Autore Topic: Il calo delle nascite negli Usa porterà a una crisi del femminismo?  (Letto 724 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Sardus_Pater

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 2821
  • Sesso: Maschio
https://econofact.org/the-mystery-of-the-declining-u-s-birth-rate

Citazione
A temporary decline in annual birth rates does not necessarily portend social and economic challenges. However, the decline in annual birth rates in the U.S. has been ongoing for many years and as shown above, corresponds to a decline in the number of children a woman has over her lifetime, on average. This trend predicts a persistently lower fertility rate in the U.S., which, absent increased immigration, would lead to a smaller workforce and an older population. In general, a smaller workforce and an aging population would have negative implications for economic productivity and per capita income growth. In addition, the combination of a smaller workforce and an aging population puts fiscal pressure on social insurance programs, like Social Security, that rely on tax payments from current workers to pay the benefits of current retirees. Some observers point to the idea that, all else equal, a shrinking population will reduce humans’ carbon footprint, and hence have positive environmental effects. We are not aware of any evidence, though, that population declines corresponding to the size of the drop in U.S. fertility would have a meaningful effect on climate outcomes.

https://www.cbsnews.com/news/u-s-birth-rate-decline-national-center-for-health-statistics-report/

Questi due interessanti articoli, pur attenti nei contenuti a non intaccare le convenzioni del politicamente corretto (ad esempio quando nel secondo un'esperta sostiene che il trend di fare figli più tardi può avere aspetti positivi), insieme a tanti altri che non linko, mostrano che negli Usa sta crescendo la preoccupazione per il calo delle nascite. Per ora è un fenomeno meno preoccupante che in altri paesi, ma alcuni giornalisti tra le righe lasciano intendere che qualcuno sta cominciando a cagarsi sotto.
La patria mondiale del femminismo è anche quella del capitalismo. Il capitalismo tende a preservare sé stesso e a fare lobby sullo stato per leggi ad hoc. Il modello consolidato dagli anni Settanta di spingere le donne avanti perché sono le migliori acquirenti sta mostrando i suoi effetti collaterali. Secondo voi quanto tempo il capitale starà a guardare prima del collasso? La Disney perde milioni e licenzia i dipendenti, così come altre aziende. Basterà un crollo per far ripensare ai CEO delle corporates la loro politica socioeconomica? E basterà il continuo calo delle nascite per far riconsiderare il ruolo dei diritti civili? Vedremo. Se non son pazzi del tutto dovranno prendere contromisure. Poco inclusive.
Il femminismo è l'oppio delle donne.

Online Paol

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 500
Re:Il calo delle nascite negli Usa porterà a una crisi del femminismo?
« Risposta #1 il: Giugno 11, 2023, 18:48:15 pm »
Certo che se gli Americani e di conseguenza il mondo devono riporre la loro speranza per contrastare genderismo e femminismo nelle multinazionali o meglio, in alcune, siamo messi abbastanza male.
L'ottimo è nemico del bene....ma non c'è limite al peggio

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20475
  • Sesso: Maschio
Re:Il calo delle nascite negli Usa porterà a una crisi del femminismo?
« Risposta #2 il: Giugno 11, 2023, 22:52:45 pm »
https://econofact.org/the-mystery-of-the-declining-u-s-birth-rate

https://www.cbsnews.com/news/u-s-birth-rate-decline-national-center-for-health-statistics-report/

Questi due interessanti articoli, pur attenti nei contenuti a non intaccare le convenzioni del politicamente corretto (ad esempio quando nel secondo un'esperta sostiene che il trend di fare figli più tardi può avere aspetti positivi), insieme a tanti altri che non linko, mostrano che negli Usa sta crescendo la preoccupazione per il calo delle nascite. Per ora è un fenomeno meno preoccupante che in altri paesi, ma alcuni giornalisti tra le righe lasciano intendere che qualcuno sta cominciando a cagarsi sotto.
La patria mondiale del femminismo è anche quella del capitalismo. Il capitalismo tende a preservare sé stesso e a fare lobby sullo stato per leggi ad hoc. Il modello consolidato dagli anni Settanta di spingere le donne avanti perché sono le migliori acquirenti sta mostrando i suoi effetti collaterali. Secondo voi quanto tempo il capitale starà a guardare prima del collasso? La Disney perde milioni e licenzia i dipendenti, così come altre aziende. Basterà un crollo per far ripensare ai CEO delle corporates la loro politica socioeconomica? E basterà il continuo calo delle nascite per far riconsiderare il ruolo dei diritti civili? Vedremo. Se non son pazzi del tutto dovranno prendere contromisure. Poco inclusive.
Se volessero davvero incrementare le nascite cambierebbero tutto subito. Le cose torneranno normali, ma solo dopo una crisi mondiale o una guerra che cambierà radicalmente la società, riportando l'Europa al Medioevo (in senso anche positivo ma non solo), balcanizzando gli USA e molto probabilmente la Cina. Fantascienza? Basta attendere un poco
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Sardus_Pater

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 2821
  • Sesso: Maschio
Re:Il calo delle nascite negli Usa porterà a una crisi del femminismo?
« Risposta #3 il: Giugno 12, 2023, 03:25:44 am »
Certo che se gli Americani e di conseguenza il mondo devono riporre la loro speranza per contrastare genderismo e femminismo nelle multinazionali o meglio, in alcune, siamo messi abbastanza male.

Beh

a) femminismo, genderismo e immigrazionismo sono spinti, in tutto o in parte, dal grande capitale
b) il capitalismo fa e disfa da sempre: a inizio Novecento mise alle corde il nascente mercato delle auto elettriche e a vapore, ora lo spinge essenzialmente perché le riserve di petrolio si stanno esaurendo e i giovani attivisti ecologisti di ieri hanno scoperto il soldo e sono diventati forza trainante sostitutiva con le nuove tecnologie rinnovabili, altro che sensibilizzazione dell'industria dell'auto ai cambiamenti climatici.
« Ultima modifica: Giugno 12, 2023, 03:44:01 am da Vicus »
Il femminismo è l'oppio delle donne.

Online Ryu

  • Affezionato
  • **
  • Post: 900
  • Sesso: Maschio
Re:Il calo delle nascite negli Usa porterà a una crisi del femminismo?
« Risposta #4 il: Giugno 12, 2023, 08:27:30 am »
La figa è sempre stata antifragile, per cui no.

In tempi remoti arrivava una tribù più forte? E cosa vuoi che sia? Se vinciamo noi è la riprova che i nostri uomini sono più forti, se vince l'invasore e ammazza tutti gli uomini, ci riproduciamo col nemico. Ovviamente, a parte di casi patologici, tutto ciò avviene inconsciamente.

Per cui se calano le nascite, arrivano i beduini tagliagole sul cammello, cmq le femministe si trasformeranno da cicciabombe coi capelli rosa a donne femminili e finte sottomesse. Poi appena si apre uno spiraglio, ricominciano. Come le donne in Arabia Saudita per esempio.
Odio il femminismo perché amo le donne

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 6675
Re:Il calo delle nascite negli Usa porterà a una crisi del femminismo?
« Risposta #5 il: Giugno 12, 2023, 11:27:27 am »
La figa è sempre stata antifragile, per cui no.

In tempi remoti arrivava una tribù più forte? E cosa vuoi che sia? Se vinciamo noi è la riprova che i nostri uomini sono più forti, se vince l'invasore e ammazza tutti gli uomini, ci riproduciamo col nemico. Ovviamente, a parte di casi patologici, tutto ciò avviene inconsciamente.

Per cui se calano le nascite, arrivano i beduini tagliagole sul cammello, cmq le femministe si trasformeranno da cicciabombe coi capelli rosa a donne femminili e finte sottomesse. Poi appena si apre uno spiraglio, ricominciano. Come le donne in Arabia Saudita per esempio.

Ed è per questo che la sorella di un Orazio si è innamorata di un Curiazio: vince Albalogna? E che vuoi che sia: mi farò trombare da un Curiazio. Sempre per questo Onoria si innamorò di Attila: distruggerà l'impero romano? E chi se frega: io mi salvo. E sposo Attila e mi sottraggo alla vita noiosa che sto vivendo. E sempre per questo la duchessa longobarda del Friuli Romilda si innamorò del Khan degli Avari che stavano assediando Cividale: gli consegnò la città. Chi se ne frega del destino del popolo longobardo. Io mi salvo e sposo il vittorioso Khan. Fecero tutte e tre una brutta fine: la cialtroneria e la furberia femminile sono vincenti in tempo di pace. Ma in tempo di guerra non sono tollerate: sono severamente e atrocemente punite. Sarebbe giusto farlo pure in tempo di pace. Ma è chiedere troppo.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20475
  • Sesso: Maschio
Re:Il calo delle nascite negli Usa porterà a una crisi del femminismo?
« Risposta #6 il: Giugno 12, 2023, 12:38:26 pm »
Sarà perché in tempo di guerra non comandano le donne?
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Paol

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 500
Re:Il calo delle nascite negli Usa porterà a una crisi del femminismo?
« Risposta #7 il: Giugno 12, 2023, 14:38:18 pm »
Qui di seguito il link ad un articolo di un blog che illustra come il cinema horror, da molto  tempo e anche recentemente letteralmente demonizza la maternità, la procreazione etc.

https://www.totalitarismo.blog/clock-la-maternita-e-lunico-vero-orrore/


L'ottimo è nemico del bene....ma non c'è limite al peggio

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20475
  • Sesso: Maschio
Re:Il calo delle nascite negli Usa porterà a una crisi del femminismo?
« Risposta #8 il: Giugno 12, 2023, 15:35:16 pm »
La paternità l'hanno già smantellata. Pasolini aveva previsto tutto, la violenza sulle coscienze sarebbe sfociata in violenza sui corpi: non gli basta distruggere intere civiltà, ora tolgono persino l'identità sessuale e la facoltà di procreare, che non è solo "riprodursi" ma alla base di legami che rendono umana l'esistenza
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.