In rilievo > Osservatorio sul Femminismo

"Donne Vittoriose"

(1/141) > >>

Salar de Uyuni:
Sito molto equilibrato come tutto l'occidente moderno

https://donnevittoriose.wordpress.com/

Domanda,ma è fatto da una donna o da un ''maschietto''?
MMHH NON SO.

Frank:
E probabile che a "creare" questo sito sia stato uno dei tanti maschietti che infestano l'Italia e tutto il mondo industrializzato.
Ma, ovviamente, non ne ho alcuna certezza, anche perché ho scoperto la sua esistenza solo pochi minuti fa.  :sick:
In teoria potrebbe pure averlo creato qualche complessata di sesso femminile.
Oppure, chissà, potrebbe essere "un binomio": complessate e castrati in tandem...
Comunque, tra i tanti (ridicoli*) articoli che vi sono riportati, "il migliore" è questo, risalente a diciannove anni fa, perché evidenzia in maniera chiara gli insopprimibili complessi di inferiorità delle appartenenti all'ex "gentil sesso".

@@

* Ad esser ridicoli sono in primis i toni.


--- Citazione ---https://donnevittoriose.wordpress.com/2009/06/03/forte-come-una-donna/
Forte come una donna
Posted by: Andrea V. on: mercoledì 3 giugno 2009   

L’articolo è dell’agosto 1997 ma anche in questo caso non perde assolutamente di attualità. dv

Fanno mestieri faticosi o “maschili”. Praticano sport e arti marziali. Ragazze che si piacciono muscolose Sicure di sé, perché sanno difendersi. Capaci, certo, di carezze. E di pugni. Se serve
di Olga D’Alì
lxo

Donna karateka

Dopo il lavoro abbandonano tacchi e tailleur per scegliere kimono, guantoni, qualche volta perfino la sciabola. Sono le appassionate di arti marziali e sport da combattimento: muscolose quanto basta, capaci di difendersi da sole. Insomma, donne forti. Forti come un uomo? No, come una donna. Chi si aspetta guerriere metropolitane o rissose valchirie è fuori strada. La loro femminilità non è mai messa in discussione, nemmeno tra le professioniste: la campionessa italiana di pugilato, Maria Rosa Tabbuso, 27 anni, è uno scricciolo di 49 chili, mentre Chantal Menard, campionessa mondiale di kickboxing, vanta addirittura un passato da modella. La donna forte non è più la brutta copia di un modello maschile. E il cinema ha subito captato la tendenza: in Strange Days tra l’eterea Juliette Lewis e la muscolosa Angela Basset non ci sono dubbi su chi sia la vera donna, quella che sarà capace di conquistare il bel Ralph Fiennes. Magari a suon di pugni. Ma è davvero una novità, questa forza fisica che si fa valore anche femminile? Non del tutto. “Nelle diverse culture l’uso che si fa del corpo dipende dai ruoli e dai compiti assegnati a donne e uomini”, riflette l’antropologo Alberto Salza, di Torino. “In quasi tutte le tribù pre-tecnologiche, la resistenza femminile era molto apprezzata, fino a diventare un criterio di scelta al momento di prendere moglie. Del resto ancora oggi le donne boscimani fanno ogni giorno anche 10 chilometri a piedi, magari portandosi un bambino sulla schiena: devono per forza essere forti. Invece altre culture, per esempio quella mediorientale, da sempre rifiutano un modello femminile fisicamente resistente, preferendo un’immagine morbida e piena, più consona all’idea di donna che è soprattutto madre”. E le esigenze sociali non si limitano a individuare una precisa gerarchia nelle qualità fisiche, ma definiscono anche i modelli estetici femminili. “In una zona del Kenia”, continua Salza, “vivono due tribù che hanno organizzazioni radicalmente diverse tra loro. I Turkani sono pastori, e le loro donne non solo sono molto indipendenti, ma hanno anche un fisico particolare: sono alte, piuttosto muscolose, con spalle robuste e fianchi stretti, perché devono camminare molto per portare in giro i loro animali e trasportare le scorte d’acqua. I vicini Samburi, invece, sono agricoltori e le loro donne sono più minute, meno muscolose. Ciascuna tribù considera decisamente brutte le donne dell’altro gruppo”. In queste società “arcaiche” la prestanza fisica delle donne è una qualità dalla quale può dipendere la sopravvivenza quotidiana. Ma perché è diventata così positiva anche nelle società tecnologiche, così determinate a ridurre al minimo le attività che richiedono l’uso dei muscoli? Forse dipende proprio dalle donne. Da quell’universo femminile che, per natura e istinto, da sempre dà alla resistenza fisica un significato particolare. “L’uomo ha usato la forza soprattutto per conquistare e difendere il possesso di cose materiali, quindi per avere. Mentre alle donne è servita per esistere, per essere”, sostiene Mariapia Bobbioni, psicanalista di Milano. “La loro forza è sinonimo di spinta alla vita, di creatività, di intraprendenza: una dote che le ha aiutate a conoscersi meglio. La cultura femminile è fatta anche di coraggio, indispensabile per affrontare cambiamenti e trasformazioni”. Una teoria condivisa da Emanuele Jannini, sessuologo e autore di Il sesso guarito (Sperling & Kupfer Editori). “Eravamo abituati a convivere con donne attente al proprio corpo da un punto di vista solo estetico, ma adesso si intravede un atteggiamento nuovo: il desiderio di mostrarsi forti, capaci di difendersi, senza peraltro scimmiottare il comportamento maschile. Anzi, questa conquistata energia diventa un pretesto per mettersi alla prova e scoprire altre potenzialità, perché la forza fisica non rimane mai confinata a livello muscolare, ma si trasforma in sicurezza psicologica”. Diventare forti fisicamente per compensare una sensazione di inadeguatezza: una strategia, questa, messa in atto sia dagli uomini che dalle donne. “Spesso chi si avvicina alle arti marziali lo fa per superare la propria insicurezza o timidezza, perché praticando queste tecniche non aumenta solo la potenza fisica, ma anche quella interiore. Ci si sente meno minacciati e, di conseguenza, più aperti e disponibili verso gli altri”, conferma Angelo Abbruzzo, maestro di Shaolin, antica arte orientale da combattimento. “La tecnica che insegno, utile come autodifesa, è basata sulla ricerca di una forza interiore fatta di profondo equilibrio. Le donne che la praticano raccontano di sentirsi meno vulnerabili, non si sentono – come invece normalmente quasi sempre accade – potenziali vittime. E questa loro sicurezza si nota subito: cambia la postura, il modo di camminare e di occupare lo spazio. Aumenta anche l’attenzione al pericolo e la capacità di captare in anticipo situazioni che potrebbero rivelarsi rischiose, e così naturalmente si riducono le probabilità di subire un’aggressione”, aggiunge Abbruzzo. Sentirsi più sicure, padrone della propria vita e non in balìa degli eventi. È anche questo desiderio a spingere molte donne a praticare uno sport da combattimento. Senza timore di perdere in femminilità. Chantal Menard assicura che gli anni passati tra allenamenti e incontri sul ring le hanno regalato una profonda conoscenza del suo corpo e la capacità di riconoscerne le esigenze. Non solo: tirando pugni e calci è riuscita a vincere una timidezza esasperata, che le rendeva difficile perfino attraversare la sala di un ristorante per l’imbarazzo di sentirsi gli occhi addosso. Traguardi, questi, riservati non solo alle atlete professioniste. “Pratico la boxe da 5 anni ma non ho braccia da energumeno, anzi peso sempre 50 chili. Alle lezioni partecipano insieme uomini e donne, quindi il più delle volte tiro con i ragazzi, ma non è mai stato un problema né per me né per loro. Mi hanno subito accettata, senza considerarmi strana. Del resto è normale vedermi in palestra con una mise non proprio femminile – vecchie T-shirt, guantoni e paradenti – e poi incontrarmi fuori con tacchi e minigonna”, racconta Francesca, 27 anni, di Milano. “A farmi innamorare di questo sport non è stata l’illusione di sentirmi forte come un uomo. All’inizio ho provato perché mi piacevano i movimenti, poi ho continuato perché mi sentivo meglio nella mia pelle, meno nervosa e, anche se può sembrare strano, meno aggressiva. Ma più curiosa, nel senso che i cambiamenti o gli imprevisti ora non mi spaventano più: so che ho l’energia, anche fisica, per affrontarli”. Non è l’unico piacevole “effetto collaterale” di allenamenti intensi. Le donne che fanno attività hanno più consapevolezza del loro corpo. “E questo vuol dire anche maggior attitudine al piacere, fino al punto da riuscire a provare orgasmi migliori”, spiega il sessuologo Emanuele Jannini, “proprio perché l’esercizio sportivo irrobustisce tutti i muscoli, compresi quelli della cintura pelvica”. Particolare normalmente apprezzato dagli uomini, anche se non tutti sembrano pronti a convivere con una compagna fisicamente alla pari. “In realtà quelle che spaventano davvero sono le forzate del body building, quelle che arrivano a modificare il loro corpo fino a farlo diventare una caricatura di quello maschile”, interviene Giorgio Rifelli, psicosessuologo. “Ma in questi casi spesso si tratta di ragazze che hanno problemi con la loro identità femminile: non si accettano e si costruiscono un’immagine-corazza”. La reazione degli uomini è negativa, perché se ne sentono minacciati e perché percepiscono di trovarsi di fronte a donne che non hanno un buon rapporto col loro corpo. “Quelle che si mettono in esplicita competizione con lui, è quasi scontato, respingono”, commenta Jannini. Questo, in fondo, è comprensibile: ma per molti non è facile nemmeno accettare i normali cambiamenti prodotti sul corpo femminile da tanta attività sportiva (la circonferenza della vita che si allarga mentre fianchi e seno diminuiscono). Eppure bisognerà abituarsi, visto anche il progressivo accorciamento delle distanze tra maschi e femmine in molti sport. Per esempio nella corsa dei 200 metri, dove il distacco è passato dagli 8 secondi del 1922 a 2, grazie a Florence Griffith. Grande atleta e donna affascinante. Per qualcuno, però, una compagna fisicamente forte è quasi una liberazione, perché finalmente non è costretto a giocare la parte scomoda dell’eterno paladino. “Un atteggiamento diffuso soprattutto tra i più giovani, che hanno ricevuto un’educazione meno condizionata dallo stereotipo del macho”, prosegue Jannini. Uno come Filippo, architetto trentenne. “Una sera a casa di amici ci siamo ritrovati a parlare di sport, e mi sono accorto che le osservazioni più competenti arrivavano da una ragazza. La mia prima reazione è stata quasi di fastidio, come se lei stesse sconfinando in un territorio non suo. Poi la curiosità è stata più forte e insistendo ho scoperto che da anni praticava l’aikido, un’arte marziale giapponese. Calma, tranquilla, minuta, difficile immaginarla mandare al tappeto uomini più grossi di lei. Sentendo i suoi interventi ho avuto l’impressione di aver dormito per anni e di essermi perso qualche cambiamento interessante. Non è stata una brutta sorpresa, ma non sono del tutto sicuro che davvero mi piacerebbe dividere il letto con una donna capace di suonarmele di santa ragione”. Con una certa perplessità maschile fa i conti tutti i giorni Ilaria Gazzano, 30 anni, che forte lo è diventata per necessità professionale: è una delle due donne vigili del fuoco in servizio oggi in Italia. Un lavoro duro, ancora appannaggio degli uomini: “Le prove fisiche che abbiamo dovuto superare durante il corso di formazione erano molto impegnative: arrampicarsi sulle funi, scavalcare muri, fare chilometri di corsa. In quei momenti sentivo che i miei compagni di corso davano quasi per scontato un mio cedimento. Sapendo a cosa stavo andando incontro, però, mi ero allenata bene. E forse anche la voglia di vincere questa sfida mi è servita come stimolo a dare il massimo. Adesso che sono operativa, quando capito con colleghi che non hanno mai lavorato con me, capisco che siano perplessi. Più che la mia capacità di resistenza fisica, a intimorirli è il fatto che io non sia altrettanto forte dal punto di vista emotivo, perché in questo lavoro mantenere i nervi saldi è essenziale. Evito qualsiasi braccio di ferro, non perdo tempo nel cercare di convincerli: mi limito ad entrare in azione in modo professionale e lascio che si convincano da soli. Così in questi anni non mi sono rafforzata solo fisicamente, ma anche come carattere: ho un buon autocontrollo e non mi lascio travolgere dalle emozioni. Fredda? No, piuttosto il contrario: forse, e proprio grazie al tipo di situazioni che affronto quotidianamente, sono diventata più sensibile, più umana”. Gli ultimi scettici sono avvisati: in caso di pericolo, munita di casco e idrante, potreste trovarvi di fronte una fata bionda. Brava e forte.

Tratto da D – La Repubblica delle Donne del 26 agosto 1997

--- Termina citazione ---




--- Citazione --- Particolare normalmente apprezzato dagli uomini, anche se non tutti sembrano pronti a convivere con una compagna fisicamente alla pari.
--- Termina citazione ---

Una compagna "fisicamente alla pari"... :D
Mi vien da ridere.
Dunque, parlando a titolo personale, io sono alto 1,85, peso 95 kg (non di ciccia...) e pratico le arti marziali da quando ero un bambino (seppur a fasi alterne).
Be', devo ancora conoscere personalmente una donna che mi sia "fisicamente alla pari".  :cool2:

Altrettanto divertente è questo pezzo.

--- Citazione ---Una sera a casa di amici ci siamo ritrovati a parlare di sport, e mi sono accorto che le osservazioni più competenti arrivavano da una ragazza. La mia prima reazione è stata quasi di fastidio, come se lei stesse sconfinando in un territorio non suo. Poi la curiosità è stata più forte e insistendo ho scoperto che da anni praticava l’aikido, un’arte marziale giapponese. Calma, tranquilla, minuta, difficile immaginarla mandare al tappeto uomini più grossi di lei. Sentendo i suoi interventi ho avuto l’impressione di aver dormito per anni e di essermi perso qualche cambiamento interessante. Non è stata una brutta sorpresa, ma non sono del tutto sicuro che davvero mi piacerebbe dividere il letto con una donna capace di suonarmele di santa ragione”.
--- Termina citazione ---

Le osservazioni più competenti arrivavano da una ragazza...  :rofl2:

--- Citazione ---Calma, tranquilla, minuta, difficile immaginarla mandare al tappeto uomini più grossi di lei.
--- Termina citazione ---

Sì, tutto bellissimo, ma bisogna sempre vedere con quali uomini si ha la disgrazia di "impattare".

Frank:
Al riguardo aggiungo dell'altro, tanto per evidenziare la spocchia di tante ragazze e donne che si danno alle arti marziali, oppure ad altre discipline da combattimento.
Un mio conoscente di Teramo, ex pugile dilettante (di un certo livello), raccontava di recente (a me ed altri) che in una palestra di pugilato frequentata anche da ragazze - tra le quali una universitaria - ce n'è una che pochi mesi fa gli ha detto, chiaro e tondo, che "quando è disponibile a fare i guanti con lei, basta che glielo dice"...  :alien:
(Lui potrebbe letteralmente ucciderla; sicuro al 100%.)

Il bello è che la tipa in questione, oltre ad essere una mezza sega che io stesso potrei sbattere per terra in una manciata di secondi, è pure fomentata dal suo "maestro".
Scrivo "maestro" anziché maestro, perché la quasi totalità degli pseudo maestri di oggi son sempre pronti a leccare il culo alle donne e a sminuire gli altri uomini - ma non se stessi, ovvio; loro sono i (penosi) "maschi alpha" della situazione.
E questa è oramai una costante, perché (come ho già scritto) le suddette trovano terreno fertile negli stessi maestri, per cui si montano la testa e si sentono autorizzate a dire qualsiasi stronzata, consapevoli del fatto che non ci saranno conseguenze.*

Ve ne dico un'altra, raccontatami da un altro amico.
Circa dieci anni fa, in una palestra di kickboxing di una tot città del Centro Italia, l'allenatore cacciò via un rumeno dalla sua palestra, e sapete perché ?
Perché, durante gli allenamenti - e contrariamente a quanto facevano gli italiani - gonfiava di botte le kickboxer...
Immaginate una ipotetica situazione contraria: quale allenatore caccerebbe via una donna che picchia degli uomini ?
Ovviamente nessuno.
Anzi, una donna sarebbe glorificata per questo.


@@

* Non a caso ho più volte scritto che quelli tra i due sessi son rapporti di potere e non d'amore.

@@

Per inciso: anche molti ragazzi e uomini che praticano le arti marziali, il pugilato, la kick ed altro son presuntuosi: ma mai con le donne, bensì con gli altri uomini.

Salar de Uyuni:
Mi ricordi come faceva un certo utente con una certa rumena :sleep:     
Comunque caro frank voglio lasciarti con una rivelazione,dopo attente analisi ho scoperto incrociando dati informatici che il creatore di quella pagina è  un certo fabrizio piluddu da albissola marittima

Frank:

--- Citazione da: Salar de Uyuni - Febbraio 03, 2016, 14:14:30 pm ---Mi ricordi come faceva un certo utente con una certa rumena :sleep:     
Comunque caro frank voglio lasciarti con una rivelazione,dopo attente analisi ho scoperto incrociando dati informatici che il creatore di quella pagina è  un certo fabrizio piluddu da albissola marittima

--- Termina citazione ---

Non ne sono minimamente stupito.  :cool2:

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa