Autore Topic: Adesso si Può Dire che Covid 19 Viene da Wuhan? O Ancora No?  (Letto 221 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20430
  • Sesso: Maschio

Da Stilum Curiae:
Offriamo alla vostra attenzione, nella nostra traduzione, questo articolo pubblicato da The Exposé, che ringraziamo per la cortesia. Buona lettura e diffusione.

§§§
I media mainstream sono stati improvvisamente inondati dalla “teoria della fuga di notizie dal laboratorio”. Da alcuni anni esistono prove schiaccianti del fatto che Covid sia stato prodotto in laboratorio con il metodo del gain-of-function, a causa della sua struttura genetica molto insolita. Sia che si pensi che il covid sia la minaccia principale o che lo sia il vaccino, entrambi provengono da un laboratorio biotecnologico che effettua esperimenti genetici. Tuttavia, Internet e i media sono pieni di accuse disinformate di parzialità e irrilevanza. Come ultima risorsa, alcuni sostengono che l’origine del covide sia irrilevante. A questo punto, è chiaro che la discussione si è spostata dalla scienza al regno della fedeltà politica e delle opinioni non qualificate curate da esperti di pubbliche relazioni che lavorano per aziende gigantesche e interessi governativi un po’ loschi. È bene essere consapevoli dei tentativi infingardi di santificare la triste storia delle origini e della risposta alla pandemia. Ma dobbiamo anche essere consapevoli che il prossimo virus busserà alla nostra porta, alimentato dalla paura sponsorizzata dallo Stato e dai rischi di una sperimentazione biotecnologica incontrollata.

Un nuovo inizio o una fine improvvisa?  Dr. Guy Hatchard

Avrete probabilmente assistito a una nuova discussione sull’origine del covid nei media. Come riportato dal Wall Street Journal, il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (“DoE”) si è schierato decisamente dalla parte dell’origine in laboratorio del covid-19, proveniente dall’Istituto di Virologia di Wuhan in Cina. Parlando a Fox News, l’ex direttore della National Intelligence statunitense John Ratcliffe ha commentato: “L’idea che il covid-19 abbia un’origine naturale è sempre stata in contrasto con la nostra intelligence… è dovuta a una fuga di notizie dal laboratorio. Fin dall’inizio, gli scienziati non sono stati in grado di spiegare il motivo della presenza di un sito di scissione della furina all’interno del patrimonio genetico di covid-19… È qualcosa che accade quando gli scienziati inseriscono un frammento di materiale manipolato nei virus.

“Il commentatore britannico Piers Morgan ha risposto in modo rassicurante: “Penso che la verità sia che la scienza, per sua natura, si evolverà con i fatti. E quindi bisogna dare loro alcuni margini di manovra… Quindi, penso che in futuro dovremo esaminare la scienza. Bisogna ascoltare tutte le diverse opinioni e le persone devono smettere di essere cancellate dai social media per aver sollevato preoccupazioni che ora sembrano essere assolutamente giuste”. Il popolare commentatore statunitense di Fox News Tucker Carlson si è spinto oltre in un’escoriazione di venti minuti della politica di coviding dell’amministrazione Biden. Carlson voleva sapere: la politica dell’amministrazione di finanziare la ricerca biotecnologica in Cina è cambiata? (Guarda Carlson QUI, inizia a 3 minuti).

Alcuni, come il conduttore di talk show notturni Stephen Colbert, hanno accusato erroneamente il DoE di non avere le qualifiche sufficienti per decidere sulla teoria della fuga di notizie dal laboratorio, dicendo “restate nella vostra corsia” (Colbert è anche solo vagamente qualificato?). In realtà, come riporta l’autorevole Washington Post, il DoE ha impiegato scienziati altamente qualificati e competenti – tra cui membri della Divisione Z del Dipartimento dell’Energia, che fin dagli anni ’60 è stata coinvolta in indagini segrete sulle minacce di armi nucleari, chimiche e biologiche da parte degli avversari degli Stati Uniti, tra cui Cina e Russia – che hanno intrapreso una dettagliata valutazione scientifica delle prove genetiche e hanno utilizzato l’accesso a informazioni classificate. Hanno seguito il tipo di processo di scoperta e di pensiero critico a cui accenna il biologo matematico Alex Washburne QUI e QUI.

Dopo che il polverone della disinformazione si è diradato, la conclusione del DoE che c’è stata una fuga di notizie dal laboratorio era inevitabile. Potreste pensare, come abbiamo fatto noi del Rapporto Hatchard da quando è stata completata la prima analisi genetica di covid (vedi QUI e QUI), che l’argomento sia chiuso, ma sareste sorpresi. Internet e i media sono pieni di accuse disinformate di parzialità e irrilevanza da parte del DoE. Stupidamente descrivono il DoE come un piagnisteo. A questo punto, è chiaro che la discussione si è allontanata dalla scienza e si è spostata nel regno della fedeltà politica e delle opinioni non qualificate curate da esperti di pubbliche relazioni che lavorano per aziende gigantesche e interessi governativi alquanto loschi.

Era compito del Federal Bureau of Investigation (“FBI”) indagare sul modo in cui la verità è stata manipolata e ieri si è schierato fermamente e pubblicamente dalla parte della teoria della fuga di notizie dal laboratorio (non è una teoria, ci sono prove schiaccianti).

All’inizio del 2021, un amico genetista altamente qualificato mi scrisse che lui e molti dei suoi colleghi erano sicuri che il covid fosse stato creato in laboratorio a causa della sua struttura genetica altamente insolita, ma aggiunse una postilla: per favore non fare il mio nome. Questo accadeva in tutto il mondo in forme diverse.

Tra le prove schiaccianti che l’FBI ha portato alla luce, Kristian Andersen, uno scienziato britannico, ha inviato un’e-mail ad Anthony Fauci il 31 gennaio 2020, affermando che il virus sembra creato in laboratorio. Secondo questa autorevole fonte, Fauci lo chiamò il 1° febbraio 2020 e gli ordinò di dire pubblicamente che non era stato creato in laboratorio, cosa che fece.

Fauci gli ha poi concesso una sovvenzione di 1,88 milioni di dollari, + 16,5 milioni di dollari di finanziamenti. I funzionari statunitensi stavano manipolando le informazioni su scala globale, decidete voi se questo è legale o morale.

Secondo il New York Post, il Dr. Fauci sta mantenendo il massimo riserbo in questa fase dopo le rivelazioni del DoE e dell’FBI.Tutte queste informazioni sono di dominio pubblico, ma nonostante ciò, la BBC ha pubblicato due articoli sprezzanti in prima pagina giovedì. Uno riguardava l’annuncio dell’FBI, ma diceva che la conclusione dell’FBI non era supportata da alcuna prova (????). L’altro era un articolo esplicativo intitolato “Covid origin: Perché la teoria della fuga dal laboratorio di Wuhan è così contestata“. Non si poteva immaginare un tentativo più palese di confondere le acque della verità. L’articolo ha dimenticato (???) di discutere le prove genetiche che indicano chiaramente la presenza di inserti geneticamente modificati nel genoma del virus. Ma potreste chiedervi: perché qualcuno nel governo o nella scienza dovrebbe cercare di nascondere la verità al pubblico? Buona domanda. La risposta potrebbe risiedere nella torbida storia del coinvolgimento militare nella genetica e nella pandemia. Potreste ricordare le teorie cospiratorie che circolano fin dalla scoperta del DNA e dell’editing genetico nel XX secolo. Secondo queste idee, le potenze militari avrebbero inventato armi in grado di colpire gruppi etnici specifici e vincere le guerre perché i loro avversari, geneticamente diversi, sarebbero caduti tutti morti, uccisi da un virus creato dall’uomo.

In realtà, tutti gli esseri umani condividono una tale quantità di DNA che qualsiasi arma genetica avrà effetti negativi su tutti, compresi voi e me. Ricordate che i pianificatori militari non sono genetisti, ma come quasi tutti gli altri abitanti del pianeta, sono molto suscettibili alle fantasie genetiche. Hanno creduto, a torto, che tutto potesse essere possibile per la scienza genetica. Che le loro motivazioni fossero offensive o difensive era irrilevante. Per contrastare qualsiasi potenziale arma offensiva della controparte, dovevano prima creare possibili armi offensive, prima di cercare di progettare una controparte difensiva. Vi suona familiare? – Il problema che ora conosciamo è che, come riportato in QUESTO studio, nessun laboratorio sarà mai sicuro. La storia dei laboratori biotecnologici di DNA ricombinante contiene una lunga lista di perdite e incidenti non voluti. Il risultato è stato una pandemia il cui esito finale rimane ancora sconosciuto. I militari, i governi, le aziende farmaceutiche e gli scienziati di diversi Paesi sono molto impegnati nel tentativo di nascondere il loro coinvolgimento, dicendoci che si tratta solo di un disastro naturale. Si tratta di un gigantesco insabbiamento geopolitico. Gli Stati Uniti, la Cina, la Gran Bretagna e la Francia, tutti coinvolti nella creazione e nel finanziamento del Laboratorio di virologia di Wuhan, stanno pagando per ottenere commenti favorevoli dai loro media e da chiunque sia abbastanza corrotto da fare da intermediario per loro.Come ultima risorsa, alcuni sostengono che l’origine di covid è irrilevante, ma non lo è. L’origine del laboratorio di covid dovrebbe unirci tutti. Che si pensi che il covid sia la minaccia principale o che lo sia il vaccino, entrambi provengono da un laboratorio biotecnologico che effettua esperimenti genetici. Possiamo tranquillamente dimenticare le argomentazioni geopolitiche che spiegano di chi sia la colpa: Le ricerche dimostrano che gli interventi biotecnologici sono intrinsecamente mutageni, hanno portato a un degrado permanente delle funzioni genetiche e di conseguenza della salute, come dimostra questa allarmante valutazione recente del vaccino bivalente di Pfizer e Moderna – lo stesso vaccino che il nostro governo ha annunciato di voler somministrare a tutti gli over 30 in Nuova Zelanda.

Non pensate quindi che prendendo l’ultimo vaccino stiate aiutando la società. I vaccini a mRNA rappresentano un pericolo per tutti nel mondo, per tutte le culture, per tutte le razze, per i religiosi o gli agnostici, per la destra o la sinistra. Condividiamo il DNA e abbiamo un interesse comune a proteggerci da scienziati, media e governi che antepongono gli interessi finanziari e gli obiettivi politici alla sicurezza di tutti gli 8 miliardi di abitanti del mondo. Non c’è da preoccuparsi, però: il nostro NZ Herald ci informa che il rapporto del DoE sulle origini dei vaccini è inaffidabile e si sta rivelando solo uno stimolo per alimentare teorie cospirative (???). In altre parole, mettete il governo degli Stati Uniti nella gabbia dei matti insieme a tutti quegli scienziati che invitano alla cautela con le biotecnologie. Non c’è da preoccuparsi in Nuova Zelanda, dimenticate i livelli record di morti in eccesso, lesioni renali acute e malattie cardiache. È bene che ci si svegli dai tentativi insinceri di santificare la triste storia delle origini e della risposta alla pandemia. La vera storia viene gradualmente scritta dopo un’accurata ricerca da parte di persone oneste.

Potreste trovare tutto questo piuttosto inquietante. La mancanza di una discussione onesta da parte di coloro che abbiamo eletto o di cui ci fidiamo è sconcertante e kafkiana e porta, come ha detto John Williams, “a traumi tipicamente moderni: l’alienazione esistenziale, l’isolamento e l’insicurezza, il labirinto della burocrazia statale, l’abuso corrotto del potere totalitario [compresa la manipolazione dei media], l’impenetrabile groviglio dei sistemi legali e infine il bussare alla porta nel cuore della notte”. Nel nostro caso, è il bussare del prossimo virus alla nostra porta, che attendiamo con timore alimentato dalla paura sponsorizzata dallo Stato e dai rischi di una sperimentazione biotecnologica incontrollata. Non siamo senza potere. Dalle mie ricerche, anche prima della pandemia, ero già giunto all’opinione che la nostra esatta composizione genetica è intimamente legata alla salute e alla coscienza dell’individuo e della società. Gli individui sono collegati tra loro nelle famiglie, nelle città, nelle nazioni e nel mondo intero attraverso le nostre somiglianze genetiche che creano legami biologici e interdipendenze. Siamo parte di un sistema biologico mondiale che contiene strutture genetiche individuali distinte che risuonano e si accoppiano con altre strutture genetiche in base alla loro somiglianza. Questa è la base fisica della società – una rete genetica. Inoltre, ogni struttura genetica individuale distinta è accoppiata e sostiene una forma di consapevolezza o coscienza. DNA e coscienza sono due facce di una stessa medaglia. Le reti genetiche sono abbinate a livelli di coscienza collettiva: coscienza familiare, coscienza cittadina, coscienza nazionale e coscienza mondiale. Modificando il DNA, o il modo in cui il DNA si esprime, come fanno i vaccini a base di mRNA, si danneggiano potenzialmente le capacità più sofisticate dell’individuo: la nostra capacità di funzione fisiologica stabile (salute, persino vita), l’auto-riflessione e l’organizzazione della società. L’esito della pandemia è servito solo a sottolineare la verità di questo fatto, guardando intorno a noi la disorganizzazione, il disaccordo e il disordine prevalenti.La nostra risposta al Rapporto Hatchard è semplice. Affinché la conoscenza sia affidabile, si possono e si devono applicare tre elementi di verifica: l’esperienza personale (prove di buon senso dei sensi e degli eventi), il rigore scientifico (è razionale e supportata da esperimenti?), l’uso tradizionale (ha superato la prova del tempo?). Questa è la nostra formula in questi tempi incerti: comportarsi con gentilezza e dire la verità. Il cibo, in tutte le sue forme, deve essere naturale. (Il giardino della natura è la nostra dispensa, non adulterata da sostanze sintetiche, fresca e minimamente elaborata).Preferite che la vostra esperienza sia ciò che desiderate diventare. Dov’è il tempo per l’indesiderato? Prendetevi il tempo per godere.

 

La cultura antica dava valore alla trascendenza. I periodi di profondo silenzio interiore sono alla base della felicità. Le tecniche di meditazione e riflessione hanno resistito alla prova del tempo. Quest’ultima è la più dimenticata nella vita moderna: se vogliamo che qualcosa riesca a inaugurare un mondo migliore, deve provenire dallo stato più stabile, integrato e unificato della nostra coscienza. Come abbiamo discusso a lungo in altri articoli, il livello unificato dell’intelligenza della natura guida l’intero mondo naturale. Questo può essere apprezzato in un percorso di sviluppo personale e di espansione della coscienza. In questo momento persone come Stephen Colbert e milioni di altri si affrettano a trarre conclusioni, perché non si prendono il tempo di pensare alle implicazioni? Come disse Rudyard Kipling nel suo famoso “Consiglio di un padre a suo figlio”: “Se riesci a mantenere la tua testa quando tutti intorno a te stanno perdendo la loro e ne danno la colpa a te, se riesci a fidarti di te stesso quando tutti gli uomini dubitano di te, ma fai in modo che anche loro dubitino…. “Stiamo attraversando uno sconvolgimento sociale senza precedenti. Sembra sempre più che sia opera dell’uomo. Il ripetuto mantra politico “fidati della scienza” si è rivelato una mera demagogia politica, priva di reali contenuti scientifici. È necessario mantenere la calma, analizzare attentamente le prove e applicare la cautela. Le prove sono state raccolte: sappiamo con certezza che i vaccini covid e covid provengono da laboratori il cui funzionamento è intrinsecamente pericoloso. Hanno già ucciso milioni di persone e vogliono avere carta bianca per fare tutto ciò che desiderano. È ora di dire basta. Per maggiori informazioni visitate il sito https://GLOBE.GLOBAL
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.