Autore Topic: Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia  (Letto 17998 volte)

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 19661
  • Sesso: Maschio
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #75 il: Febbraio 12, 2023, 14:12:19 pm »
Già ma... se la caramella te l'avesse offerta per dispetto? Te l'ha anche cacciata in tasca
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 6332
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #76 il: Febbraio 12, 2023, 14:30:47 pm »
Già ma... se la caramella te l'avesse offerta per dispetto? Te l'ha anche cacciata in tasca

Non è escluso. Ma rimane il fatto che la tipa poi non mi ha creato più fastidi. Mi è bastato. Ed avanzato.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9689
  • Sesso: Maschio
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #77 il: Febbraio 12, 2023, 15:47:51 pm »
A me da ragazzo (avevo 14 anni) è capitato di rifilare ceffoni e scappellotti a ragazze, anche più grandi di me che si permettevano di fare le spiritose. E quello che notavo è che SEMPRE (e ripeto SEMPRE) dopo la mia reazione NON SI PERMETTEVANO PIU' di fare le spiritose. Una di loro in un'occasione, dopo aver distribuito caramelle alle sue amiche ne voleva offrire una anche a me. Al mio rifiuto, me l'ha infilata nella tasca del mio giubbotto senza che me ne accorgessi. Me ne sono accorto dopo. Non ho capito bene il motivo del suo gesto, ma di una cosa ero e sono sicuro: se avessi subito senza reagire le sue provocazioni, la caramella non me l'avrebbe offerta di certo. E questa per me si è rivelata una lezione: se la passività e l'acquiescenza è spesso perdente nei rapporti con persone del proprio sesso, con l'altro sesso lo è PRATICAMENTE SEMPRE. Da allora mi sono sempre attenuto al criterio di non lasciar mai passare senza reagire una sola provocazione da parte delle illustre rappresentanti del gentil sesso. E mi sono sempre trovato bene. Logico che alcune tentano anche di colpevolizzarti poi. Una di loro, stanca di sentire le mie repliche mi hai detto: " Tu hai paura delle donne!" "No carissima - le ho risposto io - ho paura di farmi prendere per il culo dalle donne. E' diverso". Dopodichè si è zittita. La strategia femminile è di una banalità lampante: di fronte alla debolezza e passività maschile avanzano. Di fronte alla risolutezza e durezza maschile si fermano. O arretrano.


Massimo, non per niente sostengo da quasi dieci anni che quelli tra i due sessi sono principalmente rapporti di forza, di potere e non d'amore.
Le femmine si espandono solo quando sanno di potersi espandere.
Te ne dico una: a me più volte è capitato di esser salutato o avvicinato da donne, che in quel momento si trovavano insieme ai rispettivi mariti, solo perché avevano saputo che l'uomo che si trovavano di fronte era (è) "Frank"...
Idem un mio amico istruttore di pugilato, più volte avvicinato e salutato da donne solo per il fatto di esser stato un pugile prima e maestro poi.
E' capitato pure che una cameriera ci mettesse il vino sfuso (quindi non in bottiglia) nei bicchieri perché eravamo "Frank" e "il maestro"...
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9689
  • Sesso: Maschio
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #78 il: Febbraio 12, 2023, 15:59:34 pm »
Ma se tu incontrassi Elisabetta Canalis     :lol:   Pensa un pò, caro Frank, lei oltre ad essere carina, conosce il Krav Maga e per questo dice che non ha paura degli uomini. Accidenti, che tigre!  :lol: Incontrandola non proveresti un BRIVIDO correrti lungo la schiena?  :lol:
Ovviamente scherzo!  :lol:

A proposito di Krav Maga, guarda queste foto:
https://www.google.it/search?q=krav+maga&sxsrf=AJOqlzU0BNTYVsyq2LPt4MUgKR3v_Dg4SA:1676212456680&tbm=isch&source=iu&ictx=1&vet=1&fir=urW4z-4W9QIYbM%252CnAFpaXUPwIZB4M%252C_%253ByXvW7U_4uQLobM%252CL8-q-X2sURWojM%252C_%253BOEI9FXsr7ySQWM%252COjLxgJNPqIjxdM%252C_%253BoiSVT-JRmIBMuM%252C4bU9G-s-8krE2M%252C_%253Ba72j5nkBULfg7M%252CpoPZ2bsDHsHbmM%252C_&usg=AI4_-kS9yCmRoOYY_lOGdISX-y0vhEdHng&sa=X&ved=2ahUKEwjnqbGAmpD9AhUSRPEDHXjRDbkQ_h16BAh4EAE#imgrc=yXvW7U_4uQLobM

Bene, come puoi notare ci sono simulazioni di combattimento in cui il tot uomo "picchia" un altro uomo e simulazioni in cui la tot femmina "picchia" un uomo.
Ma non ce n'è una, che sia una, in cui un uomo mena una femmina...
Praticamente non ce n'è una che rispecchi la realtà, quella vera e non quella cinematografica...
Che strano eh ?
Chiamiamoli pure messaggi subliminali.
E' la stessa merda che puoi vedere in tutti i film odierni, da Occidente a Oriente.
Sì, perché anche in Oriente vanno di moda le femmine guerriere che picchiano tutti gli uomini che gli si parano contro.*

-----------------

* Stranamente, però, quando c'è da andare a crepare in guerra non vi è traccia alcuna delle super femminucce in prima linea...

«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 6332
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #79 il: Febbraio 12, 2023, 16:13:33 pm »
A proposito di Krav Maga, guarda queste foto:
https://www.google.it/search?q=krav+maga&sxsrf=AJOqlzU0BNTYVsyq2LPt4MUgKR3v_Dg4SA:1676212456680&tbm=isch&source=iu&ictx=1&vet=1&fir=urW4z-4W9QIYbM%252CnAFpaXUPwIZB4M%252C_%253ByXvW7U_4uQLobM%252CL8-q-X2sURWojM%252C_%253BOEI9FXsr7ySQWM%252COjLxgJNPqIjxdM%252C_%253BoiSVT-JRmIBMuM%252C4bU9G-s-8krE2M%252C_%253Ba72j5nkBULfg7M%252CpoPZ2bsDHsHbmM%252C_&usg=AI4_-kS9yCmRoOYY_lOGdISX-y0vhEdHng&sa=X&ved=2ahUKEwjnqbGAmpD9AhUSRPEDHXjRDbkQ_h16BAh4EAE#imgrc=yXvW7U_4uQLobM

Bene, come puoi notare ci sono simulazioni di combattimento in cui il tot uomo "picchia" un altro uomo e simulazioni in cui la tot femmina "picchia" un uomo.
Ma non ce n'è una, che sia una, in cui un uomo mena una femmina...
Praticamente non ce n'è una che rispecchi la realtà, quella vera e non quella cinematografica...
Che strano eh ?
Chiamiamoli pure messaggi subliminali.
E' la stessa merda che puoi vedere in tutti i film odierni, da Occidente a Oriente.
Sì, perché anche in Oriente vanno di moda le femmine guerriere che picchiano tutti gli uomini che gli si parano contro.*

-----------------

* Stranamente, però, quando c'è da andare a crepare in guerra non vi è traccia alcuna delle super femminucce in prima linea...



Ma toglimi una curiosità, tu che sei un esperto di Arti Marziali: davvero il Krav Maga permetterebbe ad una ragazza di suonarle ad un uomo? O addirittura ad una fanciulla di MENARE di brutto o addirittura sopraffare un uomo? Io ho qualche perplessità in merito! Cosa ha di tanto straordinario questa specialità inventata (guarda caso) dagli israeliani?

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9689
  • Sesso: Maschio
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #80 il: Febbraio 12, 2023, 16:52:51 pm »
Innanzitutto va detto che un conto sono le simulazioni in palestra e un conto è la strada, dove subentrano numerosi fattori che possono condizionare una persona aggredita, specialmente se di sesso femminile.
In sostanza, un conto è un combattimento sul tatami, sul ring o in un ottagono con tanto di regole e arbitri e un conto è una rissa, ossia laddove non esistono regole né arbitri.
Perciò non si deve pensare che il krav maga sia la soluzione a ogni male possibile. 
Molto dipende anche dalla capacità di reazione di ognuno e dalla prontezza di riflessi.
Doti acquisibili, certo, ma non così scontate.

Saperle mettere in pratica al di fuori di una palestra, infatti, è spesso molto più complicato di quanto si possa pensare.
Per questo uno dei rischi maggiori legati a questa disciplina è quello di sopravvalutarsi e credersi invincibili senza usare quella dose di attenzione e prevenzione necessari in ogni circostanza.
Importante, quindi, è comprendere che il krav maga serve per difendersi e sfuggire a una minaccia nel minor tempo possibile e non per andare a cercare situazioni pericolose per dimostrare di sapersela cavare.
In sostanza una femmina veramente addestrata può picchiare un uomo (medio) non altrettanto addestrato, sfruttando anche il fattore sorpresa e colpendo punti sensibili come i genitali e la gola e in caso di grave pericolo gli occhi; ma nella stragrande maggioranza dei casi è meglio che la suddetta scappi, (*) krav maga o meno, specie se di fronte ha un uomo particolarmente grosso, forte e aggressivo.


Il krav maga ha come massimo pregio la semplicità: si impara infatti a difendersi, se serve, con le mani nude e con oggetti di uso comune.
Un esempio: le chiavi.
Inoltre i corsi prevedono la simulazione di situazioni realistiche, perché è importante allenarsi a reagire con i gesti corretti sotto stress fisico (ad esempio dopo una corsa) e in contesti diversi: seduti, sdraiati, in ascensore o altri luoghi angusti, in auto, sulle scale. Il fattore semplicità e immediatezza di esecuzione è importante anche per potersi difendere sui tacchi a stiletto, quando si ha la febbre o con una caviglia slogata.
Poiché non basta imparare meccanicamente delle mosse per colpire un aggressore, il krav maga prepara anche la mente a reagire: la si deve abituare a valutare l’ambiente in cui ci si trova, ad analizzare ogni situazione, a mostrare all’aggressore che non lo si teme, a prevenire ed evitare sempre lo scontro fisico. Le tecniche di difesa con contatto sono l’ultima spiaggia.


----------------------

(*) Lo diceva anche Bruce Lee...



« Ultima modifica: Febbraio 12, 2023, 17:08:39 pm da Frank »
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9689
  • Sesso: Maschio
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #81 il: Febbraio 12, 2023, 17:17:08 pm »
Aggiungo dell'altro.
Un’aggressione in strada è un evento feroce e brutale dove bisogna gestire parecchie variabili.

1. L’aggressore:
E' feroce, brutale e non collaborativo. Il suo unico scopo è fare più danni possibili anche giocando sporco. Inoltre può essere armato, sotto effetto di stupefacenti o avere degli amici che gli danno manforte.

2. Il dialogo:
Un’arma potentissima nelle mani di un aggressore perché gli permette di distrarti, di farti paura e di chiudere le distanze, potendo così attaccarti all’improvviso e quando sei più vulnerabile. Il dialogo può essere anche costituito da rituali di sfida che servono per vedere come ti comporti e per valutare se sei una “preda facile” oppure no.

3. La distanza:
Tutte le aggressioni avvengono a corta distanza, corpo a corpo.

4. L'ambiente:
E' differente essere aggrediti in un vicolo, in un parcheggio, in un bagno pubblico, schiena al muro o sulla ghiaia. L’ambiente ha delle insidie che spesso rappresentano uno svantaggio per la vittima ed un vantaggio per l’aggressore. Inoltre può essere usato contro di te. Un esempio? Se cadi a terra sarà piuttosto semplice prenderti la testa e sbatterla sul pavimento oppure prenderti proprio a calci in faccia.

5. La paura e l’adrenalina:
Puoi essere un mostro a livello tecnico ma se non sarai in grado di gestire la paura e l’adrenalina sarai sempre carne da macello.

6. La stanchezza:
Un aggressore colpisce sempre quando reputa che la sua preda sia vulnerabile. Quindi è altamente probabile che se mai ti dovessi trovare a gestire un’aggressione in strada sarà di sera e probabilmente quando sarai stanco.

7. Gli abiti:
Un conto è allenarsi in gi o in tuta da ginnastica e un conto è doversi difendere quando si indossa un cappotto, un paio di jeans o una gonna. Gli abiti ti possono impedire di svolgere determinati movimenti e ti possono rendere più vulnerabile.
E potrei andare ancora avanti.
L'unico modo per imparare a gestire tutte queste variabili è sottoporsi a metodologie di allenamento specifiche come gli esercizi sotto stress indotto e le simulazioni.

---------------------

Massimo
Citazione
O addirittura ad una fanciulla di MENARE di brutto o addirittura sopraffare un uomo?

Nei film americani sì...  :cool2:


Femmine che potrebbero veramente menare parecchi uomini non addestrati sono queste:
https://www.google.it/search?sxsrf=AJOqlzVQ2UDcxWvHuffHMrSxHRf6tL9I4Q:1676219012609&q=kayla+harrison+mma&tbm=isch&source=univ&fir=I-0nLJGVL2W7MM%252CNDWiOZq58wz-uM%252C_%253B7R6yvhx6RskEEM%252Cnjh0bWCn7wVk9M%252C_%253BJFGPFSPthqkPAM%252CtNsg3QOVHTeLpM%252C_%253BPSfscrP9ry3MhM%252CrXY3PeuqRDI00M%252C_&usg=AI4_-kTkFZJHigzEJOFdaHljfzIQYG7a1w&sa=X&ved=2ahUKEwivsb-2spD9AhWQ66QKHZEOD2AQiR56BAgWEAM&biw=1366&bih=657&dpr=1


https://www.google.it/search?sxsrf=AJOqlzXpXFYrD7jxXL0qwbg5NoQeZd7idg:1676219128206&q=gabi+garcia&tbm=isch&source=univ&fir=JzdvW2gBmcu4pM%252Cjka1VXWd3OuTZM%252C_%253BPQMgN0vxuALvxM%252CRUT-hzIkaSDhxM%252C_%253B1vDkVdnMCozg5M%252CyS0uET0cszhoGM%252C_%253Bazd9YHNOMklWUM%252C3uaiX5Tx7yMGaM%252C_%253BxR5oY33Ush1jtM%252COLuGi-n5KJl-UM%252C_%253BFQT4Om0XFw-WJM%252Cjq7WymOV_LHGQM%252C_%253BhUusnxyfGz8vdM%252CiiOKQ_q-478YYM%252C_&usg=AI4_-kR41HA2ApTRJA3TYuXPEh4PuqyOJA&sa=X&ved=2ahUKEwiPgc_tspD9AhWR2qQKHbOrBMsQiR56BAhVEAI&biw=1366&bih=657&dpr=1


Ma parliamo di combattenti professioniste, campionesse olimpiche e mondiali - fra le femmine, ovvio -, di judo e brazilian jiu-jitsu, nonché combattenti di MMA.
https://it.wikipedia.org/wiki/Kayla_Harrison

https://en.wikipedia.org/wiki/Gabi_Garcia
« Ultima modifica: Febbraio 12, 2023, 17:30:49 pm da Frank »
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9689
  • Sesso: Maschio
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #82 il: Febbraio 12, 2023, 17:37:42 pm »
In sostanza una femmina veramente addestrata può picchiare un uomo (medio) non altrettanto addestrato, sfruttando anche il fattore sorpresa e colpendo punti sensibili come i genitali e la gola e in caso di grave pericolo gli occhi; ma nella stragrande maggioranza dei casi è meglio che la suddetta scappi, (*) krav maga o meno, specie se di fronte ha un uomo particolarmente grosso, forte e aggressivo.

Ovviamente se ha la possibilità di fuggire, perché altrimenti son cazzi.
Per lei.
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9689
  • Sesso: Maschio
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #83 il: Febbraio 12, 2023, 18:10:41 pm »
Massimo, leggi pure qui:
https://www.questionemaschile.org/forum/index.php/topic,10005.msg200597.html#msg200597
Citazione
Antonio
Affezionato
**
Posts: 114
View Profile Personal Message (Offline)

Re:Arti Marziali
« Reply #1366 on: August 18, 2021, 20:42:24 PM »
Quote
Una curiosità. Ho conosciuto un tale che pratica Krav maga. Chiacchierando chiacchierando (non era italiano e il nostro inglese non è che fosse molto fluente) il discorso si è allargato sul fatto che molte ragazze facciano dei corsi di autodifesa personale. Quindi gli ho chiesto, nel mio inglese maccheronico
"Ma se una, in metro, incontra un omone di 2 metri che la vuole menare, se è preparatissima tecnicamente, può farla franca anche se è molto più piccola? Dando per scontato che l' omone non sappia NULLA di arti marziali?"

Da quello che ho capito, mi ha risposto che potrebbe prevalere, ma solo se rimane lucida e assesta i colpi giusti velocemente e con agilità. E si è messo a mimare 2-3 mosse.


Io non so se esserne convinto. Penso che al massimo potrebbe guadagnare tempo con 2colpi al punto giusto per poi darsela a gambe. Chiedo a coloro che se ne intendono: che ne pensate?

https://www.questionemaschile.org/forum/index.php/topic,10005.msg200599.html#msg200599
Citazione
Online Frank
WikiQM
Storico
***

Posts: 9447
Gender: Male
View Profile Email Personal Message (Online)

Re:Arti Marziali
« Reply #1368 on: August 18, 2021, 20:50:57 PM »
Quote
Che in uno scontro reale, la femminuccia potrebbe finire in sala rianimazione (se tutto va bene), oppure direttamente al cimitero.
Vedi, il problema di questi pseudo maestri è quello di continuare a illudere le femmine, perché scontrarsi contro qualcuno alto due metri e pesante 130-140 kg, tipo un boscaiolo slavo che conobbi anni fa, non sarebbe una passeggiata nemmeno per uno come me.
Figuriamoci per una tizia di un metro e sessanta per 50 kg.

@@

PS: Il boscaiolo al quale faccio riferimento, era un concentrato di muscoli, frutto sia di madre natura che del suo lavoro da boscaiolo.
Hai idea di cosa significa andare ad impattare contro un tipo del genere ?
La realtà è molto diversa da quella propagandata nei film femministi statunitensi (e non).


https://www.questionemaschile.org/forum/index.php/topic,10005.msg200601.html#msg200601
Citazione
Online Frank
WikiQM
Storico
***

Posts: 9447
Gender: Male
View Profile Email Personal Message (Online)

Re:Arti Marziali
« Reply #1369 on: August 18, 2021, 21:08:18 PM »
Quote
Molti anni fa, una 45enne di mia conoscenza, ex judoka (una cintura marrone), alta meno di un metro e sessanta, ma discretamente robusta, volle provare a lottare contro un suo (ex) fidanzato, un uomo alto 1,98 e pesante all'epoca intorno ai 115 kg, che aveva un passato da calciatore, per la precisione come portiere.
Beh, per farla breve: lei non riuscì mai a farlo cadere e le buscò da lui, finendo regolarmente bloccata e "messa sotto" dal suo fidanzato.
La discrepanza fisica e muscolare era troppo marcata.



«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 19661
  • Sesso: Maschio
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #84 il: Febbraio 13, 2023, 21:42:52 pm »
I maestri hanno una folta clientela femminile quindi hanno tutto l'interesse ad assecondare simili illusioni
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9689
  • Sesso: Maschio
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #85 il: Febbraio 14, 2023, 16:39:38 pm »
I maestri hanno una folta clientela femminile quindi hanno tutto l'interesse ad assecondare simili illusioni

Il problema è che quelli non sono maestri ma pagliacci moderni che fanno solo danni.
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9689
  • Sesso: Maschio
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 6332
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #87 il: Febbraio 14, 2023, 18:14:59 pm »

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9689
  • Sesso: Maschio
Re:Nuova Zelanda: solita violenza fisica in risposta ad un gesto di goliardia
« Risposta #88 il: Giugno 07, 2023, 02:54:39 am »
https://tg24.sky.it/mondo/2023/06/06/usa-uccide-madre-brucia-resti-griglia-maryland

Citazione
Usa, uccide la madre e brucia resti sulla griglia in Maryland
MONDO
06 giu 2023 - 17:35

Ad allertare le forze dell'ordine era stato un altro membro della famiglia dopo che la vittima era scomparsa da alcuni giorni. Anche la figlia 19enne della donna accusata di complicità

A Landover, nel Maryland, una 44enne è stata accusata di aver ammazzato la madre di 71 anni per poi smembrarne il corpo con una motosega e bruciarne i resti su una griglia. La notizia è stata riportata dal Washington Post che ha citato i documenti depositati in tribunale. Secondo quanto si legge, gli investigatori hanno trovato una situazione raccapricciante all'interno della casa quando sono stati chiamati per verificare le condizioni di Margaret Elizabeth Craig, che non dava notizie di sé da qualche giorno. Mentre gli agenti controllavano la casa hanno scoperto "sangue e tessuto sul pavimento" e tre sacchi della spazzatura con resti umani che si credeva appartenessero proprio alla donna.

Arrestate la figlia e la nipote della vittima
La polizia ha poi arrestato la figlia, Candace Craig, con l'accusa di omicidio di primo e secondo grado e ha accusato la nipote della vittima, la 19enne Salia Hardy, di essere complice dell'omicidio. Ad allertare le forze dell'ordine venerdì 2 giugno era stato un membro della famiglia dopo che la 71enne era scomparsa da "diversi giorni", suscitando preoccupazioni per la sua incolumità. Oltre ai resti della donna, nel seminterrato della casa gli agenti hanno trovato la copertura di una motosega, utensili da taglio, materiali per la pulizia e schizzi di sangue. La polizia ha detto che Craig è stata uccisa il 23 maggio, e la nipote il giorno successivo ha aiutato la madre a cercare di sbarazzarsi dei resti.
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.