Off Topic > COVID, vaccini e green pass: salute o dittatura?

Stretta sulla libertà di opinione online. Questione Maschile compresa

(1/3) > >>

Vicus:
Festeggiamo questo anniversario della Liberazione con una lieta notizia, che ci mostra quanto abbiamo imparato dal passato e siamo progrediti da quei tempi bui: ora c'è il Duce 2.0 e soprattutto l'Europa, che vigilano sulla nostra libertà:

Raggiunto nella notte l’accordo tra il Consiglio e il Parlamento Europeo sul Digital Services Act, la legge che, così viene annunciata, per la prima volta al mondo avrà un forte potere regolatorio sulle grandi aziende tecnologiche. Nello specifico, secondo la definizione della legge stessa, su piattaforme digitali e motori di ricerca che abbiano più di 45 milioni di utenti attivi mensilmente.

La presidente della Commissione europea ha salutato l’accordo come un evento storico: “le nostre nuove regole proteggeranno gli utenti online, garantiranno libertà di espressione [grazie Orwell] e opportunità per le imprese. Ciò che è illegale offline sarà effettivamente illegale anche online nell’UE. Un segnale forte per persone, aziende e paesi in tutto il mondo”, così ha esultato la Von der Leyen su Twitter.

Da quanto si legge nel comunicato pubblicato nelle scorse ore, la legge sembra indirizzata a evitare che le piattaforme digitali possano ospitare traffici illegali, frodi, messaggi violenti. E tenda inoltre a evitare la profilazione degli utenti e a proteggere i minori da contenuti inadeguati.

Ma come è noto, la strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni, e il timore è che dietro i nobili propositi delle gerarchie europee si nascondano scopi ben più prosaici, a cui la stessa Von der Leyen non ha mai fatto mistero di aspirare: cioè un intervento muscolare sulla diffusione di informazioni ritenute scomode o non funzionali agli scopi dei vertici europei.

Tra i diversi punti dell’accordo si trova infatti quello del cosiddetto “meccanismo di crisi”. A questo proposito il comunicato recita che: “Nel contesto dell’aggressione russa in Ucraina e del particolare impatto sulla manipolazione delle informazioni online, un nuovo articolo è stato aggiunto al testo introducendo un meccanismo di risposta alle crisi. Questo meccanismo sarà attivato dalla Commissione su raccomandazione del consiglio dei coordinatori nazionali dei servizi digitali. Consentirà di analizzare l’impatto delle attività delle piattaforme sulla crisi in questione e di decidere misure proporzionate ed efficaci da mettere in atto per il rispetto dei diritti fondamentali”.

Pur nel lessico ovattato e vago del testo, difficile leggere in questo punto qualcosa di diverso dalla volontà di esercitare uno stretto controllo sull’informazione. D’altra parte, una delle prime misure volute dalla presidente della Commissione Europea a seguito dell’intervento russo in Ucraina era stata proprio quella di silenziare le testate di RT e Sputnik, privando i cittadini europei del punto di vista russo sulla guerra in corso.

Proprio nei giorni scorsi, la legge ha incassato il sostegno di due pezzi da novanta del partito democratico americano. Barak Obama è infatti tornato prepotentemente sul tema dell’informazione online, e durante una conferenza alla Stanford University ha affermato che “la disinformazione è una minaccia per la nostra democrazia e continuerà ad esserlo a meno che non collaboreremo per affrontarla”. In contemporanea, Hillary Clinton ha scritto su Twitter: “Per troppo tempo, le piattaforme tecnologiche hanno amplificato la disinformazione e l’estremismo senza responsabilità. L’UE è pronta a fare qualcosa al riguardo. Esorto i nostri alleati transatlantici a spingere il Digital Services Act oltre il traguardo e rafforzare la democrazia globale prima che sia troppo tardi”.

Insomma, in uno stile che ormai abbiamo imparato a conoscere fin troppo bene, secondo cui il green pass equivale alla libertà e inviare armi serve alla pace non poteva mancare il concetto che la censura sia un servizio alla democrazia.

A seguito dell’accordo raggiunto a Bruxelles, il DSA dovrà essere ratificato dal Parlamento e dalla Commissione, una volta completato questo processo, il testo entrerà in vigore 20 giorni dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Ue e le regole inizieranno ad applicarsi 15 mesi dopo.

https://www.byoblu.com/2022/04/23/ue-verso-la-stretta-sullinformazione-on-line-accordo-sul-digital-service-act/

E veniamo ora alla Questione Maschile:

La nuova legge, che dovrà passare dall’approvazione formale del Consiglio europeo e del Parlamento, impone regole più severe sull’attività dei grandi gruppi del digitale, con restrizioni che aumentano al crescere delle dimensioni delle aziende: in particolare sono nel mirino le attività di grandi piattaforme e motori di ricerca con più di 45 milioni di utenti attivi mensili.

Queste società dovranno analizzare il rischio sistemico che portano e elaborare strategie per ridurlo, in particolare su quattro fronti:

- la diffusione di contenuti illegali [??]

- gli effetti negativi sui diritti fondamentali dei cittadini [la vaghezza di questa formula si adatta particolarmente ai "diritti fondamentali delle donne", che possono implicare anche il divieto di critiche a comportamenti, modi di vita e scelte sociali]

- la manipolazione di servizi che incidono sui processi democratici e sulla sicurezza pubblica

- gli effetti negativi sulla violenza di genere e sui minori, e le gravi conseguenze per la salute fisica o mentale degli utenti

https://www.avvenire.it/economia/pagine/digital-services-act

Chi già conosce la Questione Maschile sa come il sacrosanto principio di non ricorrere alla violenza venga distorto al punto, da considerare libere opinioni e descrizioni di comportamenti come "manifestazioni di odio" e "incitamenti alla violenza".
Non sfugga l'espressione "effetti negativi": qualsiasi critica a comportamenti femminili può essere considerata avente tali effetti.
Un po' come dire che l'espressione "abbasso la Juve" incita alla violenza da stadio: provate a scrivere su una pagina femminista "abbasso le donne (che sottraggono i figli ai padri, ad es.)" e vedete la reazione.

La chiusa sugli "effetti negativi sulla salute mentale degli utenti" è così palesemente orwelliana da non meritare commenti.

Ryu:
Ora è il momento di colpirli col machiavellismo, sembra tragica ma è un'opportunità. Sui social media sono riuscito ad ottenere centinaia di consensi e reazioni positive riguardo i test di paternità obbligatoria semplicemente rigirando il punto di vista e non giudicando la madre. Si trattava della questione di Stallone che se ne è andato dopo che ha scoperto che sua figlia non era sua figlia. Basta utilizzare l'interesse del minore e il gioco funziona anche al contrario.

La via per l'inferno è lastricata di buone intenzioni? Ottimo, basta solo affinare la retorica allora.

Vicus:
L'importante è che lo facciano davvero, questo test di paternità obbligatorio. Ma almeno, in Italia non è vietato il test fai da te, proibito in Francia per motivi di "ordine publico" (non mi dire...) a seguito di troppe clamorose coperte da parte di mariti inc@xxati.

Alexandros:

--- Citazione da: Vicus - Aprile 26, 2022, 20:08:15 pm ---L'importante è che lo facciano davvero, questo test di paternità obbligatorio. Ma almeno, in Italia non è vietato il test fai da te, proibito in Francia per motivi di "ordine publico" (non mi dire...) a seguito di troppe clamorose coperte da parte di mariti inc@xxati.

--- Termina citazione ---

Eppure secondo le statistiche il paese dove si tradisce di più è... l'Italia! I francesi sarebbero solo al secondo posto.

Per una volta che li battiamo in qualcosa  :italia1:

Vicus:

--- Citazione ---Eppure secondo le statistiche il paese dove si tradisce di più è... l'Italia! I

--- Termina citazione ---
:rofl2:

Dal film Blade Runner:

"Ho visto cose che voi umani non potete immaginare. Francesine irreprensibili portarsi a casa un iraniano conosciuto al pronto soccorso. Rosse mozzafiato cambiare negro ogni settimana. E tutte queste cose andranno perdute... nel tempo... come un test del DNA... dimenticato"

Capì? :P

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa