Autore Topic: Da prendere con le pinze: Sorelle di bottiglia la prosa rosa imbevuta di alcool-  (Letto 968 volte)

Offline Suicide Is Painless

  • Moderatore
  • Veterano
  • *****
  • Post: 2062
  • Sesso: Maschio
  • Le donne non voglion mai passare per puttane,prima
Da prendere con le pinze, articolo di Carlo Antonio Biscotto, da Il Fatto Quotidiano di domenica, 15/6/2014, pag. 14:

il Grande spirito artistico
Sorelle di bottiglia la prosa rosa imbevuta di alcool
Dalle bottiglie di Bordeaux della Duras all'acqua di Colonia a cui si era ridotta Elizabeth Bishop

Dopo il successo di "Trip to Echo Spring: on writers and drinking, why writers drink", Olivia Laing, pur senza scriverci un libro (per ora) ha deciso di dedicarsi alle scrittrici: La domanda che tutti le facevano era: e le scrittrici? Anche tra loro ci sono delle alcoliste? S, certamente. Un elenco? Ecco solamente le piu' famose: Jean Rhys, Jean Stafford, Marguerite Duras, Patricia Highsmith, Elizabeth Bishop, Jane Bowles, Anne Sexton, Carson McCullers, Dorothy Parker e Shirley Jackson. Mica male! C' una buona parte del gotha della letteratura al femminile. Certo, l'alcolismo prevale tra gli uomini, ma almeno nel mondo dell'arte, le donne se la cavano a meraviglia tanto che le scrittrici che hanno ceduto all'attrazione fatale della bottiglia spesso non sono riuscite a evitare il genere di guai dei oro colleghi maschi. le risse, gli arresti, la pubblicita' negativa, il deterioramento delle loro vite private, la perdita degli amici. Jean Rhys ha conosciuto l'umiliazione della prigione. Elizabeth Bishop si era ridotta a bere acqua di Colonia. Ma la domanda piu' interessante : le donne bevono per ragioni diverse? E come reagiva la societa' del XX secolo, il secolo d'oro perr il connubio letteratura- bottiglia?

A RISPONDERE E' una delle piu' grandi e amate scrittrici del secolo scorso, Marguerite Duras, nel suo La vita materiale dove spiega con spietata franchezza cosa significa essere scrittrice e donna. "Quando una donna beve - scrive la Duras- come se bevessero un animale o un bambino. In una donna l'alcolismo scandaloso, socialmente inaccettabile. E' una offesa a Dio. Ogni volta che bevevo mi rendevo dolorosamente conto dello scandalo che creavo intorno a me."
Marguerite Duras diceva sempre di essere stata alcolizzata sin dalla prima volta che aveva assaggiato l'alcool. Era riuscita a volte a smettere per anni, ma nei suoi momenti peggiori iniziava a bere appena alzata, faceva una pausa, vomitava i primi due bicchieri e prima di perdere i sensi era capace di scolarsi 8 bottiglie di Bordeaux. In una intervista rilasciata nel 1991 al New York Times disse con enorme coraggio: "Bevevo perch ero una alcolizzata. Ero una vera alcolizzata cos come sono una vera scrittrice. Bevevo vino rosso per addormentarmi e cognac quando mi svegliavo. Ogni ora un bicchiere di vino e la mattina, dopo il caff, mi attaccavo alla bottiglia di cognac. Poi cominciavo a scrivere. Mi stupisce che sia riuscita a scrivere...e nemmeno tanto male." Marguerite Duras stata una scrittrice non solo grandissima, ma anche estremamente prolifica. Quasi certamente avrebbe bevuto in ogni caso dopo una giovinezza segnata dalla paura, dala violenza e dalla vergogna. Nata da genitori francesi, entrambi insegnanti nella Saigon sotto il dominio coloniale francese, perse il padre a sette anni e trascorse alcuni anni nella piu' assoluta poverta'. A scuola ebbe una tempestosa relazione sessuale -forse incoraggiata dalla madre per ragioni economiche - con un cinese molto piu' grande di lei e di famiglia ricchissima. Tornata in Francia si sposo', ebbe un figlio da un altro uomo e visse sempre al limite conducendo quella che veniva definita una "esistenza scandalosa". A 68 anni fu ricoverata in ospedale e le venne diagnosticata una grave forma di cirrosi epatica. Fu costretta a smettere tra inaudite sofferenze. Spesso la vena degli artisti si esaurisce quando si liberano da una dipendenza. Non fu cos per la Duras che due anni dopo scrisse quello che da molti considerato il suo capolavoro. "L'amante". La vita delle scrittrici alcoliste sempre segnata da infanzie e adolescenze difficili. Ne un eccellente esempio Elizabeth Bishop. Molti suoi familiari, compreso suo padre, erano alcolizzati. Quando aveva 5 anni e suo padre era gia' morto, la madre venne ricoverata in un istituto psichiatrico. Non la vide mai piu'. In una sua poesia tratteggia mirabilmente il ritratto ironico di una ubriacona attingendo a episodi della sua vita: "Avevo cominciato a bere e a bere; non ne avevo mai abbastanza".
LA CHIAVE DI VOLTA dell'alcolismo di Patricia Highsmith invece a vergogna. Nata nel 1921, nove giorni dopo che sua madre aveva deciso di divorziare da suo padre, non fu propriamente una bambina desiderata e amata. al quarto mese di gravidanza la madre aveva tentato di abortire bevendo della trementina. I sentimenti di Patricia nei confronti della madre furono sempre tormentati e complessi. In compenso era coraggiosa, ma al tempo stesso ansiosa e facile alle lacrime, a volte lugubre. A otto anni fantasticava di assssinare il patrigno. Qualche anno dopo la madre la abbandono' senza una parola di spiegazione. aveva comnciato a bere all'universita', sostenendo nel suo diario che una artista aveva bisogno di bere "per vedere la verita', la semplicita' e l'essenzialita' delle emozioni."
Ma la scrittrice che piu' di ogni altra esprime le pressioni sociali e le ipocrisie cui erano sottoposte le donne senza dubbio Jean Rhys che scrisse delle donne cose talmente amare e crude da risultare "sgradevoli" ancora oggi. La Rhys era nata a Dominica nel 1890 da padre gallese e madre creola. Come Scott Fitzgerald era stata messa al mondo per sostituire la sorellina appena morta. E come Fitzgerald visse sempre senza sentirsi ne' voluta ne' amata. A 16 anni anni arrivo' a Londra, povera e ignorante, e fu accolta dal freddo pungente e dalla crudelta' della gente. Ebbe una vita sciagurata di divorzi, aborti, lutti. L'alcol divenne presto il suo modo per affrontare le durezze della vita. Jean Rhys in un certo senso non si arrese mai al conformismo, alla cattiveria, all'insolenza. Continuo' a bere fino alla morte e continuando a battersi per la liberta' e l'autonomia divenne una femminista senza esserlo.
Neil McCauley/Robert DE Niro [ultime parole]:- "Visto che non ci torno in prigione?"
Vincent Hanna/Al Pacino :-"Gi."
Noodles:"I vincenti si riconoscono alla partenza. Riconosci i vincenti e i brocchi.Chi avrebbe puntato su di me?"
Fat Moe:"Io avrei puntato tutto su di te."
Noodles:E avresti perso.