Autore Topic: Previsioni di voto 2018  (Letto 38891 volte)

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5007
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #345 il: Maggio 02, 2018, 13:31:20 pm »
C'è una bella differenza tra la proposta Di Maio e il sussidio che è in vigore nei paesi del Nord, e comunque il problema vero è quello del lavoro col salario minimo garantito; invece il reddito di cittadinanza non mette in discussione lo sfruttamento subìto dai lavoratori ma apre le porte al fancazzismo e al lavoro nero, non ci interessa.

Dipende da come lo organizzi, il reddito di cittadinanza. Se ci fosse, molte tragedie, tipo suicidi (anche dalle tue parti) non esisterebbero.

Online Duca

  • Veterano
  • ***
  • Post: 1660
  • Sesso: Maschio
  • Duca di Tubinga
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #346 il: Maggio 02, 2018, 13:50:07 pm »
I suicidi di chi perde il lavoro o subisce il fallimento della sua azienda si impediscono primo riducendo gli sprechi (non tagliando le spese!) e abbassando le imposte, secondo facendo sì che lo Stato onori i debiti nei confronti dei privati perché se non lo fa si innesca l'effetto domino è il risultato è catastrofico... è ora di finirla con storie tipo Sergio Bramini,
il reddito di cittadinanza non risolve niente, ci vogliono lavoro, politica fiscale equilibrata, investimenti, lotta agli sprechi e ai parassiti vari (extra o no che siano)... meno chiacchiere e poche cazzate, insomma.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5007
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #347 il: Maggio 02, 2018, 14:25:21 pm »
I suicidi di chi perde il lavoro o subisce il fallimento della sua azienda si impediscono primo riducendo gli sprechi (non tagliando le spese!) e abbassando le imposte, secondo facendo sì che lo Stato onori i debiti nei confronti dei privati perché se non lo fa si innesca l'effetto domino è il risultato è catastrofico... è ora di finirla con storie tipo Sergio Bramini,
il reddito di cittadinanza non risolve niente, ci vogliono lavoro, politica fiscale equilibrata, investimenti, lotta agli sprechi e ai parassiti vari (extra o no che siano)... meno chiacchiere e poche cazzate, insomma.

 In attesa di tutte queste belle cose (qui in Italia sono pura utopia, a meno che non si faccia davvero la secessione dal resto del paese come ha fatto la Slovenia e la Croazia ma quanti italiani del Nord sono disposti a rischiare la pelle per questo?) non credi che un reddito di cittadinanza bene organizzato e meglio distribuito (magari a livello regionale) possa tamponare ed evitare al momento simili tragedie?

Online Duca

  • Veterano
  • ***
  • Post: 1660
  • Sesso: Maschio
  • Duca di Tubinga
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #348 il: Maggio 02, 2018, 17:00:49 pm »
Non sono idee utopistiche, anzi... basta crederci e lavorare sodo.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5007
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #349 il: Maggio 02, 2018, 19:16:49 pm »
Non sono idee utopistiche, anzi... basta crederci e lavorare sodo.

Lo stesso vale per le idee del M5S

Online Duca

  • Veterano
  • ***
  • Post: 1660
  • Sesso: Maschio
  • Duca di Tubinga
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #350 il: Maggio 02, 2018, 19:43:12 pm »
Mah, distinguerei gli elettori dagli spin doctors; sicuramente i primi in buona fede vogliono cambiare il Paese, ma i secondi, gente tipo Sassoon, Casaleggio...  :ohmy: un movimento creato a tavolino chissà con quali fini dietro... sento puzza di bruciato fin qua.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5007
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #351 il: Maggio 02, 2018, 22:30:04 pm »
Mah, distinguerei gli elettori dagli spin doctors; sicuramente i primi in buona fede vogliono cambiare il Paese, ma i secondi, gente tipo Sassoon, Casaleggio...  :ohmy: un movimento creato a tavolino chissà con quali fini dietro... sento puzza di bruciato fin qua.

I cialtroni di politici che abbiamo avuto finora sono meglio? Mah, vedi un pò tu...! 

Online Duca

  • Veterano
  • ***
  • Post: 1660
  • Sesso: Maschio
  • Duca di Tubinga
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #352 il: Maggio 02, 2018, 23:10:24 pm »
Mah, un Di Maio non mi sembra 'sto gran politico, anzi...
Comunque se il centro destra a trazione leghista ha ottenuto queste percentuali pazzesche, tipo nel nord del Friuli che è quasi al 70% :ohmy:, qualcosa vorrà pur dire...
Secondo me significa che il PD ha veramente rotto le scatole e dei grillini evidentemente non c'è da fidarsi.
Poi naturalmente uno può ritenere che alla Lega vada il voto di protesta dei soliti populisti ignoranti e che il buon Max Fedriga sia venduto al Berlusca... per carità, c'è la libertà di pensiero.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5007
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #353 il: Maggio 03, 2018, 00:10:04 am »
Mah, un Di Maio non mi sembra 'sto gran politico, anzi...
Comunque se il centro destra a trazione leghista ha ottenuto queste percentuali pazzesche, tipo nel nord del Friuli che è quasi al 70% :ohmy:, qualcosa vorrà pur dire...
Secondo me significa che il PD ha veramente rotto le scatole e dei grillini evidentemente non c'è da fidarsi.
Poi naturalmente uno può ritenere che alla Lega vada il voto di protesta dei soliti populisti ignoranti e che il buon Max Fedriga sia venduto al Berlusca... per carità, c'è la libertà di pensiero.
Ti pare che il M5S sarebbe mai sorto se i politici italiani fossero stati anche solo un poco decenti?

Online Duca

  • Veterano
  • ***
  • Post: 1660
  • Sesso: Maschio
  • Duca di Tubinga
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #354 il: Maggio 03, 2018, 00:25:06 am »
Mi dispiace, ma resto dell'idea che sia stato fatto nascere per ben altri motivi, funzionali ai padroni del vapore.
Certamente ci sono dei politici scadenti, ma l'idea che siano tutti ladri, incapaci e corrotti è falsa, e serve a giustificare la teoria dominante che le ideologie non contino e che quindi l'economia (leggasi: il capitalismo finanziario) abbia il primato sulla politica, cosa che a me non piace per niente.


Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 8039
  • Sesso: Maschio
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #355 il: Maggio 03, 2018, 01:15:45 am »
https://www.ilpost.it/2018/03/08/reddito-cittadinanza/

Citazione
giovedì 8 marzo 2018
Il reddito di cittadinanza non è un reddito di cittadinanza
Quello che propone il Movimento 5 Stelle è più simile a un sussidio di disoccupazione e non c'entra con il vero reddito di cittadinanza, che esiste praticamente solo in Alaska

La principale proposta economica del Movimento 5 Stelle, che domenica è diventato il primo partito italiano, è il cosiddetto “reddito di cittadinanza”, un sussidio di poco meno di un migliaio di euro al mese destinato a chi si trova senza lavoro o in condizioni di povertà. Il problema, però, è che non è affatto un reddito di cittadinanza. Si tratta di un sussidio di disoccupazione e inoccupazione, o, ancora meglio, di un reddito minimo garantito, a cui il Movimento 5 Stelle ha dato un nome originale e accattivante, che però indica una cosa completamente diversa.

Che cos’è davvero un reddito di cittadinanza?
Come indica il nome stesso, il reddito di cittadinanza (chiamato anche “reddito di base”, in inglese “basic income”) è un trasferimento monetario erogato dallo stato che viene ricevuto da tutti i cittadini, a prescindere da ogni altra considerazione. È un reddito, quindi, che spetta a qualcuno per il solo fatto di essere cittadino di un certo paese. La sua caratteristica è che viene erogato in assenza di qualsiasi altra condizione: ricchi e poveri, occupati e disoccupati, tutti i cittadini di uno stato che prevede il reddito di cittadinanza ricevono questo sussidio.

Come è facile immaginare, non sono molti i paesi ad avere un simile strumento. Il caso più celebre, e quasi unico, è l’Alaska, lo stato americano ricco di petrolio dove qualsiasi cittadino americano, per il solo fatto di essere un residente da almeno un anno nello stato, riceve circa un migliaio di dollari l’anno (al suo massimo storico, nel 2015, il fondo distribuiva a ogni cittadino 2.000 dollari l’anno). Ogni persona che ha vissuto in Alaska per almeno un anno riceve la cifra tonda, senza alcuna distinzione di reddito, occupazione o età.

Che cosa propone il Movimento 5 Stelle?
Nulla di quanto sopra: la proposta del Movimento non prevede di erogare un sussidio incondizionato e uguale per tutti, anzi. Per ottenerlo bisognerà invece rispettare una serie di condizioni:

    Essere maggiorenni
    Essere disoccupati
    Oppure, percepire un reddito da lavoro inferiore alla soglia di povertà
    Oppure, percepire una pensione inferiore alla soglia di povertà

Chi ha diritto al sussidio dovrà rispettare alcune regole per poter continuare a riceverlo.

    Iscriversi ai centri per l’impiego
    Accettare uno dei primi tre lavori che gli saranno eventualmente offerti
    Partecipare a progetti “utili per la collettività” organizzati a livello comunale per un massimo di 8 ore alla settimana
    Partecipare a corsi di riqualificazione e formazione

Chi soddisfa questi requisiti avrà diritto a un sussidio di circa 780 a euro al mese, o sufficiente a portare il suo reddito a 780 euro, con alcune variazioni in base alle dimensioni del nucleo familiare. Per i pensionati, secondo la proposta del Movimento 5 Stelle, queste limitazioni non si applicano.

Francesco Seghezzi, direttore della fondazione ADAPT, che studia lavoro e welfare, ha definito questa misura un’indennità di disoccupazione o inoccupazione, cioè un sussidio erogato a chi si trova senza lavoro a condizione che ne stia cercando attivamente uno. Altri lo hanno definito un “reddito minimo garantito“, per via del fatto che si applica anche a coloro che hanno un lavoro part-time e ai pensionati che vivono al di sotto della soglia di povertà.

Gli esponenti del Movimento 5 Stelle hanno ragione a dire che tutti i paesi europei, con l’eccezione della Grecia, hanno una qualche forma di tutela di questo tipo. Ma sbagliano a dire che tutti i paesi europei hanno un “reddito di cittadinanza”. Quello che è molto diffuso è il reddito minimo garantito, o comunque un’indennità di disoccupazione universale. È sbagliato, inoltre, dire che l’Italia non ha una norma simile, perché proprio l’anno scorso è stato definitivamente approvato il Reddito di inclusione (REI), un sussidio universale destinato a tutti coloro che si trovano in situazione di povertà.

Il REI sarà operativo dal prossimo luglio e ha meccanismi che lo rendono molto simile alla proposta del Movimento 5 Stelle. Ad esempio, è condizionato all’accettazione di percorsi di ricollocamento e formazione, in modo da aiutare le persone che lo ricevono a trovare un’occupazione. La differenza principale è nelle dotazioni finanziarie. Per il momento il REI è uno strumento di dimensioni ridotte, dotato di circa un paio di miliardi di euro. L’assegno, quindi, è piuttosto basso (un massimo di 485 euro) e la platea di chi ne può beneficiare è ridotta: lo strumento però è stato creato e ora è sufficiente aumentare la dotazione del fondo per arricchire l’assegno e aumentare il numero dei beneficiari. La proposta del Movimento è, in sostanza, un super-REI che dovrebbe avere, a seconda dei calcoli, una dotazione tra i 15 e i 30 miliardi all’anno. Nella sua sostanza, però, è uno strumento pressoché identico, a parte il fatto che si applica anche ai pensionati.

Online Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 5007
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #356 il: Maggio 03, 2018, 09:10:02 am »
Sta di fatto che se ora se ne parla è solo per merito del M5S. E basta.

Offline Sardus_Pater

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 2541
  • Sesso: Maschio
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #357 il: Maggio 06, 2018, 23:20:11 pm »
Massimo, io son stato ai primi Vaffa Day e supportavo le iniziative di Grillo. Al momento di fondazione del M5S, è scattato in me qualcosa, dovuto anche a esperienze pregresse, che mi hanno fatto capire dove volevano andare a parare: fare un po' di opposizione, abituarsi al Parlamento e lentamente cambiare le carte in tavola. Vedi Di Maio.
Il femminismo è l'oppio delle donne.

Online maveryx

  • Affezionato
  • **
  • Post: 297
  • Sesso: Maschio
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #358 il: Maggio 31, 2018, 11:39:41 am »
Comunque, al di là delle idee politiche, lo scadimento del dibattito e della dialettica politica, è direttamente proporzionale alla maggiore presenza femminile.
E se vi sembra un'affermazione esagerata, vi invito ad ascoltare attentamente quando esprimono il loro "pensiero" o le loro "opinioni" e "prese di posizione" la maggior parte di queste "politichesse": scoprirete il "nulla assoluto".
"Fuggi a vele spiegate, uomo felice, da ogni genere di cultura." Epicuro

Online Duca

  • Veterano
  • ***
  • Post: 1660
  • Sesso: Maschio
  • Duca di Tubinga
Re:Previsioni di voto 2018
« Risposta #359 il: Maggio 31, 2018, 13:00:34 pm »
Comunque, al di là delle idee politiche, lo scadimento del dibattito e della dialettica politica, è direttamente proporzionale alla maggiore presenza femminile.
Concordo e aggiungo che la maggior presenza femminile ha portato allo scadimento, oltre che la politica, professioni fondamentali quali insegnamento, avvocatura, medicina, magistratura, ecc.