Autore Topic: Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)  (Letto 10380 volte)

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 7969
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #75 il: Marzo 04, 2019, 18:59:36 pm »
Comunque, il lato divertente di questa storia, è che decenni fa le femminucce-femministe sostenevano ben altro...

https://www.ildialogo.org/donna/rivoltafemminile30052005.htm

Citazione
DOCUMENTI
MANIFESTO DI RIVOLTA FEMMINILE (LUGLIO 1970)

di Carla Lonzi

[Da Carla Lonzi, Sputiamo su Hegel. La donna clitoridea e la donna vaginale, Rivolta Femminile, Milano 1974, poi Gammalibri, Milano 1982, pp. 13-22, riprendiamo il manifesto di "Rivolta Femminile" del luglio 1970, uno dei testi fondamentali della riflessione femminista in Italia. Carla Lonzi e’ stata un’acutissima intellettuale femminista, nata a Firenze nel 1931 e deceduta a Milano nel 1982, critica d’arte, fondatrice del gruppo di Rivolta Femminile. Opere di Carla Lonzi: Sputiamo su Hegel, Scritti di Rivolta Femminile, Milano 1974, poi Gammalibri, Milano 1982; Taci, anzi parla. Diario di una femminista, Scritti di Rivolta Femminile, Milano 1978; Scacco ragionato, Scritti di Rivolta Femminile, Milano 1985. Opere su Carla Lonzi: Maria Luisa Boccia, L’io in rivolta. Vissuto e pensiero di Carla Lonzi, La Tartaruga, Milano 1990]

(...)

Comunichiamo solo con donne.

Roma, luglio 1970

Tratto da
NONVIOLENZA. FEMMINILE PLURALE



Citazione
La guerra e’ stata da sempre l’attivita’ specifica del maschio e il suo modello di comportamento virile.

...

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 7969
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #76 il: Aprile 11, 2019, 01:19:49 am »
http://bernardgaynor.com.au/2019/04/08/pilots-must-consider-feminist-theory-before-dropping-bombs/?fbclid=IwAR0swDxrMG3QM6vYLG89IEZ82mT4ZYjxadd-sqbuvTYYpQ5px7pUW20QutA

Citazione
Pilots must consider feminist theory before dropping bombs
Home»Defence»Pilots must consider feminist theory before dropping bombs
Posted By Bernard Gaynor on Monday, April 8, 2019 7:29 am | 31 comments

You will not believe this.

Ok, given today’s circumstances, you might not be surprised at all.

Actually, considering the Army referenced Xena the Warrior Princess and comic book characters to justify calls for female infantry and the Navy proudly boasted that its sailors were painting their fingernails pink last year, you’ve probably been expecting this to drop any day.

So here goes: the Royal Australian Air Force (RAAF) now has official doctrine that requires pilots to consider feminism and feminist theory before going to war.

But wait, there’s more: the Australian Defence Force (ADF) now has 135 qualified ‘Gender Advisors’ and they are being deployed on operations.


Gender in Air Operations was published by the RAAF’s Air Power Development Centre in June 2018 and contains this helpful information in the foreword by Air Commodore Stephen Edgeley:

Chief of Air Force is committed to incorporating and mainstreaming a gender perspective and the UNSCR1325 and related resolutions (UNSCR1325+) agenda across Air Force. I intend to enhance Air Force’s operational capability through integrating a gender perspective into Air Force’s doctrine to inform individual and collective training and the planning and conduct of operations.

And so now the cat is out of the bag: our military’s insane pursuit of politically-correct feminist agendas is being driven by the United Nations.

But, to be fair to the UN, not even UNSCR1325 demands that nations like Australia plunge head first off the idiot cliff. We’re choosing to do that all by ourselves.

The key section of UNSCR 1325 states:

Urges Member States to ensure increased representation of women at all decision-making levels in national, regional and international institutions and mechanisms for the prevention, management, and resolution of conflict;
And from these 29 words feminist activists in Australia have basically revolutionised the entire ADF to the point that women are now preferred over men when it comes to recruitment, retention, promotion and postings as I detail in this exclusive series of articles.

They’ve also radically distorted our warfighting doctrine to the point that we are basically not interested in winning wars anymore. This is straight out of Gender in Air Operations:


For example, if the military target is a bridge in a community that is being used as a main route by the enemy to transport weapons, this same bridge may also provide the only route for the local population to gather supplies such as water and firewood. Although destroying this target may provide a military advantage against the enemy, the second order effect may mean that, due to the gendered social roles, women need to travel further afield, on unfamiliar and less secure, well-known or well-lit routes to gather water and firewood.

Who knew that the RAAF could best help vulnerable women by not bombing the bad guys?

The madness in this document is so profound that pilots must now navigate feminism and feminist theory before taking off. Apparently, it is also important that they understand the difference between sex and gender before they engage in aerial combat.

These graphics are taken straight out of Gender in Air Operations:


It’s only a matter of time before military planners must designate transgender ‘safe spaces’ on their battle maps. But I’m fairly certain that the enemy will then roll their tanks right through them.

Hey, we might not win the war but at least we’ll be remembered fondly by Bruce, the confused woman.

It would be bad enough if the ADF was tokenistically throwing a bone to the feminists with the odd press release and International Women’s Day photo op. But it’s gone far beyond some Canberra PR stunt and has infected our operational capabilities.

‘Gender Advisors’ are now being sent off to war.

I have no idea what Gender Advisors do. And I bet they don’t either. In fact, they even say they don’t know. This is what Captain Stacey Porter, Royal Australian Navy, recently wrote for the Australian Strategic Policy Institute:

The course teaches participants that gender analysis is the linchpin of the gender adviser’s modus operandi, but I think we still haven’t cracked what gender analysis can provide for us operationally. How do we make gender analysis more operationally relevant, particularly to mission commanders and planners and in intelligence analysis?

Here’s a hint: you can’t make gender analysis operationally relevant.

And here’s another hint: a week-long gender advisor course will never provide anything of any military use. But it might start World War Three as transgender feminists and lesbians duke it out over what it means to be a lady.

The entire purpose of this course has nothing to do with winning wars and everything to do with creating politically-correct operational postings for women. And that means that this course doesn’t help. It hurts.

In fact, these artificially created roles only distract from real issues by creating pretend ones.

Hence we should not be surprised at all the Captain Porter is also banging the climate change drum:

Gender analysis is still maturing at HQJOC, where I’m responsible for mainstreaming the gender perspective right across the headquarters as the senior gender adviser. In my view, and drawing on my experience as a deployed gender adviser in Afghanistan in 2016 and 2017, we need to assess each mission from a civilian-centric, theatre-of-operations perspective that includes examining the relationships between armed conflict, the roles of women and men, and factors that we’ve traditionally overlooked, such as climate change.

Thanks to gender advisors we now know that the problems in the Middle East and Afghanistan are due to the weather.

Heaven help us all – especially if our nation is threatened over the next decade. Because that is probably how long it will take for the ADF to refocus on warfighting even if this insanity is scrapped today…

*****

This information was also published in today’s Daily Telegraph which has an audience far beyond the reach of this website.

I would like to thank you for your support since 2013, especially those Defence members who risk their jobs to speak with me.

Without your support and this courage, this story and many others would never have reached the mainstream media. I believe that we are having an impact, building public awareness and creating pressure that will eventually see this politically-correct madness end.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 7969
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #77 il: Aprile 22, 2019, 01:54:22 am »
Notare come i soliti cavalieri serventi si affannino a difendere la povera soldatessa dai vili attacchi del soldato...
A situazione invertita non muoverebbero un dito e si scompiscierebbero pure dalle risate.



A volte mi chiedo chi me lo faccia fare di perder tempo con tutti questi imbecilli di sesso maschile da cui siam circondati.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 7969
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #78 il: Aprile 22, 2019, 02:10:08 am »
Questo, invece, è ciò che succede ad una donna addestrata (per giunta capitano...) quando si trova di fronte un uomo addestrato che non le lecca il deretano.




Citazione
Gnosis7
10 mesi fa
But wait, every time I see an action movie, the female character kicks the ass of the 7 foot, 300 pound male! Oh wait, this was real footage. Reality check, the average man is stronger than the average woman. No amount of feminism is going to change that!
...

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13199
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #79 il: Aprile 22, 2019, 02:29:53 am »
 :lol: :lol: Come previsto, gli fa il solletico
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 7969
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #80 il: Aprile 22, 2019, 02:36:48 am »
Commento più che condivisibile di uno statunitense dell'Arizona.


Citazione
The sports world is the easiest way to discern the huge physical differences, and abilities, between men and women. In 2014 the U.S. women's Olympic hockey team practised against northeastern U.S. boy's high school hockey teams...and the boy's were not allowed to body check the women for fear of hurting them. The boy's teams won several games over the best female hockey players in the world. In 2016 the Australian boy's 15 and under soccer team beat the women's national Australian soccer team 7-0! In 2017 the FC Dallas boy's 15 and under squad beat the women's U.S. national soccer team 5-2. And these wins were achieved by very skilled boys...not men. The games would have been much more uneven if the boys had been men. Putting women onto men's soccer teams would make them worse, not better and the same is true in infantry units in combat where soldiers must carry loads up to 100 lbs for days on end with little rest, sleep, food or water. So why put weaker women into combat fighting against men? It is not fair to either the men or the women who must fight together.

https://www.cbssports.com/soccer/news/a-dallas-fc-under-15-boys-squad-beat-the-u-s-womens-national-team-in-a-scrimmage/?fbclid=IwAR2_3P7NGKf0rvw-YxF8OdhcIv6ttsaWum64mZs2JNJPIo4x_JQ1irWwTHs

A quanto pare al di là dell'Atlantico esiste qualche altro "Frank".  :sleep:

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13199
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #81 il: Aprile 22, 2019, 02:49:54 am »
In Russia e Cina le donne sono in reparti operativi? :hmm:
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 7969
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #82 il: Aprile 22, 2019, 03:14:03 am »
Saranno "operative" come in Italia, Usa, Australia, etc...  :sleep:
Seriamente: a me risulta che anche in quei paesi sono gli uomini a rischiare la pelle in prima linea.

Tra l'altro, in questi ultimi anni, in paesi come gli USA, l'Australia, la stessa Italia, etc, sono stati abbassati gli standard fisici proprio per permettere un maggiore ingresso delle femmine nell'esercito.  :doh:

Inoltre, in Australia, già diversi anni fa, furono abbassati i succitati standard anche per entrare in polizia.
Alla faccia delle presunte "discriminazioni contro le donne".

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 7969
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #83 il: Aprile 22, 2019, 03:23:39 am »
Comunque un fatto è certo: la presenza femminile in ambito militare ha portato solo guai.
Altro che il "valore aggiunto" di cui parlano i media.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 7969
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #84 il: Aprile 24, 2019, 00:23:34 am »
:lol: :lol: Come previsto, gli fa il solletico

Guarda anche questo video risalente al 2010.



L'ha fatta durare anche troppo.
Per non parlare del fatto che in uno scontro reale, senza regole né arbitri, di lei sarebbe rimasto ben poco di sano.
Ma a quanto pare in ambito militare queste assurdità sono ormai la norma.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13199
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #85 il: Aprile 24, 2019, 01:45:04 am »
Altro che il "valore aggiunto" di cui parlano i media.
E' come portarsi dietro la mascotte. Funziona benissimo, in tempo di pace.
Guarda anche questo video risalente al 2010.



L'ha fatta durare anche troppo.
Per non parlare del fatto che in uno scontro reale, senza regole né arbitri, di lei sarebbe rimasto ben poco di sano.
Ma a quanto pare in ambito militare queste assurdità sono ormai la norma.
Eh, non si rialzava più :cool:
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 7969
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #86 il: Maggio 01, 2019, 17:21:18 pm »
E' come portarsi dietro la mascotte. Funziona benissimo, in tempo di pace.
Eh, non si rialzava più :cool:

E qui torniamo al mio discorso relativo alla mutazione antropologica degli uomini, perché quello della "femmina guerriera" è anzitutto un mito maschile più che un mito femminista, originato dai soliti e ben noti complessi di inferiorità delle suddette.

Basta vedere questi video - oppure assistere in palestra ad un allenamento tra un maschio e una femmina - per rendersi conto di come gli stessi uomini tifino quasi sempre per le femmine e gioiscano se il primo ne esce sconfitto.
Al tempo stesso è impossibile assistere a qualcosa del genere da parte femminile, proprio perché, in tal senso, le femmine hanno un livello di "consapevolezza di genere" (termine che detesto, non fosse altro per il fatto che io stesso scrivo sempre sesso e mai genere; ma è per rendere l'idea) che la massa maschile non possiede nemmeno di striscio.

Per dire: se fai un certo genere di discorsi a degli ex pugili oppure a degli istruttori di kickboxing, capita frequentemente che ti rispondano con parole del tipo:
"Ma guarda che le donne son toste, eh!"...
Oppure:
"Oh, quella mena pure a te!..."    (sì, come no...:muro:)

Ora, che una femmina ben allenata e addestrata in discipline da combattimento, tipo le MMA , la Muay Thai, la kickboxing, etc, possa picchiare un uomo non allenato e altrettanto addestrato, non è certamente una novità per chi come me è stato un atleta.
Non a caso ho scritto più volte che non si può paragonare un impiegato di banca - magati mingherlino - che in tutta la vita ha retto in mano libri e penne, ad una Kayla Harrison, campionessa olimpica di judo.
Lo stesso maestro di Wing Tsun, Victor Gutiérrez, in una intervista rilasciata a Budo International nell'ormai lontano marzo 1999, affermava che:
"E' un dato di fatto che una donna ben allenata (da uomini, aggiungo io...) sia più forte di un uomo non allenato (o allenato male), senza arrivare ad avere un fisico mascolino".

Certo, va sempre precisato che bisogna poi vedere di quali uomini si parla, poiché molti muratori e carpentieri di mia conoscenza - e in particolar modo alcuni di quelli provenienti dalla Romania o dall'Albania - son sicuramente più forti di una donna allenata, anche se poi non altrettanto addestrati al combattimento.
Ma è proprio qui che emerge l'idiozia di tanti nostri simili, i quali dimostrano una volta di più di essere il cavallo di troia delle donne, poiché è chiaro che il paragone va fatto tra uomo medio e donna media, nonché tra atleta di sesso maschile e atleta di sesso femminile.
Per dire: quale femmina esistente sul pianeta Terra potrebbe sfidare un Teddy Riner o un Anthony Joshua ?
Ovviamente nessuna.
E non a caso le varie competizioni sportive son divise in base al sesso (oltre che in base al peso), quando si tratta di discipline da combattimento.
Tali differenze tra i due sessi, e a vantaggio degli uomini, esistono e persistono anche a parità di peso.
(A parità di peso il vantaggio di forza fisica dei maschi, rispetto alle femmine, è in media del 30%; soprattutto nella parte superiore del corpo.)
Son delle tali banalità che non dovrebbe esserci nemmeno bisogno di spiegarle.
Ma a quanto pare oggigiorno bisogna specificare pure questo.

@@

PS: in quell'intervista risalente al marzo 1999, Victor Gutiérrez affermava che:
Citazione
"... si possono creare delle lezioni e dei corsi esclusivamente femminili. Questa soluzione ha comunque dei pro e dei contro.
Pro: elimina il problema della timidezza per il fatto di allenarsi con altre ragazze. Questo poi elimina in parte anche la paura
di essere colpita. Ed infine si possono adattare meglio il ritmo e l'intensità dell'allenamento.

Contro: non potendo usufruire di sparring maschili, ci si allontana dalla realtà di una situazione di difesa personale.
Le loro tecniche non saranno valide perché negli allenamenti si difendono da avversari molto meno forti di quelli che
troverebbero in una situazione reale. Una strategia interessante sarebbe quella di cominciare con un gruppo esclusivamente
femminile, finché le ragazze non raggiungano una padronanza delle tecniche basilari e un grado di allenamento fisico sufficiente.
Dopodiché, potrebbero passare progressivamente ad un gruppo misto, cominciando da un giorno alla settimana, fino ad arrivare
a due o più dopo tre mesi.

Riporto quel passaggio per evidenziare, una volta di più, come siano sempre degli uomini a preoccuparsi di addestrare a dovere
delle donne e parimenti a studiare delle tecniche ben precise e adatte al loro fisico.
Sono gli uomini che permettono alle donne di migliorarsi in tal senso - anche confrontandosi fisicamente con i medesimi -* poiché da sole non sanno fare veramente nulla.
E il bello è che c'è pure chi ha il coraggio di definirle "superiori".

In sostanza, dietro a qualsiasi "wonder woman" ci sono sempre degli uomini, senza i quali le suddette sarebbero perse.

@@

* Naturalmente e al tempo stesso, gli uomini hanno solo da rimetterci nell'allenarsi con delle femmine.
Se le danno son solo dei bastardi che picchiano le donne; se le prendono son delle mammolette che si fanno picchiare dalle femmine e per questo saranno sbeffeggiati e derisi sia dagli altri uomini che dalle donne.
« Ultima modifica: Maggio 01, 2019, 17:36:25 pm da Frank »

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 7969
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #87 il: Maggio 01, 2019, 19:14:26 pm »
Per chi non li conoscesse...

Citazione
Per dire: quale femmina esistente sul pianeta Terra potrebbe sfidare un Teddy Riner o un Anthony Joshua ?






E tanto per restare in tema...

Citazione
Riporto quel passaggio per evidenziare, una volta di più, come siano sempre degli uomini a preoccuparsi di addestrare a dovere delle donne e parimenti a studiare delle tecniche ben precise e adatte al loro fisico.
Sono gli uomini che permettono alle donne di migliorarsi in tal senso - anche confrontandosi fisicamente con i medesimi -* poiché da sole non sanno fare veramente nulla.


Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 7969
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #88 il: Maggio 01, 2019, 19:59:17 pm »
Questo è l'istruttore francese del video postato dal sottoscritto poc'anzi, che insegna l'autodifesa alle donne.

https://www.academiefranckropers.com/franckropers.html

Citazione
Franck Ropers, né à Paris en 1962, est un ancien athlète de haut niveau.

Il pratique les arts martiaux et sports de combat depuis plus de 38 ans, parmi lesquels : le Viet-Vo-Dao, la Boxe Française, la Boxe Anglaise et la Boxe Thaïlandaise.

Il pratique le Penchak Silat depuis 30 ans, qu’il affectionne tout particulièrement pour son efficacité et son réalisme en combat.

Parallèlement à cela, il étudie l’énergie interne, le chi Kong, la sophrologie, le yoga, la PNL et toutes formes de pratiques destinées à développer et augmenter ses capacités physiques et mentales.

En 1991, il reçoit de la part de Maître Turpijn, la Ceinture Noire 2e Dan indonésienne, ainsi que le diplôme de professeur, estampillé de « The International Pencak Silat Federation ».

Franck Ropers évolue pendant de nombreuses années dans le milieu de la sécurité (Diplômé Préfectoral), ce qui le conduit à parfaire son enseignement dans le Penchak Silat, car il répond au besoin d’efficacité, sans pour autant délaisser le côté traditionnel de l’art martial.

En 1996, il crée « l’Académie Franck Ropers » : première école à élaborer un système de grades matérialisé par des ceintures de couleurs.

En 1998, Franck Ropers s’investit dans l’enseignement de la self-défense féminine et sélectionne des techniques spécifiques et efficaces, personnalisées et surtout adaptées à la psychologie et la morphologie féminine.

Depuis, il est sollicité pour l’animation de nombreux stages et séminaires qu’il anime seul ou avec les instructeurs de son école, ou encore en collaboration avec des experts de haut niveau et de différentes disciplines (krav-maga, boxe de rue, self-défense…).

Franck Ropers est titulaire du DIF et du CQP. Il est également juge et référent National des Arts Martiaux du Sud-Est Asiatique pour le Penchak Silat.

En 2011, les hauts gradés de la FFKDA lui décernent le grade de Ceinture Noire 5e Dan.

En juin 2014, il intègre la Fédération Française du Sport Travailliste.

En octobre 2014, il est élu à l’unanimité responsable de la commission nationale de Penchak Silat de la FFST.

En juin 2015, il obtient le grade exceptionnel de 7eme degré de Penchak Silat FFST.

Le 26 septembre 2015 Franck Ropers s'est rendu à Rotterdam ou il a reçu des mains de Madame Turpijn (héritière de Maître Turpijn), le diplôme de 7ème Dan indonésien.

Il devient ainsi le plus haut gradé français de Penchak Silat.

Depuis, une dizaines d’années, il consacre beaucoup de temps à la préparation physique et mentale : il développe des programmes d’entrainement sur-mesures.

À ce jour, il a formé des centaines de professeurs à travers des cours particuliers, collectifs ou encore des stages.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 13199
  • Sesso: Maschio
Re:Soldatesse e donne in divisa (da carnevale)
« Risposta #89 il: Maggio 02, 2019, 00:58:47 am »
Tecniche adatte al loro fisico? Certo, per combattere altre donne in un gineceo. Gli faccio tanti auguri :lol:
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.