Autore Topic: Omicidio Sciacquatori, ovvero della giustificazione del maschicidio  (Letto 1176 volte)

Online Jason

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4445
https://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/omicidio-sciacquatori-giustificazione-maschicidio-119277/

Poche le informazioni certe sui fatti del caso Monterotondo. Ideologico e iniquo il modo in cui la notizia dell’uccisione del 41 enne Lorenzo Sciacquatori è stata trattata. La preoccupazione principale della stampa non è stata quella di ricostruire i fatti ma di veicolare, ancora una volta, il messaggio che gli uomini sono tutti dediti alla violenza.

Nessuno ha pronunciato una parola sul parricidio compiuto da Deborah. Piuttosto l’urgenza è stata quella di giustificarla: “In tutti i modi ha tentato di dissuaderlo” leggiamo nelle cronache, “implorava di fermarsi”, riporta qualcun altro. “Poi la 19 enne ha impugnato un coltello e ha colpito l’uomo alla nuca, uccidendolo”. A tradimento.

Il pugile di 41 anni è morto almeno due volte: quando la figlia gli ha conficcato un coltello dietro il collo nel corso di una violenta lite. E quando è stato dipinto come un mostro: iracondo, ubriaco, inattivo, facile pensare che quella morte se la sia meritata, se la sia cercata.

Il procuratore, che ha il compito di difendere la vittima, si è schierato infatti con l’imputata, affrettandosi a chiedere per lei i domiciliari. Il morto “non era così violento – ha spiegato un conoscente durante il funerale – è la stampa che ha montato tutto”. Possiamo interrogare l’ammazzato? Ma ci sarà un processo? Quell’urlo “Sei un grande Loré” basta a riscattare la reputazione di un uomo vinto?

“Per delineare la personalità dello Sciacquatori occorre sapere che lo stesso era stato denunciato dalla compagna convivente per maltrattamenti nel maggio 2014”, fanno sapere gli inquirenti. Non deve essere stato però così pericoloso, Lorenzo, se la coppia, poco dopo, aveva ripreso la convivenza continuata per 5 anni senza denunce né da parte della donna, dei familiari o dei vicini, né richieste di intervento ai Carabinieri”. Ma sulla stampa leggiamo di un uomo capace di violenze inenarrabili. Un escamotage per sdoganare l’omicidio per legittima difesa? Allora a cosa serve spendere decine di milioni di euro all’anno per le case rifugio, la rete dei centri antiviolenza, il 1522, il codice rosa, il codice rosso e tutte le corsie preferenziali propagandate come “finalmente qualche misura a tutela delle donne” se poi non sono utili a fermare gli omicidi?
Due pesi e due misure

Casi analoghi hanno avuto finali molto diversi: siamo di fronte a due pesi per due misure. Luigi Celeste per parricidio si è preso 9 anni di carcere per aver ucciso il padre che picchiava la madre. Anche Pietro Basile sta scontando in carcere 16 anni per aver ucciso il padre a difesa della madre che prendeva botte dal consorte. Stessi moventi di Deborah Sciacquatori, che è diventata un’eroina per tante donne.

In questi giorni, a margine, si sono conclusi anche i procedimenti nei confronti delle due madri che avevano ammazzato i figli e che sono state ritenute incapaci di intendere e volere, non faranno il carcere ma accompagnate in percorsi riabilitativi. Come è possibile che gli uomini sono responsabili delle proprie azioni al 100%, mentre le donne non sono ritenute responsabili di quello che fanno? 

In quel maledetto 19 maggio lo Sciacquatori rientra a casa all’alba, sfatto e ubriaco; se la prende con le 4 donne con cui divide la sua sciagurata vita, gravata dalla vergogna di non avere uno straccio di lavoro, di essere un peso per sé e per la compagna, per sua madre quasi cieca e per la figlia Deborah, 19 anni anche lei boxeuse. E’ Deborah che atterra il mostro, disarmato e gli pianta la lama nella nuca.

Se Lorenzo malauguratamente avesse avuto la meglio, se fosse morta lei nella colluttazione, l’indignazione e il disprezzo sarebbe enorme. La condanna sarebbe unanime. La domanda è: come mai la morte per coltello affondato nella nuca di Lorenzo sembra insufficiente a placare l’indignazione? Perché il padre morto ammazzato è il carnefice e la figlia, che lo ha ucciso, è la vittima.

Antonietta Gianola

<<<<<<

Parole di una perfetta QMmista . Oltretutto fra i pochi/e a criticare il business dei centri antiviolenza...
«La folla che oggi lincia un nero accusato di stupro presto lincerà bianchi sospettati di un crimine».
Theodore Roosvelt, Presidente degli Stati Uniti d’America

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9389
  • Sesso: Maschio
Re:Omicidio Sciacquatori, ovvero della giustificazione del maschicidio
« Risposta #1 il: Maggio 26, 2019, 00:38:37 am »
Jason, noto che ci tieni sempre tanto a sottolineare che certi articoli son scritti da donne.
E vabbe'...
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9389
  • Sesso: Maschio
Re:Omicidio Sciacquatori, ovvero della giustificazione del maschicidio
« Risposta #2 il: Maggio 26, 2019, 00:48:19 am »
Comunque, questa storia della "colluttazione" è veramente romanzata.
Da più parti ho letto che lui sarebbe morto in seguito ad un pugno  :doh: della figlia, che sempre secondo le solite puttanate giornalistiche sarebbe una pugilessa, così come il padre sarebbe stato un pugile.
Beh, mi sono informato un po' al riguardo, e non mi risulta affatto che quell'uomo fosse veramente un pugile, tantomeno la figlia.
Casomai si trattava di un uomo che si era allenato in palestra (forse avrà pure disputato qualche incontro da giovane, a livello dilettantistico) e che successivamente aveva insegnato a tirare qualche colpo alla figlia.
Ma questa è cosa ben diversa dall'essere dei veri pugili.
Se quell'uomo è veramente morto in seguito al colpo ricevuto dalla figlia, è solo ed esclusivamente perché era già rovinato di suo, in primis dall'alcol, che lo aveva debilitato e poi perché molto probabilmente ha sbattuto la testa da qualche parte, ferendosi gravemente.
Altrimenti non esiste proprio che un pugno di una femmina possa uccidere un uomo, che per giunta pesava almeno 30 chili più della figlia.
Tolte quelli di vere campionesse di pugilato, kickboxing o MMA, i pugni delle donne non sono devastanti.
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 18045
  • Sesso: Maschio
Re:Omicidio Sciacquatori, ovvero della giustificazione del maschicidio
« Risposta #3 il: Maggio 26, 2019, 00:56:30 am »
Pare sia stata una coltellata alla nuca, di un uomo disarmato. Con quale faccia giudici e giornalisti possono giustificarla?
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Jason

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4445
Re:Omicidio Sciacquatori, ovvero della giustificazione del maschicidio
« Risposta #4 il: Maggio 26, 2019, 00:57:13 am »
Tendo a fare i complimenti a chi lo merita . Specie se poi scrivi in un giornale già di suo accusato di essere "populista" .

Citazione
Comunque, questa storia della "colluttazione" è veramente romanzata.

Da più parti ho letto che lui sarebbe morto in seguito ad un pugno  :doh: della figlia, che sempre secondo le solite puttanate giornalistiche sarebbe una pugilessa, così come il padre sarebbe stato un pugile.

E infatti , autopsia permettendo, sarebbe morto dopo una coltellata alla nuca , tirata non faccia a faccia ma di spalle . Allora , dico io, sarebbe questa la "legittima difesa" ?
«La folla che oggi lincia un nero accusato di stupro presto lincerà bianchi sospettati di un crimine».
Theodore Roosvelt, Presidente degli Stati Uniti d’America

Offline KasparHauser

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 954
  • Sesso: Maschio
Re:Omicidio Sciacquatori, ovvero della giustificazione del maschicidio
« Risposta #5 il: Maggio 26, 2019, 11:51:09 am »
Non c'entra niente...però a proposito di uomini colpevoli sempre e di donne vittime pure se colpevoli, non poteva mancare l'articolo dello psicanalista della sinistra che più radical chic non si può immaginare, Massimo Recalcati:
La violenza dei padri di oggi
https://rep.repubblica.it/pwa/commento/2019/05/25/news/la_violenza_dei_padri_di_oggi-227187894/?ref=RHPPTP-BH-I226382962-C12-P2-S3.4-T1
Dopo una serie lunghissima di infanticidi commessi da madri e su cui nessuno ha scritto parole d'accusa, dopo gli ultimi casi in cui c'è, quanto meno, la corresponsabilità della madre, dopo un unico caso di infanticidio per mano di un padre croato...eccola là:i padri di oggi uccidono i figli...

PS
nell'ultimo caso poi, quello di Novara , non si tratta neanche del padre, ma del compagno della madre.

« Ultima modifica: Maggio 26, 2019, 12:06:15 pm da KasparHauser »

Online Jason

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4445
Re:Omicidio Sciacquatori, ovvero della giustificazione del maschicidio
« Risposta #6 il: Maggio 26, 2019, 12:49:49 pm »
Non c'entra niente...però a proposito di uomini colpevoli sempre e di donne vittime pure se colpevoli, non poteva mancare l'articolo dello psicanalista della sinistra che più radical chic non si può immaginare, Massimo Recalcati:
La violenza dei padri di oggi
https://rep.repubblica.it/pwa/commento/2019/05/25/news/la_violenza_dei_padri_di_oggi-227187894/?ref=RHPPTP-BH-I226382962-C12-P2-S3.4-T1
Dopo una serie lunghissima di infanticidi commessi da madri e su cui nessuno ha scritto parole d'accusa, dopo gli ultimi casi in cui c'è, quanto meno, la corresponsabilità della madre, dopo un unico caso di infanticidio per mano di un padre croato...eccola là:i padri di oggi uccidono i figli...

PS
nell'ultimo caso poi, quello di Novara , non si tratta neanche del padre, ma del compagno della madre.

Ma quando l'infanticida di Mantova uccise i suoi due figli (uno lamandolo) dov'era questo sinistrato ?
«La folla che oggi lincia un nero accusato di stupro presto lincerà bianchi sospettati di un crimine».
Theodore Roosvelt, Presidente degli Stati Uniti d’America