Autore Topic: 2022, l'estate peggiore nonostante l'86% di sierati  (Letto 226 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18249
  • Sesso: Maschio
2022, l'estate peggiore nonostante l'86% di sierati
« il: Settembre 07, 2022, 00:16:55 am »

abbiamo capito che il conteggio delle vittime della pandemia non riporta realmente coloro che sono morti a causa del Covid

… ma tutti quelli che sono morti “con” il Covid … cioè deceduti per altre patologie

… tra i morti abbiamo un’età media superiore agli 80 anni

… e un numero medio di comorbidità (cioè gravi patologie precedenti al contagio) superiore a tre

… Ed è sempre stato così, sin dal primo giorno della pandemia

… Il metodo del calcolo dei contagi e dei decessi è rimasto sempre uguale

… uguali sono state le condizioni di vita delle tre estati italiane

… senza mai alcuna restrizione

… Le uniche restrizioni sono quelle in vigore in quest’anno:

… l’obbligo del Green Pass per gli ospedali e le case di riposo

… e l’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari, che non c’erano né nel 2020 né nel 2021

… quindi, il confronto dei dati è assolutamente valido

… 2020: dal 1° giugno al 31 agosto abbiamo avuto 36.195 contagi e 2.068 morti

… 2021: dal 1° giugno al 31 agosto abbiamo avuto 322.170 contagi (+790%) contagi e 3.093 morti (+49%)

… 2022: dal 1° giugno al 31 agosto abbiamo avuto 4.446.347 contagi (+1.280% sul 2021 e +12.184% sul 2020) e 8.898 morti (+188% sul 2021 e +330% sul 2020)

… quest’anno circola la variante Omicron, che è molto più contagiosa ma anche molto meno letale

… Un’altra novità di quest’estate è che abbiamo una popolazione iper-vaccinata (86% con una dose, 81% con due dosi, 66% con tre dosi) rispetto a uno e due anni fa

https://i1.wp.com/www.pro-memoria.info/wp/wp-content/uploads/Pulsante-PDF-48x48-1.jpg?resize=48%2C48&ssl=1

https://www.marcotosatti.com/2022/09/06/pro-memoria-2022-lestate-peggiore-in-tre-anni-con-l86-di-sierati/
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.