essere di gran lunga superiori alla norma e non c’è nessuna pandemia a cui attribuire la colpa.

 

Per il Regno Unito, ci sono stati 36.316 morti in eccesso durante le settimane 1 – 30 (dal 1° gennaio al 30 luglio 202330). Una tendenza significativa è che i decessi nelle case private e in “altri ambienti” sono superiori alla media quinquennale, mentre i decessi negli ospedali e nelle case di cura sono entrambi inferiori alla media [31,32].

 

Che cosa significa? Significa che più persone del normale muoiono inaspettatamente, a casa e in luoghi diversi dall’ospedale. E suggerisce anche che sono le persone più giovani che stanno morendo ad un ritmo più elevato. Il tasso di mortalità in eccesso non è dovuto al fatto che un maggior numero di anziani muore nelle case di riposo.

 

Nelle prime 30 settimane del 2023, negli Stati Uniti ci sono stati 147.828,8 decessi in più rispetto al previsto. Altri dati interessanti rivelano che, in Minnesota, l’eccesso di decessi per problemi ematici era iniziato nel 2020, ma poi era salito alle stelle nel 2022, quasi un raddoppio rispetto al tasso del 2020 [33].

 

Il ceppo originale di Wuhan del SARS-CoV-2 era associato a problemi ematici, ma nel 2022 era mutato in un raffreddore leggero. Tuttavia, nel 2022 avevamo avuto a disposizione i vaccini COVID, anch’essi associati a problemi ematici.

 

Siete vaccinati? Dovete fare qualcosa per salvaguardare la vostra salute

 

Se avete già fatto uno o più vaccini e ora siete preoccupati per la vostra salute, cosa potete fare? Innanzitutto, non fate assolutamente un altro richiamo COVID, un’altra iniezione di terapia genica mRNA o un vaccino normale. Dovete porre fine all’assalto al vostro organismo.

 

Se avete sviluppato sintomi che non avevate prima dell’iniezione, vi incoraggio a cercare l’aiuto di un esperto. Attualmente, la Front Line COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCC) sembra avere uno dei migliori protocolli di trattamento per le lesioni post-vaccinali. Si chiama I-RECOVER e può essere scaricato dal sito covid19criticalcare.com. [34].

 

Il dottor Pierre Kory, cofondatore del FLCCC, ora si occupa quasi esclusivamente di lesioni da vaccino. Per ulteriori informazioni, consultare il sito DrPierreKory.com. Anche il dottor Peter McCullough sta studiando trattamenti post-vaccinali, che si possono trovare su PeterMcCulloughMD.com.

 

Il Consiglio Mondiale della Sanità ha anche pubblicato un elenco di rimedi che possono aiutare a inibire, neutralizzare ed eliminare la proteina spike, che secondo la maggior parte degli esperti è il principale responsabile. Ne ho parlato nel mio articolo del 2021, “Il Consiglio Mondiale della Sanità rivela come disintossicarsi dalle proteine spike“.

 

Dr. Joseph Mercola

 

Riferimenti:

 

1, 5 The Healthcare Channel May 22, 2023

2, 7 OSF Preprints April 10, 2023, Edited April 11, 2023 DOI: 10.31219/osf.io/b9t7m

3, 28 Twitter KanekoaTheGreat May 20, 2023

4, 8, 9 Anandamide (Kevin McKernan) Substack May 20, 2023

6, 11, 12, 16, 25 Spectator Australia September 25, 2023

10 Jessica Rose Substack September 18, 2023

13, 19, 20, 22, 23 Maryanne Demasi September 21, 2023

14 Ann N Y Acad Sci November 27, 1995; 772: 140-151

15, 17 Curr Issues Mol Biol 2022; 44(3): 1115-1126

18 BioRxiv September 27, 2022 DOI: 10.1101/2022.09.27.509633

21 PLOS Pathogens September 2, 2022 DOI: 10.1371/journal.ppat.1010830

24 Expert Rev Respir Med October 2011; 5(5): 683-697

26 Makis MD Substack June 16, 2023

27 Vaccines (Basel) May 2023; 11(5): 991

29 Organization for Economic Co-Operation and Development Excess Deaths by Week, 2020-2023

30 Week Number Calendar 2023

31 ONS.gov.uk Deaths Registered Weekly in England and Wales Week 36

32 ONS.gov.uk Deaths Registered Weekly in England and Wales Week 37

33 Resisting the Intellectual Illiteratti Substack September 19, 2023

34 Covid19criticalcare.com

Fonte: articles.mercola.com

Link: https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2023/10/03/covid-jab-contamination.aspx?cid_source=telegram&cid_medium=social&cid_content=mercola&cid=lead_20210817

03.10.2023

Link al file pdf: covid-jab-contamination-pdf

Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

 

Il Dr. Joseph Mercola è il fondatore di Mercola.com. Medico osteopata, autore di best-seller e pluripremiato nel campo della salute naturale, la sua visione principale è quella di cambiare il paradigma della salute moderna fornendo alle persone una risorsa preziosa per aiutarle a prendere il controllo della propria salute.
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.