apologia di omicidio

vitali

La storia è nota : la madre uccide il figlio di 8 anni e ne occulta il cadavere.

Non contenta di aver distrutto una vita e una famiglia, lancia accuse calunniose al suocero, dopo aver ritrattato altre false  versioni.

Giudicata colpevole é condannata a 30 anni.

Giusto, direbbero molti…

E invece no !

Leggiamo, in questo vergognoso articolo :

http://www.ilsussidiario.net/News/Cronaca/2016/10/18/VERONICA-PANARELLO-CONDANNATA-Il-dramma-di-una-donna-che-chiede-come-si-fa-a-vivere/728719/

una serie di incredibili scusanti e , non a caso, velate ma chiare accuse alle vittime viventi ( il povero bimbo mai più vedrà la luce ) : il padre e il nonno.

Già il titolo solidarizzante : “ il dramma di una madre”

A parte le conniventi giustificazioni del tipo

E’ il volto di lei, quello ancora del giorno dell’arresto, il capo arrovesciato all’indietro, il volto straziato, stravolto e quasi sfigurato da un abisso imperscrutabile di dolore, certamente, ma anche non sapresti dire se di malvagità, di follia, di smarrimento di sé. “

E perché no di terrore per essere stata scoperta , caro il mio psicologo da 4 soldi ?

Ma non contento, il nostro Maurizio Vitali  se la prende con chi è stato calunniato e con chi ha perso il proprio figlio a causa di una assassina :

Il marito, Davide Stival, che intanto si è separato, forse di anni di galera ne avrebbe voluti 50, comunque gli andrebbero bene un paio di milioni per i danni derivanti dal dolore subìto: sì, due milioni, a tanto ammonta la sofferenza. Papà Andrea, suocero di Veronica, punta a un secondo processo contro la nuora per calunnia. Già perché Veronica ha anche sostenuto che lui, il suocero, era suo amante e assassino del piccolo che li avrebbe beccati, poer ninìn, in actu exercito”

Capirai, prendersela per una infamante e calunniosa accusa di omicidio.

Ma su , l’assassina è smarrita di se e tu te la prendi perché ti accusa , in tribunale, di aver trucidato tuo nipote ?

Qui Vitali  giustifica una serie di assassine :

E’ quello di mamma Veronica, probabilmente, il volto e l’urlo delle non poche a disgraziate mamme veroniche,

disperate o impazzite, che hanno ucciso anche in maniera efferata i loro figli piccoli, da Anna Maria Franzoni

(Cogne, 2002), agli altri episodi di Merano e Lecco (accoltellamento e annegamento, 2005), Parabiago

(strangolamento, 2009), Venezia (soffocamento, 2010), Orbetello (annegamento, 2011), Lecco (colpi alla testa,

2013), Calabria (tagli con le forbici).

Tutte donne che non hanno saputo reggere il rapporto più intimo e profondo che ci sia nell’esistenza umana,

quello della madre con il proprio figlio. Ci sarà malvagità, follia, menzogna — e chi può misurarle?

Si possono leggere assurdità colpevoli come queste ?

Più sotto, il giornalista ( sic ) , cita a sproposito Munch e Zygmunt Bauman.

Certo, perché la vera causa a monte dell’ omicidio è, per il  redattore, la società liquida, dato che , sempre parole del Freud de noartri :

Tutte donne che non hanno saputo reggere il rapporto più intimo e profondo che ci sia nell’esistenza umana,

quello della madre con il proprio figlio. Ci sarà malvagità, follia, menzogna — e chi può misurarle?, ma c’è

l’incapacità ad attraversare la fatica quotidiana di un bimbo da crescere, una casa da governare, un marito da

amare, magari una depressione da tenere a bada, e goderne anziché esserne stroncati.

Eh si, lui vuol misurare. E con cosa ? Col calibro, regolo, goniometro ?

Forse la colpa è del marito da amare.

Che vitaccia. Amare addirittura il marito !  Non sia mai.

Una domanda al nostro psicologo da cooperativa :

se l’assassino fosse stato il padre , avrebbe invocato la società liquida o avrebbe cominciato la solita sgangherata litania sul maschio assassino e sulla società patriarcale ?


This entry was posted in Femminismo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *