Società permissiva nemica dell’uomo

Attenzione: qui non si parla di società permissiva dal punto di vista morale, ma di società centrata sul capriccio individuale e sull’assenza di regole e tutele nei rapporti uomo-donna.

La condizione maschile si può migliorare solo mettendo in discussione alcuni assunti della società “liquida” dei consumi di cose e persone.

La guerra all’uomo iniziata col femminismo che pretende di aver coscienza politica, è in realtà funzionale alla disarticolazione delle strutture sociali e istituzionali fondamentali, che costituiscono un freno alla riduzione dell’essere umano a mero consumatore.

L’estremo permissivismo (a partire dai noti privilegi antimaschili che derivano da mantenimento e false accuse) è nemico di un ordine sociale stabile che parte dall’uomo, dal capofamiglia per arrivare alle complesse istituzioni che, piaccia o no, da sempre hanno fondamenta maschili.

L’inattesa conferma viene da una fonte non sospettabile di moralismo:

Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale – Diego Fusaro

L’uomo è il creatore della civiltà, il codificatore delle leggi e dei riti. In tal senso ogni consesso umano dotato di struttura e significato è “patriarcale” (ubi societas ibi ius: dov’è c’è una società c’è una legge).

In una società destrutturata, liquida, dove l’unico elemento fondante è un consumismo femmineo basato sul capriccio (la soddisfazione immediata di desideri di cose e persone), l’uomo è un pesce fuor d’acqua, un alieno. Esiste solo in quanto consumatore e schiavo. Poiché non ha alcun ruolo significativo, ossia realmente maschile, non ha la minima possibilità di vedere ascoltate, tantomeno soddisfatte, le sue rivendicazioni.

L’errore fondamentale di molti movimenti di opinione maschili è di credere di poter combattere il femminismo continuandone ad accettare l’assunto di base: la disarticolazione dei rapporti familiari e comunitari (quindi necessariamente istituzionali) in favore di legami effimeri basati sulla mera convenienza individuale. Un progetto comune (famiglia, comunità) con fondamentali implicazioni sociali superiori all’individuo e alla coppia, viene sostituito da relazioni autistiche e sterili.

Non cadiamo nell’errore di cercare di migliorare la condizione maschile immettendo nella società ancor più individualismo (ossia caos), più edonismo per chi può permetterselo e relazioni ancora più strumentali ed effimere. Illudendoci così di combattere il sistema quando invece lo rafforziamo: l’individualismo -assurto addirittura ad assoluto – non solo è una misera strategia di sopravvivenza, ma è lo specchio dell’ideologia femminista e consumista a un tempo.

Molto si dibatte su tali questioni ma c’è un modo semplice per prendere atto della situazione ed elaborare una strategia comune: osservare l’impalcatura ideologica e soprattutto gli effetti nefasti del femminismo, che vanno contrastati nel loro insieme, non solo quelli che ci riguardano individualmente.


This entry was posted in Femminismo, Filosofia della QM, Misandria, Pillola rossa, Resistenza