Autore Topic: Augurare il male a una donna è sbagliato?  (Letto 899 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco21

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 396
Augurare il male a una donna è sbagliato?
« il: Settembre 25, 2023, 22:53:10 pm »
Mi trovavo a parlare con un amico di questo tema. Lui mi diceva, a proposito della sua ex, che era una traditrice: "non le auguro il male, perchè io le ho voluto bene davvero". Sembra che molte persone abbiano vergogna di augurare, o anche semplicemente di sperare, il male di qualcuno. Si sentono in colpa loro, pur essendo stati delle vittime. Io gli facevo notare, dopo averci riflettuto a lungo, che ho capito che augurare il male a chi ne ha assolutamente bisogno per capire cosa ha fatto, è invece un segno del voler bene davvero! Non è affatto in contraddizione.

Proprio perchè si vuole bene a una persona, ci si rende conto che l'unico modo con cui può capire cosa ha fatto, è che riceva la stessa ingiustizia e disonestà che ha commesso, se non addirittura peggio (dato che essendo lei insensibile, non soffrirebbe la stessa pena che ha arrecato ad altri).

E' l'unica conclusione possibile a cui si giunge, dopo essersi resi conto di aver voluto bene a un mostro. L'affetto continua anche dopo, poichè era sincero. E nessuno può interromperlo. E proprio l'affetto ti porta a pensare, al bene della persona. Che in questo caso, DEVE necessariamente passare attraverso il dolore e la sofferenza, affinchè possa redimersi, come del resto affermano moltissimi filosofi e maestri spirituali della storia.

Del resto, chi non vuole bene a una persona, non le augura nulla. Ma invece le è del tutto indifferente. Il contrario dell'amore, non è l'odio. Ma l'indifferenza.

Così comprendo anche perchè Dio permetta il male nel mondo. Non è in contraddizione con l'amarci, ma anzi, forse ne è la migliore dimostrazione.

Offline Salar de Uyuni

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 2927
  • Sesso: Maschio
  • RUMMELSNUFF
Re:Augurare il male a una donna è sbagliato?
« Risposta #1 il: Settembre 26, 2023, 14:37:45 pm »
Marco
Catullo diceva odi et amo.
Nulla è cambiato.
Il travaglio interiore è di amare E odiare una donna al tempo stesso.
I due sentimenti coesistono.
Da una parte ami e auguri il bene dall'altro odi e auguri il male.
Bisogna accettare la propria umanità e le sue contraddizioni.
Tu ami e odi al tempo stesso, e l'uno non è scindibile dall'altro.
Devi chiamare le cose per quello che sono amore e odio sono i due lati della stessa medaglia due processi che coesistono pur essendo in contrasto.
Il prezzo da pagare?
Il senno.
E' umano.
E' l'indifferenza il mostro.
Comunque è sbagliato pretendere di chiamare ''il bene'', perché nessuno sa qual è il bene.
Noi possiamo volerci bene, ma non dobbiamo pretendere di stabilire il bene di una persona né tantomeno che una cosa o un dolore da darle sono il suo bene.
Il bene e il male lascialo a Dio.
Tu limitati ad amare e odiare che è proprio dell'uomo.
Da quando dio e' morto in occidente,pare aver prestato la sua D maiuscola al nuovo oggetto di culto la ''Donna''

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20489
  • Sesso: Maschio
Re:Augurare il male a una donna è sbagliato?
« Risposta #2 il: Settembre 26, 2023, 15:48:30 pm »
Non dobbiamo abbassarci al livello dei nostri nemici. Augurare il male a qualcuno è, tra le altre cose, una debolezza.
L'odio però fa parte della natura umana e, contrariamente a quel che vuol farci pensare il buonismo imperante,* di per sé non è una cosa cattiva: non si devono odiare gli uomini ma è giusto, anzi necessario detestare il male.
L'effetto è talora esilarante, se ti esprimi con vigore contro l'ingiustizia spunta sempre qualcuno a dire che odi il prossimo, che sei cattivo e anche superbo. Ho l'impressione che chi usa simili argomenti abbia cattiva coscienza

Quanto alle donne non c'è neppure bisogno di augurare il male, sono bravissime a farselo da sole ed è facilissimo prevedere gli esiti delle loro stoltezze

* Lo stesso che ha sostituito (ma non proibito) questa preghiera che si recita dopo la Confessione:
Mio Dio mi pento con tutto il cuore dei miei peccati, li odio e li detesto come offesa alla vostra Maestà infinita, cagione della morte del vostro Divin Figliolo Gesù e mia spirituale rovina. Non voglio più commetterne in avvenire e propongo di fuggire le occasioni. Signore misericordia perdonatemi.
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Marco21

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 396
Re:Augurare il male a una donna è sbagliato?
« Risposta #3 il: Settembre 27, 2023, 00:07:23 am »
Catullo diceva odi et amo.
Nulla è cambiato.
Il travaglio interiore è di amare E odiare una donna al tempo stesso.
I due sentimenti coesistono.
Da una parte ami e auguri il bene dall'altro odi e auguri il male.

Esatto. Ho riflettutto moltissimo su questi sentimenti che provo dentro di me. E ho capito che non c'è nessun contrasto tra di loro. Me lo sono chiesto a lungo, il perchè di questa apparente contraddizione. Come si può sperare il male, per una persona a cui vuoi bene? Ma poi ho capito che non c'è nessuna contraddizione. Se la persona che hai amato, è pazza, disonesta e meschina, è inevitabile rendersi conto che solo attraverso le sofferenze, potrà capire i suoi errori. Solo quando riceverà lo stesso male che ha compiuto. E spesso serve che riceva molto di peggio, perchè essendo insensibile nel cuore, non soffrirebbe affatto, nel ricevere le stesse ingiustizie e disonestà. Questo non è "male", ma è solo verità. E' solo constatazione di ciò che è necessario, nel cammino evolutivo. E' un augurare il male solo in apparenza, ma in realtà è augurare che l'anima si purifichi, e comprenda il male compiuto.
Comprendo quando dici che bisogna lasciare a Dio questo compito. Ma è anche giusto riflettere su queste tematiche, e non mi sento affatto un peccatore, nell'immaginare che solo attraverso il dolore, potranno redimersi e capire di essere state maligne, melliflue, perfide e bugiarde. Lo disse ad esempio anche Jung:

Citazione
Non c'è presa di coscienza, senza sofferenza.

Jung aveva capito che l'animo umano è pieno di autoinganni, e che solo la sofferenza può riuscire a scioglierli.

Offline Marco21

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 396
Re:Augurare il male a una donna è sbagliato?
« Risposta #4 il: Settembre 27, 2023, 00:13:16 am »
Non dobbiamo abbassarci al livello dei nostri nemici. Augurare il male a qualcuno è, tra le altre cose, una debolezza.
L'odio però fa parte della natura umana e, contrariamente a quel che vuol farci pensare il buonismo imperante,* di per sé non è una cosa cattiva: non si devono odiare gli uomini ma è giusto, anzi necessario detestare il male.


Credo di essermi in effetti espresso male. Più che augurare, mi riferivo a sperare, e in particolare a quel sentimento interiore, che ti rende evidente che l'altra persona avrà bisogno di soffrire, per capire cosa ha fatto. E' una specie di odio, o anche un'inevitabile speranza che l'altra persona soffra le stesse pene che ha inflitto ad altri, affinchè CAPISCA. Ecco, in fondo, si riduce tutto a questo, al desiderio che la persona capisca, si evolva, e riconosca ciò che ha fatto. E' un desiderio di giustizia, di VERITA'. In questo senso non è affatto un "sperare il male", ma anzi tutt'altro, è sperare il BENE. Che tuttavia per compiersi, evidentemente ha bisogno del male. Almeno in questo caso.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20489
  • Sesso: Maschio
Re:Augurare il male a una donna è sbagliato?
« Risposta #5 il: Settembre 27, 2023, 02:49:52 am »
Non si deve sperare la sofferenza di una persona ma prevederla non è un male, men che meno sono sbagliate la fame e sete di giustizia.

Le donne hanno una enorme responsabilità nella fine di questo popolo e per la loro stupidità e falsità hanno perso la mia stima da lungo tempo
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Marco21

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 396
Re:Augurare il male a una donna è sbagliato?
« Risposta #6 il: Settembre 28, 2023, 01:02:08 am »
e per la loro stupidità e falsità hanno perso la mia stima da lungo tempo
Già, stupidità e falsità. Direi che sono proprio le loro armi, che usano per intossicare l'uomo. Niente intossica di più della stupidità e della falsità femminile, che lasciano spesso senza parole e sconfortati. Fanno perdere la gioia di vivere. Esattamente come agisce sempre il male. Fa perdere senso.

Ricordo che già alle scuole elementari, dicevo ai miei genitori "le bambine della mia classe, sono tutte stupide". Avevo già capito tutto. Ma non immaginavo neanche lontanamente, che il problema fosse così grave e così serio, come poi ho capito successivamente, a mie spese.

Penso che non sia un caso se sulla Bibbia c'è scritto che fu la donna a lasciarsi tentare dal serpente. Il problema è sempre l'istintività. Finchè non guariranno dall'istintività non c'è speranza. Ed invece le donne se ne vantano pure. Non è l'istinto che ci differenzia dagli animali. Ma la ragione e la logica.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20489
  • Sesso: Maschio
Re:Augurare il male a una donna è sbagliato?
« Risposta #7 il: Settembre 28, 2023, 02:44:37 am »
Fanno perdere la gioia di vivere.
Esatto sono come i vampiri, starne lontani è questione di sopravvivenza
Citazione
sono tutte stupide
Tanti lo pensano, una ragione dev'esserci

Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.