Autore Topic: I rischi di una società femminilizzata  (Letto 2999 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 17094
  • Sesso: Maschio
Re:I rischi di una società femminilizzata
« Risposta #15 il: Gennaio 03, 2018, 00:07:15 am »
Già ai miei tempi le femmine erano delle capre, con ampia indulgenza dei professori (e professoresse) che continuavano a chiedersi perché "la parte femminile della classe rendesse meno".
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline ilmarmocchio

  • WikiQM
  • Pietra miliare della QM
  • ***
  • Post: 10666
  • Sesso: Maschio
Re:I rischi di una società femminilizzata
« Risposta #16 il: Gennaio 03, 2018, 11:01:22 am »
Gli stipendi più che medio bassi direi che sono bassissimi, un insegnante con vent'anni di servizio non so se arriva a 1500 euri al mese, e parliamo di un laureato che ha superato un concorso pubblico; e poi il tempo per il secondo lavoro ce l'avrà chi insegna p.es. ginnastica o religione, non chi insegna matematica o latino che ha migliaia di compiti da correggere e deve fare pure il coordinatore gratis.
Ma il fatto decisivo è che rispetto a venti o trent'anni, mentre lo stipendio è sempre quello, il lavoro si è fatto molto più impegnativo per l'aumento esponenziale della burocrazia ma soprattutto perché oggi la gioventù arriva a scuola allo stato brado, in particolare le femmine che sono mille volte peggio dei maschi.

quoto