Autore Topic: Ennesima vispa teresa liberata da maschi. E che ringrazia solo se stessa  (Letto 615 volte)

Online fritz

  • Utente
  • *
  • Post: 29
Diciamoci la verità: Silvia Romano è una delle tante malate radical chic che volevano farsi la vacanza low cost in Africa, facendosi le solite foto con il bimbo denutrito pelle-ossa sorridendo con la solita espressione da ebete che caratterizza queste "donne".

Diverse fonti attestano che non avesse voglia di fare nulla, non fosse in grado di fare niente. In Africa del resto gli insegnanti non mancano, mancano invece ingegneri, medici, tecnici. Quindi cosa è andata a fare realmente la Romano in Africa, se non soddisfare la sua vanità ed egocentrismo?

Che adesso si faccia chiamare Aisha, a seguito dell'ovvio lavaggio del cervello (e chissà cosa ha subito 'sta ragazza) non fa altro che testimoniare come le persone frivole, senza riferimenti né virtù, siano facilmente manipolabili e plagiabili.

Nel suo caso, il raccapricciante trasformismo da zoccola-minigonna-miscopochimipare a donna-sottomessa-micopropureicapelli è il macabro spettacolo a cui si assiste del camaleontismo delle donne odierne: ennesima manifestazione di come l'assenza di una morale, di valori, rendano le persone vuote. E come sia facile piegarle al proprio volere riempendo quel vuoto con qualcosa, qualsiasi cosa.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 14401
  • Sesso: Maschio
Credo che la "conversione" faccia parte di un'operazione di propaganda, forse è il prezzo da pagare (al Governo) per la sua liberazione. Non mi pare possibile in questo caso che sia sincera o che esista una fantomatica minaccia islamista in Italia tale da spaventare proprio lei.

Come le liberano facilmente queste donne, mentre uomini capi di Stato son finiti morti ammazzati.
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.