Autore Topic: "Donne Vittoriose"  (Letto 173900 volte)

0 Utenti e 10 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20736
  • Sesso: Maschio
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #750 il: Agosto 06, 2023, 22:45:02 pm »
Non è solo questione di direttori d'orchestra; è anche questione di mancanza di attributi, oltre che di consapevolezza.
Il problema di fondo è che siamo circondati da un oceano di ometti senza un minimo di spina dorsale, regolarmente piegati a novanta gradi di fronte a qualsiasi portatrice di una vagina. *
In altri tempi i "direttori d'orchestra" sarebbero stati presi a calci in bocca, ad andar bene.

---------------

* Per esempio: anche in paesi come la Francia, dove per altre questioni spaccano tutto, quando ci son di mezzo le femmine non vola neppure una mosca.
Le femmine sono a dir poco il tallone d'Achille degli uomini.
Frank dovresti sapere che a dire certe cose si perde il posto. B. Rinaldi aveva uscite un po' troppo "conservatrici" e fu buttata fuori da Uno Mattina. Dopo un anno a piangere, la mandarono nella più innocua Elisir dove non commise di nuovo l'errore e parlò solo di medicine e cure termali
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9788
  • Sesso: Maschio
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #751 il: Agosto 07, 2023, 19:12:08 pm »
Frank dovresti sapere che a dire certe cose si perde il posto. B. Rinaldi aveva uscite un po' troppo "conservatrici" e fu buttata fuori da Uno Mattina. Dopo un anno a piangere, la mandarono nella più innocua Elisir dove non commise di nuovo l'errore e parlò solo di medicine e cure termali

Vicus, sappi che è stata proprio la pavidità maschile, mista a inconsapevolezza, a permettere tutto ciò.
E' chiaro che se per anni, lustri e decenni lasci attecchire una certa mentalità, senza mai contrastarla (in maniera intelligente e non idiota...), a un certo punto quella merdosa mentalità si incisterà come un tumore maligno e conseguentemente diventerà difficilissimo liberarsene.
Ed infatti è quello che è accaduto.
La pianta va piegata sul nascere; dopo son cazzi.


Per esempio: come è possibile che quando si parla di morti sul lavoro, non c'è un cazzo di sindacalista in grado di evidenziare un ovvio dato di fatto; e cioè che in tutto il mondo industrializzato (da Ovest a Est; quindi non "solo in Italia", come crede il solito italiano medio esterofilo) sono uomini la quasi totalità dei morti sul lavoro, nonché la stragrande maggioranza degli infortunati ?
Trattasi di dati di fatto (non opinioni), facilmente dimostrabili anche per il più ottuso e pavido sindacalista.
E invece niente: tutti piegati a novanta gradi.
Autentici e inutili pecoroni, totalmente privi di attributi.
Dopo non bisogna lamentarsi delle "terribili femministe"... che altro non fanno quel che gli uomini permettono loro di fare.



Per inciso: in una ipotetica società prevalentemente composta da uomini somiglianti al sottoscritto, le femminucce femministe conterebbero meno dei neri statunitensi nell' Alabama del 1890.
« Ultima modifica: Agosto 07, 2023, 19:27:18 pm da Frank »
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9788
  • Sesso: Maschio
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #752 il: Agosto 07, 2023, 20:00:05 pm »
Questi articoli mi fanno morire...

https://www.oasport.it/2023/08/calcio-femminile-professionismo-specchietto-per-le-allodole-litalia-resta-dietro-anni-luce-le-big-internazionali/

Citazione
Calcio femminile, professionismo specchietto per le allodole. L’Italia resta dietro anni luce le big internazionali

Pubblicato 4 ore fa il 7 Agosto 2023
Da Giandomenico Tiseo

Professionismo, specchietto per le allodole? La sensazione è che in Italia l’avvento di tale status nell’ambito del calcio femminile sia stato troppo frettoloso, alimentato più da una visione di facciata di un mondo in cui pochi credono davvero. L’eliminazione della Nazionale italiana di Milena Bertolini, nel primo turno della fase finale dei Mondiali di scena in Australia/Nuova Zelanda, non è stato certamente lo spot migliore possibile, considerando anche la brutta prestazione negli Europei del 2022.

La rappresentazione sul primo canale della compagine tricolore, purtroppo, ha reso ancor più evidenti al grande pubblico le mancanze di giocatrici e soprattutto di un sistema che fatica a evolversi oppure non lo fa alla stessa velocità di altri contesti. I quarti di finale raggiunti quattro anni fa non sono stati veicolati nella maniera giusta. Più che dare impulso alla pratica e a lavorare per la diffusione effettiva nelle istituzioni di base, vera fonte di investimento dal punto di vista dell’organizzazione, si è spinto per il raggiungimento di un contesto professionistico che solo pochi club si possono permettere allo stato attuale delle cose.

Nel report della FIGC si parla di un incremento, tra il 2008 e il 2022, delle calciatrici tesserate passate da 18.854 a 36.552. Si legge:  “Con un aumento di 10.000 unità nell’ultimo anno e una crescita di circa 9.000 tesserate rispetto alla rilevazione pre-pandemica“. Numeri però non sufficienti perché l’impatto con i contesti in evoluzione è stato devastante, al di là delle performance al di sotto delle proprie possibilità della formazione di Bertolini. La lettera delle calciatrici e la risposta del tecnico, che ha terminato la propria avventura in panchina, la dicono lunga sulle tante cose negative del gruppo nostrano.

Tuttavia, il Report ritiene che il valore commerciale del calcio femminile italiano nei prossimi dieci anni potrà crescere di 7,1 volte, passando dai 6,6 milioni di euro del 2021 ai 46,7 del 2033. Da capire in che modo questi numeri avranno un impatto sugli aspetti squisitamente legati al gioco e alla crescita del livello, assai deficitari per quanto si è visto nel quadriennio post Mondiali 2019.
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9788
  • Sesso: Maschio
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #753 il: Agosto 07, 2023, 20:06:41 pm »
https://www.oasport.it/2023/08/calcio-femminile-chi-allenera-litalia-al-posto-di-bertolini-i-possibili-candidati/

Citazione
Calcio femminile, chi allenerà l’Italia al posto di Bertolini? I possibili candidati

Pubblicato 4 ore fa il 7 Agosto 2023
Da Giandomenico Tiseo

Una sconfitta pesante e un nuovo corso. L’avventura in Nuova Zelanda/Australia 2023 è finita per la Nazionale italiana di calcio femminile. La sconfitta per 3-2 contro il Sudafrica a Wellington è stata letale nel percorso delle azzurre nella fase finale dei Mondiali. E così, dopo l’uscita di scena nella fase a gironi degli Europei dell’anno scorso, la selezione di Milena Bertolini è stata estromessa ancora una volta al primo turno.

Le cose cambieranno, ma questo già lo si sapeva. Bertolini aveva già fatto sapere che l’esperienza mondiale sarebbe stata l’ultima pagina del libro. “Non ha tanta importanza il mio futuro quanto il futuro poi del movimento, che mi auguro che cresca sempre di più, mi auguro di aver lasciato anche un’eredità con questa squadra giovane, che ha fatto un’esperienza importante e che credo che poi il movimento si ritroverà in futuro”, aveva dichiarato ieri ai microfoni della Rai a caldo l’allenatrice.

La domanda che ci si pone è la seguente: chi al suo posto? Alcuni giorni fa, sulla Gazzetta dello Sport, sono stati fatti dei nomi e si parla di rifiuti importanti come quelli di Paolo Nicolato, Andrea Stramaccioni e di Chicco Evani, mentre Attilio Lombardo sembrerebbe indirizzato alla Nazionale U20 maschile. Chi parrebbe maggiormente indiziato per subentrare a Bertolini è Carmine Gautieri, tecnico che non ha esperienza nel calcio femminile, al pari dei tecnici citati a onor del vero, ma in questo caso potrebbero essere le motivazioni a fare la differenza.

Una sconfitta pesante e un nuovo corso. L’avventura in Nuova Zelanda/Australia 2023 è finita per la Nazionale italiana di calcio femminile. La sconfitta per 3-2 contro il Sudafrica a Wellington è stata letale nel percorso delle azzurre nella fase finale dei Mondiali. E così, dopo l’uscita di scena nella fase a gironi degli Europei dell’anno scorso, la selezione di Milena Bertolini è stata estromessa ancora una volta al primo turno.

Le cose cambieranno, ma questo già lo si sapeva. Bertolini aveva già fatto sapere che l’esperienza mondiale sarebbe stata l’ultima pagina del libro. “Non ha tanta importanza il mio futuro quanto il futuro poi del movimento, che mi auguro che cresca sempre di più, mi auguro di aver lasciato anche un’eredità con questa squadra giovane, che ha fatto un’esperienza importante e che credo che poi il movimento si ritroverà in futuro”, aveva dichiarato ieri ai microfoni della Rai a caldo l’allenatrice.

La domanda che ci si pone è la seguente: chi al suo posto? Alcuni giorni fa, sulla Gazzetta dello Sport, sono stati fatti dei nomi e si parla di rifiuti importanti come quelli di Paolo Nicolato, Andrea Stramaccioni e di Chicco Evani, mentre Attilio Lombardo sembrerebbe indirizzato alla Nazionale U20 maschile. Chi parrebbe maggiormente indiziato per subentrare a Bertolini è Carmine Gautieri, tecnico che non ha esperienza nel calcio femminile, al pari dei tecnici citati a onor del vero, ma in questo caso potrebbero essere le motivazioni a fare la differenza.

Da capire in che modo la guida tecnica della Nazionale femminile potrebbe essere strutturata, soprattutto a livello di staff: dal vice allenatore al resto dell’organigramma. Gautieri, qualora dovesse accettare la sfida, cercherà di mettere sul rettangolo verde tutte le proprie risorse, ricordando la storia di calciatore di ottimo livello (ala destra), alla Roma soprattutto, e da tecnico tra Serie B e C, ispirato dal credo “Zemaniano” nel suo 4-3-3 e con ultima esperienza al Sangiuliano (Serie C).

Serve una scossa a tutto l’ambiente e vedremo se sarà il 53enne, dal carattere istintivo e vivace come quando saltava gli avversari sulle corsie esterne, a dare il via al nuovo corso e a ridestare dal torpore la Nazionale del “Pallone in rosa”.
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Vicus

  • Moderatore Globale
  • Pietra miliare della QM
  • ******
  • Post: 20736
  • Sesso: Maschio
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #754 il: Agosto 07, 2023, 20:16:11 pm »
Frank devi mettere in conto la corruzione di giornalisti e sindacalisti, che non obbediscono a femministe scarmigliate ma a ben altri padroni
Noi ci ritroveremo a difendere, non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto.

Online bluerosso

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 768
  • Sesso: Maschio
  • ET SI OMNES EGO NON
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #755 il: Agosto 07, 2023, 21:49:28 pm »
https://www.oasport.it/2023/08/calcio-femminile-chi-allenera-litalia-al-posto-di-bertolini-i-possibili-candidati/
.
Sono assolutamente contrario alla guida tecnica della nazionale femminile da parte di un'allenatore uomo.
Spero vivamente in una levata di scudi da parte degli ambienti femministi che spingano per la scelta di un'allenatrice, che poi è la medesima spinta ideologica che portò alla selezione della incapace Bertolini.
Dopo tutta la me**@ che hanno sparso sul maschile (con l'avvallo degli organi federali)...arrivando persino a paventare una superiorità tecnica delle calciatrici sui calciatori, trovo giusto che se la sbrighino tra di loro e ci facciano finalmente vedere di cosa sono capaci.
Devono affogare nella stessa schiuma tossica che hanno prodotto in tutti questi anni.

Online bluerosso

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 768
  • Sesso: Maschio
  • ET SI OMNES EGO NON
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #756 il: Settembre 11, 2023, 12:17:06 pm »
.
Sono assolutamente contrario alla guida tecnica della nazionale femminile da parte di un'allenatore uomo.
Spero vivamente in una levata di scudi da parte degli ambienti femministi che spingano per la scelta di un'allenatrice, che poi è la medesima spinta ideologica che portò alla selezione della incapace Bertolini.
Dopo tutta la me**@ che hanno sparso sul maschile (con l'avvallo degli organi federali)...arrivando persino a paventare una superiorità tecnica delle calciatrici sui calciatori, trovo giusto che se la sbrighino tra di loro e ci facciano finalmente vedere di cosa sono capaci.
Devono affogare nella stessa schiuma tossica che hanno prodotto in tutti questi anni.

-
https://www.corriere.it/sport/calcio/23_settembre_11/milena-bertolini-italia-femminile-intervista-e80ff6be-5008-11ee-bf2a-fe4dfcd6f834.shtml

Bertolini e l’Italia femminile: «Un c.t. uomo è ritorno al patriarcato, che autogol la lettera delle calciatrici»
di Gaia Piccardi

La c.t. Milena Bertolini, all’addio dopo il pessimo Mondiale, rilevata da Andrea Soncin: «Che autogol la lettera delle ragazze dopo la sconfitta. Sara Gama? Ha reagito male a non avere il posto garantito»

«La forza del Mondiale 2019 era stata una squadra di donne, con un c.t. donna, capace di fare gruppo. Questo, per l’Italia, era stato il cambiamento culturale. Dove sono oggi le donne negli staff della serie A femminile? Forse il 10%... Siamo considerate immagine: le quote rosa diventano necessarie. E noi ci mettiamo del nostro, siamo le peggiori nemiche di noi stesse: aveva ragione Murgia quando diceva che servono due donne per far fuori una donna. Ma così andiamo indietro, torniamo al patriarcato».

.
Come volevasi dimostrare.
La vicenda Rubiales (e del ct. Vilda) dimostra che, in moltissimi ambiti, gli uomini devono viaggiare sull'altro marciapiede occupato dalle donne.
Sono oramai mondi separati...

Offline Duca

  • Utente avanzato
  • Veterano
  • *
  • Post: 2391
  • Sesso: Maschio
  • Duca di Tubinga
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #757 il: Settembre 25, 2023, 06:17:08 am »
Già il calcio maschile fa cagare, figuriamoci quello femminile...

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9788
  • Sesso: Maschio
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #758 il: Novembre 22, 2023, 19:20:15 pm »
Mi viene sempre più da ridere...

https://www.msn.com/it-it/sport/other/rifiuta-incontro-con-l-avversaria-trans-pugile-perde-il-titolo-temo-per-mia-incolumit%C3%A0/ar-AA1klXXC?rc=1&ocid=winp1taskbar&cvid=91e80bf9b3f646f2b8f1bf42e2c471cb&ei=6

Citazione
Rifiuta incontro con l'avversaria trans, pugile perde il titolo: "Temo per mia incolumità"
Storia di Federico Garau  •

Venuta a conoscenza solo poche ore prima del match del fatto che la sua prossima avversaria sarebbe stata una transessuale, ha preferito rinunciare a salire sul ring anche a costo di perdere il titolo di cui era detentrice: il caso di Katia Bissonnette sta alimentando in queste ore il dibattito sul web.

Una vicenda che riaccende i fari su una questione aperta già da tempo ma in realtà non ben definita, dato che si parla di consentire la partecipazione di atlete transessuali, vale a dire nate con sesso maschile ma in corso di transizione o a transizione ultimata verso il genere femminile, a competizioni sportive esclusivamente femminili. In questo caso si parla di boxe, ovvero di uno sport in cui lo squilibrio di forze può causare, oltre che una possibilità superiore di sconfitta, delle conseguenze anche più pesanti per chi si trova in condizioni di evidente inferiorità fisica.
Ed è ciò su cui ha posto l'accento la boxer canadese Katia Bissonnette, che ha preferito non correre rischi incassando i pugni di un'avversaria da lei ritenuta superiore per questioni di carattere biologico. Venuta a conoscenza a un'ora dal gong che l'avversaria nel match programmato per difendere la cintura sarebbe stata una transessuale, Bissonnette non ha avuto dubbi e ha anteposto le preoccupazioni per la sua incolumità al titolo sportivo. Impossibile, come spiegato dal Daily Mail, provvedere a una sostituzione, dato che non c'era nessun'altra atleta che potesse competere nella loro categoria di peso al campionato provinciale dei Guanti d'Oro 2023 di Victoriaville, in Quebec (Canada).

"Le donne non dovrebbero sopportare i rischi fisici e psicologici portati dalle decisioni di un uomo riguardo alla sua vita personale e alla sua identità", ha dichiarato Bissonnette a Reduxx,"dovrebbero esserci due categorie: maschili e femminili biologici". La boxer ha citato anche uno studio dell'Università dello Utah che dimostra come gli uomini possono dare pugni più forti del 163% rispetto alle donne. Anche la scatola cranica di una donna, così come la struttura fisica in generale, è profondamente differente da quella di un uomo, dato che le ossa sono meno spesse, specie quelle della mandibola, che nel pugilato in genere subisce parecchi colpi.

Secondo Boxing Canada, l'identità di un combattente trans non dovrebbe essere rivelata se la transizione è stata intrapresa prima della pubertà per prevenire la discriminazione. Ed è su questo aspetto che ha fatto leva l'avversaria Mya Walmsley, che non ha voluto prendere in considerazione il fatto che l'avversaria stesse semplicemente tentando di proteggere se stessa."Questo tipo di comportamento espone gli atleti al rischio di essere esclusi o di ricevere attacchi personali basati su dicerie", ha detto Walmsley in una nota. "Temo che questo tipo di accuse possano eventualmente servire a delegittimare le atlete della categoria femminile, e a giustificare regolamentazioni arbitrarie e invasive".

Walmsey parla di regole senza, tuttavia, accettarle in toto. Il Comitato olimpico internazionale stabilisce infatti che le donne trans possono competere nelle categorie femminili solo se abbassano il loro testosterone ad un certo livello, da misurare preventivamente in laboratorio. Walmsey ha rifiutato di farlo prima della competizione, ritenendolo un passaggio superfluo oltre che discriminatorio.
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9788
  • Sesso: Maschio
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #759 il: Dicembre 02, 2023, 17:07:37 pm »
.
Sono assolutamente contrario alla guida tecnica della nazionale femminile da parte di un'allenatore uomo.
Spero vivamente in una levata di scudi da parte degli ambienti femministi che spingano per la scelta di un'allenatrice, che poi è la medesima spinta ideologica che portò alla selezione della incapace Bertolini.
Dopo tutta la me**@ che hanno sparso sul maschile (con l'avvallo degli organi federali)...arrivando persino a paventare una superiorità tecnica delle calciatrici sui calciatori, trovo giusto che se la sbrighino tra di loro e ci facciano finalmente vedere di cosa sono capaci.
Devono affogare nella stessa schiuma tossica che hanno prodotto in tutti questi anni.


Con me sfondi un portone aperto grosso come la Luna; ma come ben sai le femministe non ululano in questi casi, tantomeno gli scendiletto al loro seguito.
Calcola che già festeggiano per questa vittoria della nazionale femminile italiana, ottenuta contro le campionesse del mondo spagnole.
https://www.oasport.it/2023/12/calcio-femminile-impresa-italia-a-pontevedra-azzurre-vittoriose-contro-la-spagna-in-nations-league/

Sempre significativo è l'entusiasmo di tanti ometti sui social, che seppur in misura molto inferiore rispetto ad un recente passato, buttano là dei paragoni di merda con la nazionale maschile italiana, ignorando o fingendo di non sapere che le nazionali di calcio femminili le buscano anche da ragazzini di 15 anni di età.
Siamo circondati da autentici ritardati.

-----------------

PS: Queste sono le ex campionesse del mondo statunitensi, sconfitte per 12 a 0 da una squadra inglese di quarta categoria.
Trattasi di una partita durata 40 minuti...
Citazione
borat-thefaxspitter9006
2 settimane fa
12 goals in 40 minutes is crazy
Imagine if they played full 90


Citazione

@jujucasar2003
2 mesi fa (modificato)
In 1999 the US women's team won the entire world cup. They had Mia Ham, Michelle Atkers, Cindy Parlow. It was a very stacked team. This was probably the best the US women's soccer team was ever. Earlier that year in January they skirmished a boy's under 15 team that was 1st place in the premier league for the California coast soccer league. The US women's team proceeded to lose 1-0 the same team my team (mid range gold level) lost to 3-1 in a tournament as i was 14 at the time as well. To recap under 15 = 14 and under. The women had posession of the about 60% of the time, might have passed the ball better, but they couldnt match the speed and the power of the 14 yr old boys and didnt really come close to scoring.  Women going vs men or even boys in sports is a joke.

 

Un'altra partita, disputata dalle medesime squadre, è finita 24 a 1 per gli uomini...



Citazione
13 risposte
@kalevi9192
@kalevi9192
4 mesi fa
When I was a kid my D1 high school had a crazy good girl's basketball team that regularly won states. I was the captain of our mediocre (at best) wrestling team. Every year we would go over to the gym and play a basketball game in our wrestling shoes against the girls and we utterly destroyed them. This was at the request of their coach who wanted them to realize that humbleness was a tool that they needed in their skillset. None of us (the wrestling team) could play basketball to save our lives but it was still no contest year after year. It's simply not fair to pit women against men or even women against boys. I'm 36 now and I wouldn't even want to go up against my 17-18 year old self in any kind of physical competition, and I am a professional firefighter. If I was a girl or a woman I'd be 10 times more trepidatious about it. I'm just an average guy and yet I KNOW that 99 to 100 percent of females wouldn't stand a chance against me on their best day and my worst day in a physical contest. That's not a flex anymore than me saying a toddler couldn't beat me in a boxing match. It's simply easily observable physiological differences that take place in most biologically dimorphic species, of which humans are very much included. A female gorilla has basically zero chances in a fight with a male silverback... why do some people insist that is should be a different story when it comes to us?

E ancora.

Citazione

@andregrothe8381
2 anni fa
Women: ,,we want equal pay in soccer"
14 year old boys: ,,Hold my apfelschorle"


Citazione
@diegobarriga6604
1 anno fa
This exact same thing happened to me. When i was 14 i played in the u15 boys team. Keep in mind 1. We sucked(were in 2nd division 2. 1/3 of the starting team was out so most players were 6th graders. 3. The u18 girls team had just not only won nationals but regionals. So the reigning u18 women team played against us, the 2nd division u15 team with many players missing. Still. In a 45min match we ended 7-0. Its not a discrimination, its just a given.
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Online Cassiodoro

  • WikiQM
  • Affezionato
  • ***
  • Post: 1268
  • Sesso: Maschio
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #760 il: Dicembre 23, 2023, 23:01:27 pm »
WTA Bourg-de-Péage  2023

L’ucraina Kostyuk ‘boicotta’ gara con la russa Andreeva

L'ucraina 🇺🇦 Marta Kostyuk, numero 33 Wta, si è rifiutata di giocare nella finale di un torneo di esibizione contro la 16enne russa 🇷🇺 Mirra Andreeva, n.57 della classifica mondiale.
    Gli organizzatori del torneo "Negometal Open" hanno quindi allestito un incontro tra la Andreeva ed il 23enne 🇫🇷 Yanis Ghazouani Durand, giocatore francese numero 1.145  Atp, che rappresentava il club dove si sono giocate le partite: l'incontro si è concluso con la sconfitta della Andreeva per 7:5 6:2.
"Sì, sull’orlo del baratro ha capito la cosa più importante" - "Ah sì? E cosa ha capito?" - "Che vola solo chi osa farlo"

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9788
  • Sesso: Maschio
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #761 il: Dicembre 31, 2023, 17:22:10 pm »
Un'altra complessata che non ce la fa proprio ad accettare la superiorità maschile.



(LEAK) Claressa Shields gets DROPPED in Sparring by a Male Boxer with LOADED Gloves says the GWOAT

https://www.instagram.com/p/C0gcWW4io70/

https://it.wikipedia.org/wiki/Claressa_Shields
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Massimo

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 6811
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #762 il: Dicembre 31, 2023, 17:38:30 pm »
Poverina: è deficiente. Ma è anche il risultato di una campagna mediatica di criminalizzazione del genere maschile e di esaltazione acritica del genere femminile che dura da decenni in Occidente.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9788
  • Sesso: Maschio
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #763 il: Gennaio 01, 2024, 16:38:19 pm »
Poverina: è deficiente. Ma è anche il risultato di una campagna mediatica di criminalizzazione del genere maschile e di esaltazione acritica del genere femminile che dura da decenni in Occidente.

Non è un discorso che riguarda solo l'Occidente.
Riguarda anche l'Oriente.
Che gli uomini siano il parametro di riferimento delle femmine, e quindi i nemici da combattere e possibilmente abbattere, è un fatto che evidenziai già dieci anni fa.

-----------------------

Qui ci sono altre complessate in azione.

«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.

Offline Frank

  • WikiQM
  • Storico
  • ***
  • Post: 9788
  • Sesso: Maschio
Re:"Donne Vittoriose"
« Risposta #764 il: Febbraio 17, 2024, 12:15:44 pm »
«Se potessimo vivere senza donne, faremmo volentieri a meno di questa seccatura, ma dato che la natura ha voluto che non potessimo vivere in pace con loro, né vivere senza di loro, bisogna guardare alla conservazione della specie piuttosto che ricercare piaceri effimeri.»
Augusto, 18 a.C.