Basta menzogne sul “femminicidio”: atteniamoci ai dati ufficiali

Riportiamo questo interessante articolo dal blog emilianorizzo

Dato che i giornalisti di professione non fanno il loro mestiere, cercherò di farlo io al posto loro. Inoltre, vorrei dimostrare – dati ufficiali alla mano – che il fenomeno del femminicidio non esiste, è pura retorica politica e femminista.

Non è più tollerabile assistere al massacro politico, mediatico e giornalistico del genere maschile e della figura dell’uomo in generale. In quanto uomo mi sento offeso e indignato dalle continue sparate femministe dell’attuale presidente della Camera. Sono un uomo felicemente sposato, a mia moglie devo molto, moltissimo, ma questo non mi impedisce di ricercare sempre la verità dei fatti, non favole retoriche e pretestuose per saziare la frustrazione di alcune donne contro il genere maschile in quanto tale. Credo che sia una forma di discriminazione violenta e inaccettabile. Mi auguro che gli uomini e le donne che ragionano con la propria testa si ribellino a questa propaganda falsa, pericolosa e distruttiva della dignità di milioni di persone. Probabilmente ci sono associazioni che chiedono denaro e la Task Force che si sta approntando sul femminicidio va proprio in quella direzione. Ed è sempre un buono argomento per distogliere l’attenzione sui più gravi problemi economici e sociali che l’Italia sta vivendo. E constato con tristezza e indignazione che i bambini, gli anziani e gli uomini in generale sono scomparsi totalmente dalle cronache di violenza sui media, sia televisivi che cartacei. I bambini, soprattutto, andrebbero tutelati e protetti.

Nel Rapporto sulla criminalità in Italia del Ministero dell’Interno si trovano le tabelle degli omicidi commessi in Italia fino al 2006. E’ possibile scaricare tutto in formato pdf.

Ebbene, si evince dal capitolo IV, riguardante Gli omicidi volontari e nel capitolo V, Le violenze contro le donne, che gli omicidi in Italia sono passati da 1441 del 1992 a 621 nel 2006. Gli omicidi di stampo criminale sono calati fino a 121 nel 2006 a fronte di 340 nel 1992; contemporaneamente gli omicidi familiari sono arrivati a 192 nel 2006 contro i 97 del 1992 (pag. 118). Gli omicidi familiari sono aumentati, questo è vero e provato.

Vediamo le percentuali per genere e rapporti familiari. Nel periodo 2001-2006 gli omicidi familiari sono suddivisi in questo modo: femmine 62,9 %; maschi 26,0 % ; padri uccisi 25,1 %, madri 7,4 %; figli maschi 18,2 %, femmine 14,5 %; nonni, zii, fratello/sorella, cugini, nipoti maschi 17,2 %, femmine 5,6 % (pag. 119).

Esiste un rapporto di 2-3 a 1 di omicidi di donne rispetto agli uomini in famiglia, ma un padre ha la probabilità di essere ammazzato tre volte tanto rispetto a una madre e lo stesso vale per nonni, fratelli, zii e nipoti.

Passiamo adesso ad analizzare le vittime di violenza nel periodo 2004-2006. I maschi sono il 73,4 %, le donne il 26,6 %. Nel periodo 1992-1994 i numeri sono: maschi 84,7 %, femmine 15,3 %. La violenza contro il genere femminile è aumentata dell’11,3 % in 14 anni (pag. 123). C’è un dato interessante che viene sempre ignorato quando si parla di violenza contro le donne. Sotto la voce Autori di omicidi, si scopre che la percentuale degli omicidi commessi da donne è passata dal 5,1 % del 1992-94 all’8,3 % del 2004-06 (pag. 126). Sono quasi raddoppiati in 14 anni.

A pagina 132-33 si parla di quasi 7 milioni di donne, tra i 16 -70 anni di età, che si presume abbiano subito un qualche tipo di violenza fisica o sessuale nell’arco della vita. Purtroppo, in questo caso,non viene citata alcuna fonte. Questo dato non può essere preso in considerazione perché manca totalmente qualsiasi tipo di registrazione documentale che attesti simili cifre.

Andiamo avanti. Si scopre – cosa incredibile anche per me – che l’uomo violento ha subito nel corso dell’infanzia violenza fisica o sessuale in percentuali maggiori da parte della madre: madre violenta verso il figlio maschio 42,4 % sì, 6,5 % no; padre violento verso il figlio maschio 34,8 % sì, 6,2 % no (pag. 139).

Prendendo un’altra fonte su internet si scopre che le donne sono responsabili del 15,1 % del totale degli omicidi nel 2010, quindi il triplo rispetto al 1992-94. Nello stesso articolo, datiEurispes, scopriamo che gli infanticidi sono aumentati di quasi cinque volte in due anni. Infatti dai 4 del 2008 passiamo ai 18 del 2010.

Confronto con gli altri Stati europei

Riprendendo in mano il Rapporto sulla criminalità del Ministero dell’Interno abbiamo questo quadro: la percentuale di omicidi di donne ogni 100.000 mila abitanti in Italia è di 0,5 %; in Svezia è di 0,6 %; in Finlandia è di 1,8 % e infine nel Regno Unito è di 0,4 %, quest’ultimo è il dato più basso in Europa. Questi dati sono del 2001 (pag. 160). Quindi, si evince che le donne italiane sono più sicure rispetto alle tanto invidiate donne svedesi, per non parlare delle finlandesi.

Secondo gli ultimi dati ufficiali dell’ONU sulla violenza contro le donne, aggiornati al 2012, indicano che l’Italia è il Paese più sicuro d’Europa per le donne, dopo la Grecia. Vediamo i dati. Sempre con le percentuali di omicidi di donne ogni 100.000 mila abitanti: Italia 0,5 %; Svezia 0,6 %; Regno Unito 0,8 %; Germania 0,8 % e infine Francia, per prendere solo i Paesi più rappresentativi, 0,9 %. Questi dati indicano in maniera inequivocabile che l’Italia è all’avanguardia in Europa ed è attrezzata benissimo contro la violenza sulle donne e che le leggi, che spesso non vengono applicate, sono più che sufficienti per limitare il fenomeno. Eliminarlo è impossibile, come qualsiasi tipo di violenza. Per visualizzare i dati da me riproposti potete selezionare il riquadro Homicides by sex sul sito dell’ONU:

Il sito Bollettino di Guerra indica la cifra di 124 donne uccise nel 2012, ma in realtà la cifra non corrisponde al vero perché nel conto delle 124 vittime vengono calcolati gli omicidicollaterali,cioè: se un uomo stermina la sua intera famiglia in cui vi sono presenti oltre alla moglie anche, per esempio, due figli maschi e il suocero, anche quest’ultimi vengono considerati femminicidi. Un conteggio reale, tolte le vittime maschili, conta l’omicidio di 75 donne, mentre il Corriere della Sera ne conta solo 67:

http://bollettino-di-guerra.noblogs.org/

Anche Wikipedia:

http://it.wikipedia.org/wiki/Femminicidio

Last but not least, gli omicidi per stalking dall’inizio del 2013 sono 50: 35 procurati da uomini e 10 da donne (questo delle donne è un vero record). Tra il 2002 e il 2009 l’omicidio di uomini procurato da donne è aumentato dal 5 % al 9 %, quasi il doppio in appena sette anni. Gli omicidi femminili sono passati dal 16 % al 22 %, un incremento certamente più modesto anche se inquietante.

http://www.stalking.it/?p=3598

Finalmente concludo. Non ho scritto questo articolo contro le donne, ma per evitare che si faccia scempio di un termine completamente abusato e avulso dalla realtà italiana:femminicidio. Il termine è diventato popolare per indicare le uccisioni di ragazze e donne nella città messicana, in mano ai narcos, di Ciudad Juarez, in cui sono state uccise migliaia di donne in pochissimi anni. Sarebbe utile leggersi il libro di Sergio Gonzales RodriguezOssa nel deserto (editore Adelphi, 2002): descrizione agghiacciante e spaventosa della violenza esplosa nello Stato di Chihuahua, di cui Ciudad Juarez ne è la capitale, all’inizio degli anni ’90 (e che dura fino ad oggi). Le vittime più indifese sono sicuramente le donne, uccise e a volte violentate da bande di scellerati in odore di onnipotenza. Ma questa è un’altra storia.

Sento parlare di leggi speciali per la protezione delle donne, come se si volesse porre la donna al di sopra degli uomini di fronte alla legge. Questo, se mai avvenisse, sarebbe un passo gravissimo e immorale. Le leggi per proteggere la donna ci sono già, ma bisogna farle applicare. Io vorrei ricordare a tutti cosa recita la nostra Costituzione, che spesso si ignora quando fa comodo, all’articolo numero tre:

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.


This entry was posted in Dicono gli altri

One Response

  • Complimenti anche a voi per l’impegno! 😉
    Sto pesando già da un pezzo di postare sul mio blog un articolo sul femminicidio, ma non mi viene nulla in mente… probabile che terrò conto anche di questo…

    Saluti
    Jan