Autore Topic: Arti Marziali  (Letto 96941 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13342
  • Sesso: Maschio
Re:Arti Marziali
« Risposta #1185 il: Oggi alle 00:31:49 »
Che peccato aver dovuto lasciare le AAMM per studiare, le mie colleghe di università hanno continuato e oltre ad aver fatto una faicle carriera sono anche diventate cinture nere (ma nel mio dojo lo shihan non le faceva passare sopra la marrone).
Che farci, le donne hanno una marcia in più.
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 8037
  • Sesso: Maschio
Re:Arti Marziali
« Risposta #1186 il: Oggi alle 01:11:03 »
Che peccato aver dovuto lasciare le AAMM per studiare, le mie colleghe di università hanno continuato e oltre ad aver fatto una faicle carriera sono anche diventate cinture nere (ma nel mio dojo lo shihan non le faceva passare sopra la marrone).
Che farci, le donne hanno una marcia in più.

E già, le donne hanno veramente "una marcia in più".
A chiacchiere, ovvio.


Citazione
e oltre ad aver fatto una facile carriera sono anche diventate cinture nere (ma nel mio dojo lo shihan non le faceva passare sopra la marrone).

Già, chissà perché...  :cool2:

Comunque anch'io sono una cintura nera (di Judo, ovviamente).

@@

PS: di recente mi son messo a seguire questo canadese - Dave Leduc -,
https://en.wikipedia.org/wiki/Dave_Leduc
un campione di Lethwei, o pugilato birmano, dove son previste pure le testate...

https://it.wikipedia.org/wiki/Lethwei





Citazione
Caratteristiche tecniche: "tutto il corpo è un'arma"
Nove tecniche tradizionali, formano la pratica del pugilato birmano. Le caratteristiche tecniche del lethwei tengono conto di tre componenti principali: le armi utilizzate, gli scopi e le distanze di combattimento. Troviamo:

Un uso di tutte le parti del corpo disponibili, di percussione e di proiezione portate attraverso nove armi principali : il cranio, i due pugni, i due gomiti, le due ginocchia e i due piedi.
La ricerca di percussione dell'insieme del corpo dell'avversario.
La gestione di tre distanze di combattimento: distanza lunga, in particolare di calcio; distanza media, colpi di ginocchio, pugno e gomito; corpo a corpo, con prese e proiezioni.
Per poter ricordare facilmente le strategie da adottare durante il combattimento il pugile deve memorizzare un insieme di relativamente semplici principi. Per esempio:

Colpire le armi, le parti del corpo dell'avversario, prima di attaccarsi al centro del corpo; per esempio, procurare una scossa con un colpo di testa nel muscolo e nello stesso tempo portare un colpo di pugno circolare o una percussione alla coscia dell'avversario, con un calcio frustrato (fr. fouetté) in occasione di un'offensiva in calcio circolare in linea mediana.
Le proiezioni devenno avvenire nello spazio vicino, in modo che si possa portare una percussione immediata.
Utilizzare le strategie degli animali del Thaing. Esempio: percussione nelle membra inferiori avverse di tipo cinghiale, o colpo di zampa di tipo pantera nelle braccia dell'avversario, per aprirsi un cammino verso lo scopo; un colpo rotativo della tigre in un'offensiva di calcio in faccia.
« Ultima modifica: Oggi alle 01:22:52 da Frank »

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13342
  • Sesso: Maschio
Re:Arti Marziali
« Risposta #1187 il: Oggi alle 01:40:19 »
Mi sembrano tecniche che utilizzano l'intera catena cinetica, quindi molto potenti, ma che possono sbilanciare.
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.