Autore Topic: Il Giornale racconta il dramma dei padri separati  (Letto 1353 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Il Giornale racconta il dramma dei padri separati
« il: Dicembre 15, 2019, 00:07:51 am »
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/dramma-padre-separato-io-alienato-dai-figli-e-ridotto-1798729.html?fbclid=IwAR2zlnwhM8IpaSaKVFbDW9-ufo_nLrcyS_C90ZwMZZ9cCJ0LDGmnVZwtexE

Luigi è uno degli 800mila padri italiani rovinati dalla separazione. Per difendersi dalle false accuse dell'ex si è ridotto a mangiare alla Caritas
Elena Barlozzari Alessandra Benignetti - Ven, 13/12/2019 - 14:47
commenta

“Mi sento una vittima, un emarginato, abbandonato dallo Stato e in balìa degli assistenti sociali che ti considerano un orco senza nemmeno passare da un tribunale”.

Quasi non riesce a parlare Luigi, padre separato originario di Foggia e trapiantato a Forlì. Un nodo alla gola frena le parole quando ci racconta la sua vita prima della separazione. Un lavoro, una moglie e due figli che lo adoravano. Tutte le sue certezze vanno in pezzi in una sera. Da tempo ha il sospetto che la moglie lo tradisca. Sul cellulare arriva l’ennesimo messaggio. Luigi le chiede di fargli vedere la conversazione e uscire finalmente allo scoperto. Lei per tutta risposta intavola una lite furibonda. Volano parole grosse, Luigi cerca di prenderle il cellulare ma lei si avventa su di lui come una furia. “Mi ha dato calci, pugni, avevo segni dappertutto”, ricorda mostrandoci i passaggi del referto dell’ospedale di Forlì, dove lo hanno portato i sanitari del 118.

“Lei non si è fatta nulla – prosegue il racconto – però il giorno dopo mi sono ritrovato con una denuncia per lesioni personali, maltrattamenti, rapina impropria e abusi sessuali su mia figlia”. Inizialmente il giudice crede alla versione della donna affidando i ragazzi in via esclusiva alla madre. “Quella delle violenze è stata l’accusa più infamante, mi sono sentito morire dentro – ci dice – non vorrei mai far passare a nessuno il dolore che si prova davanti ad un’insinuazione del genere”. Le denunce vengono tutte archiviate. Ma nel frattempo Luigi si è ridotto sul lastrico.

“La separazione mi ha distrutto non solo emotivamente ma anche economicamente, negli anni – ci confida – ho speso 40mila euro soltanto in consulenze tecnico-legali e procedimenti penali”. “Ora ho ricominciato a lavorare, ma guadagno 1.300 euro al mese che se ne vanno tutti in affitto, bollette e assegno di mantenimento”. Poi ci pensa un attimo e mormora: “Non mi vergogno a dire che più di una volta sono andato a mangiare alla mensa della Caritas”. È quello che succede, secondo l’ultimo rapporto della stessa organizzazione, a quasi un papà su due. Finire in miseria per sostentare la nuova famiglia degli ex coniugi. “La mia ex e il suo compagno lavorano entrambi – accusa Luigi – ma io devo mantenerli”. “Così è impossibile persino rifarsi una vita”, ammette. E ogni sera non rimane che fare i conti con solitudine, rabbia e frustrazione.

Lo sfogo di un papà: "Così la mia ex mi ha tolto tutto"
Pubblica sul tuo sito

Dopo due anni di battaglie legali Luigi viene scagionato. Ma il rapporto con i suoi due figli ormai è totalmente compromesso. Una consulenza tecnica del tribunale ha certificato che i ragazzi sono “succubi della madre” (notare che , nonostante resti sempre la maternal  preference, entrano in voga questi termini, sconosciuti fino a 10 anni fa) . Alla donna viene revocato l’affido esclusivo, ma nella sostanza non cambia nulla perché i figli della coppia anziché al padre vengono affidati ai servizi sociali e collocati presso la casa materna. “Perché non li hanno affidati a me che sono il padre?”, si domanda Luigi.

In mano ha i disegni della secondogenita. Biglietti d’auguri, frasi affettuose. “Il rapporto con loro ormai non esiste più – racconta – l’ultima volta che ci siamo visti ho provato a fare un selfie con lei e si è coperta il volto per non essere fotografata assieme a me”. “Si può essere espulsi dalla vita dei propri ragazzi in un secondo, solo perché una donna ti accusa senza prove di essere un violento”, continua Luigi. Il diritto dei figli a mantenere un rapporto con entrambi i genitori, garantito dalla legge che disciplina l’affido condiviso, ormai diventato un’utopia.

Nelle separazioni ad alto grado di conflittualità i figli restano idealmente orfani. E quasi sempre a sparire dalla scena è il papà: “Se fossero disposti ad ascoltarmi anche solo per un attimo vorrei che sapessero che io per loro ci sono sempre stato e ci sarò sempre”.
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5953
Re:Il Giornale racconta il dramma dei padri separati
« Risposta #1 il: Dicembre 15, 2019, 00:26:14 am »
Tutto ciò si ritorcerà contro le donne che non troveranno più un coglione disposto a sposarle. Già la tendenza è in atto. E quando, con il collasso economico, dovrà per forza tornare la famiglia patriarcale che sarà l'unica in grado di garantire la sicurezza che uno stato fallito non potrà più offrire a nessuno, come  recitava uno slogan di quarant'anni fa "pagheranno caro, pagheranno tutto!".

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9430
  • Sesso: Maschio
Re:Il Giornale racconta il dramma dei padri separati
« Risposta #2 il: Dicembre 15, 2019, 00:30:12 am »
Comunque certi commenti evidenziano una volta di più come i padri separati - e gli uomini in genere - quasi mai riescano a vedere la vera origine dei loro guai.

Citazione
ilbelga
Ven, 13/12/2019 - 15:04
Ti capisco Luigi, ho avuto un collega con il quale ho lavorato fianco a fianco che separato dalla moglie gli veniva automaticamente tolto dalla busta paga 600 euro al mese per il mantenimento di "amata moglie" e figli che faceva fatica a vedere, tutto questo grazie alle leggi italiane che sono in questo caso quasi sempre a favore delle donne. per fortuna che mamma sua l'aveva ospitato nella sua casa.


Teobaldo
Ven, 13/12/2019 - 15:11
(Messaggio già pubblicato poco tempo fa ma non potrei esprimere in modo migliore lo schifo che provo per la politica della sinistra versi i padri separati e di seguito verso giudici, assistenti sociali e psyco). E’ stato proprio nel corso della separazione, che mi ha sorpreso e io non avrei voluto, che ho cercato parole di chiarezza nella sinistra (in cui mi riconoscevo); altro che chiarezza! Ho capito cosa siamo noi uomini e mariti e padri nel corso di una separazione. E allora ho rivisto con occhi diversi la politica della sx da decenni a questa parte e ho capito quanta faziosità e falsità ci sono in quella parte politica non solo verso i padri ma versi lavoratori e le classi deboli in generale. Solo Berlusconi con la legge Paniz (scritta da Marino Maglietta) ha fatto qualcosa in questo senso (Legge 54/2006) ma tanto ci pensa la cialtronesca casta giudicante ad affossare ogni possibile progresso. MAI...MAI... la sinistra avrà il mio voto...MAI... MAI!


Uno fa riferimento "alle leggi italiane", l'altro alla "sinistra"...
E vabbe', siamo ancora all'abc.
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:Il Giornale racconta il dramma dei padri separati
« Risposta #3 il: Dicembre 15, 2019, 00:43:42 am »
Frank è anche possibile che diano per scontato che le mogli siano delle s* e osservino che le leggi non li tutelano.
Senza contare la venerazione che c'è, specialmente a sinistra, verso il divorzio considerato un diritto inalienabile e quasi una mera pratica burocratica.
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5953
Re:Il Giornale racconta il dramma dei padri separati
« Risposta #4 il: Dicembre 15, 2019, 00:54:19 am »
Frank ha ragione: a tutto gli uomini attribuiscono i loro mali di oggi tranne che alla vera causa: l'indole e la natura femminile. La sinistra e leggi non hanno fatto altro che fornire ad essa le armi adeguate a dispiegare i suoi nefasti e tragici effetti.

Offline Jason

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4446
Re:Il Giornale racconta il dramma dei padri separati
« Risposta #5 il: Dicembre 15, 2019, 14:52:57 pm »
Frank ha ragione: a tutto gli uomini attribuiscono i loro mali di oggi tranne che alla vera causa: l'indole e la natura femminile. La sinistra e leggi non hanno fatto altro che fornire ad essa le armi adeguate a dispiegare i suoi nefasti e tragici effetti.

La natura femminile non dice che le ex mogli devono campare coi soldi altrui e fregarsi per loro i figli come se fossero oggetti . Per cui la verità sta nel mezzo, è vero che certe donne sono delle approfittatrici sanguisughe , ma è anche vero che con una legge  che incentiva le donne a diventare tali, qualcuna ne approfitterà sempre.

Ricordo che nelle filippine è prevista la galera per l'adulterio e lì quasi tutti/e fanno i bravi .
«La folla che oggi lincia un nero accusato di stupro presto lincerà bianchi sospettati di un crimine».
Theodore Roosvelt, Presidente degli Stati Uniti d’America

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5953
Re:Il Giornale racconta il dramma dei padri separati
« Risposta #6 il: Dicembre 15, 2019, 15:32:21 pm »
La natura femminile non dice che le ex mogli devono campare coi soldi altrui e fregarsi per loro i figli come se fossero oggetti .

La natura femminile dice - e suggerisce alla donna - che non c'è nulla di più importante, di più grande, di più elevato del desiderio della donna. E quindi, logica deduzione, per soddisfarlo tutti i mezzi e i metodi, leali e sleali, etici e non etici, sono accettabili. Campare con i soldi altrui e utilizzare i figli come oggeti e come armi di ricatto ne costituisce la inevitabile conseguenza. Poi, è chiaro, una donna potrebbe pure respingere un suggerimento e un invito del genere per una sua morale personale o per una morale introiettata. Ma tale è l'impostazione e l'idea che l'indole femminile suggerisce.

Offline giacca

  • Affezionato
  • **
  • Post: 581
Re:Il Giornale racconta il dramma dei padri separati
« Risposta #7 il: Dicembre 15, 2019, 22:01:19 pm »
Frank è anche possibile che diano per scontato che le mogli siano delle s* e osservino che le leggi non li tutelano.
Senza contare la venerazione che c'è, specialmente a sinistra, verso il divorzio considerato un diritto inalienabile e quasi una mera pratica burocratica.
La legge sul divorzio, istituto che in alcuni casi è essenziale, l'aveva fatta Fortuna, socialista e quindi di sinistra, e il liberale di destra Baslini. Che poi non si pensi che buona parte della destra non sia per l'individualismo.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18430
  • Sesso: Maschio
Re:Il Giornale racconta il dramma dei padri separati
« Risposta #8 il: Dicembre 15, 2019, 23:47:29 pm »
La legge sul divorzio, istituto che in alcuni casi è essenziale, l'aveva fatta Fortuna, socialista e quindi di sinistra, e il liberale di destra Baslini. Che poi non si pensi che buona parte della destra non sia per l'individualismo.
La sinistra serve a varare leggi femministe, la destra a conservarle.
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.