Autore Topic: Le politiche sul cambiamento climatico costano il doppio del PIL globale  (Letto 48 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 17409
  • Sesso: Maschio
Una banca rivela la triste verità sulla crociata contro il cambiamento climatico: costa il doppio del PIL globale

 Maurizio Blondet  19 Ottobre 2021
La scorsa settimana, Bank of America ha scatenato una tempesta di reazione tra i campi pro e contro i cambiamenti climatici, quando ha pubblicato uno dei suoi voluminosi volumi ” Ricerca tematica “, questa volta riguardante il mondo ” Transwarming” ( disponibile per tutti i sub ZH pro ) , e che funge da chiave di volta per l’odierna realtà Net Zero, se non altro per essere stata una delle prime banche a quantificare il costo della più grande revisione economica, ecologica e sociale della storia moderna .

La linea di fondo: non meno di 150 trilioni di dollari in nuovi investimenti di capitale sarebbero necessari per raggiungere un mondo “zero netto” in 30 anni – equivalenti a circa $ 5 trilioni di investimenti annuali – e pari al doppio dell’attuale PIL globale.

Inutile dire che il settore privato non ha neanche lontanamente il capitale necessario per completare questo investimento, motivo per cui Bank of America stima generosamente che tutto o parte del conto dovrebbe essere pagato dalle banche centrali sotto forma di decine di trilioni di QE. E poiché il QE è essenzialmente monetizzazione del debito, e poiché 150 trilioni di dollari di nuovo debito avrebbero conseguenze devastanti sull’economia, BofA è stato così gentile da condividere il suo calcolo di quanto inflazionistico sarebbe questo progetto miliardario: lo scenario di “monetizzazione completa”, in cui le banche centrali iniettano $ 5 trilioni di liquidità ogni anno tramite il QE per 30 anni, comporterebbe un aumento del 3% dell’inflazione per un buon decennio. Questa è l’inflazione al di sopra di tutto ciò che sta già arrivando.

come ammette BofA, la crociata contro il cambiamento climatico, la dottrina ESG, il mondo “Net Zero”, come si vuole chiamarlo, si tratta di dare il via al più grande episodio di QE della storia, uno avvolto nella “nobile” patina di combattere per la causa più importante nella storia della civiltà, ma in realtà è solo il più grande schema di trasferimento di ricchezza della storia:

Vediamo solo un picco di <1% di inflazione aggiuntiva all’anno su un orizzonte di tre decadi. In scenari più aggressivi in ​​cui le banche centrali scelgono di assorbire la metà o l’intera decarbonizzazione attraverso il quantitative easing, i rischi di uno shock inflazionistico crescono . Tuttavia, riteniamo che il nostro terzo caso sia lo scenario più probabile, poiché sarebbe politicamente difficile giustificare un impulso monetario molto più espansivo. È vero, mentre i banchieri centrali hanno espresso il desiderio di aiutare l’economia verde, i loro acquisti di obbligazioni societarie sono stati storicamente limitati a politiche in tempo di crisi attraverso l’allentamento quantitativo e rimangono ben al di sotto degli acquisti di debito sovrano. Come tale,eventuali acquisti di obbligazioni societarie verdi sarebbero probabilmente limitati sia dalle dimensioni dei futuri programmi di acquisto sia dalla loro proporzione rispetto al mercato complessivo delle obbligazioni societarie, con allocazioni leggermente più elevate nell’ambito di politiche di acquisto più progressive che mettono in evidenza le preoccupazioni ambientali

A questo punto dovrebbero suonare i campanelli d’allarme anche tra i progressisti più cerebrolesi perché nonostante tutti i suoi benefici propagandati, i costi iniziano a emergere e – almeno quando si tratta delle prossime due o tre generazioni – saranno assolutamente schiaccianti per la classe media, mentre consente all’1% più ricco di saccheggiare e depredare praticamente tutti i beni del mondo. Pensalo come il più grande furto obbligatorio nella storia del mondo, e improvvisamente si può capire perché ogni miliardario del jet privato è oh così fortemente a sostegno di un mondo “net zero”.

La situazione peggiora.

Ora che il genio è uscito dalla bottiglia e vengono poste domande difficili come “chi deve pagare per tutto questo”, Bank of America ha avuto un rapporto di follow-up in cui ha chiarito abbondantemente che ” contrariamente ad alcune argomentazioni, pensiamo che gli sforzi di mitigazione del clima potrebbero danneggiare la crescita nel prossimo decennio o giù di lì”.

Nella sua nota intitolata ” A hot take on climate change” ( ancora una volta disponibile per gli abbonati professionisti al solito posto ) , il capo economista della Bank of America Ethan Harris passa prima attraverso tutti i passaggi familiari del perché è così imperativo – e nobile – fare qualcosa per combattere i gas serra (simile a quanto abbiamo letto per gran parte della prima parte del XX secolo, quando articolo dopo articolo a partire dal 1912 si lamentava della catastrofe che è il riscaldamento globale, almeno fino agli anni ’70 quando la mancanza di effettivi il riscaldamento globale ha spinto gli “scienziati” a suggerire che il raffreddamento globale e “una nuova era glaciale” sono invece inevitabili ). Almeno gli scienziati potrebbero essere d’accordo che è “(si scopre che significherebbe davvero ” stampa di denaro globale “), e come ha spiegato Harris, questo è ciò su cui il “consenso scientifico” sembra concordare ora:

Il comportamento umano sta avendo un impatto significativo sui cambiamenti climatici e sugli eventi climatici.
Anche con ipotesi ottimistiche, come il raggiungimento di zero emissioni nette entro il 2050, gli impatti probabilmente cresceranno nel corso di questo secolo.
L’azione precoce è molto più efficace che aspettare fino a tardi.
L’incertezza sull’esatto impatto non è una scusa per l’inazione: un’ampia gamma di risultati significa più, non meno urgenza nell’agire.
Niente di quanto sopra è nuovo in quanto i media mainstream hanno bombardato il loro pubblico negli ultimi dieci anni con banalità emotive e appelli qualitativi sul perché qualcosa deve essere fatto.

Tuttavia, come abbiamo accennato per la prima volta la scorsa settimana , qualsiasi discussione sull’economia del cambiamento climatico dovrebbe iniziare e terminare con il fatto
che è l’ultimo esempio di ” esternalità ” – attività private (di solito per le società che rampolli e azionisti sono ormai in lo 0,01% più alto della ricchezza mondiale) che creano costi pubblici. In effetti, come scrive Harris, il cambiamento climatico è l’ultima esternalità perché l’attività in un unico luogo ha un impatto su tutto il mondo. Il fatto che il cambiamento climatico sia di natura globale e che gran parte del beneficio delle azioni vada a beneficio di tutti gli altri ha alcune potenti implicazioni.

Innanzitutto, a differenza di altre “razze” tecnologiche, la mitigazione del clima è più un “gioco” cooperativo che una competizione. Quando paesi come gli Stati Uniti e la Cina “competono” per sviluppare nuove tecnologie, spesso tendono a sorgere due punti di conflitto: una lotta per la quota di mercato e una lotta per la superiorità geopolitica. Al contrario, i paesi che sviluppano tecnologie efficienti per la mitigazione del clima hanno un forte incentivo a condividere i benefici. Se accumulano la tecnologia, l’impatto sul proprio clima sarà molto minore.

È fantastico… se solo non fosse un sogno irrealizzabile. Come mai? Perché come il recente rifiuto da parte del cinese Xi Jinping – per inciso il più grande inquinatore del mondo – di unirsi ai suoi compagni leader mondiali “crociati per il cambiamento climatico” al summit Net Zero della COP26 in Italia alla fine di questo mese, è tutto uno spettacolo gigantesco pensato per le masse. Perché se il più grande inquinatore del mondo sta mettendo in chiaro che non ha interesse a ridurre effettivamente le proprie emissioni di CO, allora chiunque predichi qualche stronzata su un “gioco cooperativo” può farne a meno.

Tuttavia, dove Harris ha in qualche modo ragione, sta nel sottolineare il “deprimente consenso fuori dalla letteratura sui cambiamenti climatici” che anche se tutti cooperano, la terra continuerà a riscaldarsi poiché ci sono ritardi nel legame tra i gas serra e il riscaldamento globale. In effetti, con il migliore dei risultati, con ogni paese che raggiunge obiettivi aggressivi di metà secolo, il cambiamento di politica mitigherà, non fermerà il problema. Quindi, secondo BofA, “gli eventi climatici rappresenteranno un aumento del rischio al ribasso, di intensità variabile, in quasi tutti gli scenari plausibili”.

In altre parole, il teatro dell’assurdo a zero netto è quello in cui le motivazioni degli attori divergono nettamente – quando solo una convergenza dall’inizio potrebbe farlo funzionare – ma dove anche lo scenario migliore di una cooperazione completa non ha alcuna possibilità di fermare effettivamente il problema, solo attenuandolo. Oh, e nel frattempo, il mondo è destinato a sostenere circa 150 trilioni di dollari di costi.

Il che ci porta quindi alla valutazione fondamentale di BofA: tutto questo sarà positivo o negativo per la crescita? Qui troviamo una verità inaspettata…

Secondo BofA, sia i comunicati stampa che molti degli studi sul cambiamento climatico si concentrano sul lato sbagliato dell’economia: l’impatto sulla domanda aggregata piuttosto che sulla capacità produttiva. Ad esempio, l’ultimo rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) sostiene che spingere verso le emissioni nette zero ridurrebbe l’occupazione nel settore energetico tradizionale di 5 milioni entro il 2030, ma aggiungerebbe 14 milioni di posti di lavoro nel settore dell’energia pulita. Sostengono inoltre che “l’aumento dei posti di lavoro e degli investimenti stimola la produzione economica, determinando un aumento netto del PIL globale fino al 2030”. La crescita del PIL globale è in media superiore di 0,4 nel periodo dal 2020 al 2030. Il rovescio della medaglia sarebbe che alcuni paesi sarebbero vincitori e altri perdenti, e che l’inflazione – una volta che uno fattori nei trilioni e trilioni di QE della banca centrale necessario per finanziare l’intera crociata –potrebbe essere dall’1 al 3% in più.

Qui Bank of America non è d’accordo, scrivendo che quando saranno in corso seri sforzi di mitigazione del clima l’economia globale sarà probabilmente vicina alla piena occupazione. Questo sarà probabilmente il caso negli Stati Uniti. Quindi dotare il settore di personale significa estrarre i lavoratori dal resto dell’economia. Allo stesso tempo, la costruzione di infrastrutture per l’energia verde richiederà più del raddoppio degli investimenti nel settore, da circa il 2% del PIL attuale a una media del 4,5% nel periodo 2020-30. Da dove verrà quel 2,5% del PIL? (avviso spoiler: stampa di denaro, e lo sanno tutti ).

O forse nota: Harris ammette che nel breve periodo le banche centrali potrebbero in effetti soddisfare l’aumento della domanda, consentendo alle loro economie di surriscaldarsi. Da qui la stima dell’AIE di un aumento dell’inflazione dall’1 al 3%. Tuttavia, anche l’economista BofA non è d’accordo con tale stima. Se la Fed consente un superamento permanente del potenziale economico, l’inflazione non solo aumenterà, ma tenderà al rialzo. Come negli anni ’70, ci sarà un circolo vizioso tra inflazione dei prezzi, inflazione dei salari e aspettative sui prezzi.

Traduzione: la crociata “zero netto” contro il cambiamento climatico è davvero…. la condizione necessaria e sufficiente per innescare l’iperinflazione di cui le nazioni massicciamente indebitate hanno bisogno per gonfiare il loro debito .

Ma aspetta, c’è di più, perché come Harris ammette in seguito, in realtà, mentre l’inflazione è destinata a salire, è probabile che la mitigazione del clima “rallenti anche il lato dell’offerta dell’economia, in particolare nella fase di accelerazione”. Spiega ulteriormente:

I grandi cambiamenti strutturali nell’economia tendono a creare grandi sfide di transizione. I lavoratori devono spostarsi da un settore all’altro, alcune industrie esploderanno mentre altre si ridurranno e con l’aumentare delle normative e delle tasse, il capitale investito nella produzione e nell’utilizzo di energia sporca diventerà rapidamente obsoleto.

Tutto ciò significa una crescita tendenziale inferiore durante il passaggio da un’economia sporca a una green economy . E, come notato sopra, non c’è nemmeno alcuna garanzia che una transizione verso un’economia verde sarà mai completata una volta iniziata; nella migliore delle ipotesi, potremmo essere bloccati per sempre nella fase di “mitigazione”.

Il payoff altamente asimmetrico – ammette BofA – arriva nel lunghissimo periodo, con i benefici che si accumulano qui e ora per coloro che stanno per raccogliere la generosità della stampa della banca centrale, che naturalmente saranno coloro che possiedono gli asset resistenti all’inflazione come azioni, materie prime e, naturalmente, criptovalute; mentre il dolore sopportato da tutti gli altri che – purtroppo – significa il restringimento delle classi medie e basse, che però sono “in esso per il lungo periodo”, e per i benefici che un clima più pulito (forse) fornirà ai loro nipoti e pronipoti. La loro generazione, però, sarà sacrificata all’altare dello 0,1% del bene. Perché come ogni vera religione, anche il “cambiamento climatico” richiede un sacrificio affinché una manciata di prescelti possa vivere meglio.

Solo la punta dell’iceberg

Alla faccia della teoria, cosa sta succedendo sul campo? Come spiega Harris, i progressi in materia di politiche sono dolorosamente lenti poiché alcune politiche continuano a peggiorare anziché aiutare il problema. Considera due esempi. In primo luogo, secondo l’IEA, i paesi spendono più di 400 miliardi di dollari all’anno per sovvenzionare principalmente petrolio, ma anche gas ed elettricità. In molti casi c’è un conflitto tra aiutare i poveri e aiutare l’ambiente. In secondo luogo, nonostante ciò che BofA chiama “l’innalzamento del livello del mare e l’aumento dell’attività degli uragani”, alcuni paesi incentivano la localizzazione di case in pericolo attraverso assicurazioni sovvenzionate e soccorsi in caso di catastrofe. Quasi come se i paesi stessi, e certamente i miliardari sulla spiaggia di Malibu, non credessero davvero nell’innalzamento del livello del mare.Ancora una volta c’è un conflitto tra due obiettivi: aiutare le persone vulnerabili e ridurre il costo degli eventi climatici.

Nel frattempo, i cambiamenti climatici e gli sforzi di mitigazione sembrano già avere un impatto sull’economia globale. Mentre gli scienziati sono molto attenti a evitare di assegnare una relazione causale tra il cambiamento climatico e i singoli eventi climatici – forse per lo stesso motivo per cui la “scienza” è emersa come una farsa politicamente motivata quando si è giunti a conclusioni avventate e guidate dall’ideologia durante lo spettacolo del covid – ma indicano alcune tendenze inquietanti. Consideriamo due esempi evidenziati da BofA: “In primo luogo, i dati pubblicati dall’Environmental Protection Agency mostrano che il numero di incendi negli Stati Uniti non ha mostrato alcuna tendenza dal 1983 al 2020. Tuttavia, quando si concentrano solo su grandi incendi, la quantità di acri bruciati sembra essersi spostato in modo significativo a partire dal 2000 circa. In secondo luogo, il Laboratorio di fluidodinamica geofisica raccoglie studi su uragani e cicloni tropicali. Il suo rapporto è cosparso delle solite precisazioni (confidenza da media ad alta), ma le prove indicano un aumento dell’intensità delle tempeste negli ultimi anni.” Cara Bank of America, questa si chiama ricerca tormentata di obiettivi: spremere i dati abbastanza forte e qualsiasi il modello che desideri alla fine emergerà.

Ancora più importante, BofA ammette che ora ci sono prove che il cambiamento climatico e la mitigazione svolgono “un ruolo” nel recente aumento dei prezzi dell’energia (a ciò vorremmo controbattere che non solo la mitigazione dei cambiamenti climatici gioca “un ruolo” ma che la ragione principale per la crisi energetica globale è la spinta idiota per un’utopia ESG, qualcosa che abbiamo avvertito che sarebbe successo a giugno in ” Will ESG Trigger Energy Hyperinflation “).

Ma dove peggiora è che, date le prospettive normative e lo stigma ora prevalente associato a qualsiasi combustibile fossile, gli investimenti nella capacità di energia sporca saranno bassi e dipenderanno da prezzi elevati. Nel frattempo, l’energia verde non sta crescendo abbastanza velocemente da colmare il divario. Esilarante, i cambiamenti nei modelli di vento e pioggia sembrano aver influenzato la fornitura di energia eolica e idroelettrica. La stessa energia eolica e idroelettrica che avrebbe dovuto portare il mondo fuori dalla sua dipendenza dai combustibili fossili. Poiché gli scienziati erano così ciechi nello spingere la loro agenda politica, non sono riusciti a vedere cosa c’era davanti ai loro nasi, allo stesso modo in cui Reuters ha capito la scorsa settimana che le città europee e statunitensi pianificano di eliminare gradualmente i motori a combustione nei prossimi 15 anniprima è necessario colmare un divario di ricarica per milioni di residenti che parcheggiano le loro auto in strada . Oops – forse col senno di poi, i responsabili politici e gli scienziati dovrebbero avere anche se la prima assolutamente ovvio, invece di correre al GoalSeek l’ordine del giorno per marche loro i benefici più monetari …

https://www.maurizioblondet.it/una-banca-rivela-la-triste-verita-sulla-crociata-contro-il-cambiamento-climatico-costa-il-doppio-del-pil-globale/?utm_medium=push&utm_source=onesignal&utm_campaign=push_friends
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.