Autore Topic: Immaturità:il vizio di chi vuole a tutti i costi essere ammirato e applaudito  (Letto 7259 volte)

Offline Salar de Uyuni

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 2820
  • Sesso: Maschio
  • RUMMELSNUFF
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=46472

Il bisogno compulsivo di essere ammirati è causa ed effetto della inconsapevolezza
di Francesco Lamendola - 27/10/2013

Fonte: Arianna Editrice [scheda fonte]



 
Se si volesse sintetizzare in un solo concetto elementare, in una espressione telegrafica, il male più grande che attanaglia sia l’individuo che la società, risponderemmo senz’altro: «il bisogno costante, compulsivo, paranoico, d’essere ammirati, invidiati, desiderati».
Quello di essere ammirati, di ricevere gratificazione dagli altri, è un bisogno autentico della natura umana: e coi bisogni non si discute, si cerca il modo di soddisfarli – sempre, beninteso, nelle forme di cui è capace una persona desta e consapevole e non in quelle, sgangherate e talvolta moralmente discutibili, che sono proprie degli immaturi, dei superficiali, degli egoisti.
Il bisogno compulsivo di approvazione e di ammirazione, invece, è un’altra cosa: è un bisogno patologico; e con le malattie non si scherza: si cerca di curarle, possibilmente individuandone le cause e non limitandosi a sopprimerne i sintomi - i quali, peraltro, cacciati dalla porta, tornerebbero inevitabilmente da qualche finestra rimasta socchiusa.
In linea di massima, il bisogno di essere approvati e ammirati è direttamente proporzionale al grado di maturazione della persona: maggiore è la maturità, minore la dipendenza da un simile bisogno; minore è la maturità, tanto maggiore il bisogno di fare colpo sul prossimo. Ecco perché il bambino - e in misura diversa, ma non meno significativa – l’adolescente – ne hanno un così grande bisogno: per loro, essere riconosciuti e approvati dagli altri è una necessità vitale, senza la quale non riuscirebbero a costruire la propria autostima e la propria fiducia in sé. «E mira ed è mirata, e in cor s’allegra», dice Leopardi, ne «Il passero solitario», parlando della gioventù: cogliendo con finissimo intuito psicologico, e con eccezionale sobrietà stilistica, il nocciolo della questione.
Per la donna, il meccanismo è esattamente lo stesso: ha un bisogno insopprimibile di piacere agli altri; e non perché – o non necessariamente perché – la civetteria sia il suo abito naturale, ma perché in lei più fragile è la sicurezza in se stessa, la coscienza di essere, di avere una forma determinata: più vicina alla natura e alla vita, perché materialmente trasmettitrice della vita, il suo sé appare più fluido, più mutevole, più elusivo. Non si tratta di doppiezza – a meno che diventi strumento di potere, adoperato scientemente a tale scopo -, ma indeterminatezza ontologica; perciò ella sente, più del maschio, il bisogno di appoggiarsi all’altro, magari anche al figlio, per dare una struttura più solida e stabile al continuo fluire (e sfuggire) del suo essere.
È per questo che le lodi, che siano rivolte alla sua bellezza o anche soltanto al suo vestito, fanno sempre piacere alla donna, fosse pure la donna più schiva e riservata, la meno vanitosa e civetta: esse attestano un riconoscimento da parte dell’altro, sono sempre gradite da chiunque vengano perché sono la prova che in lei vi è qualcosa di bello, di ammirevole, di speciale; e sono gradite perfino quando ella capisce che sono poco convinte o poco sincere, in quanto il bisogno di ricevere riconoscimenti è in lei così vivo, che riceverne di siffatti è pur sempre meglio che non riceverne alcuno.
Non c’è niente, infatti, che possa ferire una donna più della disattenzione, della noncuranza, dell’indifferenza: da parte degli uomini, esse le fanno sentire che non è desiderabile; da parte delle altre donne, le rivelano che esse non la considerano nemmeno una potenziale rivale, che la calcolano come una entità insignificante; e non esiste umiliazione più grande di questa. Una donna ingannata e tradita soffre, ma può sempre riprendersi e può sempre consolarsi pensando che altri troveranno in lei delle qualità che il suo amante non ha saputo vedere e apprezzare; ma una donna ignorata si sente aggredita nella sua stessa essenza, nella sua stessa sopravvivenza.
Per questo  una donna trattata dall’uomo con indifferenza reagisce con la sindrome di Mirandolina (la protagonista della commedia di Goldoni «La locandiera»): si impunta per attirare su di sé l’attenzione del disattento personaggio e s’industria con tutte le armi a sua disposizione, anche le più subdole, per scuoterlo e per indurlo a riconoscerla, a riconoscere la sua bellezza, la sua grazia, la sua intelligenza; civetterà con astuzia suprema per farlo innamorare; e infine si vendicherà nel più sottile dei modi, perché non ha mai smesso di considerarlo un nemico indegno di qualunque perdono, nemmeno quando gli sorrideva con ammiccante complicità.
Anche il maschio, s’intende, prova il bisogno di essere approvato, di essere ammirato, di essere invidiato: che si tratti di sfoggiare l’abbronzatura oppure i muscoli, il vestito firmato o la Ferrari, lo scopo è sempre quello. Però il maschio adulto e normale - se ci è lecito adoperare ancora questa vecchia parola che la cultura del politicamente corretto vorrebbe cancellare dal vocabolario, accusandola di essere un veicolo dell’intolleranza e magari del razzismo - non ne ha, o non dovrebbe averne, un bisogno tale da non poterne mai fare a meno. Un uomo adulto e normale dovrebbe essere abbastanza uomo e abbastanza adulto da tirare diritto per la sua strada, qualunque cosa dicano di lui: non per spirito di negazione aprioristica, non per orgoglio e, meno ancora, per attirare su di sé l’attenzione degli altri facendo il Bastian contrario; ma semplicemente per il possesso di quella tranquilla sicurezza in se stesso che, pur senza sconfinare mai nella presunzione o nel disprezzo dell’altro, basta comunque a se stessa per affrontare la vita a testa alta.
Oggi assistiamo a una sistematica esasperazione del bisogno di riconoscimento e di ammirazione: la società competitiva e consumista detta le sue leggi imperiose e chi non si adegua ad esse si sente perduto; e la legge fondamentale è questa: esisti se gli altri si accorgono di te, altrimenti è come se tu non esistessi affatto. Dunque, tutti cercano di attirare al massimo l’attenzione su se stessi; e, siccome ogni altro individuo fa la stessa cosa, bisogna alzare continuamente la posta dell’esibizionismo, della provocazione, anche della volgarità, altrimenti si continuerebbe a passare inosservati, come un automobilista che strombetti con il clacson per farsi dare la precedenza, in una città dove tutti gli automobilisti strombettano a loro volta, perché ciascuno conduce la sua automobile con la stessa prepotenza incivile di ogni altro.
Così, la massima oggi imperante sembra essere questa: se si possiede un vantaggio sugli altri, lo si deve sfruttare al massimo; se si possiede 100, bisogna esibire 150 (tirando fuori quel 50 in più con qualunque mezzo, fosse pure quello di fingerlo); è inconcepibile che, se qualcuno possiede 100, mostri agli altri solo 40 o magari 30. Sono divenute inconcepibili la modestia, la riservatezza, il pudore. Tutti gridano, dunque bisogna urlare; tutti provocano, dunque bisogna scioccare l’altro. A simili individui non viene in mente che, se si è molto intelligenti, non c’è bisogno di far sentire il prossimo una nullità; che, se si è forti, non occorre provarlo facendo i prepotenti con gli altri; e che, se si è giovani e belli, forse non è indispensabile caricare la propria bellezza di sensualità, oltre ogni limite del buon gusto, sino alla pornografia pura e semplice, così come non è indispensabile rincorrere ad ogni costo la giovinezza fuggente, sino al punto di farsi ricostruire il proprio corpo di bel nuovo, sopra il tavolo operatorio di un chirurgo estetico.
Il guerriero greco voleva conquistare per sé una dose sempre maggiore di gloria, come riconoscimento della propria eccellenza  (aristeia); ma la volevano anche tutti gli altri guerrieri: da ciò la guerra come stato “normale” e permanente della società greca antica. Il cittadino consumista della società contemporanea, malato della smania d’essere ammirato e invidiato da tutti, moltiplica le strategie per colpire l’attenzione, per suscitare il desiderio, per sbalordire (e sgominare) gli altri: si comporta come il pescatore che, per catturare qualche trota, butta in acqua addirittura dei candelotti di dinamite e uccide centinaia di pesci. La mancanza di discrezione è mancanza di misura: e la società viene continuamente bombardata dal fuoco di tutti contro tutti, bramosi della stessa cosa – il riconoscimento altrui – e timorosi della stessa cosa – la disattenzione, l’indifferenza, che equivarrebbero a una sentenza di morte civile.
Che si possa riservare la bellezza del proprio corpo nudo, per esempio, alla persona che si ama e non darla in pasto a tutti, camminando per la strada con meno indumenti addosso che se si fosse in spiaggia, è una cosa – tanto per fare un esempio – che una volta era considerata ovvia, ma che adesso pare diventata superata, all’antica, improponibile. Bisogna provocare tutti gli altri, indistintamente, anche se l’obiettivo è di fare colpo su uno solo. Ma forse l’obiettivo non è più nemmeno quello di fare colpo su qualcuno, ma di accendere il desiderio ciecamente, così, al solo scopo di sentirsi desiderabili (non già desiderati, cosa che pone sempre una relazione personale): ormai anche la gratificazione è divenuta virtuale, non necessita più di atti concreti.
C’è una differenza enorme tra il fatto di voler piacere per attirare l’altro verso di noi, e voler piacere al solo scopo di godere vedendo accendersi il suo desiderio e, magari, procurandosi l’ulteriore piacere di respingerlo. In questo secondo caso, siamo certamente nella sfera dei comportamenti patologici, anche se una certa cultura politicamente corretta proclama che tutto ciò è naturalissimo, che l’importante non è piacere agli altri, ma a se stessi: il che sarebbe giusto, se non si accompagnasse alle strategie più chiassose per fare colpo e per mettersi al centro dell’attenzione. Se davvero quel che si vuole è piacere a se stessi, a che scopo ostentare in mezzo alla folla il proprio apparire? Via, siamo onesti: quel che si cerca non è di piacere a se stessi, ma di godere nel vedersi desiderati: anche se si tratta di un desiderio brutale, come brutale e grossolana è la tecnica di seduzione indiscriminata che si è scelta.
E qui, appunto, vengono al pettine le contraddizioni insite nella premessa dell’atteggiamento esibizionista. Si vuol colpire l’altro, per riceverne l’ammirazione, dato che solo così ci si sente vivi, ci si sente importanti, si sente di esistere. Per colpire l’altro, in un mondo ove ciascuno si sforza di colpire tutti, si eccede in strategie di vendita: si vendono le proprie qualità, vere o presunte, ribassando continuamente i prezzi; ossia, fuor di metafora, abbassando continuamente non solo il livello della propria dignità e del rispetto dovuto a se stessi, ma anche quello della propria unicità e della propria irripetibilità. Per attirare ad ogni costo l’attenzione su di sé, si esagera con l’insolito; ma poiché anche tutti gli altri fanno lo stesso, questa originalità finisce per sguazzare nel pantano del conformismo, e sia pure di un conformismo alla rovescia: il conformismo dell’anticonformismo. Stupidità e volgarità trionfano, e questo mentre si vorrebbe essere riconosciuti e apprezzati per la propria intelligenza e per il proprio senso estetico; e ci si vede ammirati e ricercati soprattutto dagli individui più banali, più vuoti e meno interessanti. Che triste paradosso e che severo castigo per la vanità del nostro piccolo ego, eternamente smanioso di applausi.
Esiste un modo per uscire da tali contraddizioni, da tali dinamiche distruttive, che non procurano la pace e il benessere interiore né al singolo, né al corpo sociale, ma che sono, anzi, la fonte di continue delusioni, di continue amarezze, di uno stato di perpetua ansia e insicurezza? Certo che sì: ed è quello di imparare a volersi bene, a stimarsi, non contemplandosi allo specchio con infinito narcisismo, ma sforzandosi di evolvere, di perfezionarsi, di divenire consapevoli: cioè sviluppando la propria parte migliore e non la peggiore, come tendono a fare milioni di uomini e donne immaturi, fragili e superficiali.
C’è un prezzo da pagare: la solitudine; perché diventare quel che si deve diventare, cioè autentiche persone, invece di vivacchiare alla giornata, come dei bambini viziati, è faticoso, e i più preferiscono seguire strade meno aspre e accidentate, più agevoli e riposanti; e non solo non ammirano quanti si sforzano di aprire nuovi sentieri, ma sono sempre in agguato, pronti a criticarli, a calunniarli, a ostacolarli, perché li rode la gelosia e li tormenta il dispetto nel vedere che altri osano fare ciò che in teoria tutti potrebbero, mentre, in cuor loro, essi intuiscono che non ne avrebbero il coraggio.
L’individuo è solo un numero nella massa, mentre la persona è preziosa, unica e infinitamente importante: non perché altri l’ammirano (del resto, accade continuamente che ad essere ammirati non siano i migliori, ma semplicemente i più furbi o i più spregiudicati), ma perché ogni essere umano è una storia sacra, misteriosa, commovente, e ogni persona è un essere umano che si è sforzato di ascoltare e di attuare il proprio progetto esistenziale, la propria vocazione, il senso della propria chiamata.
Non siamo qui per caso, ma per svolgere un compito: che è, in primo luogo, la capacità di riconoscere quale esso sia. Ciascuno ha il proprio compito: che non è, né potrebbe essere, quello di sgomitare nella folla, per strappare agli altri quei riconoscimenti che vorrebbe soltanto per se stesso.
Da quando dio e' morto in occidente,pare aver prestato la sua D maiuscola al nuovo oggetto di culto la ''Donna''

Offline Salar de Uyuni

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 2820
  • Sesso: Maschio
  • RUMMELSNUFF
Re:Immaturità:il vizio di chi vuole a tutti i costi essere ammirato e applaudito
« Risposta #1 il: Settembre 26, 2014, 11:10:54 am »
Se posso dire una cosa ai moderatori è di non spostarlo in off topic,perchè in realtà spiega la vanità
femminile e purtroppo anche quella maschile,e fidatevi che c'è n'è parecchia (anche nel forum,purtroppo)...
Da quando dio e' morto in occidente,pare aver prestato la sua D maiuscola al nuovo oggetto di culto la ''Donna''

Offline Warlordmaniac

  • WikiQM
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4246
  • Sesso: Maschio
Re:Immaturità:il vizio di chi vuole a tutti i costi essere ammirato e applaudito
« Risposta #2 il: Settembre 26, 2014, 11:58:25 am »
Molto interessante e concordo con il messaggio di base, però vorrei aggiungere qualcosa e cioè il motivo di questa differenza tra uomo e donna: l'uomo è fisicamente più forte e quindi è portato per natura a difendersi da solo, la donna invece utilizza la forza dell'uomo per difendersi, ma per fare ciò necessita di istinti che la spingano a cercare difensori e potere contrattuale.

Offline LeNottiBianche

  • Affezionato
  • **
  • Post: 247
Ma in realta`non e`neppure poi tanto il bisogno di ammirazione quanto quello di riconoscimento.Le persone di questo secolo non vogliono sentirsi escluse,voci fuori dal coro,e cosi`cercano in tutti i modi di stare sotto i riflettori,al centro dell'attenzione.
E cosi`vedi nascere badoo,facebook e altre puttanate virtuali dove la gente puo`sopperire a questo maniacale bisogno di fare le AW(attenction whore).Si sparano selfy dalla mattina alla sera e pubblicano stronzate del tipo oggi ho cacato rosa come sono fashion,giusto x attirsre su di se un po`di attenzione.
Una volta ricordo il web era molto piu`anonimo e proliferavano i Troll,questi erano le AW di allora,che miravano con comportamenti anormali e provocatori di assoggettare i forum al propio volere.Per fortuna ora nn se ne vedono quasi piu`in giro,anche perche`i forum sono semideserti.Pero`di peggio dobbiamo sorbirci lo smaronamento di coglioni quando la bratz di turno deve far sapere al mondo che flirta con un gran figo o s'e`comprata le mutandine fighette da Yamamay.

Offline Lucia

  • Femminista
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4565
Re:Immaturità:il vizio di chi vuole a tutti i costi essere ammirato e applaudito
« Risposta #4 il: Settembre 27, 2014, 13:37:01 pm »
Io la trovo un'analisi alquanto superficiale, e poi provare patologizzare il desiderio di piacere è davvero assurdo.


Il desiderio di piacere, o di essere accettati di altri sta alla base di ogni socialità. Oggi c'è più solitudine, molti rapporti umani sono solo sull'internet, quindi il modo di approvarsi è diverso. Ciò che nella vita reale è uno sguardo o un sorriso nel internet è un like


Peraltro gli uomini sono altrettanto vanitosi di essere ammirati, presi in considerazioni e lusingati quanto le donne, se non di più.
« Ultima modifica: Settembre 27, 2014, 13:52:17 pm da Lucia »

Offline Lucia

  • Femminista
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4565
Re:Immaturità:il vizio di chi vuole a tutti i costi essere ammirato e applaudito
« Risposta #5 il: Settembre 27, 2014, 15:00:49 pm »
Non il numero ma la qualità delle persone che ti confermano è importante. A volte una sola persona basta, è come un punto archimedico che ti rende capace di scardinare il mondo. Ma di quelle poche persone ne abbiamo bisogno. Poi permettiamo anche agli altri di ammirarci, questa è un'altra cosa.

Per la donna, il meccanismo è esattamente lo stesso: ha un bisogno insopprimibile di piacere agli altri; e non perché – o non necessariamente perché – la civetteria sia il suo abito naturale, ma perché in lei più fragile è la sicurezza in se stessa, la coscienza di essere, di avere una forma determinata: più vicina alla natura e alla vita, perché materialmente trasmettitrice della vita, il suo sé appare più fluido, più mutevole, più elusivo. (..), ma indeterminatezza ontologica; perciò ella sente, più del maschio, il bisogno di appoggiarsi all’altro, magari anche al figlio, per dare una struttura più solida e stabile al continuo fluire (e sfuggire) del suo essere.

Non è bisogno di appoggiarsi all'altro ma di contenere l'altro, che è un'altra cosa, legata dalla capacità della donna di essere madre e di amare qualcuno che cresce in lui indifferentemente di come sarà. (nella situazione ideale).
Per questo è più facile per una donna scegliere come essere in funzione della situazione e della persona con chi sta assieme, e farsi vedere come l'altro vorebe vederla, essere ciò che altro ha bisogno in quel momento.

Citazione
in quanto il bisogno di ricevere riconoscimenti è in lei così vivo, che riceverne di siffatti è pur sempre meglio che non riceverne alcuno.

la vanità della donna passa attraverso il suo aspetto fisico, quello dell'uomo attraverso le sua altre qualità. You are the best!

Citazione
Per questo  una donna trattata dall’uomo con indifferenza reagisce con la sindrome di Mirandolina (la protagonista della commedia di Goldoni «La locandiera»)

La misoginia del personaggio di Goldoni  è tutt'altro che indifferenza però. Mirandolina è un personaggio ammirevole, che sa lusingare la vanità di un uomo come si deve, non come fanno oggi le donne.  :P
Non è lei che ha bisogno di conferme e lusinghe ma proprio il misogino e lei usando questa strategia lo rende ridicolo.
Però l'esempio è quella della vanità maschile, che crede ogni bugia se una donna la dice bene, con modestia, umiltà, gentilezza.  :D

Citazione
Però il maschio adulto e normale - se ci è lecito adoperare ancora questa vecchia parola che la cultura del politicamente corretto vorrebbe cancellare dal vocabolario, accusandola di essere un veicolo dell’intolleranza e magari del razzismo - non ne ha, o non dovrebbe averne, un bisogno tale da non poterne mai fare a meno. Un uomo adulto e normale dovrebbe essere abbastanza uomo e abbastanza adulto da tirare diritto per la sua strada, qualunque cosa dicano di lui

non è proprio cosi, non hai bisogno di conferme da tutti, ma cerchi quelli simili a te che invece ti confermano che quanto sei fantastico o come vuoi tu essere.





Offline LeNottiBianche

  • Affezionato
  • **
  • Post: 247
Io la trovo un'analisi alquanto superficiale, e poi provare patologizzare il desiderio di piacere � davvero assurdo.


Il desiderio di piacere, o di essere accettati di altri sta alla base di ogni socialit�. Oggi c'� pi� solitudine, molti rapporti umani sono solo sull'internet, quindi il modo di approvarsi � diverso. Ci� che nella vita reale � uno sguardo o un sorriso nel internet � un like


Peraltro gli uomini sono altrettanto vanitosi di essere ammirati, presi in considerazioni e lusingati quanto le donne, se non di pi�.

Fortuna che qui abbiamo la dottoressa Lucia Freud,che ci illumina sulle aree oscure e selvagge della natura umana..

Offline Lucia

  • Femminista
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4565
Fortuna che qui abbiamo la dottoressa Lucia Freud,che ci illumina sulle aree oscure e selvagge della natura umana..

Preferisco Jung a Freud.
Comunque io sono qui per confronto, per discutere, non per illuminare,
né per ammirare e applaudire che tanto gli uomini non hanno bisogno.  :P

Offline Rita

  • Veterano
  • ***
  • Post: 2819
  • Sesso: Femmina
Re:Immaturità:il vizio di chi vuole a tutti i costi essere ammirato e applaudito
« Risposta #8 il: Settembre 30, 2014, 21:18:14 pm »
 
Citazione
ma semplicemente per il possesso di quella tranquilla sicurezza in se stesso che, pur senza sconfinare mai nella presunzione o nel disprezzo dell’altro, basta comunque a se stessa per affrontare la vita a testa alta

questo Lucia però IMHO è molto simile se non uguale al concetto dell'uomo che deve avere fiducia in sé stesso anche campata in aria, per il solo fatto di essere uomo.
L'esperienza è un pettine che la vita ti dà dopo che hai perso i capelli

Offline Lucia

  • Femminista
  • Veterano
  • ***
  • Post: 4565
Re:Immaturità:il vizio di chi vuole a tutti i costi essere ammirato e applaudito
« Risposta #9 il: Settembre 30, 2014, 22:19:51 pm »
è vero, ma è un'ideale umano.

Mi è successo anche a me avere tutto il mondo contro e mantenere la siccurezza di se, ma non penso che l'autarchia, l'essere sufficienti a se stessi sia per forza una cosa cosi da cercare.

Nel topic cosa c'è di male nel narcisismo femminile poi ho spiegato che il desiderio di essere ammirato è in fondo il desiderio di vedere felice qualcuno grazie a te, mi sembra un desiderio tutt'altro che egoistico o immaturo

Offline maveryx

  • Affezionato
  • **
  • Post: 297
  • Sesso: Maschio
Re:Immaturità:il vizio di chi vuole a tutti i costi essere ammirato e applaudito
« Risposta #10 il: Settembre 30, 2014, 22:45:00 pm »
Bell'articolo, grazie Salar, Lamendola non delude mai, sempre chiaro e profondo, e concreto soprattutto, senza perdersi nei massimi sistemi o in sterili teorie condite con parole difficili e che non servono a un cazzo, da vero maschio direi, altro che superficiale, mah.
Hai ragione parla proprio della vanità, da cui comunque nessuno è immune.
"Fuggi a vele spiegate, uomo felice, da ogni genere di cultura." Epicuro

Offline LeNottiBianche

  • Affezionato
  • **
  • Post: 247
Preferisco Jung a Freud.
Comunque io sono qui per confronto, per discutere, non per illuminare,
n� per ammirare e applaudire che tanto gli uomini non hanno bisogno.  :P
stavolta ci voleva il non!