Autore Topic: E' Guerra!!!  (Letto 12971 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #270 il: Gennaio 20, 2023, 22:12:05 pm »
Secondo me non pensano di vincere. Già Galbraith riferì una discussione con un diplomatico (russo): "Lei deve capire che i nostri governi sono in guerra contro le loro stesse popolazioni civili"
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #271 il: Gennaio 21, 2023, 03:39:38 am »
La NATO vuole disperatamente l’escalation del conflitto – e stronca la propria natalità

https://www.maurizioblondet.it/la-nato-vuole-disperatamente-lescalation-del-conflitto-e-stronca-la-propria-natalita/
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5953
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #272 il: Gennaio 21, 2023, 12:55:53 pm »
L'Occidente si sta castrando con le sue stesse mani: come disse un antico adagio, "gli dei prima accecano coloro che vogliono distruggere".

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #273 il: Gennaio 21, 2023, 22:20:44 pm »
Quos vult Iupiter perdere dementat prius. Ma siamo nel villaggio globale dove anche chi governa è attore in uno spettacolo diretto da altri
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5953
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #274 il: Gennaio 21, 2023, 22:41:38 pm »
Certo: l'oligarchia speculativa occidentale in lotta contro una èlite politica russa e cinese. Chi vincerà?

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #275 il: Gennaio 22, 2023, 00:23:52 am »
Secondo Galbraith il potere non era più delle nazioni ma delle multinazionali
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5953
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #276 il: Gennaio 22, 2023, 02:02:24 am »
Secondo Galbraith il potere non era più delle nazioni ma delle multinazionali

Appunto: quelle che spingono per la continuazione della guerra per spolpare la Russia ed impadronirsi delle sue risorse energetiche.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #277 il: Gennaio 25, 2023, 03:03:48 am »
Chiese che hanno l'estetica di uffici
Qui c'è soltanto il delirio della tecnica e della tecnologia fine a se stessa.
quante piazze sono state costruite come spazi per la socializzazione? Possiamo dire ZERO

Generali sobri, media guerrafondai
 Maurizio Blondet  24 Gennaio 2023
John Helmer da Mosca

IL GENERALE TEDESCO KUJAT AVVERTE CHE LA GUERRA IN UCRAINA È PERSA, RINNOVA L’accusa di pugnalata alle spalle CONTRO USA E NATO PER “ESPOSIZIONE DELLA GERMANIA ALLA RUSSIA”
E’ il terzo

I l maggiore generale in pensione Harald Kujat — figlio di un soldato della Wehrmacht  ucciso combattendo l’Armata Rossa e salito  fino a diventare capo dell’esercito tedesco e poi dello stato maggiore della Nato —  apre la lista:  accusa la stampa tedesca, l’ex cancelliere Angela Merkel, il primo ministro britannico Boris Johnson  e altri alleati della NATO che non nomina  di aver inflitto alla Germania   una nuova versione della “pugnalata alla schiena”.

In questo piano, secondo Kujat, gli alleati della NATO  hanno voluto sabotare il potere della Germania in Europa. Ciò viene fatto, ha detto, aumentando il “rischio di un attacco convenzionale alla Germania” e “perseguendo l’obiettivo di esporre la Germania in particolare alla Russia”. [La Germania è la porta dell'Europa occidentale]

Senza prendere di mira esplicitamente gli Stati Uniti, Kujat accusa Washington di aver creato una minaccia nucleare diretta contro la Russia  con le batterie missilistiche Aegis ora installate in Polonia e Romania; per aver reso la Germania una parte diretta della guerra in Ucraina consentendo “agli Stati Uniti [di] addestrare soldati ucraini in Germania”; e per aver distrutto i gasdotti Nord Stream verso la Germania.

La  coraggiosa opinione di Kujat è stata pubblicata in Svizzera il 18 gennaio; La pubblicazione tedesca è seguita il 20 gennaio. Attaccato in passato dai principali media tedeschi e dai funzionari del governo degli Stati Uniti, la nuova dichiarazione di Kujat è stata ignorata in Germania e negli Stati Uniti.

“Più a lungo dura la guerra, maggiore è il rischio di espansione o escalation”, ha avvertito Kujat, aggiungendo che l’esercito tedesco, la sicurezza territoriale tedesca e la potenza industriale tedesca saranno i perdenti perché “la Russia potrebbe superare l’escalation occidentale in ogni momento con tutte le armi che ha…» Kujat intendeva dire che ciò includeva l’uso di armi nucleari [come al solito, le guerre si fanno in Europa, già in ginocchio per crisi pilotate e vax].

Kujat è l’ufficiale tedesco di grado più alto a rendere pubblica  la sua apposizione  alla guerra.
Prima di lui, il vice ammiraglio Kay-Achim Schönbach, capo della marina tedesca,  è stato  costretto a dimettersi nel gennaio 2022, dopo un discorso pubblico in cui aveva dichiarato che “la penisola di Crimea è andata: non tornerà mai più – questo è un dato di fatto “; e che le questioni di sicurezza russe dovrebbero essere trattate con “rispetto”. “Quello che [Putin] vuole davvero è il rispetto. E, mio ​​Dio, dare rispetto a qualcuno costa poco o niente. … È facile dargli il rispetto che richiede davvero – e probabilmente merita anche”.

Dopo la cacciata di Schönbach, nessun ufficiale tedesco in servizio ha osato rischiare critiche pubbliche alla politica di guerra della Germania. Come succede in questi casi, parlano attraverso ufficiali in pensione. Il generale di brigata Erich Vad, l’ex capo del gruppo militare della cancelleria della Merkel, ha lanciato un attacco dettagliato all’inizio di questo mese.

Riferendosi alla resistenza del cancelliere Olaf Scholz all’invio di carri armati Leopard tedeschi in Ucraina, Kujat ha affermato che “il dibattito sulla fornitura di alcuni sistemi d’arma mostra chiaramente l’intenzione di molti media di fare politica da soli. Il mio disagio per questo sviluppo può essere il risultato dei miei molti anni di servizio nella NATO, anche come Presidente del Consiglio NATO-Russia e del Comitato dei Capi di Stato Maggiore NATO-Ucraina. Trovo particolarmente fastidioso che gli interessi di sicurezza tedeschi ei pericoli per il nostro paese posti dall’espansione e dall’escalation della guerra ricevano così poca attenzione [non vale solo per la Germania]. Mostra una mancanza di responsabilità o, per usare un termine antiquato, un atteggiamento altamente antipatriottico”.

Kujat dice che “ha sempre creduto che questa guerra dovesse essere e avrebbe potuto essere prevenuta”. Questo non è stato il risultato e di questo incolpa la Merkel con la sua politica di ingannare la Russia sugli accordi di Minsk, definendo ciò  “una grave violazione della fiducia” e “chiaramente una violazione del diritto internazionale”.

Il punto di svolta nell’equilibrio delle forze di sicurezza russo-tedesche è iniziato a Washington nel 2002, dice Kujat, quando il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha annullato il trattato sulla limitazioni dei missili antibalistici (ABM), e poi nel 2008, quando Bush “ha tentato  un invito di Ucraina e Georgia ad aderire alla NATO”. La decisione dell’amministrazione Obama nel 2009 di schierare “il sistema di difesa contro i missili balistici della NATO in Polonia e Romania” è stata un’ulteriore escalation “perché la Russia è convinta che gli Stati Uniti potrebbero anche eliminare i sistemi strategici dei vettori intercontinentali russi da queste strutture di lancio e quindi mettere in pericolo il nucleare strategico equilibrio. »

La sopravvivenza della Germania è minacciata da questo squilibrio nucleare,  dice  Kujat, perché le armi nucleari russe sono ora direttamente minacciate dagli Stati Uniti, e dall’escalation delle armi convenzionali americane e della NATO sul campo di battaglia ucraino. “Devi fare i conti con quello. Più a lungo dura la guerra, maggiore è il rischio di espansione o escalation.

Come Vad, Kujat fu costretto a pubblicare su una rivista zurighese di piccola tiratura, Zeitgeschehen im Fokus (“Focus on Current Events”), e poi su un’oscura pubblicazione tedesca con sede a Francoforte; Chiamata Overton (chiara allusione alla Finestra di Overton) , rivista non rivela nulla di sé se non che è “una voce contro lo strangolamento del dibattito e del moralismo”.

Kujat evita di attaccare Baerbock per nome. Afferma inoltre che i media statunitensi sono stati meno fuorvianti nei loro resoconti sulla guerra rispetto alla stampa tedesca, citando un articolo su Foreign Affairs… di Fiona Hill, un ex alto funzionario del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca. “È molto competente e assolutamente affidabile”.

Kujat accusa gli inglesi, non gli americani, di aver mandato a monte  i termini del cessate il fuoco che, dice il Cremlino era pronto a firmare dopo i negoziati di Istanbul alla fine di marzo 2022.

Secondo la versione di Kujat, “la Russia avrebbe accettato di ritirare le sue forze al livello del 23 febbraio, cioè prima dell’inizio dell’attacco all’Ucraina. Oggi, il ritiro completo è ripetutamente richiesto come precondizione per i negoziati… L’Ucraina si era impegnata a rinunciare all’adesione alla NATO e a non consentire lo stazionamento di truppe straniere o installazioni militari. In cambio, dovrebbe ricevere garanzie di sicurezza dagli stati di sua scelta. Il futuro dei territori occupati dovrebbe essere risolto diplomaticamente entro 15 anni, con l’esplicita rinuncia alla forza militare…». Sappiamo che  l’allora primo ministro britannico, Boris Johnson,  era intervenuto a Kiev il 9 aprile e impedito la firma. Il suo ragionamento era che l’Occidente non era pronto per la fine della guerra.

Sembra anche segnalare che i funzionari statunitensi non erano dietro l’azione di Johnson, e ciò che Kujat chiama anche il presidente Vladimir Zelensky “cambia ripetutamente gli obiettivi strategici della guerra ucraina”.In questo schema, secondo Kujat, gli alleati della NATO hanno mirato a sabotare il potere della Germania in Europa.

Come Vad all’inizio di questo mese, Kujat invita il Pentagono, gli ufficiali militari statunitensi e i produttori di armi statunitensi a fermare l’escalation della guerra sul campo di battaglia ucraino mentre gli obiettivi strategici russi si inaspriscono e la sconfitta tattica delle armi americane, tedesche e della NATO diventa inevitabile.

“Secondo il Joint Chiefs of Staff degli Stati Uniti, il generale Mark Milley”, afferma Kujat, “l’Ucraina ha ottenuto ciò che poteva ottenere militarmente. Di più non è possibile. Questo è il motivo per cui gli sforzi diplomatici devono essere compiuti ora per raggiungere una pace negoziata. Condivido questo punto di vista… ci si può chiedere se le Forze Armate ucraine abbiano ancora un numero sufficiente di soldati in grado di utilizzare questi sistemi d’arma date le perdite significative degli ultimi mesi.

In ogni caso, la dichiarazione [del capo di stato maggiore ucraino, generale Valery] Zaluzhny spiega anche perché le consegne di armi occidentali non consentono all’Ucraina di raggiungere i suoi obiettivi militari, ma solo di prolungare la guerra.

Inoltre, la Russia potrebbe superare l’escalation occidentale in qualsiasi momento con la propria.

“Nel dibattito  tedesco, queste connessioni non sono capite o ignorate. Anche il modo in cui alcuni alleati tentano pubblicamente di sollecitare il governo federale a consegnare i principali carri armati Leopard 2 ha un ruolo. Finora  un simile  fatto non era  accaduto nella NATO. Ciò dimostra come la reputazione della Germania all’interno dell’alleanza abbia risentito dell’indebolimento della Bundeswehr e dell’impegno con cui alcuni alleati perseguono l’obiettivo di esporre la Germania in particolare alla Russia”.

Kujat  lascia intendere  che il cancelliere Olaf Scholz subisce  segretamente pressioni da parte degli Stati Uniti per ragioni che Kujat non vuole rivelare ora, tranne per il suo accenno che gli americani e gli inglesi mirano a indebolire politicamente  la  Germania in Europa e a soppiantare le armi  dell’industria germanica  con le proprie aziende. . “Gli attuali sforzi degli Stati Uniti per indurre gli europei a fornire più armi potrebbero avere qualcosa a che fare con questa situazione”.

Un invito alla sobrietà e prova di realismo viene anche da un generale american, Il capo degli stati maggiori riuniti Mark Milley

———————————————-

Mentre i giornalisti occidentali insistono (almeno fino a ieri)  che l’Ucraina sta “vincendo” il conflitto, e le occorrono solo 300 carri armati dall’Occidente, il capo  del Joint Chiefs of Staff degli Stati Uniti, Mark Milley, l’Ucraina dovrà affrontare molti problemi per raggiungere i suoi obiettivi militari nell’attuale conflitto contro la Russia.   In una recente intervista, che certo riflette il consensus dei gallonati del Pentagono,  l’alto generale statunitense ha commentato che la situazione è molto complicata per gli ucraini, che avranno molte difficoltà a mantenere la promessa di “espellere” le forze russe dai territori già reintegrati nello spazio sovrano di Mosca.

Sottolinea che la maggior parte dei leader occidentali, e persino il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, nonostante il discorso bellicoso, crede che la risoluzione del conflitto avverrà attraverso negoziati diplomatici invece che con la forza. Milley  si rivela scettico su qualsiasi possibilità di successo ucraino attraverso  lo scontro militare.

Milley ha valutato pessimisticamente  il tempo necessario per porre fine alle ostilità. Sebbene alcuni politici ucraini e occidentali affermino di voler espellere i russi il prima possibile, non crede nella possibilità che questo processo possa concludersi entro il 2023. Le solide posizioni mantenute dalle forze russe nelle regioni appena integrate nella Federazione rendono difficile credere alla possibilità di un rapido capovolgimento militare abbastanza forte da garantire a Kiev il controllo di questi territori.

Il presidente Biden, il presidente Zelensky e la maggior parte dei leader europei hanno affermato che questa guerra probabilmente finirà con un negoziato (…) Da un punto di vista militare, questa è una battaglia molto, molto difficile (…) Continuo a sostengono che per quest’anno sarebbe molto, molto difficile espellere militarmente le forze russe da ogni centimetro dell’Ucraina occupata dai russi (…) Ciò non significa che non possa accadere, non significa che vincerà ‘ “Non succederà. Ma sarebbe molto, molto difficile”, ha detto durante l’intervista.

Milley  mette in chiaro che le debolezze dell’Ucraina non saranno superate così facilmente, nonostante l’aiuto occidentale. I soli Stati Uniti hanno già inviato oltre 110 miliardi di dollari in aiuti militari a Kiev, fornendo pacchetti che includono armi pesanti, veicoli da combattimento, sistemi antiaerei e oltre un milione di proiettili di artiglieria. Anche l’Europa e le nazioni alleate della NATO stanno fornendo tutto il possibile al regime neonazista ucraino. Tuttavia, la superiorità militare russa sembra evidente, mentre Mosca celebra vittorie sempre più importanti, come le recenti conquiste di Soledar e Klescheevka.

Ci sono molti fattori che spiegano il successo della Russia nonostante gli aiuti occidentali all’Ucraina. L’obiettivo di Mosca è evitare una guerra di logoramento che uccida inutilmente soldati e civili russi. Per questo, esiste una direzione strategica delle forze combattenti verso regioni chiave, dove la vittoria militare rende praticabile il taglio delle linee di rifornimento delle forze ucraine. Inoltre, l’artiglieria russa si concentra su grandi zone militari e strutture infrastrutturali, mentre le truppe parallele, come la compagnia militare privata “Wagner Group”, svolgono il ruolo di forza di fanteria, principalmente nelle aree urbane.

D’altra parte, Kiev sembra avere difficoltà a gestire strategicamente il conflitto. Nonostante il sostegno della Nato, le forze ucraine, come già riferito da diversi informatori sul campo, sono segnate da disorganizzazione e corruzione. La maggior parte delle armi occidentali sono assolutamente nuove per i soldati ucraini, che non sanno come farle funzionare correttamente, causando spesso danni alla propria parte. :doh:

Inoltre, gli ucraini sembrano dare la priorità al territorio rispetto alle vite umane, a differenza dei russi. Mentre Mosca promuove costantemente ritirate strategiche per salvare vite umane, Kiev mantiene le truppe in trincea anche quando le battaglie sono virtualmente perse. Il risultato è la morte di migliaia di soldati in inutili combattimenti. Questi soldati vengono sostituiti da nuovi combattenti, con addestramento insufficiente e senza esperienza militare, con conseguenti errori strategici e più morti.

Inoltre, è importante ricordare che dal 2014 Kiev attacca deliberatamente i civili e la situazione sta peggiorando con l’arrivo nel Paese di armi pesanti dall’Occidente. Gran parte dell’equipaggiamento importato dall’Ucraina è stato utilizzato nelle aree smilitarizzate del Donbass al solo scopo di uccidere civili di etnia russa, senza alcun vantaggio militare, il che rende ancora più complicato per questo aiuto occidentale avere un impatto reale nel conflitto.

In effetti, le parole di Milley non fanno che confermare quella che è già diventata una conclusione costante tra gli esperti militari: Kiev non è in grado di sconfiggere la Russia, sia perché Mosca è militarmente più forte, sia per la mancanza di capacità organizzativa e amministrativa da parte degli ucraini. La possibilità di un vero capovolgimento militare avverrebbe solo in uno scenario di intervento più diretto della NATO, ma in questo caso la guerra si intensificherebbe sicuramente a livello nucleare e si concluderebbe senza vincitori.

All’orizzonte, solo la vittoria russa sembra uno scenario reale. La cosa migliore da fare è riprendere i colloqui, con Kiev che accetta pienamente i termini del cessate il fuoco russo. Come ha suggerito Milley, gli stessi politici occidentali lo credono, ma preferiscono continuare a finanziare il conflitto solo per cercare di destabilizzare il più possibile l’ambiente strategico della Russia, anche a costo della vita dei cittadini ucraini.

Puoi seguire Lucas su Twitter e Telegram .

Fonte: InfoBrics

https://www.maurizioblondet.it/generali-sobri-media-guerrafondai/
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5953
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #278 il: Gennaio 25, 2023, 09:58:33 am »
Quoto tutto, anche la punteggiatura. Chiunque capisce che il Capo di stato Maggiore americano Mark Milley ha fatto la faccia da funerale a Ramstein non a caso. E non perchè gli è morto il gatto.

Online Paol

  • Affezionato
  • **
  • Post: 237
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #279 il: Gennaio 25, 2023, 14:25:01 pm »


IL GENERALE TEDESCO KUJAT AVVERTE CHE LA GUERRA IN UCRAINA È PERSA, RINNOVA L’accusa di pugnalata alle spalle CONTRO USA E NATO PER “ESPOSIZIONE DELLA GERMANIA ALLA RUSSIA”



Fonte: InfoBrics

https://www.maurizioblondet.it/generali-sobri-media-guerrafondai/
Più che giusto, ma mi sembra che tedeschi, italiani e tutti gli altri abbiano, o dovrebbero avere, il libero arbitrio e dissociarsi da questa guerra NATO. Se non lo fanno significa che gli alti vertici della politica e della società vogliono solo vantaggi e prebende, ma non siano disposti a rischiare niente. E il popolo perlopiù beve dai media e dorme.
L'ottimo è nemico del bene....ma non c'è limite al peggio

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5953
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #280 il: Gennaio 25, 2023, 15:14:45 pm »
Più che giusto, ma mi sembra che tedeschi, italiani e tutti gli altri abbiano, o dovrebbero avere, il libero arbitrio e dissociarsi da questa guerra NATO. Se non lo fanno significa che gli alti vertici della politica e della società vogliono solo vantaggi e prebende, ma non siano disposti a rischiare niente. E il popolo perlopiù beve dai media e dorme.
Esatto, finchè mangia, beve, dorme e si diverte. Oggi sui giornali è stato annunciato trionfalmente che entro la fine di Marzo (siamo ancora a Gennaio) arriveranno (udite, udite, udite) BEN 80 Leopard  da distribuire su due battaglioni. Ora, io non sono un esperto in tematiche militari, ma mi sembrano pochini (qualcuno mi corregga se sbaglio) anche se fossero quelle meraviglie e quei fenomeni descritti. E poi non basta averli, bisogna anche saperli usare e non mi pare che i militari ucraini abbiano tutto quel tempo necessario per impratichirsi nella guida, con una guerra in corso, per non parlare poi della capacità di usarli in una battaglia dall'esito incerto. Mi sbaglierò, ma l'Ucraina ha tutta l'aria di diventare la vittima sacrificale degli esperimenti e delle esercitazioni belliche della NATO, felicissima di stare in disparte a guardare e vedere come va a finire. Consapevolmente e per scelta, peraltro! 

Online Paol

  • Affezionato
  • **
  • Post: 237
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #281 il: Gennaio 25, 2023, 16:27:16 pm »
Ecco che, se la notizia è autentica, preparano perfino la caccia ai "maschi" (giustamente in fuga). Naturalmente dubito ci sarebbero schiere di avvocati ONG e simili a difenderli e i ricorsi legali verrebbero presumibilmente ignorati quasi ovunque. Le donne invece potrebbero starsene  dove sono, e magari impegnarsi nei rastrellamenti!

L'ottimo è nemico del bene....ma non c'è limite al peggio

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5953
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #282 il: Gennaio 25, 2023, 18:21:19 pm »
Ecco che, se la notizia è autentica, preparano perfino la caccia ai "maschi" (giustamente in fuga). Naturalmente dubito ci sarebbero schiere di avvocati ONG e simili a difenderli e i ricorsi legali verrebbero presumibilmente ignorati quasi ovunque. Le donne invece potrebbero starsene  dove sono, e magari impegnarsi nei rastrellamenti!



E naturalmente il governo della Lettonia soddisferà celermente questa richiesta, stante il suo odio per la Russia. Ma non mi meraviglierei per niente se anche il governo Meloni facesse lo stesso con gli ucraini rifugiati in Italia, stante la sua docilità nei confronti degli Stati Uniti.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #283 il: Gennaio 26, 2023, 03:57:45 am »
Ucraina, gen. Bertolini: “Con invio Leopard dritti verso la guerra”
23 gennaio 2023 | 14.27
LETTURA: 1 minuti

L’ex comandante del Coi: “Ci stiamo rassegnando all’entrata in un conflitto che con noi non c’entra niente”

“La Germania ormai, da un punto di vista della condotta di una politica estera nei confronti dell’est autonoma, ha le ali tarpate. Ha cercato di evitare la cessione dei Leopard, un po’ perché teme una ulteriore escalation della guerra che la coinvolgerebbe in parte per la sua posizione, essendo al centro dell’Europa, ma soprattutto e direttamente perché si tratta di mezzi tedeschi. Tuttavia, ormai, in Europa continentale chi decide sono i polacchi e, per quanto possa sembrare paradossale, i baltici“. Lo afferma all’Adnkronos il generale Marco Bertolini, già comandante del Coi, in relazione all’ok della Germania all’invio dei tank Leopard 2 da parte di Paesi terzi.

https://www.maurizioblondet.it/enormi-stormi-di-cornacchie-nere-su-kiev/
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Paol

  • Affezionato
  • **
  • Post: 237
Re:E' Guerra!!!
« Risposta #284 il: Gennaio 26, 2023, 13:13:04 pm »
Ucraina, gen. Bertolini: “Con invio Leopard dritti verso la guerra”
23 gennaio 2023 | 14.27
LETTURA: 1 minuti

L’ex comandante del Coi: “Ci stiamo rassegnando all’entrata in un conflitto che con noi non c’entra niente”

“La Germania ormai, da un punto di vista della condotta di una politica estera nei confronti dell’est autonoma, ha le ali tarpate. Ha cercato di evitare la cessione dei Leopard, un po’ perché teme una ulteriore escalation della guerra che la coinvolgerebbe in parte per la sua posizione, essendo al centro dell’Europa, ma soprattutto e direttamente perché si tratta di mezzi tedeschi. Tuttavia, ormai, in Europa continentale chi decide sono i polacchi e, per quanto possa sembrare paradossale, i baltici“. Lo afferma all’Adnkronos il generale Marco Bertolini, già comandante del Coi, in relazione all’ok della Germania all’invio dei tank Leopard 2 da parte di Paesi terzi.

https://www.maurizioblondet.it/enormi-stormi-di-cornacchie-nere-su-kiev/

Credo che, in sostanza a comandare siano semplicemente elites finanziarie occidentali (anglo-americane) tramite le loro articolazioni "piovresche" che vanno dai servizi segreti alle agenzie di pubblicità, ai vari media, giù giù fino agli stati, che forse sono poco più di caselle su una scacchiera. Hanno infiltrato tutto, fin dalla seconda guerra mondiale, che abbiamo perso duramente; infatti qualche traccia di resistenza c'è da parte della Francia che, del resto, non ha basi americane, mentre noi siamo pieni, come anche la Germania. E' chiaro poi che dove non arrivano con le buone arrivano con le cattive. Mi ricordo che anni fa il Papa (Francesco) criticò, durante un viaggio in Giordania, i bombardamenti americani in Siria, e non molto tempo dopo dei suoi parenti morirono in un incidente stradale in Argentina. Sarà stato un caso, non posso saperlo, ma è doveroso porsi almeno delle domande (che non mi pare, all'epoca, che qualcuno si sia posto). L'epidemia di Covid e le vicende legate alle vaccinazioni poi, costituiscono un ulteriore strumento di pressione e, probabilmente in certi casi, di ricatto.
L'ottimo è nemico del bene....ma non c'è limite al peggio