Autore Topic: Von der Leyen: «Strategia UE sulla Salute globale»  (Letto 263 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18439
  • Sesso: Maschio
Von der Leyen: «Strategia UE sulla Salute globale»
« il: Novembre 21, 2022, 00:26:03 am »
(ANSA) – BRUXELLES, 24 OTT – La Commissione europea presenterà la sua strategia per la salute globale il prossimo mese. Lo annuncia la presidente Ursula von der Leyen nel suo discorso di apertura al ‘Grand Challenges Annual Meeting’ organizzato dalla Bill & Melinda Gates Foundation. “Siamo tutti impegnati per l’equità e la salute globale. Siamo sulla strada giusta, ma abbiamo ancora molta strada da fare”, ha evidenziato.

Come vedete ormai non si nascondono più: la UE di Ursula aderisce apertamente, in un pubblico consesso, al programma di vaccinazione totalitaria di Bill Gates, che è a sua volta il finanziatore unico – quindi il padrone – dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che dichiarerà la prossima pandemia e le direttive obbligatorie a cui i paesi devono attenersi. Vedremo se a questo scopo verrà utilizzato la variante di virus artificialmente creata dall’Università di Boston, con un tasso di letalità sulle cavie dell’80 per cento. Anche qui ormai tutto è alla luce del sole: un tempo i “guadagni di funzione” sui virus (per aumentarne la letalità o la contagiosità) erano vietati negli Stati Uniti, e avevano dovuto fare queste manipolazioni sui virus a Wuhan o in Ucraina nei laboratori segreti che i russi hanno scoperto.

Ciò significa che l’Impostura Pandemica continuerà: essa mira sia allo spopolamento sia al Green Pass universale, obbligatorio e totalitario come strumento della identità digitale, dove al ministero delle Finanze sarà visibile il nostro reddito, i nostri risparmi e i nostri conti correnti insieme al nostro “stato di salute” ossia la nostra obbedienza alle vaccinazioni periodiche, e alla nostra virtù climatica, ossia quando i nostri consumi personali contribuiscono ad aumentare il malvagio CO2: abbiamo mangiato carne di bue anziché insetti? Usiamo o no un’auto elettrica? e via inquisendo, accusando e colpevolizzando.

Avrete già visto la pubblicità con l’impronta di piede gigante: è la “vostra” impronta CO2”, vi colpevolizza lo slogan della EON.

Questa è la “strategia per la salute globale che la Kommissione UE presenterà dal prossimo mese. Come agirà il nuovo ministro della Salute del governo “di destra” scelto a quanto si dice da Mattarella? Si accettano scommesse.

Solo un appunto al Manifesto che esprime impunemente il suo odio verso questo governo, perché la Sinistra può

https://twitter.com/durezzadelviver/status/1584500286273396736

Il titolo va benissimo, solo la foto è sbagliata: dovevano apparire i commissari europei.

Qui sotto il discorso integrale della Von der Leyen alla riunione annuale della Bill & Melinda Gates Foundation:

Caro Bill Gates,

distinti ospiti,

È così bello rivederti Bill, perché l’ultima volta che ci siamo incontrati è stato solo un mese fa a New York all’evento Global Goalkeepers. Sono stato molto commosso dal riconoscimento da parte della vostra fondazione della leadership europea in materia di salute globale e lotta contro il COVID-19. Il premio è davvero collettivo. Appartiene a tutti gli europei che hanno mostrato tanta dedizione durante la pandemia, dai lavoratori in prima linea nei nostri ospedali e servizi essenziali, agli scienziati che hanno sviluppato i vaccini salvavita.

Oggi, siamo raggiunti da molti di voi qui, da tutto il mondo, che si impegnano per la salute e l’equità globali. Quindi vorrei sfruttare questa occasione per riflettere sull’esperienza della pandemia, non da un punto di vista medico ma dal punto di vista di un decisore politico. E vorrei dare una valutazione sobria di ciò che penso sia andato bene e di dove dobbiamo fare meglio in futuro. Ho sei lezioni che abbiamo preso.

La prima lezione, non a caso, è la massima importanza della solidarietà e della cooperazione. Cominciamo con l’esperienza europea. Quando il virus COVID-19 è approdato in Europa, all’inizio le cose sono diventate davvero difficili. Alcuni Stati membri hanno scelto di chiudere le frontiere per materiali e attrezzature salvavita. C’era una dura concorrenza per dispositivi di protezione, ventilatori e altre forniture mediche tra i diversi Stati membri. Il nazionalismo vaccinale è diventato la norma in tutto il mondo. Posso dirtelo: noi europei abbiamo avuto le nostre discussioni pubbliche dure e dolorose. Ma a un certo punto, l’Unione Europea ha deciso di intraprendere una strada diversa, quella della solidarietà e dell’apertura. Abbiamo convinto gli Stati membri a non chiudere le frontiere ma a condividere attrezzature e personale. Abbiamo deciso di acquistare i vaccini insieme e di non competere tra di noi. Abbiamo iniziato la campagna di vaccinazione esattamente lo stesso giorno in tutti i nostri 27 Stati membri – sì, abbiamo iniziato con numeri bassi, e questo è stato pesantemente criticato, ma abbiamo avuto un’equa distribuzione. Indipendentemente dal fatto che tu sia uno Stato membro più grande o piccolo, ricco o meno ricco. Abbiamo deciso di non chiudere i nostri confini per le esportazioni di vaccini ma di introdurre un meccanismo di trasparenza. E a questo punto, molte, molte grazie a lei Presidente del Consiglio, caro Alexander De Croo. Hai insistito per rimanere aperto alle esportazioni perché sapevi quanto sia importante per la fiducia dell’industria farmaceutica, a seconda di dove si trovano. Oggi, oltre l’80% della popolazione adulta dell’Unione Europea è completamente vaccinata. Allo stesso tempo, abbiamo esportato i due terzi dei vaccini prodotti in Europa nel resto del mondo.

La mia seconda lezione: la scienza non esiste nel vuoto. Credo che non sia stato un caso che i vaccini più sicuri ed efficaci siano stati sviluppati e diffusi rapidamente nelle società aperte. La scienza dipende dalla cooperazione, dall’educazione, dalla tutela dei diritti di proprietà intellettuale, ovviamente da una corretta condivisione dei dati. Ma dipende anche dalla mobilità individuale, ad esempio, dalla libertà di movimento e, naturalmente, dal contesto normativo e dalla traduzione dei risultati in prodotti, servizi e politiche. Tutti questi fattori consentono agli scienziati di svolgere al meglio il proprio lavoro e consentono alla società di trarne i frutti. I miei colleghi ed io abbiamo beneficiato enormemente della saggezza collettiva della consulenza scientifica: da lei, professor Peter Piot, è stato il mio consulente personale per il COVID-19, il modo in cui mi ha dato guida e consigli su base giornaliera è stato eccezionale; dal mio gruppo di consulenti scientifici COVID-19, scelti da te, Peter; e anche dalla piattaforma di 27 consulenti governativi degli Stati membri che abbiamo creato. Quindi sono la trasparenza e la responsabilità, la nostra libertà di parola e la libertà della scienza che consentono una buona elaborazione delle politiche e innovazione. Questi sono i valori da cui dipendono e alimentano le società democratiche. Quindi sono state le democrazie a sviluppare vaccini efficaci salvavita e che sono state in grado di sostenere al meglio i loro cittadini quando avevano più bisogno del nostro aiuto.

La mia terza lezione riguarda il miracolo dei vaccini stessi. In quanto medico di formazione, l’importanza della ricerca e dello sviluppo non è una novità per me. Ma la pandemia lo ha reso molto reale per tutti noi. Come sapete, gli eccezionali vaccini mRNA non sono nati dal nulla. La loro scoperta, come tutta l’innovazione, si basa su investimenti a lungo termine negli scienziati e nella loro ricerca. In effetti, la Commissione europea ha investito nella ricerca sui vaccini mRNA dall’inizio degli anni 2010. In Europa però non avevamo una BARDA, come negli Stati Uniti, che si prepara al caso di emergenza. Devo dire che questo era un evidente svantaggio. Quindi l’abbiamo imparato nel modo più approssimativo. E durante la pandemia, abbiamo creato HERA per anticipare le minacce e le potenziali crisi sanitarie.

La cooperazione globale nella ricerca e sviluppo è fondamentale per la scoperta. Ecco perché, ad esempio, HERA e CEPI – la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations – hanno recentemente firmato una lettera di intenti. Coopereranno allo sviluppo di vaccini di prossima generazione, anche per COVID-19, come parte della nostra strategia Vaccines 2.0. Orizzonte Europa fornisce contributi su base annua di 35 milioni di EUR. E sono molto lieto che la nostra partnership di sperimentazione clinica per HIV/AIDS, tubercolosi e malaria tra i paesi europei e in via di sviluppo abbia recentemente concordato di co-gestire inviti a presentare proposte con la Bill & Melinda Gates Foundation.

Il che mi porta alla lezione quattro: capacità di produzione. Avere vaccini sicuri ed efficaci non è abbastanza, lo sappiamo tutti. Avevamo un disperato bisogno di capacità manifatturiera, nonché di catene di approvvigionamento aperte. Ricordo vividamente che, al culmine della pandemia, abbiamo assistito a carenze di ogni tipo lungo l’intera catena del valore del vaccino, dalle sacche del bioreattore alle fiale, dai lipidi alle siringhe. Quindi abbiamo istituito una task force per lavorare con l’industria, con partner globali, per rimuovere questi colli di bottiglia. Ciò ha contribuito ad aumentare la capacità di produzione mensile nell’Unione Europea, da 20 milioni di dosi di vaccino al mese all’inizio del 2021 a circa 300 milioni di dosi di vaccino al mese entro la seconda metà dell’anno. Dopo aver appreso questa lezione, ora abbiamo istituito l’EU-FAB,

Signore e signori,

Finora l’Europa ha inviato più di 2,5 miliardi di dosi di vaccino contro il COVID-19 in 168 paesi in tutto il mondo. Questa è la nostra quinta lezione: la cooperazione e la solidarietà devono essere globali. All’inizio della pandemia non esisteva un quadro globale appropriato per consentire un’equa condivisione di vaccini e altre contromisure mediche. Quindi abbiamo contribuito a creare ACT-Accelerator e COVAX, che abbiamo finanziato con 3 miliardi di euro, e abbiamo donato mezzo miliardo di dosi di vaccino ai paesi a basso reddito. Ma chiaramente, questo non era un approccio sufficiente, bisognava fare di più e si può fare di più. Questo è il motivo per cui ora abbiamo adottato un approccio diverso. Stiamo supportando direttamente i paesi in via di sviluppo: attraverso finanziamenti, attraverso il rafforzamento delle capacità normative e il trasferimento di tecnologia, per costruire la propria capacità di produzione di vaccini. Stiamo lavorando con Senegal, Ruanda, Sud Africa e Ghana per produrre vaccini mRNA prodotti in Africa, per gli africani. E ora stiamo adottando un approccio simile con l’America Latina. Ci hanno chiesto di fare lo stesso. E ovviamente abbiamo risposto positivamente. Perché questa è la strada da percorrere. La resilienza regionale è la soluzione che costruisce la resilienza sanitaria globale.

La sesta e ultima lezione riguarda, infatti, il sistema sanitario globale. Nel corso degli anni, la salute globale è stata costantemente sottofinanziata e trascurata. Non da artisti del calibro della Bill & Melinda Gates Foundation, che sta facendo un lavoro esemplare, ma dai governi. La chiave è essere preparati, e questo significa mantenere l’investimento e mantenere l’attenzione sulla salute globale, in ogni momento. Anche adesso, in questi tempi difficili, con un focus completamente diverso. Sono lieto che alla fine abbiamo deciso di creare un Fondo per la preparazione e la risposta alle pandemie. La Commissione europea, insieme agli Stati Uniti, ha impegnato ciascuna 450 milioni di dollari. E questo è solo l’inizio. Con questo finanziamento rafforzato, rafforzeremo a livello globale la sorveglianza delle minacce sanitarie transfrontaliere, il rafforzamento dei sistemi sanitari,

Signore e signori,

So che abbiamo ancora molta strada da fare, ma grazie a tutti voi e alla vostra dedizione alla salute e all’equità globali, credo che siamo sulla strada giusta. Il mese prossimo, la Commissione europea presenterà la strategia dell’UE per la salute globale: è la nostra proposta al mondo su come lavorare meglio insieme in partenariato, per far avanzare l’obiettivo comune della salute globale. E, naturalmente, si baserà sulle lezioni che ti ho appena delineato. Non vedo l’ora di continuare il nostro stretto lavoro insieme. E ti auguro una conferenza gratificante e premurosa.

https://www.maurizioblondet.it/von-der-leyen-a-novembre-strategia-ue-sulla-salute-globale/
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.