Monthly Archives: gennaio 2014

le donne migliorano il mondo

Laura Boldrini in una foto tratta dal suo sito internet. ANSA/ www.lauraboldrini.it ++HO NO SALES EDITORIAL USE ONLY++Livia_Turcodi girolamoemma-marcegagliafinocchiaroboschilara-comiSelezione_003Selezione_004Selezione_009serracchianiSelezione_005Selezione_006Selezione_007Selezione_008Selezione_010Selezione_011

In ogni dove, si legge che ci vogliono più donne in politica, che i governi devono utilizzare il superiore talento femminile,

addirittura che le donne cambieranno in meglio il mondo.

Qualcuno sa dirmi cosa hanno cambiato o cosa cambieranno queste parlamentari italiane ?

Il corpo delle donne e quello degli uomini,care fikasicule c’è un pò di Franca Viola in tutti noi

Uno dei cavalli di battaglia del femminismo, soprattutto quello meridionale, sono le ”fuitine’, gli stupri legalizzati da un matrimonio riparatore, per chi non ne conoscesse il significato, prova indiscussa di come in quella società le donne non potessero godere del più elementare diritto: ovvero del possesso del proprio corpo.
E noi, gran sorpresa, che siam maschilisti, cattivi e NEGAZIONISTI, come ci chiamate voi, udite udite, non abbiamo nessuna intenzione di contraddire questa verità lapalissiana, che corrisponde a una pratica storicamente accertata. (altro…)

Sicurismo infinito: più galera per i maschi

da Altrosenso

E così, come previsto, la legge del c.d. “omicidio stradale” sta andando in porto. Essa trasforma l’omicidio colposo (= non voluto) in omicidio para-volontario con carcere fino a 10 anni.

Dopoprigion varie stagioni di campagne criminalizzatrici degli investitori, tutti qualificati dai media come “ubriachi” (mandati in rovina con relativi suicidi – l’ultimo a Macerata due mesi fa) altre manette ed altri nodi scorsoi si preparano per i maschi.  Solo per i maschi? Sì. (altro…)

No,la guerra non è stata inventata dagli uomini (maschi),ma dagli Dei

                                                                                                                                                           Immagine della Dea Kali,dea della guerra e distruzione in tutta la sua crudele bellezza

 

Avete mai sentito, il ritornello femminista,  che la guerra è una cosa maschilista, inventata dai maschi cattivi e aggressivi,  abolita dal nuovo fantastico mondo delle donne buone ed empatiche ?
Sia detto per inciso,questo post,non si propone di ”esaltare la guerra”, ma soltanto di permettere al lettore di togliersi gli occhiali della società presente e moderna, per poter meglio osservare un fenomeno passato.
Questi moderni aedi della pace, non capiscono una cosa,semplice,semplice:
oggi la sopravvivenza media è di 80 anni,ai tempi dei primi Romani era sulla trentina… (altro…)

Caro onorevole, perchè la sua commissione ha smantellato l’affido condiviso?

petizione da firmare, tutti e subito! http://www.change.org/it/petizioni/perch%C3%A9-la-sua-commissione-ha-smantellato-l-affidamento-condiviso?share_id=zIeZaXpRfX

 

Ch.mo Prof. Cesare Massimo Bianca,

sELeJBoTCnjtVCwz-556x313-noPadiamo a scriverLe nella Sua qualità di Presidente della Commissione che si è recentemente occupata, per conto del Governo, di preparare il c.d. Decreto filiazione (D.Lgs. 28 dicembre 2013 n. 154) in attuazione della Legge 10 dicembre 2012 n. 219.

Tale legge delegava al Governo di affrontare una serie, chiaramente elencata, di aspetti (dal riconoscimento del figlio naturale ai contatti tra nonni e nipoti) e aggiungeva l’incarico di uniformare e riordinare le norme di diritto di famiglia con al centro i figli, sia naturali che legittimi, prima sparse per tutto il codice civile, inserendole in un contesto unitario. Si trattava cioè di riunire insieme tutte le norme già presenti. Ma non ci sembra che sia accaduto questo. Anzi. (altro…)

La storia di Gugu

NB di fantasia qui c’è solo il nome del bambino, Gugu. Anche la sintassi, l’italiano e le ingenuità lessicali sono quelle originarie.

SAM_0551bisGugu è affidato alla madre, vive con lei ed il nuovo marito.
Il padre lo dovrebbe vedere a scadenze regolari, come stabilito dal tribunale.
Il bambino subisce continue violenze e vessazioni psicologiche, sia dalla madre che dai nonni materni ed anche da altri parenti dell’entourage famigliare materno.
Inizialmente non ne parla all’esterno, tanto meno col padre, custodisce il segreto poiché tende ovviamente a proteggere la madre ed i nonni,
Si limita a sperare che prima o poi le violenze abbiano termine, ma intanto tace con tutti.
Le violenze fisiche e psicologiche si intensificano, sia come gravità che come frequenza. (altro…)

Maurizio Rigamonti

da A Voice for Men http://it.avoiceformen.com/diritti-umani/maurizio-rigamonti/

Verrebbe da dire: attenti che ho il porto d’armi!

Maurizio Rigamonti, un papà in fuga per salvare il figlio?

By 4 Comments

201401100945-800-yourimage

Oggi la stampa riporta la notizia di un papà che da qualche giorno è scomparso con suo figlio.

La stessa stampa che se ne frega dei tanti bambini che da anni sono rapiti da madri.

La stessa stampa che se ne era fregata quando la madre anni fa era scomparsa con il figlio.  Per avere informazioni dobbiamo andare in Francia e tradurre dall’Herald de Paris. La madre scompare con il figlio dopo essersi rivolta ad un centro femminista:

(altro…)

Il padrone si suicida: la dinamica del femminicidio

Mariti,  amanti,  fidanzati e fratelli ammazzano le congiunte perché 

1) odiano le donne  

2) hanno perso il potere su di esse

3) agiscono in quanto sicari, in nome e per conto di tutti i maschi italiani

 

Questa è la rivoltante “verità” femminista raccolta, sintetizzata e trasmessa dal termine “femminicidio”

 

Collegno 31 dicembre 2013 – Ammazza moglie, figlia e suocera e poi si suicida

Anche queste tre andranno a sommarsi alle altre 120-130 femmine assassinate da maschi nel 2013, corroborando la “verità” del c.d. “femminicidio”. Come nel caso immediatamente precedente (di 5 giorni fa) dove una donna è stata uccisa dal marito, il quale si è subito suicidato come ha fatto appunto anche quest’ultimo. I responsabili si suicidano in circa il 50% dei casi (degli altri, ovviamente, nessuno sfugge alla massima pena). (altro…)