Il post-umano, traguardo ultimo dell’anti-maschile

85379-Blade-Runner-raining-gif-All-t-PhCc

 

Se si volesse definire la Questione Maschile in una frase, si potrebbe dire che l’uomo (inteso come maschio) è una pietra d’inciampo nella marcia verso il post-umano.

Si è cominciato col femminismo, che ha progressivamente distrutto la paternità e la famiglia, in sinergia con la pseudo-liberazione sessuale della donna, determinata dalla pillola anticoncezionale, che ha escluso l’uomo dalla scelta della paternità.

La pillola era per il terzo mondo, ma costava troppo e sono state le donne occidentali a ingoiarla. Il risultato è stata la dissociazione della sessualità dalla procreazione, cui è seguita, grazie al femminismo, la dissociazione della procreazione dalla paternità. Il padre non è più il genitore naturale ma colui che cresce il bambino: solitamente il secondo marito, a spese del primo.

Le nuove tecniche di procreazione medicalmente assistita hanno comportato un ulteriore trasferimento di responsabilità della procreazione, passata dalla coppia al legislatore, e dal legislatore alla sola donna.

Un’ulteriore tappa nella marcia verso il post-umano, che si vuole inesorabile, è il cosiddetto “matrimonio per tutti”, il cui vero obiettivo è celato.

Nel matrimonio per tutti la questione dell’omosessualità è del tutto secondaria, ci sono sempre stati omosessuali, ma questo pseudo-matrimonio è un ulteriore passo per infrangere la filiazione. E’ questo l’obiettivo, arrivare al postumano, all’“uomo digitale”.

Già una deputata francese favorevole al matrimonio omosessuale ha detto che “dissociare quest’ultimo dall’adozione sarebbe un grave errore”. Ha certamente ragione.

Tutti questi cambiamenti non sono possibili se non obliterando la nozione di uomo (maschio), facendo letteralmente sparire il maschile dalla società. Una sociologa femminista, Irène Théry, ha affermato che “le modalità di filiazione non possono restare ferme, quando la società non si basa più sulla distinzione tra maschio e femmina”. Si passa dalla filiazione biologica alla filiazione sociale.

Aggiunge che “la filiazione ieri non era biologica, ma fondata sull’istituto del matrimonio” considerato come causa di tutti i mali: “l’asimmetria dei sessi [vale a dire il maschile] non ha mai prodotto la minima socialità naturale. Al contrario può essere fonte di violenze e va sempre inquadrata con regole”.

Come si vede c’è perfetta sintonia tra teoria gender, nata in gruppi femministi, e femminismo classico che considera il maschile la causa di tutti i mali : la differenza sessuale è definita come fonte di violenza obbligatoria, da alterare e reprimere.

Alla base del transumanesimo c’è una concezione dell’uomo come macchina, come meccanismo costituito da un ammasso di cellule, che risale al Settecento ed è stata volgarizzata da Darwin. Essa afferma che l’embrione non è una persona. Questo assunto è l’inizio della fine: se si crede l’uomo una macchina o una pianta, ci si arroga il diritto di decidere della sua vita e morte, secondo criteri somatici e genetici di miglioramento della specie. Nulla va impedito, la ricerca deve continuare.

Una volta accettata la falsa premessa dell’uomo come macchina o pianta, dell’embrione come ammasso di cellule, è inevitabile il susseguirsi di tappe una più permissiva dell’altra, logicamente argomentate a partire dalle premesse suddette. Passo dopo passo, anno dopo anno, piccola trasgressione indolore dopo piccola trasgressione indolore, l’umanità sempre più tecnofila si avvicina sempre più alla postumanità. Dall’uomo-macchina alla macchina-uomo il passo è breve. E in un mondo del genere il maschile non si saprebbe nemmeno che cosa sia.

Come ha detto Attali già nel 1981: “Credo che l’importante nella vita non sarà più lavorare, ma consumare, essere un consumatore tra altre macchine di consumo. Attualmente l’uomo vive più a lungo del suo periodo produttivo e costa troppo caro alla società. Dal punto di vista sociale è ben preferibile che la macchina umana si fermi bruscamente (in originale: “brutalmente”) piuttosto che deteriorarsi progressivamente. L’eutanasia sarà uno degli strumenti essenziali delle società future. Macchine per uccidere permetteranno di eliminare la vita quando questa divenga economicamente dispendiosa. L’eutanasia sarà la regola della società futura”.

Molti uomini oggi cominciano lentamente a rendersi conto della condizione maschile, ma credono ancora che la distruzione della famiglia sia una liberazione, che la fuga da responsabilità e progetti risolverà magicamente tutti i problemi, e che nuove forme di pseudo-famiglia disegnate a tavolino siano il riconoscimento di innocui “diritti di minoranze”.

Tuttavia, per un’azione intelligente ed efficace, occorre avere il quadro d’insieme.

statistiche sito


This entry was posted in Femminismo, Misandria, Pillola rossa, Resistenza