Autore Topic: Il potere di plasmare le donne  (Letto 167 volte)

Online Caiovaleriocatullo

  • Utente
  • *
  • Post: 55
Il potere di plasmare le donne
« il: Settembre 05, 2021, 14:38:31 pm »
Riflettevo sul libro QMDS di Rino Della Vecchia e su alcune sue parole a proposito dell'esigenza che le donne hanno di essere definite dal maschile e alla capacità maschile di determinare l'identità femminile. Voglio porre una domanda agli utenti del forum: quanto è reale questo potere maschile di plasmare le donne all'atto pratico?

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 16886
  • Sesso: Maschio
Re:Il potere di plasmare le donne
« Risposta #1 il: Settembre 05, 2021, 14:48:18 pm »
Dipende dall'uomo. Per una minoranza per cui vanno in bordo di giuggiole è pressoché totale, per gli altri praticamente zero. Le "influenzano" nella misura in cui le donne possono ottenere qualcosa da loro, in tal caso SEMBRANO docili ma poi le cose cambiano.
E' importante capire che simili considerazioni vanno calate in un contesto storico, a nessuno verrebbe in mente di dire che Cesare Augusto non aveva alcun potere su sua moglie.
Riflettevo sul libro QMDS di Rino Della Vecchia e su alcune sue parole a proposito dell'esigenza che le donne hanno di essere definite dal maschile e alla capacità maschile di determinare l'identità femminile.
Che io sappia, la domanda non è mai stata posta qui in questi termini ma sicuramente la percezione di sé a livello sessuale si influenza a vicenda. Per esempio se ti capita (cosa molto rara oggi) di conoscere una donna dalla marcata femminilità, la percezione di te come uomo cambia e non di poco.
Oggi sono tutti o quasi zerbini prroprio perché accettano le regole del gioco di donne poco femminili (a prescindere dall'aspetto fisico, peraltro molto cambiato nella moda, nell'atteggiamento ecc.)
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.