Autore Topic: Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA  (Letto 18634 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #30 il: Luglio 19, 2021, 21:59:36 pm »
Parla un NOBEL: NON MI VACCINERO', le vaccinazioni possono peggiorare la pandemia

Chi ne capisce più di lui, si faccia avanti: :D

Dopo aver largamente parlato degli aspetti economici legati al Covid, dopo aver ospitato degli esperti sia favorevoli che contrari ai vaccini, è arrivato il momento di spingerci oltre, cercando di capire come la pensano i cd. complottisti anti-Vax.

Premesso che noi NON siamo anti-Vax — anzi, il fondatore di questo sito si è dovuto recentemente vaccinare anche per la pertosse (…), pur non essendo certo un bambino — vanno capite le ragioni delle parti in causa.

Chi accetta il vaccino per il Covid fa opera di fede nella scienza, nello stato e nel sistema visto che le normali procedure di sicurezza previste dall’EMA e dall’FDA non sono state portate a termine (come indicato chiaramente dalla stessa EMA).

Di conseguenza, s’immola per la scienza testando il vaccino su se stesso, pur correndo il rischio — speriamo in modo consapevole — di un nuovo caso Talidomide.

Comprendere i cd. complottisti, di norma più profondi nei loro ragionamenti, è invece un affare complesso. Proviamoci insieme (l’immagine sopra è tratta dal seguente paper scientifico, pubblicato sul sito del governo britannico, a questo LINK).

In buona sostanza, i cd. complottisti sembrano intravedere un fine ultimo diverso da quello di voler combattere la malattia. Rilevano che, ad esempio, il virus non stia quasi facendo più vittime e che esistono medicine in grado di combatterlo efficacemente.

Stigmatizzano che il fine ultimo sia più quello di vaccinare che di curare il virus.

Pensano — così sembrerebbe — che i vaccinati con due dosi si ammalino di Covid più dei non vaccinati, soprattutto della “variante Delta” — vedasi immagine sopra.

Valutano parimenti il fatto che Paesi come la Svezia, la Russia e il Giappone — che non hanno fatto campagne vaccinali estensive/non hanno usato particolari precauzioni anti-Covid — non stiano avendo rilevanti e mortifere epidemie.

Ovvero, non sembrerebbero in condizioni peggiori rispetto ad altri paesi che hanno fatto il contrario (la stessa Svizzera — patria d’adozione di Klaus Schwab —  non ha attivato misure particolarmente repressive).

Va infatti notato che, se è vero che la vaccinazione massiva sia stata perseguita principalmente nella vecchia Europa (con riferimento anche alla sua popolazione, per lo più anziana), è anche vero che i sistemi economici che l’hanno accettata sono tutti vicini al collasso, con debiti enormi sia espliciti (ad esempio quelli dello Stato) che impliciti, ovvero quelli delle future pensioni.

Parimenti, va evidenziato che, ultimamente, sono state portate avanti dissertazioni pubbliche in grado di dinamitare la base stessa della società storica occidentale (la stessa che è indebitata fino al collo), proponendo teorie che svariano dall’LGBT allo sdoganamento di certe pratiche sessuali — fino al supporto all’immigrazione selvaggia di una parte della classe dirigente, la stessa che (come ad esempio la famiglia Von der Leyen) approfittò a suo tempo del lavoro schiavile della popolazione di colore in America (…).

Il tutto, a fronte di un Papa che sembrerebbe spingere per una riforma radicale del conservatorismo occidentale che annienterebbe di fatto la Chiesa Cattolica tradizionale.

Chiaramente, tutto questo non succede per caso.

Non è certo un caso che quanto sopra coincida con l’indebolimento finale del dominus storico, gli Stati Uniti che, alcuni (dagli avversari sconfitti nella WWII al newcomer, la Cina), vorrebbero ridimensionare.

Chiaramente, gli USA si portano dietro Londra che, fino a ieri l’altro (con Cameron), era pappa e ciccia con Bruxelles (…).

La galassia che rifiuta il “vaccino Covid” sembrerebbe farlo sulla base non tanto della sua inutilità (la malattia uccide poco rispetto alle grandi piaghe del passato), quanto del “principio di massima precauzione”, vista l’impossibilità di valutare gli effetti collaterali, con particolare riferimento al vaccino mRNA (una tecnologia d’immunizzazione assolutamente innovativa e dunque poco conosciuta nei suoi effetti collaterali di lungo termine), visto che le 3 fasi canoniche del test di accettazione non sono state portate a termine — mettendo potenzialmente a rischio chi si vaccina.

Parallelamente a quanto sopra, lamenta la grande spinta per far arrivare migranti a rotta di collo nei paesi colpiti dalla pandemia, quasi servissero a sostituire i residenti destinati — chissà — a morire … non si capisce bene se di Covid o di vaccino (…).

Elaborazioni STATISTICHE, si noti bene, STATISTICHE, arrivano a pubblicare ipotesi di probabilità condizionale come sopra indicato, al LINK

Quello che possiamo portare a supporto sono le parole di Luc Montagnier, Nobel per la Medicina, che ha riaffermato la prassi scientifica secondo cui, durante un’epidemia, non si fanno vaccinazioni (non si può certo includere il Prof. Montagnier tra i complottisti).

Aggiungiamo, citando il Nobel di cui sopra, che il rischio è di sviluppare forme di Covid più letali come conseguenza di tali vaccinazioni (Montagnier ha detto che non si vaccinerà contro il Covid).

Dunque, secondo una certa corrente di pensiero, sembrerebbe che il vaccino anti-Covid vada a danno, paradossalmente, di chi si è vaccinato, visto che l’immunizzazione che provoca è totalmente diversa da quella naturale, che genera svariati anticorpi da parte di quella macchina perfetta che è l’uomo — ovvero del suo sistema immunitario (…).

La scienza che vediamo in TV, naturalmente, dice cose diverse anche se, chi leggesse con attenzione il “consenso informato” sui vaccini Covid, troverebbe che la situazione non sia così rassicurante sulle possibili conseguenze.

Il vaccino Moderna usato in USA (ma non quello usato in EU) presenta la scritta sulla confezione che “il vaccino va usato nei termini di un’autorizzazione emergenziale” concessa dall’FDA — ovvero in deroga, perché non ha completato i test di sicurezza standard previsti dall’FDA per ogni medicamento

Va peraltro notato che in Toscana, patria di Matteo Renzi, stanno nascendo importanti strutture di ricerca sugli anticorpi monoclonali.

Sto parlando di stabilimenti, già di proprietà italiana, che sarebbero stati venduti — leggete bene — alla GSK, nata per fusione dalla stessa azienda che pagò a Poggiolini et al. la famosa tangente del “puff pieno di soldi” per introdurre il vaccino sull’epatite B in Italia.

Lo stesso vaccino al cui riguardo sembrerebbe sia in corso uno scontro giuridico in Francia, come conseguenza di un aumento statisticamente significativo di casi di Sclerosi Multipla, che qualcuno vorrebbe legati all’uso di tale vaccino — così sembrerebbe da varie pubblicazioni.

Bene, tali anticorpi monoclonali anti-Covid esistono di già (ad esempio la ticinese Humabs. Non si capisce perché l’EMA,  LINK, in una situazione d’emergenza, non utilizzi un medicamento già esistente che funziona ed è autorizzato negli USA, invece di crearne altri), e potrebbero servire per combattere le forme gravi di Covid che, si presume, potrebbero insorgere in futuro — ad esempio a danno dei vaccinati che hanno forzato l’immunizzazione su un solo segmento del virus, ovvero sulla proteina spike (con particolare riferimento ai vaccini attuali, soprattutto gli mRNA).

Bene, ragioniamo per meglio comprendere. Analizziamo cosa pensano i cd. “complottisti” del Covid, dei vaccini e, soprattutto, di quello che si celerebbe dietro la grande spinta mediatica a vaccinarsi.

In effetti, l’utilità assoluta dei vaccini Covid oggi non è assolutamente garantita — basta leggere il consenso informato.

I grandi media, in tale contesto, fanno da cassa di risonanza perché la loro proprietà coincide con la parte élitaria della società e, quindi, sono interessati non a informare, ma a propagandare i progetti delle élites.

Il tempo, in ogni caso, ci dirà.

Resta sullo sfondo il reato che sembrerebbe alcuni giudici stiano paventando (e solo questo, per inciso): epidemia dolosa o qualcosa di correlato.

Sarebbe giustificabile, nell’eventualità, solo nel momento in cui si riuscisse a dimostrare (ipotesi davvero ardua) che ci sia stata correlazione tra l’insorgere della pandemia di Covid e gli effetti successivi — magari a fronte della conoscenza, anche solo teorica, degli effetti avversi che sembrerebbero attesi.

Soprattutto (ed è questa la big picture), le società occidentali, in particolare quelle colpite con maggior forza dal Covid (dove più si sta spingendo per la vaccinazione di massa), sono in crisi mortale, sature di debiti e senza crescita del PIL.

Tali società vedranno certamente un aumento esponenziale delle proteste, sia per motivi economici — consequenziali ai blocchi imposti dal Covid, senza il quale la parabola implosiva sarebbe stata più lenta — che conseguenti alla pandemia.

Non è infatti da escludere che la morte di un gran numero di persone non produttive, nella testa di qualcuno, possa essere addirittura auspicabile per “salvare” la società moderna.

O meglio, per salvare i privilegi di una parte della società, visto che — libri di storia alla mano — tutte le volte che sono stati raggiunti certi limiti sistemici a rimetterci sono stati chi possedeva tanto, non chi possedeva niente e che, quindi, non aveva nulla da perdere
.

Tutto questo senza tirare in ballo la solita litania sull’eccessiva popolazione del pianeta, unitamente alle rilevazioni scientifiche sugli attesi cambiamenti climatici (che molti tra i climatologi più stimati contestano, quanto meno nella loro componente antropogenica),  che porterebbero a una riduzione dei raccolti agricoli — il che giustificherebbe prese di posizione, diciamo così, estreme.

La storia — che per definizione non è complottista, ma matrigna — ci sta dicendo che siamo CERTAMENTE davanti a un cambiamento epocale, dato dall’instabilità strutturale del sistema attuale (soprattutto in Occidente) e, forse, dal raggiungimento dei limiti strutturali del capitalismo, per come sono stati indicati da Keynes (su tutto, l’incapacità di controllo della disoccupazione come conseguenza dell’accumulo di ricchezza in mano di pochi).

Ben sapendo che la società è divisa tra qualcuno che vuole il cambiamento e qualcuno che, invece, lo detesta. Forse, siamo arrivati al punto in cui la vita di ciascuna delle due fazioni dipenderà dalla vittoria della propria schiera rispetto all’altra.

In tale contesto, coloro che (secondo una certa teoria socio-economica — follow the money) avrebbero pieno interesse a perseguire una deflagrazione controllata (utile ad esempio a ridurre la popolazione mondiale) per ridurre i debiti e innescare la crescita, sarebbero gli stessi che impongono la vaccinazione di massa per mantenere i propri privilegi, questa volta senza rivolte.

Noi ci fermiamo qui, non prendiamo posizione su cosa posa essere vero e su cosa possa essere falso. Senza arrabbiarci, restando assolutamente freddi nelle nostre analisi.

Abbiamo riportato solo quello che è stato detto e scritto da altri.

L’essenziale è far capire come suonano le due campane. Ai lettori la scelta su cosa fare e, soprattutto, su cosa credere.

MD

Fonte: Mitt Dolcino
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #31 il: Luglio 20, 2021, 19:20:53 pm »
Una Stella Gialla al Contrario. Questo Propone l’On. Zampa. Ricordiamocelo.


Cari amici e nemici di Stilum Curiae, credo sia giusto – e interessante, a futura memoria e anche attuale, riportare il commento che un caro amico e collega da tanti anni, Via van Brantegem, ha pubblicato su Facebook in relazione alle dichiarazioni di una certa Sandra Zampa, esponente del PD, e collaboratrice del ministro della Salute Roberto Speranza, uno dei più grandi responsabili del modo criminale in cui nel nostro Paese si è gestita la crisi del Covid. Non dimentichiamoci però mai i dati essenziali della questione: e cioè che per ammissione stessa dei produttori, questa terapia sperimentale, e che come tale è registrata, anche se i media asserviti a Big Pharma, BIge Tech e Big Finance si ostinano a parlare di “vaccini”, non previene o impedisce l’infezione, e non impedisce né di essere contagiati né di contagiare. Tutt’al più riduce sintomi e gravità, una volta che sei malato…Questo bisogna dirlo e ripeterlo, per combattere la marea di menzogna che stanno spargendo a piene mani. Buona lettura: ecco cosa scrive Vik.

§§§
Variante (cattiva) della “Legge di Truman” formulata da Arthur Bloch (“Se non li puoi convincere, confondili”): se non li puoi convincere a farsi vaccinare, affamali.
Sinonimi di affamare: rovinali, manda in rovina, riduci in miseria, spogliali, derubali, depredali.
Ero convinto che il totalitarismo era il peggio che l’umanità abbia inventato.
Mi sono sbagliato.
Oggi si sta creando qualcosa molto peggio: campi di sterminio senza filo spinato. In una società di analfabeti funzionali – abbruttiti dai morti “per Covid”, abituati ai morti seppelliti, dopo il passaggio nei forni crematori, in totale solitudine – che ignorano il assoluto silenzio lo sterminio dei no-vax, i moderni non-ariani.
Il costrutto ideologico è stato formulato oggi da Tito Boeri e Roberto Perotti su la Repubblica: «Chi non si immunizza deve almeno pagare i danni che provoca. Chi non si immunizza deve almeno pagare i danni che provoca».
Qualche voce di buon senso si sente ancora… per il momento: “L’85% di docenti e personale scolastico ha già fatto la prima dose di vaccino, il 78% ha già completato il ciclo (dati al 16/07), entro settembre si stima di arrivare oltre il 90% di copertura (volontaria). Che senso ha parlare di obblighi o licenziamenti a scuola?” (Matteo Salvini @matteosalvinimi – 19 luglio 2021).
***
Ci permettiamo una piccola chiosa alle frasi riportate da Repubblica, al cui confronto Pravda, Isvestia e il Quotidiano del Popolo sono esempi di giornalismo libero, veritiero e indipendente. Immunizzarsi da cosa? Non sono certo quei sieri che immunizzano. E chi si vaccina – lo ripetiamo ad usura, perché è nei fatti e nelle notizie – si ammala, e contagia. Ma di che cosa questa gentaglia sta parlando?

https://www.marcotosatti.com/2021/07/20/una-stella-gialla-al-contrario-questo-propone-lon-zampa-ricordiamocelo/
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online KasparHauser

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 976
  • Sesso: Maschio
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #32 il: Luglio 20, 2021, 20:09:08 pm »
Io non ho capito una cosa: esattamente che problemi hanno quelli che si sono vaccinati? Perchè non se ne stanno tranquilli e felici di essere ormai immortali invece di andare in giro a rompere le scatole a chi non vuole vaccinarsi?

Offline fritz

  • Affezionato
  • **
  • Post: 758
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #33 il: Luglio 20, 2021, 22:51:08 pm »
Io un po' ammiro quelli che hanno avuto il coraggio di vaccinarsi. E ne capisco tutte le ragioni. Ma il vaccino e' e rimane sperimentale ... Mi riservo il diritto di esercitare il mio coraggio ad affrontare il coronavirus/covid-19 senza.

E' un mio diritto dopotutto ...  :hmm:

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #34 il: Luglio 20, 2021, 23:29:42 pm »
Io non ho capito una cosa: esattamente che problemi hanno quelli che si sono vaccinati? Perchè non se ne stanno tranquilli e felici di essere ormai immortali invece di andare in giro a rompere le scatole a chi non vuole vaccinarsi?
Osservazione molto perspicace. Io non ce l'ho con chi si vaccina, non contagio nessuno. Perché militari (fonte: l'amata Repubblica) dovrebbero "andare a caccia" dei 17 milioni di non vaccinati? Già siamo ai rastrellamenti?
Nel frattempo in Francia UN MILIONE  E MEZZO  di sanitari è pronto a rassegnare le dimissioni pur di non vaccinarsi. Hanno invaso le strade con manifestazioni. Chissà per quali superstizioni complottiste questi medici e paramedici rifiutano il siero magico, così sicuro e salutare
« Ultima modifica: Luglio 20, 2021, 23:49:46 pm da Vicus »
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Antonio

  • Affezionato
  • **
  • Post: 114
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #35 il: Luglio 21, 2021, 01:47:42 am »
Io non ho capito una cosa: esattamente che problemi hanno quelli che si sono vaccinati? Perchè non se ne stanno tranquilli e felici di essere ormai immortali invece di andare in giro a rompere le scatole a chi non vuole vaccinarsi?

Mi sembra di aver letto che il problema siano le varianti che, in chi si è vaccinato, non "prolificano", invece in chi non ha il vaccino in corpo, sì.
Quindi poi, anche chi si è vaccinato, non è immune alle nuove varianti sviluppatesi attraverso chi non è coperto dal vaccino.
Scusate il linguaggio maccheronico, ma non ho avuto tempo di approfondire e leggere tutte le info ecc

Io mi sono vaccinato in largo anticipo rispetto alla mia fascia d'età. Sono stato, diciamo, fortemente sollecitato in quanto caregiver. Ho fatto lo Pfizer e, mesi fa, non erano emersi i dati sulle infiammazioni cardiache ecc.
Si parlava solo di quanto fosse dannoso astrazeneca per le giovani donne




Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #36 il: Luglio 21, 2021, 02:14:21 am »
Hai evidenziato un punto importante:non abbiamo ancora dati sulla sicurezza di lungo periodo. I vaccini classici sono stati sperimentati anche dieci anni. Questo è ancora ufficialmente sperimentale, in USA si firma un consenso informato che si fa da cavie a un vaccino non approvato dalle autorità sanitarie.

Se condo medici tra cui Nobel, i vaccinati sarebbero più vulnerabili a nuove varianti, anzi è il vaccino stesso a favorirne la nascita. E' noto da anni che non bisogna vaccinarsi durante una pandemia ma questa elementare regola della medicina (fonte: premio Nobel Montaignier e molti altri) sembra essere dimenticata.
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline fritz

  • Affezionato
  • **
  • Post: 758
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #37 il: Luglio 21, 2021, 13:30:54 pm »
Mi sembra di aver letto che il problema siano le varianti che, in chi si è vaccinato, non "prolificano", invece in chi non ha il vaccino in corpo, sì.
Quindi poi, anche chi si è vaccinato, non è immune alle nuove varianti sviluppatesi attraverso chi non è coperto dal vaccino.
Scusate il linguaggio maccheronico, ma non ho avuto tempo di approfondire e leggere tutte le info ecc

Io mi sono vaccinato in largo anticipo rispetto alla mia fascia d'età. Sono stato, diciamo, fortemente sollecitato in quanto caregiver. Ho fatto lo Pfizer e, mesi fa, non erano emersi i dati sulle infiammazioni cardiache ecc.
Si parlava solo di quanto fosse dannoso astrazeneca per le giovani donne


Diversi studi condotti in UK e Israele pero' sembrano smentire questa ipotesi. Sembrerebbe che, anche i vaccinati, possano contagiare. Non si sa ancora in quale misura.

Io comunque ritengo che la soluzione migliore sia quella di trovare una cura a questo virus piuttosto che cercare di vaccinare il mondo intero, cosa che secondo me non portera' a nulla di fatto perche' questo virus, a differenza dell'Ebola o della Meningite, muta troppo velocemente e ritengo impossibile poterlo debellare/contenere attraverso una vaccinazione di massa (di cui non escludo persino risvolti negativi).

Offline fritz

  • Affezionato
  • **
  • Post: 758
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #38 il: Luglio 21, 2021, 13:34:29 pm »
Hai evidenziato un punto importante:non abbiamo ancora dati sulla sicurezza di lungo periodo. I vaccini classici sono stati sperimentati anche dieci anni. Questo è ancora ufficialmente sperimentale, in USA si firma un consenso informato che si fa da cavie a un vaccino non approvato dalle autorità sanitarie.

E' questo che mi spinge a rigettare la vaccinazione. Unitamente al fatto che, qualora dopo il vaccino mi accadesse qualcosa, le case farmaceutiche e tutti quanti sarebbero esenti da qualsiasi implicazione/colpa.
Questo pararsi il culo, scusate il francesismo, mi infastidisce troppo e se loro possono beneficiare di uno scudo giudiziario allora devono togliersi dalla mente di imporre obbligatoriamente il vaccino.

Se e' obbligatorio ti devi assumere tutte le responsabilita' e devi PAGARE per quello che eventualmente accade a persone lesionate/morte a causa del vaccino.

Se non c'e' trasparenza, e concludo qua, il vaccino se lo possono ficcare la', dove non batte il Sole.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #39 il: Luglio 21, 2021, 14:45:49 pm »
se loro possono beneficiare di uno scudo giudiziario allora devono togliersi dalla mente di imporre obbligatoriamente il vaccino.

Se e' obbligatorio ti devi assumere tutte le responsabilita' e devi PAGARE per quello che eventualmente accade a persone lesionate/morte a causa del vaccino.

Se non c'e' trasparenza, e concludo qua, il vaccino se lo possono ficcare la', dove non batte il Sole.
Da scolpire nella pietra. Mi pare normale buon senso, oggi merce sempre più rara
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #40 il: Luglio 22, 2021, 23:03:57 pm »

In questi tempi che stanno diventando sempre più cupi, a dispetto del sole estivo, ci sembra importante condividere con voi alcuni brani dell’editoriale che Riccardo Cascioli, direttore de La Nuova Bussola Quotidiana, ha pubblicato oggi, consigliandovi la lettura integrale dell’articolo. È un articolo che condividiamo totalmente, sgomenti della tranquillità con cui molte persone si avviano a subire  contro ogni logica una forma di dittatura mascherata da preoccupazione per la salute pubblica. E di cui, come ben sottolinea Cascioli, non si prevede la fine, in una creazione di continue “Varianti” (nate come diceva Sabin dalla vaccinazione stessa) per continui vaccini, che non vaccineranno mai da nulla, se non dalla libertà. Buona lettura.

Visto che si è scatenata la caccia a chi non vuole vaccinarsi contro il Covid, io mi costituisco. Però non sono affatto un “no vax”, come non lo è la maggioranza di quanti rifiutano questo vaccino e oggi si ritrovano ad essere il bersaglio di una campagna d’odio senza precedenti. Ho buone ragioni per non vaccinarmi, così come altri giudicano utile per sé il vaccino. Però davanti all’obbligatorietà imposta immotivatamente, opporsi al Green pass diventa una battaglia di libertà contro questo totalitarismo che si sta affermando.

***

Visto che ormai si è scatenata la caccia a chi non vuole vaccinarsi contro il Covid e la campagna d’odio verso chi sprezzantemente è definito “no vax” sta raggiungendo livelli senza precedenti, ho deciso di costituirmi: io non mi vaccinerò; venitemi pure a prendere se oltre a fare i leoni da tastiera o i generali dei proclami, avete il coraggio di un incontro fisico, reale.

***

Però intanto cominciamo a chiarire le cose: non sono affatto “no-vax”, così come non lo è la stragrande maggioranza di coloro che non intendono vaccinarsi contro il Covid. Non solo ho fatto tutti i vaccini che l’Italia comanda, ma avendo girato un po’ per il mondo, ho fatto tranquillamente tutti i vaccini e le profilassi richieste. Ciò non ha impedito, come è logico che sia, che qualche “souvenir sanitario” di questi viaggi mi sia rimasto; a ricordare che vaccini e profilassi non ci rendono superuomini immortali, ma hanno i loro margini di rischio.

Non solo, come Bussola abbiamo sempre sostenuto l’importanza delle vaccinazioni essenziali nei paesi in via di sviluppo, dove si muore giovanissimi per malattie qui ampiamente sconfitte.

***

Ma ci sono vaccinazioni e vaccinazioni: davvero questi apostoli del vaccino ritengono che le migliaia di sanitari in Italia che stanno rischiando il posto e la carriera pur di non sottoporsi al vaccino siano dei pericolosi estremisti o dei creduloni che si abbeverano a fonti inattendibili?

***

Non mi vaccino per tanti motivi, tre in particolare: perché i rischi sono maggiori dei benefici; perché c’è un problema etico; perché stante l’evidente scopo politico del green pass, questa è diventata anche una battaglia a difesa della libertà. Sintetizzo il primo punto: anzitutto per quanto non sia affatto augurabile ammalarsi di Covid, e malgrado a leggere i giornali sembrerebbe che almeno mezza Italia sia infetta, la probabilità di contagio è molto bassa, sia per stile di vita personale (ho una scarsa propensione all’assembramento) sia per dati oggettivi: il bollettino di ieri sera riportava che in Italia ci sono poco più di 51mila contagiati (contagiati, non malati), vale a dire lo 0,08% della popolazione italiana. E solo una minima parte di questi risultano ricoverati con qualche sintomo: 1.194 (il 2,3% dei positivi, lo 0,002% della popolazione italiana). Leggendo i giornali e ascoltando la tv, politici e influencer vari, si ha comunque la sensazione che una nuova ondata si sia rimessa effettivamente in moto. Ebbene, si rimane stupiti a notare che in effetti stiamo assistendo a un calo notevole dei malati di Covid: il 1 luglio, tanto per fare un esempio, i “ricoverati con sintomi” erano 1.532. Vale a dire che in 20 giorni c’è stata una diminuzione del 22%. Discorso analogo per le terapie intensive, passate in 20 giorni da 229 a 158 presenze (-31%).

***

Se comunque venissi contagiato so di poter contare sulle terapie precoci che – ne abbiamo tantissime prove – danno ottimi risultati. Certo, nessuno ci garantisce di non morire comunque di Covid, ma lo stesso vale per i vaccini, come stiamo vedendo in questi mesi. Devo agire con prudenza e ragione; ma non spinto dalla paura di morire. Devo essere invece sempre cosciente che la mia vita è ultimamente affidata a Dio (lui è il Signore della vita e della morte), non ai farmaci, ai virologi, ai generali (e neanche ai preti).

A fronte di questa bassa probabilità di contagio c’è un rischio evidente in vaccini sperimentali, i cui “bugiardini” vengono aggiornati man mano che i vaccinati registrano reazioni avverse gravi, anche letali; effetti a lungo termine sono sconosciuti, la cui reale efficacia è ancora tutta da dimostrare.

***

I non vaccinati sono pericolosi non perché portatori di contagi mortali, ma perché sfuggono al controllo, ciò che una società che sta rapidamente trasformandosi in un regime totalitario non può tollerare. Anche se si vaccinasse il 100% della popolazione il virus non sparirebbe sia perché produce sempre nuove varianti, alcune delle quali probabilmente provocate dagli stessi vaccini e che a questi sfuggono sia perché bisogna considerare che il virus circola in tutto il mondo.

***

Del resto è sempre stato chiaro che i vaccini non sono in grado di estirpare il Covid, ma di minimizzarne gli effetti. I fatti di questi giorni dimostrano che gli stessi vaccinati si contagiano e contagiano per cui i Green pass sono tutto meno che un certificato di sicurezza sanitaria.

***

Chi si sta vaccinando non per scelta sanitaria ragionata, ma pensando così di riacquistare la libertà, avrà presto un’amara sorpresa. Al contrario dire di no al Green pass e all’obbligatorietà dei vaccini è ormai una battaglia di libertà contro un regime che si sta affermando tra gli applausi entusiasti delle sue vittime.

https://www.marcotosatti.com/2021/07/22/cascioli-dire-no-a-green-pass-e-obbligo-vaccinale-e-battaglia-di-liberta/

Articolo della DOTTORESSA De Mari

Un paio di giorni fa, seduto a bere un caffè in un bar all’aperto, ho sentito questa frase: “Sono i non vaccinati che creano le varianti”. Mi sono girato per vedere quale scienziato l’avesse pronunciata, ed era un ragazzo fra i venti e i trenta, barba, calzoni corti, codino….insomma una tipologia di persona a cui avresti fatto credito di senso critico maggiore. Ma evidentemente il letame sparso dalla televisione e dai mass media tipo Corriere, Stampa, Repubblica e via servendo è veramente entrato in circolazione. Ieri sono capitato su questo articolo di Silvana De Mari, che rilancio ben volentieri, consigliandovi di fare altrettanto, con copia e incolla, e sui social. Buona lettura.

§§§
Sta girando sui social questo ammasso di spazzatura:

CONDIVIDO !!!

“Così forse è più chiaro spiegato in modo elementare.”

Io sono vaccinata

Io entro in contatto con la variante Delta

Io prendo il raffreddore

Io però non replico il virus

Il virus dopo qualche giorno muore

Nei giorni in cui il virus non è ancora morto, io entro in contatto con te e ti trasmetto il virus

Se tu sei vaccinato

Tu non replichi il virus

Il virus, che ha vita di qualche giorno, muore definitivamente

Se tu non sei vaccinato

Il virus si moltiplica

Replicandosi può mutare

La mutazione è casuale

Una di queste mutazioni può produrre una variante resistente agli anticorpi prodotti col vaccino

Conclusione:

Se tutti siamo vaccinati, non replichiamo il virus, il virus non può mutare, e dopo un po’ scompare.

Se molti non sono vaccinati il virus replica, quindi muta, quindi il rischio di una variante “cattiva”

Se hai capito il concetto copia ed incolla sulla tua home

#fermiamoilvirus#”

 

Questa è la risposta

 

“CONDIVIDO !!!

“Così forse è più chiaro spiegato in modo elementare.”

Immaginiamo una persona vaccinata che ci dica

Io sono vaccinata

Io entro in contatto con la variante Delta,

che è sostanzialmente un raffreddore,

Io prendo il raffreddore ugualmente come te che non sei vaccinato

dato che il vaccino e i cosiddetti vaccini a fronte di micidiali effetti collaterali

anche mortali danno un’immunità temporanea e parziale,

molto temporanea e molto parziale  e diminuiscono solo i sintomi del 25% massino

come ha dimostrato un articolo di  Peter Doshi  pubblicato il 4 gennaio sul British Medical Journal


in cui l’autore spiega l’effettiva scarsissima efficacia dei vaccini

Comirnaty di BioNTech/Pfizer e mRNA-1273 di Moderna.

Qui c’è il link, perché chiunque ti parli senza mettere i link di quello che afferma:
https://blogs.bmj.com/bmj/2021/01/04/peter-doshi-pfizer-and-modernas-95-effective-vaccines-we-need-more-details-and-the-raw-data/

non te la sta facendo semplice, ti prende in giro.

Esattamente come te replico il virus, anzi i virus, miliardi,

Perché se ho il raffreddore cioè una malattia,

vuol dire che il virus, anzi i virus, plurale, miliardi, si stanno duplicando

Se così non fosse non avrei la malattia,

pensare di poter avere uno stato di malattia senza replicazione virale è da idioti,

Avere una malattia senza replicazione è una contraddizione in termini.

Affermarlo non è farla semplice, è prenderti violentemente in giro.

Se avessi contratto la malattia e ne fossi guarito, avrei gli anticorpi necessari per non prendere il virus, non duplicarlo, quindi non ammalarmi e non trasmetterlo.

La chiave del sistema, coloro che permettono l’immunità di gregge come sempre è successo nella storia delle epidemie, non sono i vaccinati ma i guariti, quindi occorre levare subito le restrizioni, curare quelli che si ammalano con vitamina D, vitamina C zinco, zitromicina, aspirina, idrossiclorochina o ivermectina, cortisone ed eparina e la malattia scompare.

Le restrizioni la rendono endemica. La vaccinazione non dà immunità di  gregge, rende endemica la malattia e a fronte di morti e invalidi seleziona varianti.

Nei giorni in cui i virus si duplicano dentro di me, posso trasmettere la malattia  esattamente come un non vaccinato, lo ha serenamente spiegato anche il professor Lopalco in televisione, medici vaccinati hanno infettato interi reparti.

Questi giorni sono necessari perché il mio sistema immunitario impiega tempo per fabbricare  gli anticorpi necessari dato che quelli forniti dal vaccino sono insufficienti e, a fronte di micidiali effetti collaterali anche mortali, e con effetti a distanza ancora sconosciuti,  danno un’immunità temporanea e parziale, molto temporanea e molto parziale.

Se contraggo il virus immediatamente dopo la vaccinazione in realtà mi ammalo di più, come è ovvio che sia, parchè la vaccinazione e la cosiddetta vaccinazione RNA causano uno stato di malattia (questo è il senso della vaccinazione, una stimolazione  antigenica per causare una risposta anticorpale, cioè uno stato di malattia che depaupera l’organismo delle sue normali difese) e in questa malattia l’organismo è più suscettibile alle infezioni, più capace di contrarle e di trasmetterle.

Questo è il motivo per cui non si vaccina mai durante un’epidemia.

A questo si aggiunge il fenomeno dell’interferenza virale.

Questo è il motivo dell’ecatombe di Bergamo e questo è il motivo per cui oggi in Gran Bretagna il 60% dei morti sono vaccinati con due dosi.


Greg G. Wolff, epidemiologo che si occupa del settore di sorveglianza della salute delle forze armate, in uno studio pubblicato sulla rivista “Vaccine” Vaccinazione influenzale e interferenza con virus respiratori fra  il personale del Dipartimento della Difesa durante la stagione influenzale 2017 -2018 indica che sottoporsi alla  vaccinazione antinfluenzale può aumentare il rischio di contrarre altri virus respiratori a causa di un fenomeno conosciuto come” interferenza virale”.

I dati riportati nell’articolo mostrano che chi si è vaccinato contro l’influenza ha un rischio di contrarre il Coronavirus aumentato del 36%.

Il link è qui https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31607599/.

Ti ho già accennato vero che chi non ti mette i link non te la sta facendo facile trattandoti da bambino scemo, ma ti sta prendendo in giro.

Io, persona vaccinata, entro in contatto con te, ti trasmetto il virus come tutti,

Se tu sei vaccinato lo contrai serenamente come l’ho contratto io

Tu replichi il virus esattamente come un non vaccinato e come ho fatto io vaccinata contraendo il raffreddore, che è una malattia

Se tu sei vaccinato

Il virus si moltiplica dentro di te, ma dato che sei vaccinato qualche anticorpo contro il virus standard ce l’hai , quindi il virus standard si duplica meno e si selezionano le varianti.

Il vaccino produce pochi anticorpi per il virus standard e nessuno per le varianti quindi le seleziona.

Solo chi ha passato il virus ha veramente gli anticorpi, un fiume di anticorpi belli e forti come gli ussari alati alla battaglia di Vienna, e stermina tutti prima che le varianti si possano formare.

Conclusione:

Se tutti siamo vaccinati, moltiplicheremo i virus in circolazione

il virus tenderà a  mutare, e prima o poi avremo un virus veramente pericoloso, mentre la SRAS 2 covid 19 standard ha una mortalità dello 0,3% che scende sotto i 70 anni allo 0.05%

Se molti non sono vaccinati il virus li attacca,

il 98 % ne guarirà da solo senza sintomi, negli altri casi se preso subito con le dovute cure si cura benissimo


Solo la vaccinazione diffusa aumenta  il rischio di generare una variante “cattiva”

Se hai capito il concetto copia ed incolla sulla tua home

#fermiamoilvirus #noal vaccino

Dottor Silvana De Mari medico chirurgo che si assume la responsabilità di ogni sillaba di quanto sopra, che sta, insieme a innumerevoli colleghi curando e guarendo il covid.

Ps: tutto quello che circola su Internet senza firma è spazzatura

https://www.marcotosatti.com/2021/07/22/le-fakenews-sui-vaccini-dei-vaccinisti-attenti-alla-spazzatura-de-mari/
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #41 il: Luglio 23, 2021, 10:49:16 am »
Capri, l’autista muore d’infarto. Il pullman precipita: 28 feriti

Grande cordoglio per la scomparsa dell’avvocato Alessandro Truscia

– Stampa Diocesana Novarese

Grande cordoglio, nel mondo forense novarese, per l’improvvisa scomparsa dell’avvocato Alessandro Truscia. Il legale novarese era appena giunto nella sua terra d’origine, in Sicilia (era nativo di Enna), dove avrebbe trascorso qualche giorno di vacanza, quando è stato colto da un malore. Tutto è successo per strada. Aveva solo 55 anni !!!!

 

L’ASPIRINA BLOCCA L’AGGREGAZIONE PIASTRINICA E LA FORMAZIONE DEI TROMBI NELLA TROMBOCITOPENIA CAUSATA DAL VACCINO.

Maurizio Blondet  26 Giugno 2021

professor Salvatore Spagnolo, medico

Recenti studi hanno ipotizzato che i vaccini anti Covid stimolano la produzione di anticorpi che, invece di legarsi e neutralizzare la proteina Spike del virus, si legano ad una proteina presente sulla superfice delle piastrine, denominata fattore piastrinico 4. (PF4).

Il complesso anticorpo-PF4 attiva l’aggregazione piastrinica e la formazione dei trombi e la continua produzione di trombi porta al progressivo consumo delle piastrine che dai valori iniziali di 300-150 mila per millimetro cubo scendono fino a 6-7 mila causando fenomeni emorragici e morte.

La terapia, attualmente utilizzata, comprende la somministrazione di immunoglobuline per via endovenosa, di cortisone per bocca e di eparina per via sottocutanea.

Però essa viene somministrata quando la trombosi ha già colpito il cervello ed altri organi.

Partendo dalla osservazione che è l’aggregazione piastrinica a causare la patologia, propongo la somministrazione di una terapia antiaggregante.

Siccome il meccanismo di aggregazione inizia subito dopo l’inoculazione del vaccino, penso sia opportuno assumere l’aspirina dal giorno che precede la vaccinazione e per i primi giorni.

Mi preme sottolineare che l’aspirina contrasta non solo l’aggregazione piastrinica ma previene la formazione dei trombi ed i fenomeni emorragici.

La disposizione medica di non somministrare aspirina ed eparina nei pazienti da vaccinare penso sia legata al fatto che, nella trombocitopenia post vaccino, l’aspirina possa aumentare il fenomeno emorragico.

Al contrario, io penso che la somministrazione precoce dell’aspirina impedisca sia la trombosi sia l’emorragia.

Salvatore Spagnolo, primario cardiologo
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #42 il: Luglio 26, 2021, 01:23:46 am »
Com'era quella, aspetta, voglio le parole giuste: "il green pass è una misura con la quale i cittadini possono continuare a svolgere attività con la garanzia di ritrovarsi fra persone che non sono contagiose"?


Questo non è un sito complottista:


BOMBA SULLA PANDEMIA: CDC USA RITIRA TAMPONI PCR. “Non distinguono Sars-Cov-2 da Influenza”. Contagi COVID-19 Falsati!

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION HERE

Lo scorso 21 luglio 2021, data palindroma e perciò fortunata, sono state pubblicate le 18 righe che riscrivono la storia della pandemia da Covid-19. Il CDC (Centers for Disease Control and Prevention) degli USA, la più alta autorità sanitaria del governo americano per il monitoraggio delle malattie ed in particolare di quelle infettive, ha lanciato un allerta che assume la portata di un missile nucleare contro il muro di gomma della narrazione internazionale sull’emergenza causata dal virus SARS-Cov-2 (ritenuto costruito in laboratorio ormai da molteplici ricerche scientifiche).

«Dopo il 31 dicembre 2021, il CDC ritirerà la richiesta alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) del CDC 2019-Novel Coronavirus (2019-nCoV) Real-Time RT-PCR Diagnostic Panel, il test introdotto per la prima volta nel febbraio 2020 solo per il rilevamento di SARS-CoV-2. CDC fornisce questo avviso in anticipo ai laboratori clinici per avere il tempo sufficiente per selezionare e implementare una delle tante alternative autorizzate dalla FDA».

E’ questo il “Lab Alert’ lanciato dalla Division of Laboratory System (DLS), la sezione specializzata dal CDC (link in fondo all’articolo). Da sola basterebbe già a confermare tutte le inchieste realizzate negli ultimi mesi sui tamponi inaffidabili al 97 %, come sostenuto da varie ricerche scientifiche ed autorità giudiziarie internazionali.

https://www.maurizioblondet.it/bomba-sulla-pandemia-cdc-usa-ritira-tamponi-pcr-non-distinguono-sars-cov-2-da-influenza-contagi-covid-19-falsati/?utm_medium=push&utm_source=onesignal&utm_campaign=push_friends
« Ultima modifica: Luglio 26, 2021, 01:35:33 am da Vicus »
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #43 il: Luglio 26, 2021, 19:47:42 pm »
I vaccini pongono fine alle chiusure? Sbagliato! Fonte: la legge :)

La libertà col “green pass” è “condizionata”

– IdeeAzione
Il decreto-legge 23 luglio 2021, n. 105, con la disposizione normativa di cui all’art. 3, ha esteso la certificazione verde Covid-19 ad ambiti quali la partecipazione a concorsi pubblici, […]

Qualora ci fosse un incremento della curva epidemiologica e una Regione divenisse arancione o rossa sia pure alla luce dei nuovi parametri, molte attività, in base alle misure di contenimento di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri pro tempore 02 marzo 2021, resterebbero chiuse e il possessore del “green pass” non vi potrebbe accedere proprio come il non possessore (art. 3, comma 2, del decreto-legge n. 105/2021).

Quanti richiami serviranno per immunizzarsi dalle bugie dei media?
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Duca

  • Veterano
  • ***
  • Post: 2278
  • Sesso: Maschio
  • Duca di Tubinga
Re:Rischi DOCUMENTATI del vaccino. Dati VERIFICATI e MEDICI DI FAMA
« Risposta #44 il: Luglio 26, 2021, 23:18:56 pm »

Io comunque ritengo che la soluzione migliore sia quella di trovare una cura a questo virus piuttosto che cercare di vaccinare il mondo intero
Ci sono protocolli che funzionano, vedi Citro, Amici, ecc.