Autore Topic: Pornografia: un bene o un male per gli uomini?  (Letto 73726 volte)

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 16929
  • Sesso: Maschio
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #480 il: Agosto 07, 2017, 16:51:47 pm »
Tutti in clinica per la disintossicazione!! (vale anche per chi, nella sua vita, ha acquistato giornaletti peccaminosi).  :D :D  :D
Un mod che sfotte, mah...
Alberto sono sicurissimo che non sei dipendente da porno, ma se è la terza ricerca su Internet un motivo ci sarà.
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline ilmarmocchio

  • WikiQM
  • Pietra miliare della QM
  • ***
  • Post: 10666
  • Sesso: Maschio
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #481 il: Agosto 07, 2017, 16:59:43 pm »
Come no, tutti a visionare valanghe di porno per farsi quattro risate! :lol:
Marmocchio sei OT: il tema non sono i presunti traumi moralistici provocati dal porno. Si butta tutto sulla fisima religiosa per screditare un'opinione.

io non ho parlato una sola volta di religione , tanto meno di moralismo, dal quale sono alieno.
Semplicemente, conosco l'argomento dipendenze e non è così semplicistico come sembrerebbe.
A tanti il porno non fa una beata mazza, non più di cento partite di calcio al giorno ( e a me piace ) o della dipendenza dal lavoro, dalla fica, dalla tecnologia, dai soldi, ecc

Offline ilmarmocchio

  • WikiQM
  • Pietra miliare della QM
  • ***
  • Post: 10666
  • Sesso: Maschio
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #482 il: Agosto 07, 2017, 17:07:56 pm »
Un mod che sfotte, mah...
Alberto sono sicurissimo che non sei dipendente da porno, ma se è la terza ricerca su Internet un motivo ci sarà.

anche il turismo penso sia molto gettonato in internet, quindi ne arguiamo che il turismo è pericoloso per gli uomini ?
che dire dei telefonini ?

Anzi, i peggiori sono i ...verbi transitivi
http://www.lastampa.it/2013/12/30/cultura/scuola/tra-gli-argomenti-pi-cliccati-posto-donore-a-verbi-transitivi-e-dante-vOpKnxnPQTK2gguhAQqROI/pagina.html

Tra gli argomenti più cliccati, posto d’onore a verbi transitivi e Dante

Pubblicato il 30/12/2013
Ultima modifica il 31/12/2013 alle ore 09:10
roma

Gli argomenti più cliccati dai giovani nell’anno che si sta concludendo? Il primo posto spetta alla grammatica, in particolare ai verbi transitivi e intransitivi; il secondo gradino del podio va a Dante Alighieri con il suo primo canto dell’Inferno, seguito immediatamente dopo dalle proporzioni matematiche. È quanto emerge da un’analisi del traffico del portale Skuola.net.
I ragazzi sembrano avere grandi difficoltà con la lingua italiana. Tra le voci più cercate, infatti, oltre ai verbi transitivi e intransitivi, ci sono quelli servili e il predicato verbale e nominale.
Tra gli autori, il posto d’onore spetta indubbiamente al Sommo Poeta: Dante e in particolare il suo primo canto dell’inferno sono gli argomenti della letteratura italiana più cercati sul web nel 2013. Dopo si lui si trova Gabriele D’Annunzio, che si guadagna un’ottima seconda posizione con la sua «Pioggia nel Pineto» superando incredibilmente Alessandro Manzoni, che si classifica solo terzo con il suo secondo capitolo dei «Promessi Sposi».
Quanto alla matematica nel 2013 gli studenti hanno cercato molte informazioni sulle proporzioni e in particolare sul calcolo del loro termine ignoto. Anche i poligoni e le loro regole geometriche sembrano aver popolato gli incubi dei ragazzi, conquistandosi così la seconda posizione. Medaglia di bronzo all’algebra, che finisce sul podio con i sistemi lineari.
Per la categoria «Filosofia» spicca, dall’antica Grecia, Platone con la sua filosofia delle idee. La seconda posizione invece porta in piena rivoluzione scientifica con Galileo Galilei. Non ci si sposta di molto per arrivare al gradino più basso del podio dove si piazza l’illuminismo.
La Grande Guerra è al primo posto nel 2013 per la categoria «Storia»: la più cliccata è la Prima Guerra Mondiale, seguita dall’ascesa del Nazismo. Per gli studenti la storia è fatta anche di personaggi e i più cliccati di Skuola.net sono stati Luigi XIV, il Re Sole di Francia, e Napoleone Bonaparte. Per il latino, Orazio si guadagna la prima posizione tra le versioni più cercate nella sezione del sito a loro dedicata, con il suo brano in cui consiglia il «Carpe Diem». Virgilio detiene invece il primato tra gli autori più cliccati della letteratura latina, mentre sono i verbi a preoccupare i giovani latinisti nella parte grammaticale: i paradigmi verbali sono l’argomento più cercato.
Ma dagli appunti i ragazzi passano con velocità alle notizie. Quelle sulla maturità non hanno rivali: tutte e tre le posizioni della categoria sono di argomento” esame di stato”, grande protagonista dello scorso luglio. Al primo posto tra le ricerche degli studenti si collocano i commissari esterni, seguiti dai commenti alla prima prova e da quelli alla seconda prova di maturità. 

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 16929
  • Sesso: Maschio
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #483 il: Agosto 07, 2017, 17:11:40 pm »
Ma certo, gli uomini cercano il porno per vedere se è transitivo o intransitivo :lol:
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline claudio camporesi

  • Affezionato
  • **
  • Post: 309
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #484 il: Agosto 07, 2017, 17:12:51 pm »
Mi par di poter fissare alcuni paletti:
L attuale invasione di porno deriva dalla tecnologia informatica alla portata di tutti; immagini erotiche eran riportate su pietra nel borgo dei lupanari a Pompei , tanto per fare un minimo esempio tra i mille possibili.

Il porno , sino ad una ventina di anni fa , era un prodotto prevalentemente europeo, poi gli USA , con Internet , lo hanno reso una merce industriale

Materiale pornografico cartaceo e' capitato per le mani alla maggior parte degli uomini del ventesimo secolo , noi compresi :  i pornodipendnti da cartaceo credo non esistessero , o comunque erano molto pochi.Con il digitale, invece , si e' instaurata una sorta di pornocrazia:  anche intervistare pornoattori e pornoattrici in programmi televisivi  e' equivalso a sdoganare il loro ambiente ed il loro prodotto

Il porno da una idea estremizzata della attivita' sessuale reale , che comunque viene riportata come attivita' di facile acquisizione , sempre indipendente da sentimenti , in un mondo finto letteralmente infestato da donne e uomini perennemente ingoiati ..: problemi possono nascere in persone che , per eta' o fattori psichici prendono tali spettacoli come pietra di paragone per la propria sessualità' , con la difficolta' a riprodurre spettacoli fittizi.

La dipendenza eventuale , credo , molto sia influenzata  dalla tendenza soggettiva alla compulsivita' : essenzialmente psicologica , si differenzia dalla dipendenza anche fisica di alcool , tabacco , e droghe varie).



Online KasparHauser

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 901
  • Sesso: Maschio
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #485 il: Agosto 07, 2017, 17:15:00 pm »
Aggiungo la mia.
Forse è già stato detto, ma giova ripetere: la pornografia prima di internet è una cosa, la pornografia dopo internet è una cosa del tutto diversa quasi bisognerebbe cambiargli il nome perchè sono due fenomeni non comparabili.
La pornodipendenza nasce con internet, prima non esisteva, e non esisteva non perchè non c'erano studi, non esisteva semplicemente perchè la fruizione del porno tramite supporto cartaceo o video o cinema, non produceva giammai le conseguenze spesso drammatiche della fruizione tramite internet (per certi soggetti è chiaro).
E questo perchè la pornografia tradizionale aveva dei limiti insiti nei mezzi con cui si diffondeva, mentre quella su internet non ha limiti per certi versi è infinita e inesauribile.
Non esiste più la distanza tra desiderio e realizzazione di esso, non esiste più quell'assuefazione alle solite immagine che ci obbligava a comprare un altro video , un altro giornale un altro film.
Quale incidenza abbia la pornografia sulla popolazione non saprei, ma è certo che è un insidia pericolosa, sopratutto per chi ha ragazzi o bambini ormai espertissimi in internet e computer.

Alberto1986

  • Visitatore
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #486 il: Agosto 07, 2017, 18:14:37 pm »
Un mod che sfotte, mah...
...

Per i soliti wiki che ripetono sempre le stesse filastrocche apocalittiche senza fornire neanche uno straccio di dati credibili, non vedo altra soluzione. E non dirmi che la mentalità religiosa non c'entra nulla, perchè c'entra. Comunque pensatela come volete per carità, a me non cambia nulla. Non vorrei, però, che questo spazio diventasse, agli occhi dei visitatori, una sorta di chiesa virtuale.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 16929
  • Sesso: Maschio
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #487 il: Agosto 07, 2017, 18:22:02 pm »
Per i soliti wiki che ripetono sempre le stesse filastrocche apocalittiche senza fornire neanche uno straccio di dati credibili, non vedo altra soluzione. E non dirmi che la mentalità religiosa non c'entra nulla, perchè c'entra. Comunque pensatela come volete per carità, a me non cambia nulla. Non vorrei, però, che questo spazio diventasse, agli occhi dei visitatori, una sorta di chiesa virtuale.
I teoremi sono duri a morire. Dire che il porno via Internet rimbambisce un elevato numero di uomini non può che avere come movente il bigottismo. E in un certo senso è vero: è la sacrosanta verità.
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online Jason

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4428
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #488 il: Agosto 07, 2017, 18:31:09 pm »
Che la mentalità religiosa c'entra questa è tutta una TUA teoria , perchè la religione la stai mettendo in mezzo solo tu. Mo tutti quelli che sono critici verso il porno sono religiosi secondo te . Come se le femministe dicessero che chiunque non la pensi come loro è misogino . Come ha già ripetuto allo stremo Vicus, il porno rimbambisce per i motivi ampiamente discussi . E la religione non c'entra nulla perchè ad essere contro la pornografia non ci sono solo religiosi, anzi . Lo trovano squallido pure moltissimi agnostici e atei, oltre che rimbambente . Metterci sempre in mezzo la religione sta diventando un ritornello noioso. Qui ci vedo un tentativo di voler avere ragione per forza.

E la domanda mia non ha ancora risposta , ma non si era detto di evitare di mettere in mezzo sempre la religione ad ogni discussione inerente alla QM ? Perchè allora io leggo sempre quella parola ?
« Ultima modifica: Agosto 07, 2017, 18:41:11 pm da Jason »
«La folla che oggi lincia un nero accusato di stupro presto lincerà bianchi sospettati di un crimine».
Theodore Roosvelt, Presidente degli Stati Uniti d’America

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 16929
  • Sesso: Maschio
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #489 il: Agosto 07, 2017, 18:53:46 pm »
Non si tratta solo del porno, l'argomento si inserisce in un discorso più ampio che riguarda le ore che passano gli uomini davanti alla televisione, o al cellulare, talora senza praticare nessuno sport. Lo stile di vita ha conseguenze importanti sulla personalità e sulla conseguente capacità di migliorare la condizione maschile.
« Ultima modifica: Agosto 09, 2017, 08:36:57 am da Vicus »
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline ilmarmocchio

  • WikiQM
  • Pietra miliare della QM
  • ***
  • Post: 10666
  • Sesso: Maschio
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #490 il: Agosto 07, 2017, 20:06:16 pm »
Ma certo, gli uomini cercano il porno per vedere se è transitivo o intransitivo :lol:

beh, magari trans... :cool:

Offline ilmarmocchio

  • WikiQM
  • Pietra miliare della QM
  • ***
  • Post: 10666
  • Sesso: Maschio
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #491 il: Agosto 07, 2017, 20:08:53 pm »
Citazione
Jason : E la domanda mia non ha ancora risposta , ma non si era detto di evitare di mettere in mezzo sempre la religione ad ogni discussione inerente alla QM ? Perchè allora io leggo sempre quella parola ?

potrebbe sembrare censura  :D

Offline ilmarmocchio

  • WikiQM
  • Pietra miliare della QM
  • ***
  • Post: 10666
  • Sesso: Maschio
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #492 il: Agosto 07, 2017, 20:10:10 pm »
Non si tratta solo del porno, l'argomento si inserisce in un discorso più ampio che riguarda le ore che passano gli uomini davanti alla televisione, o al cellulare, talora senza praticare nessuno sport. Lo stile di vita a conseguenze importanti sulla personalità e sulla conseguente capacità di migliorare la condizione maschile.
giusto, ma questo è già un altro discorso.
Bisognerebbe migliorare il mondo maschile, che altrimenti non si troverebbe in questa situazione

Offline bluerosso

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 728
  • Sesso: Maschio
  • ET SI OMNES EGO NON
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #493 il: Agosto 08, 2017, 09:29:27 am »
Faccio fatica a seguire l'andamento di questo topic, che spazia dal valutare la salute e il benessere psico-fisico del singolo individuo-uomo fruitore di pornografia, al valutarne gli effetti rispetto alla condizione maschile che è l'oggetto di questo forum.
Naturalmente, comprendo che le due cose hanno parecchie connessioni.
Forse la questione sta esclusivamente nei termini di un uso ponderato di pornografia (cosa non facile s'intende) onde evitarne dipendenza.
Però per ciò che qui ci riguarda, credo che il problema non sia la dipendenza (che è tema clinico) quanto il condizionamento. Verso il femminile.
E allora credo che molto più pernicioso della pornografia sia il sessualismo.
Che è molto più pervasivo e condizionante della pornografia.
Perché agisce in modo più continuo e superficiale. Stabilisce una tensione senza possibilità di scarico.
Se alle otto di sera, sono a cena con mia moglie e i miei figli (non ho moglie e figli...è solo un esempio) e dopo avere visto per un'ora trasmissioni in cui la valletta più vestita era in mutande, mi becco la pubblicità bilboa latte solare con la figona in bikini mozzafiato, intervallata da altre immagini commerciali e no, di donne discinte, procaci e provocanti, in attesa delle trasmissioni serali (film, fiction, varietà...poco importa) in cui il canovaccio è sempre lo stesso: la donna desiderata uomo desiderante: mi dite voi quali sono le risultanze?

Moltiplichiamolo per 365 giorni all'anno. Pasqua, Natale e capodanno compresi.

E' la provocazione sessuale che si è fatta normalità (norma) il problema che ci riguarda.
La pornografia, a mio avviso è un problema di secondo livello, su cui (volendo) posso agire con adeguate contromisure.
Posso risolvere il “mio” problema, gli effetti che esercita su di “me”.
Ho ausili di varia natura: se diviene patologia posso utilizzare la scienza medica. Anche quella clinica.

Ma contro una patologia sociale, di quali mezzi dispongo? L'anacoretismo?

La pornografia è sostanzialmente divenuta un mercato.
Credo che si alimenti della sessualizzazione della società. Attenuando questa tensione di primo livello, se ne avrà sempre meno necessità.
Non sparirà, ma credo potrebbe tornare nel suo alveo.
Come ogni fatto economico, la dinamica è questa: domanda-offerta.



p.s. - Da non dimenticare: con buona pace della Zanardo, la sessualizzazione della società ha una categoria avvantaggiata, quella femminile, ed una svantaggiata, quella maschile. E questo non può essere frutto del caso. Purtroppo però il danno coinvolge la società nel suo complesso.
« Ultima modifica: Agosto 08, 2017, 09:40:46 am da bluerosso »

Offline Warlordmaniac

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4250
  • Sesso: Maschio
Re:Pornografia: un bene o un male per gli uomini?
« Risposta #494 il: Agosto 08, 2017, 10:37:02 am »
Concordo totalmente con il tuo intervento, Bluerosso.